fbpx
Menu
A+ A A-

A proposito di Natale in casa Cupiello

  • Scritto da  Stefano Balassone

 TV, Spettacoli

La Repubblica, Onda su onda, 22 dicembre 2020

natale in casa cupiello ediz Castellitto 390 minNatale in casa Cupiello è tragedia in lingua comica, per di più con un finale che inquieta e non distende l’animo allo spettatore.
L’incombere del Natale mette a dura prova casa Cupiello come le tante che raccogliendosi fungono da pettine all’emergere dei nodi. Gli eroi sono ridicoli perché gli somigliamo: il figlio che né studia né lavora, la figlia che soffre l’unione col maturo danaroso, perché smania d’amore per un giovane; il parente che convive, si lamenta, gode e scrocca; la moglie che per tutti si sacrifica e provvede non perché sia sciocca, ma è la meno illusa in quella casa. E infine, Luca, il capofamiglia che s’immagina la realtà e i propri “cari” come un mondo dotato di chiari sensi e ruoli, simile al Presepio di terracotta che annualmente s’ostina ad allestire.

Eduardo, ci azzardiamo a dirlo, ha progettato un testo a doppio volto: da un lato lo schema classico delle disgrazie e dei drammi che si susseguono – dal disastro, all’avventura, al lieto fine – e il rimpiazzo della tranquillità iniziale con una rinnovata nel finale; ma mette in campo passioni e fissazioni allucinate (sono passioni, del resto, anche queste) che mai potranno comporsi in armonia.

Luca Cupiello e i suoi si collocano ai nostri occhi tra le famiglie celebri del mito greco e del teatro, non meno dei Plantageneti della saga famigliare shakespeariana, oppure dei protagonisti de’ I Soprano o de’ Il Padrino.

Il Luca di Castellitto rivela nettamente il profilo tragico dell’opera. Eduardo invece cuciva sempre insieme riso e pianto, e seduceva il pubblico “popolare” fino al punto che, come accadde a noi quand’eravamo più o meno dei fanciulli, ne ridevamo come fossimo alla visione di una farsa. Forse eravamo sciocchi noi, forse il genio era Eduardo.

La Rai lo portò in tv nel 1962 e merita d’essere cliccato – non fosse che per il prologo di Eduardo cantastorie – su Rai Play. Per apprezzare, proprio in questi giorni di Vigilia, una versione tormentata del Natale.

 

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici