fbpx
Menu
A+ A A-

Capitan Ultimo e gli studenti

Capitan Ultimodi Antonella Necci - Capitan Ultimo in Calabria tra simboli religiosi e messaggio forte di fratellanza.

Il carabiniere Sergio De Caprio considera i colleghi di tante pericolose operazioni dei “fratelli”, e così li chiama. “Fratelli di lotta”, come se un giorno fosse partito per una guerra che lui sapeva dall’inizio dove lo avrebbe portato. Ha scelto di fare quel che ha fatto, racconta, perché spinto dal desiderio di “catturare gli assassini del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa”.

Si è trasformato in Capitano Ultimo ed ha stanato il cosiddetto boss dei boss Totò Riina, diventando in seguito il soggetto di una fiction tv interpretata da Raoul Bova e iniziando un percorso che è stato, da lì in avanti, una croce di vita.

Volto sempre coperto con gli occhi che parlano ancora prima della bocca, rosario francescano al collo, una piuma indiana sulla giacca e un solo guanto con le dita scoperte alla mano sinistra (“senza motivo, così, per vezzo”), dedica un accorato ringraziamento (“per quello che fate”) alle suore crocerossine che sono venute ad ascoltarlo.

È tuttora costretto a vivere nell’ombra ma non si risparmia nell’impegno solidale nella Casa famiglia che ha fondato né tantomeno nei confronti dei giovani ai quali rivolge principalmente le sue parole. Non è difficile capire perché ha scelto di battezzarsi col nome di copertura “Ultimo”. Ospite a Cosenza della rassegna “Letture in chiostro” in cui è stato presentato il libro di Pino Corrias “Fermate il capitano Ultimo” (Chiarelettere), rassegna organizzata dal vice sindaco e assessore alla Cultura Jole Santelli, che da parlamentare si è molto battuta per non fargli togliere la scorta, il colonnello De Caprio ha regalato una testimonianza fortissima, stimolato dalla giornalista Anna Arcuri e dalla conversazione con la stessa vice parlamentare della commissione antimafia Santelli.

“Non sono nessuno, non do consigli, non giudico nessuno – ha sottolineato De Caprio – Credo fermamente nella sicurezza partecipata, nello sdegno sociale, nella battaglia civile. Se non si parte dal basso, dall’indignazione della gente, non si va da nessuna parte”.
Così si è espresso il colonnello De Caprio di fronte agli studenti del Liceo Classico Telesio che erano venuti ad assistere alla sua lectio magistralis. Una lezione, la sua, rivolta proprio a loro, che nella sala gremita del chiostro di San Domenico, lo ascoltano incantati.

Jole Santelli tra le diverse riflessioni ricorda il gesto di condurre Riina appena arrestato a inginocchiarsi sotto un ritratto del generale Dalla Chiesa che campeggiava nel rifugio dei militari durante l’indagine: era quello un messaggio chiaro alla criminalità organizzata finalmente a terra, finalmente vinta. “Attenzione – dice però Ultimo – non sempre si vince, e allora è bene mettersi da parte, perché significa che c’è qualcosa che non va. Io spesso mi sono chiesto perché prima di allora Totò Riina non fosse mai stato preso”. I poteri dello Stato e il potere arrogante di quelli che dimenticano la loro missione, quindi gli eroi delegittimati, il senso civico e l’educazione da cui tutto sempre prende forma nelle condotte esistenziali: capitano Ultimo arriva a toccare le corde emotive dei presenti in platea perché in lui ciò che emerge non è la ricerca di protagonismo o di medaglie, bensì la fedeltà a una vera vocazione.
“Senza polemiche – ha evidenziato De Caprio – dobbiamo esigere spiegazioni, sapere se mancano mezzi o capacità, ma non dobbiamo abituarci a convivere con violenza o prevaricazione. Manca ancora l’attenzione delle persone perché la partecipazione dei cittadini obbliga chi ha responsabilità a dare conto, e questo è mancato, ma deve essere un grido forte”.

Dal canto suo, Jole Santelli ha affermato che “la criminalità si muove e lo fa molto velocemente, a livello mondiale. Lo Stato sembra arrivare sempre in ritardo, a causa di pastoie burocratiche, ma si conquistano lo stesso grandi vittorie, anche se c’è ancora molto da fare. Dobbiamo mettere a risorsa le energie migliori che abbiamo e scongiurare che la mediocrità isoli le nostre eccellenze”.

La mattinata, che di fatto ha aperto ufficialmente due giorni di incontri, talk e appuntamenti editoriali, in questo spazio sulla legalità era stata inaugurata dal saluto del sindaco di Cosenza Mario Occhiuto che, accogliendo il Capitano Ultimo, aveva parlato delle libertà fondamentali che un Paese civile dovrebbe garantire a tutti e dunque al colonnello De Caprio, “perché nessuno di noi, a ogni livello, deve restare alla finestra a guardare ma deve fare il proprio dovere di cittadino onesto”.

Alla luce di quanto detto dalle autorità e da Capitano Ultimo in questa bella iniziativa in terra calabrese, risulta sempre inspiegabile il perché la procedura per togliere la scorta al Capitano sia stata avviata e non ancora bloccata. Di fronte alle belle parole e ai sorrisi e comportamenti di circostanza che acclamano Capitano Ultimo come un vero Carabiniere che ha condotto e sta conducendo una battaglia, verbale, se non più attiva, poiché poco si sta facendo contro Mafia e Corruzione, non fanno seguito comportamenti altrettanto corretti e coerenti nei confronti di chi è tuttora fedele allo Stato e ha sempre combattuto per la legalità e contro ogni forma di corruzione.

Un esempio umano prima ancora che militare di un uomo che sta pagando a caro prezzo la sua eterna fede nell’Arma. Un appello, se ci è consentito, al Generale Giovanni Nistri perché si faccia portavoce di tale vessillo e ponga da parte cavilli burocratici e questioni personali a sostegno di un uomo come Capitano Ultimo.

 

fonte della notizia: www.strettoweb.com

 

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici