fbpx
Menu
A+ A A-

Da Donato Galeone un messaggio per i disoccupati

Disoccupati in presidio permanenteIn queste ore e in queste giornate di presidio permanente dei disoccupati, nei locali dell'amministarzione Provinciale come convenuto con il Presidente Antonio Pompeo, si susseguono i messaggi di solidarietà.
Uno, fra gli altri, è giunto al nostro giornale e penso che interessi a tutti leggerlo, non è solo un sentitissimo sostegno morale, ma anche un suggerimento sotto forma di ricordo tratto da esperienze vissute.

Il messaggio giunge da Donato Galeone già dirigente sindacale della Cisl quale segretario generale a Frosinone e nel Lazio.
Merita di essere fatto conoscere integralmente. E' diretto a me, ma parla tutto il nostro territorio.

 

«Ignazio,buona sera !

Ho letto i comunicati-appello da te pubblicati nei giorni scorsi evidenziando la disagiata situazione sociale dei lavoratori ancora disoccupati alla vigilia delle festività natalizie prossime, in assemblea permanente presso la Sede dell'Amministrazione Provinciale di Frosinone,

Purtroppo la storia si ripete dopo tanti anni !!!! Non è vero che non si ripete, pur aggravata !!!!

Eravamo alla viglia della Pasqua - febbraio 1975 - ed a nome di CGIL-CISL-UIL, quale Federazione unitaria di allora - chiedemmo al Vescovo Mons. Michele Federici un segno di solidarietà.

Immediatamente il Vescovo rispose con questo comunicato che ti riporto integralmente:

"Considerato lo stato di grave disagio in cui versano moltissimi operai del comprensorio industriale interessante la Diocesi o perché in cassa integrazione o addirittura senza stipendio da diversi mesi per la crisi che ha colpito le industrie della zona, con conseguenze gravi per intere famiglie ridotte alla fame.....mentre auspicano una sollecita conclusione delle vertenze in atto secondo i principi di equità e di giustizia cristiana, sollecitando al riguardo l'interessamento delle autorità competenti e di quanti a diverso titolo trattano la questione....proclamano la loro solidarietà umana e cristiana con gli operai e le loro famiglie tanto duramente colpite e invitano i Fedeli della Diocesi a dare un fraterno aiuto a questi fratelli disoccupati.

A tale scopo viene indetta in tutte le Chiese della Diocesi per Domenica 23 febbraio 1975 - 2^ Domenica di Quaresima - una colletta da devolvere ai disoccupati della zona nei modi che si riterranno opportuni"

(il comunicato veniva approvato alla unanimità dal Consiglio Presbiterale nella seduta del 13 febbraio 1975)

Ignazio,
una scelta concreta di aiuto nel segno della solidarietà umana e anche una sollecitazione verso la questione sociale del lavoro che si ripresenta ai nostri giorni molto più complessa anche in questo Natale come nella Pasqua del 1975.

Io penso, conoscendo gli atteggiamenti di sostegno già dimostrati con gli incontri ultimi - quello di Anagni due anni fa - dei Vescovi della Ciociaria con la delegazione dei disoccupati - prevedo - potrebbero rispondere - come risposero nel febbraio 1975 - all'appello dei disoccupati - in assemblea permanente presso l'Amministrazione Provinciale di Frosinone - lanciato dal tuo giornale nei giorni scorsi.

Io non sono a Frosinone ma a Roma.

Te la inoltro - quindi - quale utile informazione nel contesto delle utili iniziative - possibili e concrete di solidarietà - per Natale da attivare in favore delle famiglie bisognose di aiuto.

Un caro saluto, Donato»

Roma, 19 dicembre 2018

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici