fbpx
Menu
A+ A A-

Anche "Possibile" dice NO al palazzo ex Banca d'Italia

  • Scritto da  Possibile Frosinone

Palazzo ex Banca d'Italia

Possibile logo 350 260Anna Rosa Frate (Possibile Frosinone): “Sull’operazione Banca d’Italia siamo d’accordo con Scasseddu e Riggi, unici che hanno votato contro”
Il nostro appoggio incondizionato va alla linea che hanno tenuto in consiglio comunale i consiglieri Fabiana Scasseddu e Daniele Riggi, del gruppo Misto, sulla questione Banca d’Italia (Palazzo Munari). Riteniamo che il prestigio di una città non si basi solo sull’acquisizione di una sede di rappresentanza ma soprattutto sul livello di vivibilità e sulla qualità della vita, specialmente in termini ambientali ed economici e sul livello dei servizi sociali e culturali offerti.

E’ di qualche mese appena la classifica sulla Qualità della vita del Sole24Ore e l’Università la Sapienza che vede Frosinone continuare a sprofondare nelle più basse posizioni. Il capoluogo va in controtendenza ed invece di migliorare continua a perdere posizioni assestandosi al 96esimo posto su 110.
Non possiamo infatti ignorare alcuni fatti obiettivi accaduti in questi anni, testimoniati anche in consiglio comunale:

• lavoratori di alcuni servizi comunali costretti a lavorare poche ore al mese con stipendi da fame;
• livello minimo di alcuni servizi non più garantito, basti pensare al caso degli assistenti sociali sotto organico;
• drastica riduzione del servizio scuolabus e del numero di asili nido comunali e, contemporaneamente, aumento del costo delle tariffe;
• chiusura totale o parziale di strutture destinate ad attività di carattere sportivo e culturale.

Le tasse cittadine sono già al massimo, le tariffe aumentate e i servizi offerti diminuiti, subendo oltre al danno anche una clamorosa beffa. Una situazione, drammatica, aggravata, ulteriormente, dalle politiche di austerità economica e finanziaria dei governi nazionali che, negli ultimi anni, hanno ridotto i finanziamenti agli enti locali e, allo stesso tempo, imposto una maggiore tassazione.

Entrando più compiutamente nella vicenda del Palazzo Munari la questione e’ questa.
Innanzitutto non si tratta di acquisizione ma semplicemente di un cosiddetto “RENT TO BUY”.
Difatti, per dieci anni lo stabile resterà di proprietà della Banca d’Italia. Non c’e’ ancora chiarezza sui dati economici e contrattuali che sono stati demandati al dirigente di settore a dalla stampa locale abbiamo capito che Il comune pagherà un canone annuale di 153mila euro. Oltre a questo, ci sarà un acconto pari al 77,10% del prezzo totale di vendita fissato a 117.963 all’anno ed un costo di godimento pari al 22,90% ossia pari a 35.037 euro l’anno. All’atto dell’acquisizione ci sarà un saldo da versare pari a circa 500mila euro, anche in caso di mancata opzione di acquisto.
L’operazione sarà contabilizzata in affitti passivi per la “quota godimento” e in debito verso la Banca d’Italia per la “quota relativa al prezzo di acconto”.

Non si tratta solo di una questione economica ma esiste anche un tema tutto politico legato all’euforia con la quale anche le forze di opposizione hanno deciso di avallare la scelta della giunta e della maggioranza, vantandosi della loro decisione.
Con Possibile siamo fortemente critici su questa operazione e per questo sosteniamo le ragioni di Scasseddu e Riggi che si sono tradotte negli unici due voti contrari nel momento della votazione. Dal nostro punto di visto, questa decisione comporta un aggravio sul Bilancio del Comune di Frosinone che ricordiamo essere già da tempo in pre-dissesto con il conseguente taglio ad una serie di servizi al cittadini che non si possono ignorare.

Vizi da generale, paga da caporale

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Pubblicato in Il Capoluogo, Partiti
Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici