fbpx

Crisi di governo o di democrazia?

OPINIONI E ANALISI

Incolpare solo i 5stelle è un’operazione intellettualmente ardita

di Luca Fazzi* da ilfattoquotidiano.it
giuseppe conte 400 minI primi a mettere alla gogna i populisti 5stelle, rei di non avere votato la fiducia a Draghi, sono ovviamente i grandi giornali dei padroni delle ferriere. Il Corriere titola ‘Calcoli e sghignazzi: la truppa M5S all’ultima performance’, Repubblica parla di un movimento ‘in tilt che perde altri pezzi’, mentre l’Huffpost ricorda agli italiani che ‘i mercati sono pronti a tirare le orecchie all’Italia’ e che, senza Draghi, ‘avremo presto grossi problemi’ dimenticando, probabilmente causa la grande calura estiva, che lo spread ha ricominciato a salire almeno dal novembre dello scorso anno. Lo spettacolo è quello di una democrazia morente, surreale e melanconico allo stesso tempo.

I 5Stelle, persa ormai definitivamente, oltre che tra poco la metà degli eletti, anche la carica antagonista iniziale, hanno fatto né più né meno che quello che tutti i partiti della prima e seconda Repubblica da sempre sono lesti a fare in prossimità delle elezioni: smarcarsi e cercare un po’ di visibilità per recuperare qualche voto. Di grandi scandali nella scelta di non votare la fiducia al premier se ne vedono pochi, anche perché pur senza i voti di Conte, Draghi continua a avere una solida maggioranza in Parlamento. Tutt’al più rinviare il primo ministro alle Camere porterà a una ulteriore erosione della compagine pentastellata e un maggiore compattamento della maggioranza a sostegno del Migliore.

Arrivare ad accusare con così tanta veemenza il partito di Grillo di sfasciare la nazione per avere negato la fiducia al premier si rivela così per quello che è: un’operazione intellettualmente ardita, ma soprattutto necessaria per tentare di mascherare la situazione drammatica in cui si trova ormai il paese e permettere a chi se ne sta approfittando di continuare a spartirsi gli ultimi resti del tesoro.

La crisi dell’Italia nasce da lontano, dallo sfascio morale dei partiti negli anni 80, e dopo da governi che non hanno mai affrontato una delle grandi questioni nazionali: la criminalità organizzata che controlla e annichilisce l’economia di intere regioni, la mancata lotta all’evasione, la corruzione. E ancora il disinvestimento verso i settori di mercato più competitivi, gli aiuti di Stato ai grandi potentati di affari, il ricorso sistematico e inutile al debito pubblico per elargire bonus e provende preelettorali, i mancati investimenti in istruzione e ricerca, l’inefficienza e il clientelismo della pubblica amministrazione, la perdita del potere di acquisto dei salari, il monopolio nel controllo dei media, il crollo demografico, l’immigrazione biblica delle nuove generazioni verso l’estero.

Alcuni dei protagonisti di questa lunga stagione di degrado, persone che avevano ruolo e titolo per incidere sulle decisioni dell’epoca, ricoprono ancora oggi le più alte cariche dello Stato: Sergio Mattarella, 25 anni in Parlamento, poi giudice della Corte Costituzionale e ora al secondo mandato di Presidenza della Repubblica, Giuliano Amato segretario del Psi al tempo del corrotto primo ministro Craxi e, sempre in ottemperanza all’italico principio della separazione dei poteri, dal 2022 presidente della Corte Costituzionale e Mario Draghi, direttore generale del tesoro ai tempi delle privatizzazioni degli anni 90, oggi premier.

La compagine di campioni democratici al potere, ultimo baluardo contro i populismi e le barbarie secondo la stampa controllata dagli oligarchi nazionali, è la medesima che ha permesso negli ultimi due anni e mezzo agli organi esecutivi e legislativi di assumere decisioni in base a uno stato emergenziale continuo, che ha fatto diventare il rinnovo del Presidente della Repubblica figura di garante della Costituzione prassi ordinaria dell’ordinamento democratico, che ha permesso di piegare a ripetizione la Costituzione in materie delicatissime come la giustizia, il diritto della salute, il diritto al lavoro, il ripudio della guerra come mezzo di soluzione delle controversie internazionali, che ha sostituito in pianta stabile la rappresentanza elettorale e la formazione di agende riformiste con governi tecnici incaricati di mettere in ordine il registro dei conti da presentare ai creditori internazionali.

Più che perdere tempo per gridare all’irresponsabilità di Conte e dei 5stelle superstiti, le prime pagine dei giornali dovrebbero forse chiedersi: cosa sta succedendo alla democrazia italiana? E a chi risponde chi governa il paese?

solo16invierebbearmiUcrainaE’ di oggi un sondaggio che certifica che solo il 16% di italiani è favorevole all’invio delle armi all’Ucraina. A che titolo il vecchio Draghi continua a chiedere il segreto di stato e a spedire armi per alimentare una guerra senza fine? Perché presidente Matterella avalla queste scelte? In base a quali norme il presidente Amato giustifica la partecipazione bellica dell’Italia a un conflitto che si dovrebbe cercare in ogni modo di evitare? E perché il Parlamento vota la fiducia a un premier che decide tutto da solo?

Forse il problema dello sfascio della nazione e dell’arrivo di un autunno dolorosissimo non è solo colpa di Conte e dei superstiti grillini. Forse il populismo non è la vera malattia, ma è solo il sintomo di un male più profondo e molto più devastante: la dissoluzione lenta e silenziosa dei principi portanti della democrazia liberale.

 

*Docente in Sociologia presso l'Università di Trento

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

con una carta oppure con l'App PayPal dal tuo smartphone, scansionando il QR Code che segue qrcode

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

Clicky

 

 

 

 

Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici