fbpx
Menu
A+ A A-

Frosinone ko, allo “Stirpe” passa l'Inter con un tris

Frosinone Inter Paganiniditesta 350 mindi Tommaso Cappella* - Dopo due vittorie di fila con Parma in casa e in trasferta a Firenze che avevano riacceso le speranze di salvezza, si ferma la corsa verso la stessa da parte del Frosinone. Allo “Stirpe” passa, come da pronostico, l'Inter che rafforza così la terza posizione e quindi il posto in Champions League. Un vero peccato per i giallazzurri ai quali di certo non è mancato impegno e tanto cuore. Ma non sono bastati perché i nerazzurri di Spalletti sono apparsi soprattutto cinici ed hanno sfruttato al meglio le occasioni capitate. Non sono bastate nemmeno, a livello individuale, le prestazioni di Sportiello, Paganini e soprattutto Beghetto per portare casa i tre punti.

Tornando alla gara con i nerazzurri di Spalletti, tutto da dimenticare il primo tempo. I giallazzurri partono impacciati e timorosi, mentre l'Inter ha un possesso palla asfissiante. Dopo un tiro del tutto velleitario di Ciofani al 3', gli ospiti passano al 19'. L'azione è perfetta: ottima impostazione nelle retrovie, verticalizzazione per D'Ambrosio che crossa al centro e trova tutto solo Nainggolan, il quale stacca di testa e centra lo specchio della porta. Ci si aspetta la reazione del Frosinone che invece si innervosisce. E così al 36' Chibsah commette un'ingenuità colossale, stendendo nel cuore dell'area di rigore Skriniar. L'arbitro indica il dischetto e Perisic sceglie il piede sinistro per spiazzare Sportiello. Lo stesso portiere giallazzurro, qualche minuto dopo, si rende autore di un autentico miracolo su Politano. Nella ripresa in campo si vede un altro Frosinone. Intorno al quarto d'ora Paganini è bravo a lottare su un pallone vagante sul limite dell'area di rigore, lo prolunga per Ciofani che si rivela bravo nel fare la sponda per l'inserimento di Cassata il quale sfodera un destro preciso e ben mirato, indirizzato verso l'angolino basso del primo palo con Handanovic che tocca, ma non riesce ad evitare che la palla termini i in fondo al sacco. A questo punto i giallazzurri le provano tutte almeno per pareggiare, ma le speranze si spengono in pieno recupero quando in contropiede Icardi disegna un assist perfetto in verticale per l'inserimento di Vecino, il quale trafigge Sportiello per l'1-3 finale.

Archiviato questo passo falso interno, per la formazione di Baroni, nel prossimo turno, ci sarà l'impegnativa trasferta in terra sarda con il Cagliari, gara in programma alle ore 15.00 di sabato prossimo, vigilia di Pasqua. Dal momento che la matematica lo consente e con sei gare ancora da disputare, è chiaro che il Frosinone deve continuare a crederci o quantomeno, onorare al massimo il campionato fino all'ultimo secondo dell'ultima gara interna, quella con il Chievo. Tra l'altro proprio la squadra allenata dal cassinate Mimmo Di Carlo, dopo il ko interno con i Napoli, saluta la serie A e scende in B. Lo chiedono e lo invocano i meravigliosi tifosi giallazzurri, ancora una volta encomiabili anche contro l'Inter per il loro sostegno e calore nei confronti della squadra.

*giornalista volontario in pensione

 

 

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici