fbpx $this->addJS
Menu
A+ A A-

Prendi i soldi e scappa

  • Scritto da 

Il “moderno” obiettivo di Bonomi è sempre quello: “Prendi i soldi e scappa”

CarloBonomi mindi Aldo Pirone - Il Presidente della Confindustria Bonomi non lo smuove niente. Da quando è stato disgraziatamente eletto - disgraziatamente per gli industriali e per gli italiani -, continua a ripetere imperterrito la stessa musica contro il governo: non è pronto, non decide, è tardo in tutti i sensi.

Conte ha appena portato a casa un successo politico e finanziario dall’Europa, ma il Presidente della Confindustria non è contento. Già lo incalza chiedendogli perché a una settimana dal ritorno da Bruxelles non siano pronte le riforme per ricevere i soldi europei. Lo dice a Rita Querzé in un'intervista di ieri sul “Corriere della sera”. Bonomi, come suo solito, è un profluvio di scontentezze. E ne ha ben donde. Vorrebbe decidere lui con lor signori come impiegare i finanziamenti in arrivo. Anche sui prossimi 25 miliardi di scostamento del Bilancio, se andranno in porto, il giudizio bonomiano è tranchant: “25 miliardi per distribuire altre risorse a pioggia”. Lui non contesta la pioggia, vorrebbe solo che le gocce cadessero tutte o quasi nell’orto padronale. Come il temporale Irap la cui abolizione, per l’appunto, del saldo 2009 e acconto 2020, è caduta a pioggia su tutte le aziende e lavoratori autonomi senza distinzione alcuna fra chi ha avuto una riduzione di entrate e chi no.

Ma c’è un passaggio nell’intervista che ne rivela l’etica imprenditoriale, non proprio come quella protestante di Max Weber. La Querzé chiede a Bonomi: “Confindustria ha criticato l'interventismo statale. Ma, a partire dall'Ilva, mancano all'appello imprese private che si facciano avanti”. Risposta “Per la verità proprio nel caso di Ilva un'impresa privata c'era, i Riva, che sono stati estromessi”. Poveracci questi Riva! Hanno fatto enormi profitti a spese della salute dei lavoratori e dei cittadini (i bambini) di Taranto e la magistratura gliene ha chiesto pure conto.

Ma al di là di queste quisquilie il pensiero di Bonomi sull’intervento dello Stato è chiaro, lampante, solare: “Comunque in generale, - dice - quello che ci preoccupa non è l'ingresso dello Stato in una fase di crisi come questa. A due condizioni però: che sia temporaneo e che si lasci la gestione ai privati”. Ovvero: dateci i sodi e levatevi di torno.

Insomma, in parole più semplici il “moderno” obiettivo di Bonomi è sempre quello: “Prendi i soldi e scappa”.

 

malacoda 75

Aldo Pirone, redattore di malacoda.it

 

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Pubblicato in Cronache&Cronache
Torna in alto

Privacy Policy