fbpx
Menu
A+ A A-

Per i disoccupati: Notizie utili

  • Scritto da  Luigi Carlini

vertenza frusinate definitivoAgenda per i disoccupati a cura di Luigi Carlini:


REGIONE SICILIA
“No a decurtazione della mobilità in deroga nell’area di crisi complessa”, i sindacati chiedono decreto al ministero.
28 gennaio 2020.
Palermo. L’esponente del governo Musumeci avrà a breve un confronto al Ministero del lavoro. Tra gli altri punti, anche quello degli ammortizzatori sociali previsti per le aree di crisi complessa dell’isola, ovvero Termini Imerese e Gela. I sindacati spingono affinché il ministero emetta un decreto di deroga alla decurtazione degli importi per la mobilità in deroga a favore dei lavoratori di queste due aree, a cominciare dai tanti ex operai dell’indotto Eni, rimasti fuori dal ciclo produttivo.

'REGIONE SICILIA' mobilita in deroga aree di crisi complessa.
Per loro le parti sociali chiedono l’utilizzo di risorse residue in modo da garantire la copertura delle tutele per l’intero anno. “Il ministro del Lavoro ha comunicato alla Regione siciliana la disponibilità di 41 milioni di euro – spiega all’Adnkronos il sindaco di Ventimiglia di Sicilia, Antonio Rini, presente all’incontro – Si tratta di risorse residue che possono adesso essere utilizzate per le tante vertenze aperte”. Una boccata d’ossigeno per circa 7mila lavoratori. “Al tavolo abbiamo chiesto insieme ai sindacati – prosegue il primo cittadino – che almeno due milioni di quelle risorse siano destinate alle aree di crisi complessa, ossia Termini Imerese e Gela”. Un’exit strategy per cui occorre il via libera di Inps e ministero del Lavoro.
“Il 12 febbraio è in programma un incontro con il ministro Catalfo a ROMA".

 

Area di crisi Frosinone, il via libera del Ministero dello Sviluppo:

dieci milioni di euro per le impreseRiconversione e riqualificazione dell’area di crisi industriale complessa di Frosinone, il Ministero dello Sviluppo Economico ieri ha dato il via libera al bando per il sostegno alle attività imprenditoriali. In ballo ci sono 10 milioni di euro.
Il provvedimento del Mise fa seguito all’accordo di programma sottoscritto lo scorso 23 ottobre con Anpal (Agenzia nazionale politiche attive del lavoro), Regione Lazio, Provincia di Frosinone, Comune di Colleferro e Invitalia. Sarà quest’ultima a gestire il bando e selezionare le proposte meritevoli di finanziamento.
I progetti potranno essere presentati a partire dal 1 marzo fino al 30 aprile.

I COMUNI INTERESSATI
I Comuni della provincia di Frosinone interessati sono i seguenti: Acuto, Alatri, Amaseno, Anagni, Arnara, Boville Ernica, Castro dei Volsci, Ceccano, Ceprano, Collepardo, Falvaterra, Ferentino, Filettino, Fiuggi, Frosinone, Fumone, Giuliano di Roma, Guarcino, Morolo, Paliano, Pastena, Patrica, Piglio, Pofi, Ripi, Serrone, Sgurgola, Strangolagalli, Supino, Torre Cajetani, Torrice, Trevi nel Lazio, Trivigliano, Vallecorsa, Veroli, Vico nel Lazio, Villa Santo Stefano.
Per la provincia di Roma invece rientrano quelli di Artena, Carpineto Romano, Colleferro, Gavignano, Gorga, Montelanico, Segni, Vallepietra, Valmontone.

POLITICHE ATTIVE
L’obiettivo del progetto è da un lato riconvertire e riqualificare il sistema industriale con particolare attenzione alla tutela ambientale; dall’altro fronteggiare la gravissima crisi occupazionale rispetto a cui le politiche attive finora sono state un fallimento.
Tra le condizioni imprescindibili per ottenere i finanziamenti c’è la ricollocazione dei disoccupati dell’area di crisi complessa di Frosinone che attualmente percepiscono la mobilità e altri ammortizzatori sociali.
Le aziende sono obbligate a concludere le assunzioni proposte entro un anno dall’ultimazione del programma d’investimento.
Ci sarà una parziale revoca dei finanziamenti se l’obiettivo occupazionale subirà un decremento nei limiti del 50%, oltre questo limite finanziamento sarà revocato totalmente. Sono poi previste una serie di agevolazioni.

I REQUISITI
Le iniziative imprenditoriali devono avere programmi di investimento con spese non inferiori al milione e mezzo di euro. Le attività economiche ritenute prioritarie rientrano quasi tutte nel settore manifatturiero e in particolare le seguenti produzioni e fabbricazioni: alimentari; bibite analcoliche, delle acque minerali e delle altre acque in bottiglia; prodotti chimici; prodotti farmaceutici; articoli in gomma e materie plastiche limitatamente ai prodotti in bioplastica biodegradabile e compostabile; prodotti in metallo (esclusi macchinari e attrezzature); computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e di orologi; apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche; autoveicoli, rimorchi e semirimorchi; aeromobili, veicoli spaziali e dei relativi dispositivi; raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti e recupero dei materiali tramite processi fisici, chimici e biologici; alloggio (gestione di vagoni letto); servizi dei centri per il benessere fisico limitatamente al caso di esercizio nell’ambito di una attività turistica. Riconversione e riqualificazione dell’area di crisi industriale complessa di Frosinone, il Ministero dello Sviluppo Economico ieri ha dato il via libera al bando per il sostegno alle attività imprenditoriali. In ballo ci sono 10 milioni di euro.
Il provvedimento del Mise fa seguito all’accordo di programma sottoscritto lo scorso 23 ottobre con Anpal (Agenzia nazionale politiche attive del lavoro), Regione Lazio, Provincia di Frosinone, Comune di Colleferro e Invitalia. Sarà quest’ultima a gestire il bando e selezionare le proposte meritevoli di finanziamento.
I progetti potranno essere presentati a partire dal 1 marzo fino al 30 aprile.

 

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici