fbpx

Pandemia. Tra iodiozie e cose serie

CRONACHE&COMMENTI

Due evidenze: una cialtronesca e l’altra molto seria

di Aldo Pirone
vaccinazione 390 minL’altro ieri, a proposito di vaccini e vaccinazioni, ci sono state due evidenze: una cialtronesca e l’altra molto seria. Quella cialtronesca è stata l’ennesima uscita a cacchio di segugio di Salvini. Non che in quest'anno e mezzo di pandemia da Covid 19 il “bauscia” non si sia distinto, insieme alla sodale-concorrente Meloni, in idiozie irresponsabili pur di raccattare qualche voto fra i “no vax” e, prima, fra “i no virus”, i negatori della pandemia, ma con quella di ieri ha superato se stesso, distanziando di parecchie lunghezze la sua concorrente a destra. “Le varianti nascono come reazione al vaccino”: ha detto proprio così il “bauscia”. E in TV.

Direbbe Petrolini: “Io nun ce l’ho co’ te, ma co’ chi te sta vicino e nun te butta de sotto”.

La cosa seria, invece, è stata la notizia della pubblicazione - su EClinical Medicine The Lancet impegnata sul tema vaccini insieme all'Università Cattolica del Sacro Cuore alle Università di Verona e Belgrado e al New York Medical College – di una ricerca effettuata su 3 milioni e mezzo d'italiani non vaccinati, i “no vax” duri e puri sarebbero circa 850.000, pari all’8% di 10 milioni di non vaccinati, mentre altri nove milioni e passa sono in dubbio sul farselo. La ricerca, resa nota con grande evidenza da “Il Fatto Quotidiano”, è importante perché fotografa la quantità estremamente minoritaria di “No vax”, ma approfondisce anche le varie motivazioni che finora hanno indotto una quantità ben maggiore di non contrarissimi a vaccinarsi, a non farlo.

La principale è la paura favorita anche da un’informazione istituzionale che non ha brillato nel dare tutte le informazioni giuste a chi, molto spesso, è trattato da untore, che è proprio quello che non si dovrebbe fare per convincere i dubbiosi e i timorosi. La prima remora di costoro riguarda la velocità di sperimentazione dei vaccini, la seconda è la carenza di informazione sia sui benefici che sui rischi, la terza la possibilità di scegliersi il vaccino, la quarta è la fiducia nella vaccinazione scossa dalle notizie contrastanti di esperti e medici. Accanto a ciò è da sottolineare che c’è stata una campagna per niente sotterranea, alimentata dalla destra di Salvini e Meloni e da alcuni giornali al seguito, come “Libero” di Feltri e Senaldi e la “Verità” di Belpietro, che invece che alla salute pubblica hanno pensato ai voti. E, come si sa, da quelle parti i consensi elettorali crescono in un clima di paura e d'incertezza e di irrazionalità antiscientifica. Accanto a questi, come a volte accade nelle fumerie della sinistra, si è aggiunto qualche intervento e appello di pochi esponenti anche progressisti che trovano difficoltà, sebbene rinomati intellettuali, a distinguere fra libertà pubblica e privata, fra discriminazione e salvaguardia del bene comune.

In questo quadro, perciò, va collocata la questione dell’obbligatorietà per legge della vaccinazione. Il principio è sacrosanto, ma è da usare solo alla fine del ciclo di vaccinazione di massa in base ai risultati raggiunti e alle evidenze scientifiche. Cioè, cum grano salis, e non per dare un contentino politico a Salvini e a Meloni, ma per ridurre al massimo la sacca dei timorosi, dei non convinti, dei dubbiosi. Per ora bisogna spingere con i green pass fin dove è possibile e controllabile.

Era chiaro da subito che la vaccinazione di massa sarebbe stata una campagna lunga, un work in progress non privo di contrarietà, di ostacoli e anche di errori. L’importante è che la campagna vada avanti con gli strumenti a disposizione attuali, i vaccini, per contrastare le nuove varianti che si producono in alcuni paesi del mondo dove il Covid 19 gira indisturbato o quasi. In attesa che la scienza produca farmaci ancora più efficaci.

E che le idiozie di Salvini e dei “no vax” smettano di circolare come varianti del virus.

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Clicky

 

 

 

Pubblicato in Cronache&Cronache
Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici