fbpx
  • Il Capoluogo

PSI: Deliberare per la pace e contro la guerra in Ucraina

PSI CAPOLUOGO

Proposta di deliberazione per la Pace e contro la guerra in Ucraina

Presentazione

psi 350 minCerto di interpretare il sentimento e il pensiero del Sindaco e di tutta l’assise, il gruppo consiliare Socialisti e Riformisti, nelle persone dei consiglieri Gerardina Morelli e Massimo Calicchia, ha presentato al Comune di Frosinone una mozione contro la guerra in Ucraina con proposta di deliberazione e richiesta di impegno al Sindaco e alla Giunta Comunale per un forte e chiaro NO a questa orribile e scellerata guerra che sta mietendo solo vittime innocenti, un forte e chiaro NO a tutte le guerre e si adoperino per porre in essere azioni a sostegno delle famiglie ucraine fuggite dalla guerra e arrivate a Frosinone, azioni che diano anche un sostegno morale e psicologico soprattutto ai bambini.
Anticipata durante il Question Time del 9 marzo u.s., il Sindaco si è impegnato ad inserirla nell’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale utile, con l’auspicio che nel frattempo cessi questa guerra.

 

Al Sindaco
Al Presidente del Consiglio Comunale
Mozione: Invasione dell’Ucraina. Proposta di deliberazione per la Pace e contro la guerra in Ucraina.

Premesso che:
A quasi 77 anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, conflitti armati continuano a mietere vittime innocenti in tutto il mondo. Non esistono guerre giuste o guerre sbagliate. Le guerre sono tutte sbagliate perché la vera forza è il dialogo.
L’articolo 11 della nostra Costituzione recita che: “l'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo”. E’ evidente, dunque, che il testo è volto ad imporre la ricerca di una via diplomatica, escludendo che una guerra possa essere la soluzione a qualsivoglia controversia.
Gli eventi a cui stiamo assistendo in Ucraina stanno evidenziando gravi scenari che mettono in pericolo la vita di tanti civili e il rischio che l’Europa ripiombi in un passato che speravamo di non rivivere più.
Sapere che nel 2022 bambini e ragazzi debbano vivere sulla propria pelle gli orrori di una guerra che li segna a vita, che molti di loro stanno pagando un prezzo altissimo mentre dovrebbero conoscere il diritto alla vita e all’infanzia, è un imperdonabile errore che merita solo la condanna da parte di tutti noi.

Con questa mozione si chiede l’impegno al Sindaco, alla Giunta, al Presidente del Consiglio Comunale:
1. Di esprimere la più ferma condanna all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia e i bombardamenti delle città, avvenuti in spregio ad ogni regola del diritto internazionale minando la pace e la stabilità dell’Europa.

1. Di esprimere piena e sentita solidarietà e vicinanza al popolo ucraino da parte di tutti i cittadini di Frosinone e la più forte condanna morale e politica di una guerra che provoca solo vittime innocenti.
2. Di sollecitare il Governo affinché ogni sforzo diplomatico venga posto in essere per promuovere e facilitare la cessazione delle ostilità e per evitare le gravi ricadute sociali ed economiche anche nel nostro Paese.

3. Di creare ogni possibile mobilitazione contro l’aggressione russa, per la pace e la garanzia del Diritto Internazionale, in concorso con la società civile e con le altre istituzioni locali che si oppongono al sopruso in favore della democrazia e della convivenza dei popoli.

Il gruppo consiliare Socialisti e Riformisti

Gerarda Morelli
Massimo Calicchia

Pubblicato in Capoluogo
Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici