fbpx

La Cgil da Papa Francesco: nessuno si salva da solo

EVENTI

da collettiva.it
In 5 mila in udienza in Vaticano per il lavoro e la dignità della persona. Landini: "Abbiamo l'ambizione di essere un soggetto di trasformazione della società"

Landini PapaFrancesco minUn evento. Nel presentare l'evento di oggi, 19 dicembre 2022, l'incontro di Papa Francesco e migliaia di rappresentanti della CGIL, il giornale on line "collettiva.it" lo definisce "storico": infatti per la prima volta 5 mila tra delegati, attivisti e dirigenti della Cgil hanno varcato le porte del Vaticano per essere ricevuti in udienza dal Papa.

E' un avvenimento molto importante per tutti e per il nostro giornale UNOeTRE.it, tanto che sentiamo l'obbligo di riportarlo. Un evento destinato a lasciare un segno. Papa Francesco non è nuovo ad incontrare Istituzioni, rappresentanze della politica e dei governi, ma questo è un appuntamento con il mondo dei lavoratori con cui ci sono molte sintonie. Non potrà essere senza conseguenze.

Con grande tempestività il nostro amico e collaboratore, Donato Galeone ci ha segnalato le necessità di fare un nostro commento. Ben felici e anche in attesa del suo su questo incontro, che si realizza a seguito della grande manifestazione per la pace del 5 novembre scorso a piazza San Giovanni a Roma, dove al fianco del sindacato hanno sfilato decine di associazioni - laiche e cattoliche - unite per dire no a tutte le guerre e per chiedere più diplomazia e meno armi nella risoluzione del conflitto in Ucraina. Papa Francesco e una grande rappresentanza del mondo del lavoro si ritrovano per parlare di due bisogni dell'oggi: La “Pace e il Lavoro” con i loro diritti e la loro dignità.

Nel video, che alleghiamo, il Papa e Landini intrecciano, in un dialogo di alto livello, anche altre delicate e importanti questioni dell'oggi, ma a questo giornale pare indispensabile sottolineare quelle due grandi che tengono, non solo nella sofferenza, ma anche in una grande incertezza l'umanità; per la quale se non c'è Pace e non c'è lavoro, con la legittima dignità e continuità che gli spettano, non c'è più davvero speranza di vita e di futuro.

Basta con la primitiva teoria dell' “occhio per occhio e dente per dente", l'umanità organizzata in tanti Paesi e ispirazioni, ha la forza per bloccare, in una onesta, seria e determinata conferenza di pace, da convocare senza condizioni: la guerra russo-ucraina. Ha la forza per ottenere il cessate il fuoco che ci espone alla minaccia atomica, ma anche per bloccare la miriade di conflitti che assommati ci fanno sentire dentro la terza guerra mondiale, come denuncia Papa Francesco.

Urge un nuovo ordine mondiale senza il quale anche le questioni della certezza e del rispetto del lavoro non possono essere affrontate e risolte.
La regola che la mia libertà finisce dove inizia quella del mio vicino deve valere anche per gli stati grandi e piccoli in tema di diritti sociali, economici, di valute e di primati delle stesse. Non ci sarà mai vera democrazia senza eguaglianza e rispetto. Senza un concreto e reale multilateralismo fra tutti, senza gendarmi mondiali o presunti detentori di verità assolute. (Ignazio Mazzoli)

L'articolo di collettiva.it

Nessuno si salva da solo
Un evento molto partecipato che ha sancito la necessità di fare squadra. Di unire le forze sindacali e quelle associative e sociali del nostro Paese a favore del bene comune e dei più deboli. Ripartendo dalle persone, dai loro bisogni. Perché, come ripete spesso il segretario generale della Cgil Maurizio Landini, “nessuno si salva da solo”.

Il percorso verso l’incontro in Vaticano non si esaurisce a questo. Il tema del lavoro - della dignità dei lavoratori - è sempre stato al centro di molti discorsi del Santo Padre. E così la condanna allo sfruttamento, alla precarietà, alle discriminazioni di genere, all’insicurezza nei luoghi di lavoro. Una battaglia che il principale sindacato italiano porta avanti quotidianamente in ogni angolo del Paese.

Lotta alle disuguaglianze
In una lunga intervista rilasciata domenica da Landini al quotidiano Avvenire le ragioni di questo confronto col Pontefice: “Nelle sue encicliche Laudato si’ e Fratelli tutti abbiamo trovato una riflessione comune: questione ambientale e questione sociale sono strettamente connesse. E per affrontarle occorre cambiare il modello di sviluppo e promuovere una nuova fratellanza tra le persone, un nuovo rapporto tra l’uomo e la natura”.

Siamo un sindacato, continua Landini, “che ha l’ambizione di essere un soggetto di trasformazione della società e quindi sentiamo particolarmente consonanti le parole del Papa che invitano a costruire una vera e propria rivoluzione, anche culturale, in termini di valori e di azione. Lottando contro le diseguaglianze, mettendo al centro le persone e il lavoro dignitoso, un’economia non fondata solo sul profitto. E, a unire tutti questi temi, un impegno forte, prioritario, per affermare la pace e superare la logica stessa della guerra”.

Guerra e pace
Al centro dell’incontro la situazione drammatica in Ucraina. “Noi non siamo mai stati neutrali”, sottolinea Landini “siamo stati fin dall’inizio contro la guerra, contro chi l’ha scatenata, la Russia, e dalla parte di chi è stato aggredito: gli ucraini. E a loro abbiamo fornito aiuti umanitari, abbiamo accolto le donne e i bambini che scappavano dai bombardamenti".

Il segretario generale Cgil evidenzia che "oggi non riusciamo a vedere ancora la conclusione della guerra, mentre si fa purtroppo più concreto il pericolo di un allargamento del conflitto, fino allo scenario peggiore: quello di uno scontro nucleare. Ora c’è bisogno di un cessate il fuoco, di una tregua per il Natale cattolico e ortodosso come ha proposto Andrea Riccardi, di aprire un vero negoziato di pace”.

Il lavoro e la sua dignità
Il lavoro come strumento fondamentale per la realizzazione della persona, per il segretario generale della Cgil è questo l’obiettivo. “Ma oggi purtroppo il lavoro è precario e non di rado chi lavora è comunque povero, è aumentato lo sfruttamento, manca la sicurezza tanto che si continua a morire in maniera tragica e scandalosa”.

Anche l’impresa deve fare la propria parte, “ripensarsi come luogo nel quale imprenditore e lavoratori possano discutere e realizzare accordi non solo su salari e orari ma anche su ciò che fanno e di come lo fanno, con quale sostenibilità ambientale, sociale. I lavoratori devono avere il diritto di essere informati preventivamente sulle scelte d'investimento e su queste poter esprimere un parere, poter partecipare alla fase decisionale, visto che tutto ciò riguarda anche le condizioni e il futuro degli stessi lavoratori”.

L'etica della persona
Se sul lavoro, la pace, la fratellanza, la solidarietà l’intenti sono comuni, diverso è il pensiero sui temi etici, a partire dall’aborto. Landini, nel corso dell’intervista, sottolinea che la Cgil “non ha mai promosso l’aborto, che rimane un passaggio doloroso e traumatico nella vita di qualsiasi donna. Semmai ha sempre tutelato la salute e la sicurezza delle donne che possono decidere di non portare a termine una gravidanza per diversi motivi. Anche perché l’alternativa è il rischio che si torni agli aborti clandestini, con la morte di migliaia di donne. Per questo noi chiediamo d'investire sulla prevenzione delle cosiddette gravidanze indesiderate attraverso una corretta educazione alla sessualità e il potenziamento dei consultori”.

Altri temi etici sono eutanasia e suicidio assistito. Qui “non c’è una posizione formale della Cgil. È un tema sul quale mi interrogo. Certo, occorre anche ascoltare chi vive una condizione di sofferenza insopportabile. Credo sia fondamentale su temi di questa natura e portata l’apertura e la disponibilità all’ascolto reciproco”.

 

Il video dellì'incontro

 

 aggiornato il 20 dic. 2022 ore12,30

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

con una carta oppure con l'App PayPal dal tuo smartphone, scansionando il QR Code che segue qrcode

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

Clicky

 

 

 

Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici