Menu
A+ A A-

Frosinone ko in Coppa, ora testa al campionato

Ciano Camillo azione 350 260 mindi Tommaso Cappella* - Il mondo pallonaro non sta vivendo un bel momento in questa estate 2018 con ricorsi, controricorsi, società fallite e altre che chiedono giustizia soprattutto sportiva. Ad un settimana circa dell'avvio del massimo campionato per il Frosinone, che domenica sera è uscito di scena in Coppa Italia battuto dal Sutirol, in settimana è arrivata anche la decisione del Collegio di Garanzia del Coni in merito alla finale di playoff con il Palermo. La serie A non è a rischio ma la Commissione Federale di Appello, chiamata in causa proprio dal Collegio di Garanzia, dovrà pronunciarsi nuovamente sull'entità della pena da infliggere alla società del presidente Stirpe. Ci potrebbe essere un maggior numero di giornate di squalifica dello 'Stirpe', oppure un sostanziale aumento della multa inizialmente di 25 mila euro. In ultima analisi si potrebbe verificare anche una penalizzazione di punti, alquanto remota comunque, da scontare nel torneo che sta per iniziare. Una decisione che dovrebbe arrivare per fine mese. Archiviata quindi la delusione di Coppa i ragazzi di Longo preparano l'esordio in serie A.

Ma come arrivano i giallazzurri alla prima di campionato in programma lunedì 20 agosto nel posticipo serale a Bergamo contro l'Atalanta? Un Frosinone decisamente rivoluzionato in tutti i reparti che ha svolto una prima parte di preparazione in Canada dove ha affrontato in amichevole quattro formazioni di seconda fascia cogliendo altrettante vittorie. Il vero test però c'è stato giovedì scorso allo 'Stirpe' contro il Real Betis di Siviglia, formazione spagnola che nell'ultimo torneo si è classificata al sesto posto, centrando anche la qualificazione diretta all'Europa League. I ragazzi di Longo hanno tenuto testa agli avversari per una buona mezz'ora per poi cedere con un pesante 1-3. E poi è arrivato anche l'inaspettato ko in Coppa. E' chiaro che bisognerà ancora lavorare molto, ma alcune indicazioni ci sono state, nonostante le due sconfitte. Tra i pali Sportiello è una sicurezza, come anche il centrale difensivo Goldaniga e l'esperto esterno di sinistra Molinaro. Nella zona nevralgica del campo sia Cresitig che Hallfredsson devono ancora entrare nei meccanismi di gioco che vuole Longo, ma il loro valore è indiscutibile, come anche Perica nel reparto avanzato. Per quanto riguarda la vecchia guardia sempre positivi Maiello, Dionisi e Ciano, con quest'ultimo anche a segno contro gli spagnoli. Un organico comunque da completare entro venerdì prossimo, ultimo giorno di mercato, con l'ingaggio di un altro difensore, un esterno di centrocampo e un altro attaccante.

*giornalista volontario in pensione

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici