fbpx
  • Il Capoluogo

2022. Frosinone verso le elezioni

CAPOLUOGO VERSO IL VOTO 2022

Sconfiggere l'attuale politica che ignora gli interessi della collettività

di Francesco Notarcola
Frosinonedinotte 3550 260 minI cittadini del Capoluogo, nella prossima primavera, saranno chiamati alle urne per rinnovare il Consiglio comunale e il sindaco. La Città è stremata, dopo decenni di governo di Gruppi di potere traversali che hanno permesso l’assalto al territorio e la sua devastazione, lo straripare dell’illegalità e della corruzione, lo sperpero di danaro pubblico e la riduzione progressiva dei diritti costituzionali.
Sconfiggere questo meccanismo perverso è oggi vitale per il futuro di Frosinone e della sua provincia

Uomini e partiti che si sono avvicendati ai vertici delle Istituzioni (Provincia e Comuni) e degli Enti (ASI-COSILAM-Camera del Commercio-SAF, ecc.) che governano l’economia e lo sviluppo, preoccupati solo di soddisfare le loro ambizioni e in perenne ricerca di affermazioni personali e di gruppo, non hanno saputo e voluto contrastare un processo di deindustrializzazione che ha distrutto grande parte di un patrimonio industriale ed economico di alto livello. Queste persone e i loro Gruppi, incapaci di analisi, privi di idee e di proposte adeguate, non hanno saputo cogliere le novità scientifiche e tecnologiche per tentare di rinnovare e trasformare un’economia sofferente e un’un’organizzazione sociale precaria.

Gli amministratori del Capoluogo hanno agevolato con la loro complicità questo stato di cose, rinunciando a far svolgere al Comune capoluogo un ruolo di guida e di orientamento per tutti i Comuni della provincia, cercando di gestire insieme, un territorio che aveva ed ha l’esigenze di un rilancio e di una crescita sul piano economico, culturale e civile, con servizi adeguati ai bisogni dei cittadini e di una loro alta qualità della vita.
Un siffatto modo di intendere la politica e la gestione della cosa pubblica, fortemente caratterizzata come gestione personale o di gruppo che non ha tenuto in nessuno conto gli interessi della collettività, ha fatto pagare un prezzo altissimo ai cittadini del Capoluogo ed alle loro famiglie.

I risultati sono sotto gli occhi di tutti: povertà, disoccupazione, forte riduzione dei servizi alla persona e continuo aumenti dei costi dei servizi primari, un’organizzazione sanitaria precaria, che soddisfa molto gli imprenditori privati del settore e che marginalizza e respinge coloro che hanno più bisogno di tutele.

Contro questa politica disastrosa e serva dei poteri forti, si è levata, da ogni angolo della città, la rabbia, la protesta e il malcontento dei cittadini, espresso in tante iniziative e manifestazioni di massa per difendere il proprio diritto alla salute, per salvare ricchezze storiche e culturali come l’archeologia, per contrastare il potere assoluto dato dai sindaci al gestore idrico (Acea ato spa),per promuovere la rinascita e la valorizzazione del Centro storico, delle sue bellezze, della sua storia anche attraverso il recupero del suo inestimabile patrimonio urbanistico.
Nella prospettiva delle elezioni quali forze e gruppi intendono raccogliere questo grido di dolore e di insoddisfazione profonda venuto dai cittadini, per avviare il Capoluogo verso il rinnovamento della politica e per una gestione della cosa pubblica, trasparente, condivisa e partecipata?
Una riflessione s’impone alle forze sociali, ai cittadini ed alle loro associazioni, alle forze politiche. Un contributo prezioso verso il rinnovamento può venire da quei partiti che forti delle loro tradizioni e degli ideali che si richiamano ai valori dal socialismo e delle lotte operaie e popolari.

Nella Città, nel corso di questo lungo periodo di sacrifici, di affanno e di sofferenza, un larghissimo schieramento di forze politiche e sociali, ha espresso capacità di aggregazione e di organizzazione, di analisi e di proposta in campo economico, culturale, amministrativo, sanitario. Si è affermata un’intelligenza collettiva con una creatività esplosiva e ricca di valori, sorta dalla partecipazione appassion ata ed entusiastica dei cittadini.

Sono queste le forze che possono e debbono essere protagoniste di una profondo cambiamento nella vita del Capoluogo, ricostruendo un rapporto di fiducia tra Istituzione e cittadini, chiamandoli alla partecipazione attiva ed alla responsabilità. Senza questa partecipazione e collaborazione responsabile, stante la difficile realtà economico-finanziaria del Comune, non sarà possibile uscire dall’attuale situazione di disagio e di precarietà per tutti.

Con questo nostro scritto, intendiamo invitare al dibattito i cittadini, le associazioni, le forze politiche e sindacali, per aprire un confronto largo e profondo tra tutti coloro vogliono dare un futuro alla nostra Città rompendo con il passato e guardando con fiducia alla vita che verrà. Costruirla a misura dei bisogni e delle esigenze della sua popolazione è compito delle persone oneste, lontane dagli affari e dalle ambizioni malsane.

Frosinone 6 gennaio 2022.
Pubblicato in Capoluogo
Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici