Menu
A+ A A-

Tutti dondolati e fluttuanti sulle acque del Lago d’Iseo

  • Scritto da Loredana Ferri

Monet La Grenouillère che significa letteralmente il salto delle rane 350 250di Loredana Ferri - Ciao carissimo... sono Claude! Ieri ti ho cercato sul cellulare, forse non hai sentito o non c’era abbastanza campo.
Spero di non disturbarti!
Il nostro amico pittore, Pierre-August mi ha dato la tua emal.
Ricordi, giorni fa, ci siamo visti sul metrò e mi avevi chiesto se conoscevo un posto carino dove portare tua moglie per il vostro anniversario di matrimonio.
Ti suggerisco Bougival un villaggio in riva alla Senna non troppo lontano da Parigi. Se hai il navigatore, ti sarà facile trovarlo. Mia moglie, adora questa località balneare dice che, è alla moda! Sai le donne, su queste cose hanno un gran fiuto e poi... tutta Parigi ci va per il fine settimana.

Giochi di luce che fannom impazzire

Da quando io e Pierre-August abbiamo scoperto questa località, ci troviamo spesso a dipingere insieme. Ci fanno impazzire quei giochi di luci e ombre che si riflettono sull’acqua. Tutti quei toni di colori che vibrano veloci, tanto che, i nostri pennelli devono esserlo altrettanto sulla tela per poterli catturare. Ma c’e' una novità! Pensa cosa si è inventato il gestore del locale che costeggiano la riva: ha collegato due pontili tra l’isolotto di Croissy e i Bagni della Grenouillère. È Bellissimo! Ovviamente non abbiamo resistito e così Pierre-August ed io abbiamo dipinto due tele uguali ma, diverse tra di loro.Renoir La Grenouillère che significa letteralmente il salto delle rane 350 280 Pierre-August come il solito, ha sovraccaricato l’isolotto di persone sai... lui adora descrivere ogni abito, cappello maschile e femminile. Ha aggiunto anche un cane che dorme. La cosa bella è che, quando ci si trova immersi in questo posto, si assapora nello stesso tempo, una calma e un’euforia contagiosa.
Tutti su quell’isoletto, hanno l’impressione di essere dondolati, fluttuati dalle acque del fiume.
Se decidete di andarci, sono sicuro che, ne tornerete entusiasti. È sicuramente un’esperienza da non perdere. Fammi sapere!
Ah dimenticavo... vi auguro un buon anniversario di matrimonio ... Claude.

A piedi sul Lago d'Iseo

Risposta: Ciao Claude, ti ringrazio ma, pensavamo di andare a fluttuare sul Lago d’Iseo. Anche lì ci sono delle passerelle arancioni che galleggiano sul lago tutte collegate tra loro. L’idea non è di qualche gestore del lago ma, di un artista bulgaro un certo Cris...mia moglie sa tutto su di lui.
Devo affrettarmi, smonteranno l’effimere passerelle il 3 luglio, proprio il giorno del nostro anniversario! Spero di non trovare troppa gente!
Non so perché ma... ho addosso un’ansia! Ore di fila e poi... il caldo! Al mio ritorno ti farò sapere.
Ti spedisco una foto con il cellulare.
Maa... anche i pontili della tua isoletta saranno smontati? Massimo se non faccio in tempo a vedere le passerelle arancioni, farò un salto dalle tue parti.
A presto amico mio.

Le due tele analoghe sono una di Monet e l’altra di Renoir. Entrambe sono state dipinte tra luglio e settembre del 1869 e portano lo stesso titolo: La Grenouillère che significa letteralmente “il salto delle rane”.

Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo UNOeTRE.it

regime-attività

Chi è l'autrice/l'autore
Loredana Ferri
Mi chiamo Loredana Ferri: classe 1963. Ho frequentato studi artistici. Come spesso accade nella vita ci si ritrova a intraprendere altre strade, mai rimpiante o rinnegate. Dal 1983 al 1996 ho lavorato all’Olivetti. Dopo l’esperienza olivettiana sono ritornata alla mia più grande passione: la pittura a olio, spaziando anche su altre forme d’arte. Da qualche anno anche la scrittura mi sta appassionando.

Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici