fbpx
Menu
A+ A A-

La corda e l'impiccato

  • Scritto da 

Gli americani e il giornalismo italiano

giornalismo italiano rimanere a galla 350 mindi Aldo Pirone - Ha visto “The Post”, il bel film americano con Tom Hanks e Meryl Streep che, partendo da una vicenda realmente accaduta ai tempi di Nixon e della guerra del Vietnam, fa risaltare nel fiero comportamento del giornale The Washington Post l’indipendenza della stampa e del giornalismo statunitensi.

Il mito andrebbe un po’ ridimensionato, ma non importa. E’ un lettore che, dopo aver messo in rilievo la differenza della stampa yankee con quella italiana, domanda ad Augias nella sua rubrica quotidiana di ieri l’altro su “la Repubblica”: “Perché in Italia terra di grandi letterati e intellettuali, il giornalismo sembra non essere mai risuscito a smarcarsi dai poteri forti?”.

Il giornalista dice che l’interrogazione “è solo in parte appropriata”. E fa una dissertazione sul tema e spiega la diversità: “Quello americano nasce come impresa, quello italiano come giornalismo politico al servizio di un’idea”. Porta ad esempio i nostri fogli risorgimentali che sono continuati con “i giornali di partito o con le pubblicazioni di tipo cooperativo a circolazione limitata”. E poi, perbacco, dice il nostro, anche da noi la libera stampa ha fatto inchieste memorabili! E cita quella, celebre, degli anni’50 dell’ "Espresso" su Roma “Capitale corrotta=Nazione infetta”.

Della grande stampa padronale, quella finanziata dai grandi gruppi industriali e finanziari (cementieri, armatori, agrari, zuccherieri, petrolieri, chimici, elettrici, automobilistici ecc.) che, in ossequio ai propri interessi e privilegi, hanno accompagnato e pesantemente condizionato lo sviluppo economico e la storia del paese, che hanno sostenuto il fascismo e le guerre (da quella di Libia in poi), appoggiato le repressioni degli operai e dei contadini da parte dello Stato, Augias non fa menzione.

La cosa non è esistita. Non sia mai che a qualcuno salti in mente la recentissima vicenda degli Agnelli di Fca (John Elkann) che hanno allungato le mani sulla sua “Repubblica”

Sarebbe stato, infatti, come parlare di corda in casa dell’impiccato.

 

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Pubblicato in Informazione
Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici