fbpx
Menu
A+ A A-

Dalla ex Videocon con rabbia: di chi si occupa la politica ciociara?

videocondi Ignazio Mazzoli - I lavoratori della ex Videocon non si arrendono. Ieri hanno dato vita ad un incontro con il nuovo Presidente della Provincia Antonio Pompeo per coinvolgerlo nelle loro ricerca di soluzioni ad una drammatica condizione di senza lavoro per 1400 persone che dura da dieci anni e che sembra dimenticata da tutti: partiti, Istituzioni e gran parte dell' informazione.
Ha aperto l'incontro Gino Rossi, il mitico come lo chiamano i suoi colleghi e compagni, che ha ripercorso i punti salienti di questa vicenda dolorosa anche se non priva di qualche importante risultato come la conquista dell'Accordo di Programma Anagni-Frosinone (in Italia ce ne sono solo tre ndr) e che però non si riesce ad applicare privando di prospettive coloro che l'hanno conquistato. Chiede conto di che fine abbiano fatto gli impegni presi dalla Regione Lazio per ricercare nuovi investitori, denuncia che Sanofi Aventis e ACS Dobfar, le uniche imprese che hanno risposto al bando dell'AdP non hanno, in realtà, intenzione di assumere che pochissime persone dell'ex Videocon. Per 170 di loro a giugno si chiuderà ogni speranza con la fine della mobilità e degli altri che succederà alla fine del loro periodo di mobilità? saranno talmente più vecchi da non avere speranze. Vuole una risposta rapida. "Non c'è più tempo, occorre una risposta in 10 giorni al massimo. Qualunque sia, anche se negativa è sempre meglio di questo silenzio che è intorno a noi". E ancora "ci sentiamo solo presi in giro, e vogliamo essere presenti ai tavoli dove si parla di noi. La nostra presenza è importante". (Se si vuole capire, in questo scampolo di dichiarazioni c'è tanto perché nasce la sfiducia verso i partiti e chi governa).
Ma non è solo Rossi a parlare, la delusione e la rabbia trovano altre voci e tanta consapevolezza. Dalla ex Videocon gli interventi si spostano sulla grave disoccupazione  (115mila disoccupati, il 33% di tutto il Lazio) che colpisce il frusinate. "Ciociaria dimenticata... la politica di questa provincia è inesistente... ogni azienda che va in difficoltà qui, in questa terra è destinata solo a chiudere..."
Prende la parola una lavoratrice. Daniela Timperi, che dichiara subito di non sapere parlare e quello che dirà sarà nella forma che usa "per farmi rispettare a casa mia". Bisogna starci nella sala del consiglio provinciale affollata fitta fitta di lavoratori. Daniela nulla si è tenuta dentro. Ha chiamato per nome e cognome tutti gli eletti che in questa vicenda hanno messo bocca facendo annunci e senza portare risultati, senatori consiglieri regionali amministratori provinciali tutti, nessuno escluso per chiedere "che intende fare la classe politica di questa provincia? Sieti lì (a governare e amministrare ndr) per fare questo lavoro, nell'interesse di chi lo fate di chi già sta bene o di quelli che stanno male?". Senza incertezze ha ricordato a tutti che il Presidente Zingaretti mai ha incontrato i lavoratori ex Videocon aggiungendo che "tanto lui si occupa solo di Roma". Il carattere romanocentrico della politica della Giunta Zingaretti è stato descritto più e più volte in questo incontro senza diplomazie. "Perché si debbono perdere i 91 milioni dell'Accordo di Programma?" conclude Daniela.
Le amarezze accumulate danno voce ai ricordi più mortificanti, come quando Enrico Palombi ricorda la latitanza di eletti e Istituzioni di fronte alla condanna che ha colpito il lavoratori che manifestarono sull'Autostrada del Sole solo per difendere il lavoro ed il piccolo reddito con cui sostenevano le loro famiglie. Anche lui ritorna sul concetto che la politica, i partiti debbono aiutare chi sta male e aggiunge con grande consapevolezza "quando i lavoratori sono assenti laddove si decidono le loro sorti, si decide male" e avanza un messaggio forte "senza protesta questa provincia muore". E' una sferzata emblematica contro l'inerzia che sta alle radici della gravissima crisi che depaupera questa terra di Ciociaria.
Sembra proprio sia giunto il momento di mettere in cantiere una "Vertenza Frusinate" che impegni tutti gli eletti, le forze sociali e le associazioni per mettere a fuoco due o tre richieste di rapida approvazione ed esecuzione. Ormai è indispensabile e nessuno dovrebbe tirarsi indietro.
Il presidente della Provincia di Frosinone Antonio Pompeo, insieme con il vicepresidente Andrea Amata e il consigliere Gianluca Quadrini che hanno incontrato nella sala del Consiglio di Palazzo Gramsci la numerosa delegazione dei lavoratori della ex Vdc, si sono impegnati ad intervenire per chiarire l'iter di attuazione dell'Accordo di Programma e le motivazioni dell'attuale fase di stallo con una rimodulazione del bando dell'AdP perché sia aperto alla partecipazione di un numero più elevato di aziende e utilizzi tutte le risorse disponibili garantendo maggiori possibilità di occupazione.
"Ritengo il problema del lavoro come l'emergenza più importante di questo territorio" – ha dichiarato il Presidente Pompeo. Staremo a vedere. I lavoratori intanto hanno chiesto di essere coinvolti negli incontri per questa vertenza e probabilmente entro venerdì prossimo ci dovrebbe essere in Provincia un appuntamento con una loro delegazione ristretta per mettere a punto come andare alla Regione e oltre.

12 febbraio 2015

La riproduzione di quest'articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it

 

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici