Menu
A+ A A-

Hic Gabanelli, hic salta

Milena Gabanellidi Stefano Balassone - Per Left Wing 9 settembre 2017 - Milena Gabanelli, come è noto, si è detta non disponibile ad assumere l’incarico cui l’aveva destinata il CdA. E lo stesso CdA –individuo plurimo, ma unitissimo per l’occasione- ha manifestato la propria costernazione per l’accaduto. Di fatto, se non capiamo male, il vertice aziendale ha provato a forzare una contrarietà già accertata, predisponendo la minestra da trangugiare a fronte di finestre sgradevoli come le dimissioni o lo starsene sfaccendati. Per non dire che qualcuno –dentro o fuori il CdA- avrebbe di certo reclamato il licenziamento giacché il ruolo di dirigente è incompatibile con il rifiuto di un incarico formalmente assegnato.
Ma siccome in questo caso non si era ancora arrivati a una formale lettera di incarico, Gabanelli in contropiede ha inoltrato richiesta di aspettativa, che implica la scomparsa di funzioni e stipendio, anche se il legame con l’azienda persiste, tant’è che non si può, nel frattempo, lavorare per la concorrenza. È vero che l’aspettativa non è un diritto ma deve essere comunque “concessa” dall’azienda. Tuttavia, trattandosi della Rai è inimmaginabile che venga rifiutata a chi, nell’era della centralità degli scontrini, addirittura “rinuncia allo stipendio”. E nel contempo si smonta in anticipo il ghigno di chi volesse relegarti nel girone dell’insaziabile casta.
Da parte di Gabanelli, l’impostazione sul piano giuridico, accorta e astuta quanto basta, si associa, nei confronti del CdA, a una comunicazione priva di asperità declamatorie, tutta improntata al “fate voi e. se volete, fatemi sapere”.
Se dalle schermaglie formali si passa al piano del contenuto la comunicazione di Gabanelli è invece dirompente perché senza toni da gazzetta sciorina le dettagliato e concatenate ragioni per cui l’attività prevista è tanto indispensabile alla RAI, quanto inattuabile nelle condizioni organizzative prefigurate dal CdA. Indispensabile perché, come RAI ha dichiarato in ogni sede, è necessario colmare l’assenza dell’azienda nella informazione 2.0. Inattuabile senza una testata a ciò appositamente dedicata perché le pur moltissime - testate già esistenti, avendo già il loro da fare, non hanno in testa la dimensione del “web”. E siccome quelle moltissime testate pare bastino o avanzino, l’azienda riferisce di non potergliene aggiungere una.
Qui la comunicazione, sempre in punta di forchetta, di Gabanelli arriva a inforcare il punto strategico e cioè che il suo presente impedisce alla Rai di cercarsi un proprio futuro. Ergo, è la Rai stessa che piuttosto che infilare un po’ di web, tanto per fare, sotto il tappeto di qualche testata già esistente, dovrebbe rovesciare il tavolo del passato e condensare le risorse informative finite a testate, in funzione del mondo che già c’è invece di quello che c’era.
Certo che l’impresa è titanica (immaginata un’ATAC moltiplicata per dieci) e che per concepirla e realizzarla serve un buon mix di conoscenze di mestiere, di accortezza comunicativa e di passione civile. Oltre che parecchia autostima. In Rai, volendo, ce n’è. Tipo Gabanelli, a quanto pare.

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici