fbpx

Internet e gli italiani

internet italianidi Matteo Oi - "Ha deciso il popolo di internet!" una frase che in Italia dovrebbe far paura e far riflettere. Nell'era della politica su facebook, twitter e i blog in cui non sono più le sedi, i circoli e le sezioni i luoghi della democrazia e del dibattito politico bisogna fare i conti con la realtà.

Perché in Italia, al netto dei vari spot del "bisogna digitalizzare..." per finire puntualmente con il costruire un gigante di ferro con i piedi d'argilla perché mentre buona parte della burocrazia, dell'amministrazione ed anche della scuola è in formato digitale gli italiani non lo sono, non tutti sono in condizione di accedere ad internet.

La fotografia dell'Istat parla chiaro: il 40% delle famiglie italiane non ha accesso ad internet da casa, tra il nord e il sud del paese c'è una forbice di quasi 10 punti percentuali e il divario tra le famiglie in cui il capofamiglia è un operaio e quelle in cui è un dirigente, un imprenditore o un libero professionista risulta di circa 19 punti percentuali.

Questi sono problemi risolvibili abbastanza facilmente, si tratta d'investire, costruire infrastrutture, ridurre il costo della banda larga o ampliare i progetti delle "smart cities". Il vero problema è l'uso che gli italiani fanno d'internet perché mentre la comunicazione tramite mail, chat e social network è una pratica con cui non si hanno più difficoltà e il 58% consulta siti d'informazione, e qui si dovrebbe aprire una grossa parentesi sugli italiani che credono alle numerose bufale che circolano su internet, solo il 20% esprime sul web la propria idea su un tema sociale e politico e la metà partecipa a consultazioni, sondaggi e votazioni a carattere socio-politico.

Alla fine di quel popolo del web dei 38 milioni di utenti solo il 10% partecipa alla democrazia digitale. Per questo sono del parere che finché dai banchi di scuola fino ai banconi dei bar non ci sarà quel senso di misura e quelle capacità critiche per saper utilizzare al meglio e bene le tecnologie d'informazione e comunicazione la democrazia del web semplicemente non funziona.

La riproduzione di quest'articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it

Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici