Menu
A+ A A-

Un lungo viaggio verso la felicità

  • Scritto da Loredana Ferri

Indice articoli

Il treno delle castagne loc. S. Ruffillo 350-260La lenta locomotiva dopo aver attraversato, ponti traballanti e binari sgangherati era arrivata in Liguria.
Si viaggiava a un binario solo quando, nei pressi di una galleria il treno si dovette fermare nuovamente, per far passare un convoglio degli Americani che esaminava le condizioni della ferrovia. Ripartiti, un'ora dopo, arrivarono alla stazione di Genova. L'uomo seduto accanto al prete scese, e nella fretta lasciò al suo posto quel giornale svolazzante. Vanni guardandosi intorno, si accorse che il loro vagone si stava svuotando dei suoi passeggeri. Anche il contadino era sceso prima di Genova portando via con sé la gabbia dei pulcini, che nel frattempo erano un po' cresciuti. Il fischio del capostazione era diventato la colonna sonora del lungo viaggio verso la felicità. Anche a Genova fischiò e Vanni, avrebbe finalmente raggiunto la sua meta.
L'ultimo tratto gli sembrò il più lungo. I tre, diventati oramai amici sapevano tutto uno dell'altro finendo tutte le conversazioni. Mangiarono insieme in silenzio e Vanni diede l'ultimo morso al duro panino. La frittata l'aveva mangiata durante la notte. Nel pomeriggio da lontano videro un paese sopra una collina. La guerra l'aveva ridotto in una montagna di macerie e polvere. La donna siciliana vedendolo gli ricordò il suo paese come lo aveva lasciato. I suoi occhi piansero delle lacrime che caddero sulla testa del figlio. Il prete porgendole un fazzoletto gli disse: «Su questo giornale c'e' scritto, che tutti presto andremo a votare e anche tu lo potrai fare! Sono sicuro che vincerà la repubblica e quello che stai vedendo, non accadrà mai più!»
La donna, rassicurata si asciugò le lacrime e continuarono il loro percorso senza dirsi più una parola. Finalmente, increduli scesero alla stazione di Torino, stanchi, affamati e sporchi. Sapendo che non si sarebbero più incontrati, si salutarono, custodendo quei tre giorni nei loro cuori. Vanni, la sera, da una finestra a casa del fratello guardando verso sud, pensò al suo paese e alla sua famiglia. Ora di fronte a lui c'era una città nuova, forse... la sua isola felice.Hannah Arendt

 

"Nulla è più difficile che condurre un uomo alla propria felicità" Hannah Arendt 

 

 

 

 

 

 

La riproduzione di quest'articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it

 

Chi è l'autrice/l'autore
Loredana Ferri
Mi chiamo Loredana Ferri: classe 1963. Ho frequentato studi artistici. Come spesso accade nella vita ci si ritrova a intraprendere altre strade, mai rimpiante o rinnegate. Dal 1983 al 1996 ho lavorato all’Olivetti. Dopo l’esperienza olivettiana sono ritornata alla mia più grande passione: la pittura a olio, spaziando anche su altre forme d’arte. Da qualche anno anche la scrittura mi sta appassionando.

Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici