fbpx
Menu
A+ A A-

Nicola Fratoianni: #cèchidiceNO

Croneche&Commenti

Fratoianni dalla parte dell’opposizione dice no al governo Draghi

fratoianni minFratoianni, deputato di Sinistra Italiana, ha atteso la nomina dei ministri per decidere definitivamente di schierarsi dalla parte dell’opposizione contro un governo che sembra aver cercato semplicemente di accontentare tutti i partiti pur di ottenere la fiducia.

Il deputato di Sinistra Italiana apre il suo intervento alla camera con un chiaro no al governo Draghi, sottolineando che la sua non è una decisione individuale ma sorretta quasi da parte di tutto il partito. Per Nicola Fratoianni la caduta del governo Conte è stato un vero e proprio omicidio politico premeditato finalizzato ad impedire, all’ormai ex Presidente del Consiglio, di gestire la somma di 209 miliardi del Recovery Plan che aveva conquistato dopo una lunga battaglia in Europa.

Fratoianni, inoltre accusa il governo Draghi di essere tutto il contrario di tutto: per lui non possono certamente coesistere transizione ecologica e trivellazioni petrolifere, non possono stare insieme gli interessi della Confidustria di Bonomi che vuole sbloccare i licenziamenti, con gli interessi dei lavoratori e delle lavoratrici, e neanche pensare ad un generale abbassamento delle tasse senza ritenere necessaria un’imposta patrimoniale sulle grandissime ricchezze per redistribuire il denaro.
“Da domani faremo opposizione, pronti a dire sì ogni volta che sarà possibile, pronti a dire no ogni volta che sarà necessario” così il deputato di Sinistra Italiana conclude il suo intervento alla Camera.

Un’opposizione è dunque reale e possibile nonostante l’ampio consenso che il neo Presidente del Consiglio Draghi è riuscito ad ottenere. Un governo tecnico incaricato per gestire le imminenti emergenze, ma che poi è divenuto un governo politico a tutti gli effetti, un colpo di Stato vero e proprio che, a seguito della nomina dei vari ministri tra i quali Renato Brunetta, Mara Carfagna e la Gelmini, sembra aver riportato le lancette del Paese a più di quindici anni fa.

Un’opposizione che però non può essere lasciata unicamente nelle mani di una destra regressiva condotta da Giorgia Meloni, ma che deve ospitare visioni opposte tra loro per mantenere viva un’alternativa valida ed efficiente che altrimenti sarebbe stata sommersa da un’inevitabile accettazione del governo Draghi.

 

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Pubblicato in Cronache&Cronache
Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici