fbpx
Menu
A+ A A-
  • A.Cataldi LeonardoDaVinci ad Amboise Francia mindi Michele Santulli - In note passate abbiamo informato su Amleto Cataldi, sulla ‘tentata rapina’ da parte del CONI dei suoi quattro gruppi giganteschi al Villaggio Olimpico e sul suo ruolo primario nell’ambito della scultura del Novecento europeo. Quest’anno la sua figura rifulge in modo particolare grazie alla concomitanza dell’anniversario dei cinquecento anni dalla dipartita di Leonardo da Vinci. Si dirà: ma quale relazione tra lo scultore ciociaro Cataldi e il sommo creatore della Gioconda?

    Il nostro Presidente della Repubblica ha compiuto recentemente un pellegrinaggio ad Amboise, sulla Loira, in Francia, per commemorare e onorare Leonardo qui sepolto: una commemorazione solenne in compagnia del Capo dello Stato francese che ha previsto anche la visita delle opere allestite sia nel museo sia nel parco. Il cerimoniale però, e non solo quello francese, non hanno dato uno sguardo alla splendida isoletta davanti ai loro occhi formata dalla Loira, isoletta che si distende quale uno smeraldo di fronte al castello dove riposano le ceneri di Leonardo: infatti in un angolo della isoletta che i francesi chiamano l’Isola d’Oro, quasi al limitare del fiume, si distende all’ombra di un albero secolare la gigantesca scultura in bronzo lunga oltre quattro metri di Amleto Cataldi che raffigura Leonardo disteso sotto forma di un dio fluviale.

    Questa scultura fu commissionata all’artista ciociaro dal console a Parigi della Repubblica di San Marino e successivamente, negli anni trenta del Novecento, donata alla Francia quale segno di gratitudine per certe attenzioni ricevute dal piccolo Stato nel corso delle vicende storiche. La scultura fu collocata inizialmente in città a Parigi e poi nel 1976 spostata all’isola d’oro di Amboise ed adagiata dove l’abbiamo descritta, inA.Cataldi Lettrice o Pensosa 50cm min corrispondenza del castello del re Francesco I sulla riva opposta, protettore e mecenate del sommo artista.

    A parte la costatazione che a Roma si trovino nei musei, nei luoghi pubblici, nei palazzi istituzionali almeno quaranta opere del Cataldi tanto da poterlo definire lo scultore di Roma, al Quirinale medesimo si trova una celebre opera dell’artista, per cui è singolare che gli addetti al cerimoniale presidenziale o per non conoscenza o per scelta politica, abbiano ignorato tale palese relazione sentimentale tra l’artista ciociaro e Leonardo: giusto e bello sarebbe stato se il Presidente avesse potuto fermarsi anche al cospetto dell’opera dell’artista ciociaro, prestigioso contrassegno della amicizia e solidarietà Francia-Italia.

    Inutile ribadire, in merito a tale evento di alta rappresentanza politica e diplomatica, la totale assenza ed abulia delle istituzioni ciociare a tutti i livelli e di quelle regionali e del Comune di Roma medesima, particolarmente interessata alla presenza e valorizzazione delle opere del maestro ciociaro che tutte si sono dichiarate, in effetti, non coinvolte nell’alto messaggio del Capo dello Stato a Leonardo: siccome le commemorazioni ufficiali internazionali sono iniziate da pochi giorni e dureranno tutto l’anno, sicuramente le menzionate istituzioni nelle inevitabili occasioni di rappresentanza e celebrazione rammenteranno tale non comune vincolo Cataldi-Leonardo.

    A proposito dello scultore Cataldi è motivo di prestigio far presente che alla fine del mese andrà in vendita al pubblico incanto a Roma una delle sue opere più significative: “La lettrice”, alta circa 50 cm, in bronzo. L’opera fu presentata ad una mostra a Roma nel 1908 col titolo di “Pensosa” ed è particolarmente significativa nel canone dei lavori dell’artista perché è una delle poche a ricalcare e a rivivere, pur se delicatamente, lo stile cubista che in quegli anni stava scuotendo il mondo artistico europeo grazie a Braque e a Picasso. La scultura riscosse unanime approvazione e consensi e contribuì non poco al consolidamento della ormai riconosciuta reputazione del giovane artista ancora nei suoi ventanni. L’opera fu acquistata dalla Galleria Nazionale Arte Moderna di Roma e qui sempre visibile. Dell’opera si conosce una sola replica, la presente in asta, che l’artista pur ben consapevole del suo obbligo artistico nei confronti della Galleria Nazionale, non potette sottrarsi alle insistenze di un noto compositore musicale argentino, per cui il secondo esemplare è a Buenos Aires che veleggiò. E dagli eredi del compositore proviene l’opera ora in vendita. Date lequotazioni ancora più che accettabili dell’artista, bello sarebbe se l’opera tornasse in Ciociaria.

     

     

     

     

    Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

    aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

     

    {loadposition monetizzo}

     

    youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

     

    Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

     
    Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

     

     

    Sostieni UNOeTRE.it

    Sostieni il nostro lavoro

    UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

    La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

    Creative Commons License
    UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

     

  • Leonardo da Vinci Paesaggio 350 mindi Loredana Ferri - 1519 – 2019

    Un giovane allievo di bottega si è incamminato fin dalle prime ore dell’alba lungo un sentiero.
    Come un pellegrino attraversa boschi e prati, alcuni tratti sono faticosi e sdrucciolevoli, ma ne vale la pena.
    Passo dopo passo pensa alla sua vita e al suo futuro, la voglia di imparare e scoprire è tanta.

    Il suo maestro gli ha insegnato la pratica del disegno, varie tecniche di pittura, nozioni di carpenteria, meccanica, ingegneria e architettura, ma non gli basta. Durante il suo percorso spesso si sofferma a osservare attentamente la natura che lo circonda.

    Oltrepassando un vecchio castagno sente un fruscio, si gira scorgendo un uccello che vola tra un cespuglio, lui lo segue con lo sguardo. Non aveva mai visto quell’uccello dai colori vivi e dal cinguettio acuto. Continuando a seguirlo scopre il suo nido.
    Con gli occhi sgranati e il passo felpato gira la testa da una parte all’altra come un animale in cerca di una preda per sfamarsi ripetendo tra se: è fantastico, meraviglioso, bellissimo e la ripete ogni volta vedendo un fiore dai petali vellutati paragonandoli ai drappi che il suo maestro gli fa disegnare a bottega. Bellissima è una foglia, una pietra dalla forma strana, fantastico è un insetto, meravigliosi sono i piccoli roditori e poi altri infiniti esseri viventi. Sulla spalla sinistra porta a tracolla una borsa di cuoio e mette dentro, tutto quello che gli sembra interessante.

    Una luce lo attira

    Il suo viaggio procede salendo su una collina. Dentro la penombra di quel bosco una luce lo attira, scoprendo un panorama che lo cattura. Dietro di se i rumori nascosti del bosco, di fronte a lui la vasta vallata sottostante, decide in quel momento che la sua passeggiata è giunta al termine. In lontananza vede la foschia azzurrina del cielo d’agosto, campi immensi di varie culture, più avanti colline di boschi di lecci, castagni i colori delle foglie mosse dal vento dalle varie sfumature. Vede il fiume cristallino che scorre lento e piccole cascate. Su una collina alla sua sinistra, un borgo nascosto quasi a non voler disturbare la natura, svetta una torretta, in quell’istante i rintocchi di una campana echeggiano nella vallata.

    Un’idea folle gli balena in testa: ah… quanto vorrei volare, planare giù per questa vallata! In quel momento gli occhi del giovane allievo sono traboccanti di tutto quel belvedere e non vede l’ora di versare con il suo pennino su un foglio bianco tutto quello che a visto. I suoi occhi accompagnano la sua mano veloce per coglierne ogni particolare.

    Traccia delle linee sottile altre sono più spesse, traccia il sentimento che prova nell’osservare quel panorama sul fiume. È solo un disegno monocromatico, ma la freschezza di quello schizzo e ugualmente intenso di un olio a colori, chi lo guarderà potrà con l’immaginazione vederli.

    Nessun maestro avrebbe potuto insegnargli quello che ha visto in questa giornata passata nella natura; andando oltre l’insegnamento che finora gli è stato dato, scoprendo da solo il suo talento. Dopo aver finito il disegno, si sofferma ancora a contemplare quello spettacolo, fino a quando il sole scompare dietro il borgo. Non gli resta che firmare e datare il disegno: Leonardo Da Vinci 5 agosto 1473.

     

     

    Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

    aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

     

    {loadposition monetizzo}

     

    youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

     

    Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

     
    Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

     

     

    Sostieni UNOeTRE.it

    Sostieni il nostro lavoro

    UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

    La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

    Creative Commons License
    UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

     

Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici