fbpx
Menu
A+ A A-

L'acqua torna pubblica

acqua privatadi Luciano Granieri da Aut-Frosinone.blogspot.it - La giornata mondiale dell'acqua non poteva essere onorata meglio. Sabato scorso 22 marzo il coordinamento dell'acqua pubblica di Frosinone ha convocato stampa e cittadini per annunciare l'avvenuta approvazione, all'unanimità da parte della Regione Lazio, della legge relativa alla "Tutela, governo e gestione pubblica delle acque". Severo Lutrario, portavoce del coordinamento, insieme con Fulvio Pica e Nadir Alkadibi del coordinamento di Torrice, che ha seguito da vicino le operazioni di voto alla Pisana, hanno spiegato l'eccezionale importanza che riveste l'approvazione di questa legge. Una procedura straordinaria e unica per come si è determinata.

La legge sulla tutela, governo e gestione pubblica delle acque è il primo provvedimento di iniziativa popolare proposto all'esame del Consiglio regionale, grazie alla raccolta di 37.000 firme e la sottoscrizione di 40 Comuni, che è stato effettivamente discusso e posto a votazione da un'istituzione pubblica. Il diritto sancito della Costituzione sull'obbligatorietà dell' esame delle leggi di iniziativa popolare, non è stato mai riconosciuto ai cittadini a nessun livello, né locale e men che meno nazionale. Ciò che è avvenuto quindi presso la Regione Lazio è un evento fino ad oggi unico anche se dovrebbe costituire la norma.

Il secondo elemento di straordinaria rilevanza è che la legge approvata dalla Regione è una delle prime, se non la prima, che ristabilisce e applica quanto i cittadini hanno sancito in materia di gestione pubblica e partecipata del servizio idrico con il referendum del 2011. Un risultato epocale anche per i movimenti per l'acqua pubblica, per le associazioni e i cittadini del Lazio che attraverso il referendum prima, e l'approvazione della legge d'iniziativa popolare poi, hanno imposto alla politica spesso schiava delle lobby multinazionali il rispetto di un principio inderogabile quale quello dell'indisponibilità al lucro di risorse naturali come l'acqua .

La normativa approvata dalla Regione Lazio all'art.2 stabilisce che "L'acqua è un bene comune e un dritto umano universale. La disponibilità e l'accesso individuale e collettivo all'acqua potabile, in attuazione dei principi costituzionali, sono garantiti in quanto diritti inalienabili ed inviolabili della persona" Inoltre all'art. 4 si stabilisce che ".....la gestione del servizio idrico integrato deve essere svolta nel rispetto dei principi costituzionali, degli esiti referendari.......inoltre la medesima gestione deve essere svolta senza finalità lucrative e ha come obbiettivo il pareggio di bilancio, persegue finalità di carattere sociale e ambientale ed è finanziata attraverso risorse regionali e meccanismi tariffari" .

Come si vede è un'imposizione, nero su bianco, dei principi espressi del referendum. Un ulteriore elemento fondamentale introdotto è il finanziamento del servizio che è di origine tariffaria ma anche sovvenzionato dai fondi regionali, dunque pubblici . Altro aspetto importante inserito nella norma è il riassetto territoriale con la definizione di degli Ambiti di Bacino Idrografico (Abi), zone entro cui verranno disciplinate la cooperazione fra gli enti locali, le modalità per l'organizzazione e la gestione del servizio attraverso il governo delle varie fasi su cui esso si struttura: la captazione, l'adduzione e la distribuzione dell'acqua, gli impianti di fognatura e di depurazione il trattamento delle acque reflue.

In pratica negli Abi sono direttamente i comuni responsabili del corretto funzionamento del servizio. A loro è demandato il controllo sulle eventuali perdite della rete idrica. Inoltre qualsiasi proposta o decisione che un rappresentante del Comune porterà in sede di conferenza dell'Abi dovrà essere il frutto della discussione e votazione all'interno del consiglio comunale,il quale dovrà deliberare anche con il concorso della diretta partecipazione dei cittadini.

Si determina quindi un' organizzazione totalmente diversa da quella adottata fino ad ora, basata sugli Ambiti territoriali ottimali (ATO). Un carrozzone dove i sindaci coinvolti, la cui funzione dovrebbe essere quella di vigilare nell'interesse dei cittadini sul rispetto dei contratti da parte del gestore privato, non hanno neanche contezza della conformazione degli impianti, degli investimenti realmente effettuati dalla controparte, non possono o non vogliono tutelare gli interessi della comunità spesso operando nell'interesse di quello stesso gestore che dovrebbero controllare.

Questi sindaci, partecipano alla conferenza senza aver ricevuto alcun mandato dai propri consigli comunali, possono allinearsi senza alcuna responsabilità verso la collettività ai desiderata delle multinazionali di turno. Lo spettacolo che ha offerto e tutt'ora offre, la maggioranza dei sindaci dell'Ato di Frosinone è ignobile. Acea ha potuto fare e disfare a proprio piacimento, non investire i fondi promessi , imporre aumenti tariffari retroattivi e bollette fuori controllo, minacciare gli utenti, senza che la conferenza di sindaci ponesse la minima obiezione.

I sindaci non hanno neanche avuto la forza di invocare la rescissione del contratto per colpa nei confronti di Acea , una prerogativa che la mala gestione del gestore privato, ampiamente comprovata, avrebbe dovuto essere esercitata con forza e decisione. Una serie di misfatti si è dispiegata indisturbata negli anni , culminata con la determinazione delle tariffe avvenuta il 5 marzo scorso. Una pianificazione tariffaria ottenuta secondo una procedura illegale, basata non sul piano operativo, che qualora fosse esistito, avrebbe svelato la più che insufficiente qualità del servizio e previsto il pagamento di penali, ma prendendo a modello il piano tariffario del tutto aleatorio e superficiale dell'"Autorità dell'Energia Elettrica e Gas" gravato da ulteriori aumenti.

Il tutto per assicurare ad Acea una tariffa più che congrua ai propri profitti e assolutamente vessatoria per i cittadini. Con l'approvazione della nuova legge regionale tutto ciò non sarà più consentito. Il controllo sul gestore pubblico, e non più privato, avverrà da parte dei consigli comunali e dei cittadini. Sabato 22 marzo, giornata dell'acqua, i cittadini del Lazio hanno celebrato una vittoria epocale. Il riconoscimento di un diritto fondamentale, come l'accesso all'acqua, strappato con la mobilitazione caparbia e condivisa, alla speculazione del capitalismo finanziario supportato dalla politica dei comitati elettorali. La via è tracciata non rimane che perseguirla con maggiore tenacia.

La riproduzione di quest'articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro.

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it
Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici