fbpx
Menu
A+ A A-

Solidarietà: Un bel gesto

 Voleva regalare un sorriso, ma ha fatto molto di più

GiuseppeValrosso 360 mindi Antonella Necci - È difficile tornare a scrivere dopo tanti avvenimenti. Non si può negare che il momento che stiamo vivendo sia socialmente delicato.
L'anno scolastico appena concluso in un modo inusuale, la polemica sul bando pubblico internazionale per i banchi con le rotelle voluto da Domenico Arcuri si potrà riaccendere nei prossimi giorni vista la possibilità che nessuno raccolga la sfida.
Un mondo a rotelle che gira inesorabile su necessità e negazioni di tali necessità.

Cosa serve davvero per una solida ripartenza dopo una pandemia, peraltro ancora non conclusasi?
Di certo non la campagna elettorale costante di una classe politica inadeguata, ma che in alcuni rari istanti ha dimostrato buona volontà. Almeno nei momenti più drammatici, per poi ricominciare con odi e veleni, come prima e meglio di prima.
Nessuno diventerà più buono. Nessuno cambierà opinione od idea per capire o solo avvicinarsi alla comprensione del prossimo. Senza per forza mescolare carità cristiana in tutto questo lavorio cerebrale.

Ognuno perso dietro ai propri egoismi. Ognuno bramoso di brillare, di sentirsi onnipotente.
I fatti quotidiani che ci bersagliano sono infiniti e difficilmente si riesce a capacitarsi del perché di molti di essi.
Dodici mesi fa i giornalisti si confrontavano su un possibile rimpasto politico di un governo gialloverde, per poi mettere alla gogna meritata un Salvini, allora ministro degli Interni, per le sue comparsate al Papeete e a Milano Marittima, con tanto di figlio sulla moto d'acqua della scorta.
Come sono lontani quei giorni. Come tutta quella vacuità di personaggismo italico è improvvisamente sparita, spazzata via dai bollettini di morte del lockdown.
Siamo ancora vivi. Questo è l'importante.
Di tutto il resto ci giunge solo il rumorio o anche lo sciabordio distante, che non turba più di tanto il nostro mondo di rintanati, in attesa di tempi migliori, di genti migliori.
Senza sapere che nessuno diventerà migliore se non ci mette la buona volontà. E niente cambierà senza la reale intenzione di cambiare.
Così, tra sterminio di famiglie da parte di mariti o mogli gelosi, tra amanti che interrompono lo svolgimento di matrimoni, tra California che brucia ancora e che si dibatte sotto i colpi del Covid, tra Boris Johnson che non parla più di immunità di gregge e invece gli Svedesi che si sono autoisolati senza la necessità di un vero lockdown (ti credo! Sono quattro gatti su un territorio sterminato….), eccola la notizia che ti concede la piccola speranza in un mondo migliore, in un domani diverso, nella fiducia verso il prossimo.

"Voleva regalare un sorriso, ma ha fatto molto di più. Si è reso protagonista di un gesto di generosità rivolto a famiglie che ogni giorno vivono difficoltà offrendo giri in barca gratuiti a ragazzi autistici. Autore del lodevole gesto è Giuseppe Valrosso, vigile del fuoco di Bari, che è stato inondato dalle richieste via web dopo aver pubblicato su Facebook un post in cui scriveva: «Regalo a mie spese giro in barca a ragazzi autistici (ripeto gratuitamente)».

Un'iniziativa che ha subito riscontrato un successo clamoroso con centinaia di richieste di partecipazione. Secondo quanto riferisce l'edizione barese di Repubblica, lo stesso Valrosso è rimasto sorpreso dal successo suscitato dalla sua offerta. «Non pensavo di suscitare tanto interesse - dice - volevo soltanto regalare un sorriso». L'idea, racconta, gli è venuta guardando il video del padre di un ragazzo autistico che mostra la gioia del figlio mentre nuota felice vicino ad una barca.Così Giuseppe ha deciso di mettere a disposizione il suo gommone, venendo sommerso sui social da ringraziamenti, condivisioni ed adesioni. "

Un vigile del fuoco ha dato un esempio di grande generosità, Ma ciò che sconcerta è che ha dovuto ribadire che era tutto vero e tutto gratis.
Nessuno fa niente per niente. Questo ci hanno insegnato. Ma l'iniziativa personale e la generosità portano lavoro e la voglia di fare porta altro lavoro.
Una lezione da imparare e sulla quale meditare.

 

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici