fbpx
Menu
A+ A A-

La fatica umana

faticaUmana gelsominaie minLa fatica umana
ha la sua voce.
Unica,
travalica frontiere,
paesaggi innevati, deserti
rossi di fuoco, oceani.

Scorre,
la fatica limpida
su pareti rocciose, attraversa
miniere, a volte d'argento,
si addentra fra i segreti dell'origine
e il presente, invisibile il presente.
Insegue il senso
della bellezza straziante della rosa
e l'enigma dello sguardo che la sfiora.

Affila il canto,
per debellare il male
che insinua la sua forza
autoritaria accidiosa avvolta
nei drappi di arcane voluttà,
sciami
di inoperose supremazie
aduse all'inganno,
all'alterigia del pennacchio
alto sulla fronte,
sottratto a fragili ali di gallo.

Insopprimibile suono
ostico alla violenza,
la fatica,
scritta in tre sillabe,
traccia
l'impenetrabile forza
del lavoro e di chi lo cerca,
il ritmo irregolare della vita
quando si discosta
da inesorabili scirocchi, nebbie
e si riavvolge, tra nuvole arrochite
e sprazzi
di pallido sole, giocando
la sua ultima ora
come se fosse solo la prima.

Anna Elisa De Santis 28 ottobre 2018

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici