fbpx
Menu
A+ A A-

Le Pensioni nel 2020

  • Scritto da 

pensioni minime aumentano 2 ridimensionato min«L’indicizzazione delle pensioni è da tempo oggetto di restrizione da parte del Governo: gli Esecutivi che si sono susseguiti in questi anni, infatti, hanno in più di un’occasione previsto un sistema meno vantaggioso per i pensionati riducendo il tasso di indicizzazione per gli assegni superiori ad un determinato importo.

Se si vanno a considerare i blocchi operati negli ultimi 9 anni, infatti, ne risulta che su una pensione di circa 1.500,00€ lordi mensili non sono stati riconosciuti circa 74,03€ al mese. Moltiplicato su tredici mensilità l’anno ne risulta che al pensionato non sono stati riconosciuti più di 1.000,00€, poco meno di quanto spettante da cedolino. Peggio ancora è andato a chi ha una pensione di 1.900,00€ lordi mensili: più di 1.300,00€ l’anno in meno negli ultimi 9 anni, una situazione su cui i sindacati non sono più disposti a tacere.

E considerando che il blocco della rivalutazione, come anticipato, andrà avanti almeno fino al 2021, il potere d’acquisto continuerà a diminuire. Ecco perché ha avuto luogo un incontro tra sindacati e Ministero del Lavoro con il quale si cercherà di trovare un accordo per il dopo 2021, quando - secondo le parti sociali - pensioni e variazioni dell’indice dei prezzi dovranno proseguire parallelamente. (Antonio Cosenza da money.it)»

Ad oggi la situazione prevede questa rivalutazione delle pensioni 2020 secondo i dati ufficiali INPS.

L'INPS chiarisce le modalità di applicazione delle rivalutazioni 2020 per le pensioni di dipendenti e autonomi
12 dicembre 2019
Con la circolare 147 del 2019, l’INPS fornisce dettagli e chiarimenti sulla rivalutazione definitiva delle pensioni erogate nel 2019 e sulla rivalutazione che verrà applicata sui trattamenti pensionistici nel corso del prossimo anno. Si tratta di una circolare esplicativa, che in qualche modo “accompagna” il Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze dello scorso 15 novembre.

Confermate le percentuali di rivalutazione del 2019, fissate definitivamente all’1,9%. Si tratta dello tesso valore stabilito lo scorso anno dal Ministero e, quindi, non ci sarà alcun conguaglio di fine anno a favore dei pensionati. Le notizie più interessanti, però, riguardano le percentuali di rivalutazione del 2020 e le modalità con le quali verrà applicata alle varie fasce di reddito.

Qual è la percentuale di rivalutazione delle pensioni 2020?

L’Istituto di previdenza conferma che la percentuale di rivalutazione delle pensioni 2020 è dello 0,4% rispetto ai valori medi 2019. Come sempre, nel corso dell’anno verrà effettuata una valutazione se la percentuale calcolata è congrua con l’aumento del costo della vita e, nel caso, verrà effettuato un conguaglio.

Come verrà applicata la percentuale di rivalutazione alle pensioni nel 2020?

Nella circolare INPS vengono specificate le modalità con le quali la rivalutazione verrà applicata alle varie fasce di reddito individuate dallo stesso Istituto di previdenza. Innanzitutto, l’INPS individua in 515,07 euro l’importo minimo della pensione lavoratori dipendenti e autonomi per il 2020. Si tratta di un valore molto importante, perché utilizzato per calcolare le modalità di applicazione della rivalutazione.

In particolare, nel 2020 le pensioni erogate dall’INPS saranno rivalutate nella maniera che segue:

• 100% della rivalutazione per i trattamenti pensionistici dal valore pari o inferiore a tre volte il minimo del 2020;
• 97% della rivalutazione (0,36%) per i trattamenti pensionistici dal valore pari o inferiore a quattro volte il minimo del 2020;
• 77% della rivalutazione (0,308%) per i trattamenti pensionistici dal valore pari o inferiore a cinque volte il minimo del 2020;
• 52% della rivalutazione (0,208%) per i trattamenti pensionistici dal valore pari o inferiore a sei volte il minimo del 2020;
• 47% della rivalutazione (0,188%) per i trattamenti pensionistici dal valore pari o inferiore a otto volte il minimo del 2020;
• 45% della rivalutazione (0,18%) per i trattamenti pensionistici dal valore pari o inferiore a nove volte il minimo del 2020;
• 40% della rivalutazione (0,16%) per i trattamenti pensionistici il cui valore è superiore a nove volte il minimo del 2020.

Quando saranno pagate le pensioni nel 2020?

Nella stessa circolare sono specificate anche le date di pagamento delle pensioni nel 2020. La data può variare a seconda che l’accredito venga fatto su conto corrente postale o bancario.

• Gennaio 2020: venerdì 3;
• Febbraio 2020: sabato 1° per accredito su conto postale, lunedì 3 per accredito su conto bancario;
• Marzo 2020: lunedì 2;
• Aprile 2020: mercoledì 1°;
• Maggio 2020: sabato 2 per accredito su conto postale, lunedì 4 per accredito su conto bancario;
• Giugno 2020: lunedì 1°;
• Luglio: mercoledì 1°;
• Agosto: sabato 1° per accredito su conto postale, lunedì 3 per accredito su conto bancario;
• Settembre: martedì 1°;
• Ottobre: giovedì 1°;
• Novembre: lunedì 1°;
• Dicembre: martedì 1°.

Ecco i mini-aumenti e altre novità del 2020.

Rivalutazione piena fino a 1.539 euro
L’aumento dello 0,4% scatterà per le pensioni di importo fino a 1.539,03 euro lordi mensili.
Pensione di vecchiaia a 67 anni nel 2021, l'età non sale.
Pensioni, tredicesima più ricca con il bonus di fine anno.
Riscatto laurea agevolato.

 

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 



Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici