fbpx
Menu
A+ A A-

Un metro di distanza dalla paura

  • Scritto da  Paolo Andruccioli e Maurizio Minnucci

Essere operaio ai tempi del coronavirus. "Niente sarà più come prima, ma non dimenticatevi di noi"

primalasicurezza min

 “Ciao a tutti, mi chiamo Andrea Gardoni, ho 44 anni e faccio l’operaio. Siamo spaventati, ma rispondiamo ‘presente’ e andiamo avanti con sacrificio. Ricordatevi di questo, però, quando sarà finita. Noi abbiamo già pagato”  -  Video 1 qui appresso - 2, 3, 4 dopo l'articolo

 

 

 

di Paolo Andruccioli e Maurizio Minnucci Rassegna.it sta raccogliendo una serie di testimonianze dalle zone a più alto contagio. Ecco le parole e i volti di lavoratrici, lavoratori e delegati sindacali davanti al loro smartphone per raccontarci l’impegno straordinario che stanno mettendo in campo per affrontare la pandemia del Coronavirus.

Ciao a tutti, mi chiamo Andrea Gardoni, ho 44 anni e faccio l'operaio. Lavoro in un'industria alimentare in provincia di Parma, sono anche Rsu, non vi dirò che sigla sindacale… Lavoro ai tempi del Coronavirus? Non è facile per noi lavorare in questo periodo, perché alla fatica del lavoro quotidiano si aggiungono l'ansia, l’angoscia e la paura. Paura di essere contagiati, paura di portare a casa e contagiare a nostra volta qualcun altro. Usiamo dispositivi di protezione individuale, cerchiamo di mantenere il metro di distanza, ma non è facile mantenere un metro di distanza dalla paura e dall'angoscia sotto le mascherine, sotto le tute. Per un periodo abbiamo sperato tutti che l'Italia chiudesse anche le fabbriche, com’è stato fatto in Cina. Quando abbiamo capito che questo non sarebbe successo, siamo stati felici in qualche modo dell'impegno del sindacato per il protocollo della sicurezza dei lavoratori firmato col governo. La paura e la preoccupazione non sono solo per questo presente così incerto e che fa così paura, ma dal mio punto di vista sono anche per il futuro. Infatti sappiamo che ogni crisi che c'è stata in passato l'hanno pagata i più deboli, l'abbiamo pagata noi lavoratori, l’hanno pagata i disoccupati e i pensionati. Per questo, visto il nostro impegno, visto il nostro rispondere ancora una volta ‘presente’ quando c'è stato chiesto un sacrificio, auspico che per i rapporti futuri con le nostre controparti quando ci saranno da firmare contratti, quando ci saranno da fare accordi, anche il loro atteggiamento sarà di responsabilità come lo è stato il nostro in questo momento. E quindi che non continuino ancora a chiedere sacrifici, a chiedere di togliere i diritti, di risparmiare perché io penso che se usciamo da questa crisi, e ne usciremo, ne usciremo tutti insieme. Ma niente sarà più come prima, non ritorneremo come prima. Io auspico un cambiamento, in meglio e per tutti.

seguono i video 2, 3 e 4

L’operatrice socio-sanitaria di Parma
“Siamo a contatto con gli anziani, dateci le mascherine”

 

 

Moechine El Arrag, della Fp Cgil Modena
“Nelle case di residenze per anziani la situazione è drammatica, aumentano i contagiati”

 

 

Rita Angelino, lavoratrice e Rsu Bosch a Reggio-Emilia: “Non ci arrendiamo”

 

 

 da Rassegna Sindacale https://www.rassegna.it/

 

 

Modulo nuovo di Autocertificazione per ottemperare alle disposizioni dell'emergenza coronavirus da SCARICARE, STAMPARE e COMPILARE

Files:
zip.png Modulo di autocertificazione
(0 voti)

Modulo di autocertificazioine. Mininterno 26 marzo 2020

Data 2020-03-11 Dimensioni del File 456.82 KB Download 87 Scarica

 

Modulo nuovo di Autocertificazione per ottemperare alle disposizioni dell'emergenza coronavirus

zip.png Modulo di autocertificazione
(0 voti)

Modulo di autocertificazioine. Mininterno 26 marzo 2020

Data 2020-03-11 Dimensioni del File 456.82 KB Download 87 Scarica

Torna in alto

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici