fbpx
  • 8 marzo sciopero internazionale

Per Lidia Menapace

DONNE Storia e Futuro

...mi tocca sperimentare quanto non sappiano di lei, di ciò che ha fatto per tutte..

di Fiorenza Taricone
LidiaMenapace 370 minMi sento analfabeta, come una che non ha mai scritto, e che non sa come compensare una perdita così grave; penso solo ad una società capitalista che ha inebetito i giovani facendogli credere che sono quel che hanno e che come sempre mi tocca sperimentare quanto non sappiano di lei, di ciò che ha fatto per tutte, insegnandoci a dissentire con forza; guardo ai guai prodotti da quelli che chiamo i tre fratelli, capitalismo, liberismo e sessismo e mi chiedo quanto impari sia la nostra sfida; i miliardi della Next Europe Generation non basteranno mai a ricostruire le persone dal di dentro.

Nel vuoto che lascia la sua scomparsa fisica, ripenso alle due ultime occasioni in cui ho visto lei e il suo sguardo che continuava a essere gioioso, nonostante l’età, le scelte, le lotte contro la massima delle distruzioni, la guerra. Nel 2016, per i 70 anni dell’Unione Donne in Italia, durante la manifestazione Fare storia, custodire memoria, 1945-2015, grazie all’infaticabile Vittoria Tola, in una delle sale della Camera, guardavo prima di parlare le tre donne sedute al tavolo: Lidia Menapace, Marisa Ombra da poco scomparsa e Marisa Cinciari Rodano. Le guardavo sentendomi onorata della loro pervicacia e della loro eredità. E poiché avrei parlato di lì a breve del primo e secondo associazionismo: i corpi, la casa, la parola, osservavo i corpi, concentrato di tante esperienze, corpi come libri, corpi come casseforti, corpi avari nel cedere sulle convinzioni, ma terribilmente generosi.

Mi ero meravigliata che un corpo così minuto come quello di Lidia avesse affrontato la Resistenza senz’armi, il distacco dal suo primo partito, le lotte femministe, i dissensi rispetto alle parole che non lasciavano ombre dietro di loro. E pochi anni dopo, nel 2018, in un torrido clima estivo, di quelli che consigliano alle persone non più giovani di restare a casa, ecco scendere dal treno dal nord, la stessa figura minuta. Eravamo dirette al Castello dei Conti di Ceccano, nel basso Lazio, in occasione del I Festival di Filosofia in Ciociaria, Restiamo Umani, organizzato da Paola Bucciarelli; una sessione s’intitolava Sebben che siamo donne: storie di donne e della resistenza taciuta. Sono tornata a chiedermi se la coerenza, la convinzione degl’ideali, la lotta per sé e per gli altri, desse felicità. E mi sono riposta che sì, certamente nel caso di Lidia; durante l’incontro ci aveva appunto ricordato che bisogna essere gioiose e godere degli aspetti positivi, come il buon vino, il buon cibo e l’allegria.

E, mi sono ricordata che, allora come ora, pochi parlano dell’aspetto festoso del movimento femminista, ricordano solo quello giustamente rabbioso, oppure lo occultano, come oggi nel servizio della Rete La 7, in cui fra le poche cose ricordate, l’impegno femminista neppure compariva e neanche che sia stata fra le candidate della Presidenza alla Repubblica. Generosa inutilmente? Per noi tutte no, noi la ringraziamo.

 

pubblicato sul Paese delle Donne on line - 7 dicembre 2020

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici