fbpx
Logo
Stampa questa pagina

No al combustore di gomme Marangoni

NotermocombustoreMarangoni 350 minÈ in corso una campagna mediatica da parte dei tifosi della Marangoni con il chiaro intento di sollecitare i funzionari regionali preposti a decidere circa la concessione della autorizzazione a continuare a bruciare gomme nell’obsoleto inceneritore di via anticolana.
Una campagna lacunosa e imprecisa nelle informazioni che vengono pubblicate e per le quali i “sedicenti ambientalisti”, come vengono definiti in un recente articolo, ritengono opportuno commentare.

Non è dato conoscere chi siano questi valorosi sponsors della Marangoni che tengono testa agli ambientalisti. Sarebbe opportuno disporre della identità per poter conoscere le motivazioni di tale sponsorizzazione e potersi confrontare con loro. Non si tratta qui di una partita di calcio, ma di qualcosa di ben più serio che ha coinvolto per un ventennio e che coinvolge la salute di migliaia di cittadini, nonché il modello di futuro economico della comunità.

Non è dato conoscere, a fronte della presente situazione di un rinnovo non ancora autorizzato chi sia questo misterioso cartomante che, prevedendo il futuro, “dice sì”.

Non è dato conoscere quali siano i “molti”, secondo il cui autorevole e professionale parere, ritengono che l’inceneritore possa “essere riacceso nella immediatezza”.

L’articolo riduce a “lungaggini burocratiche “la tempistica della decisione autorizzativa con un attacco ingeneroso nei confronti dei funzionari dei pubblici uffici per i quali i “tempi stretti non sono graditi”, quindi appellandoli fannulloni.

Riteniamo invece che la decisione sulla autorizzazione sia complicata per diversi elementi da valutare, quali l’obsolescenza dell’impianto e la sua inadeguatezza nei confronti delle migliori tecnologie disponibili, la valutazione dell’azienda e delle sue prospettive, il totale disimpegno dalle attività produttive dagli effetti occupazionali impattanti, le dichiarazioni tecniche che sollevano problematiche da chiarire prodotte nel corso dell’istruttoria, una determina che presenta elementi tecnici critici da valutare approfonditamente. Non una lungaggine burocratica, ma, a nostro avviso, la necessità di un professionale profondo riesame della situazione nel suo complesso.

In un contesto ambientale che viene dichiarato SIN e per il quale sono previsti costosi interventi di bonifica, in un contesto dove la qualità dell’aria è gravemente compromessa dalla orografia della Valle del Sacco, dove il reinserimento di una combustione delle gomme altamente pericolosa come riportato nella letteratura scientifica tecnica e medica è anacronistico. E ricordiamo, a rettifica dell’articolo, che è presente il ricorso al Tar a firma delle Associazioni e sostenuto economicamente da migliaia di cittadini, pronti alla mobilitazione.

Ma quello che più rende perplessi è la sollecitazione delle istituzioni che esercitano alcuni rappresentanti sindacali che si propongono di “tenere alta l’attenzione”, di organizzare una mobilitazione per sostenere la difesa di dodici posti di lavoro all’inceneritore. Ma sono gli stessi rappresentanti sindacali che oggi tuonano contro le istituzioni e la “burocrazia” quelli che, quando la Marangoni chiudeva uno storico stabilimento produttivo licenziando quattrocento operai, sono rimasti in passivo silenzio, senza alcuna mobilitazione?

E aggiungiamo che il “declino del territorio” è proprio a causa di queste scellerate scelte industriali che preferiscono attività di processo inquinanti a bassa occupazione a più solide e sostenibili industrie manifatturiere con elevati livelli occupazionali. E ci si permette di ricordare a questi rappresentanti sindacali le tragedie delle morti bianche. Ricordiamo che le morti sul lavoro non sono solo quelle immediate causate da cadute, schiacciamenti, soffocamenti, incendi. Sono anche quelle più subdole, di lenta evoluzione, che comportano negli anni lunghe e penose sofferenze.

LE ASSOCIAZIONI:
Anagni Viva
Comitato Residenti Colleferro
Diritto alla Salute
Retuvasa

Per informazioni: mail:. telefonare al n.: 3930723990.
Per aggiornamenti:www.anagniviva.org, www.dirittoallasalute.com, www.retuvasa.org

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Pubblicato in Ambiente
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.