Menu
A+ A A-

Street Art. E un giorno il futuro arrivò!

  • Scritto da Loredana Ferri

Indice articoli

Erano agitati e si addossavano le colpe dei loro sbagli uno con l'altro. Vedendo il bambino tutti volevano raccontare le loro storie. Il soldato era amareggiato per aver partecipato in una guerra a cui non credeva. Il dittatore gli raccontò di quanto fosse stato disumano e crudele credendo di fare il bene all'umanità. Il suo fallimento lo aveva portato ad una depressione profonda. L'avvocato invece, aveva difeso un uomo incolpando un innocente al suo posto. Tutte le notti aveva un incubo costante: sognava il povero condannato che si sedeva sulle sponde del suo letto che lo guardava con occhi di fuoco. La moglie di un uomo gli disse piangendo, che per anni aveva subito da lui violenze inaudite diventando complice della sua follia. Era pentita di non averlo mai denunciato e di aver perso gli anni più belli della sua gioventù. E infine, il sacerdote era deluso e rassegnato. Quando era giovane aveva rinunciato a Mari', il vero amore della sua vita. E poi gli parlarono di guerre, crisi economiche, di terremoti e alluvioni, degrado e violenze su violenze. Il mondo del passato anche se era malandato e imbruttito nonostante tutto resistette e rimasero solo pochi piccoli uomini. Adesso che avevano trovato per caso quel bambino gigantesco tutti, gli chiedevano riscatto e redenzione. Il pastore alzando il bastone in alto chiese: «Ma quando e come è arrivato il futuro... raccontaci bambino? Noi l'abbiamo aspettato per anni, per secoli! E forse sceso sulla terra qualche Dio e distratti, mentre litigavamo facendoci la guerra l'uno contro l'altro, non ci siamo accorti di nulla? E perché il futuro non ci vuole?»

Il bambino a quel punto cercò di soddisfare le tante domande, parlando loro in tutte le lingue...
«Quello che so é che... mio nonno mi racconta sempre di un suo trisavolo. Un giorno passò forse proprio sotto quella torre di avvistamento. Oramai ridotta in macerie, dentro quello che restava del suo interno, la natura volle seminare per caso, un seme di fico. L'albero crebbe, le sue grandi foglie, erano verdi e rigogliose. I suoi frutti, grossi e polposi. Il trisavolo affamato per colpa di una delle tante crisi economiche mangiò uno di quei fichi.
Tornato a casa, si accorse che gli venne una gran voglia di fare pace con il suo odiato vicino di casa e perdonò la moglie, di averlo tradito con il suo migliore amico.
Il giorno dopo si sentì meglio e in pace con se stesso.
In paese cominciarono a raccogliere quei fichi dalla polpa ricca contenente la vitamina prodigiosa e ne mangiarono a sazietà. I suoi effetti furono immediati e così iniziarono a esportarlo in tutto il mondo. Il futuro era finalmente arrivato! Le finestre delle case di quel paese e i negozi che erano chiusi da anni per via della crisi, si riaprirono. Tutto si trasformò. Non c'era più bisogno di carceri, di polizia, di leggi e regole, di ospedali e medicine e di nessun Dio di nessuna fede perché gli uomini avevano riconquistato il senno perduto da sempre. Gli esseri umani non avevano più bisogno della loro protezione e andarono ad aleggiare in un'altra galassia alla ricerca di un altro mondo bisognoso. Gli abitanti della terra intanto cominciarono a crescere di statura e parlare tutte le lingue e pian piano, dimenticarono il vecchio passato.
Oggi, grazie a voi, ho imparato a conoscerlo!»
Il pastore gli disse con un pizzico di delusione: «Dunque nessun capo carismatico, nessun Dio sceso sulla terra, niente apocalisse! Semplicemente... un albero di fico nato per caso dentro una torre! Portaci con te nel futuro, aiutaci!»

Il bambino portandosi il dito indice sul naso e alzando gli occhi pensando un po' disse: «Vi porterei con me cari amici del passato, ma avendo conosciuto alcuni di voi, credo proprio che nel futuro vi annoiereste un tantino!» Scese in tutta fretta e per paura che quel brutto passato potesse ritornare cancellò la scala con una gomma tecnologica e ritornò a giocare in quel mondo perfetto.
Dimenticavo di dirvi che in città, si mormora che quel bambino abbia una super fantasia e che, qualche volta le piace raccontare delle super bugie!

La riproduzione di quest'articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it

Chi è l'autrice/l'autore
Loredana Ferri
Mi chiamo Loredana Ferri: classe 1963. Ho frequentato studi artistici. Come spesso accade nella vita ci si ritrova a intraprendere altre strade, mai rimpiante o rinnegate. Dal 1983 al 1996 ho lavorato all’Olivetti. Dopo l’esperienza olivettiana sono ritornata alla mia più grande passione: la pittura a olio, spaziando anche su altre forme d’arte. Da qualche anno anche la scrittura mi sta appassionando.

Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici