Menu
A+ A A-

L'addio di Laura Collinoli al giornale "La Provincia"

  • Scritto da  Laura Collinoli

LaProvincia 350 260di Laura Collinoli dalla sua pagina Facebook - «Niente dura per sempre. Eccomi qui. Ci ho provato fino alla fine ma è finita la mia avventura al quotidiano La Provincia. Ero qui dal 1999. Una vita.
Qui avevo trovato l'amore e ho trovato l'amicizia vera, oltre che la possibilità di svolgere un lavoro che ho amato ed amo moltissimo.
È finita. Non ci sono più le possibilità. Forse il giornale ripartirà ma a queste condizioni, quelle che mi sono state prospettate, per quanto mi riguarda non si poteva più andare avanti.
Esiste una dignità, personale e professionale, che non può essere calpestata. E non è un capriccio, visto che come molti anch'io vivo del mio stipendio. Non è un capriccio perché fino ad ora non mi sono mai risparmiata, spesso superando il limite che passa tra lavoro ed altro. Non mi azzardo ad usare parole che richiamano a drammi ben più grandi del mio.
Lavoro non può voler dire lavorare sette giorni su sette e senza nemmeno la sicurezza dello stipendio a fine mese. E questo è ciò che in pratica si prospetta.
Lavoro, il mio lavoro, è guardare, osservare, sentire e raccontare. Così, con questi numeri, sarebbe solo "riempire" le pagine. E in questo modo non sarebbe giusto. Per me e per chi legge.
Ci ho provato. Ci ho provato in questi anni, avanzando crediti che forse non rivedrò mai più. Lavorando quasi ogni giorno e rinunciando a tanto, forse troppo, della mia vita.
Forse ho sbagliato a non fermarmi prima, ma ho agito sempre in buona fede e nella speranza di farcela.
A queste condizioni, però, non è più sostenibile.
La colpa di tutto questo? I colpevoli ci sono di sicuro, ma voglio essere presuntuosa e dire che non sia la mia la responsabilità. Ho sempre dato il massimo. Di più non avrei potuto.
Grazie a tutti quelli che negli anni mi hanno letto ed apprezzato per ciò che scrivevo sulle pagine di questo quotidiano. Mi scuso con quanti, negli ultimi 3 o 4 anni (da tanto prosegue questa incertezza) non ho potuto seguire come avrei voluto. Non per mancanza di voglia, ma per il tempo che non c'era. Perché sempre in meno e sempre con meno mezzi.
Per ora scrivo qui. Su questa piazza virtuale che consente di farlo.»

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici