fbpx
Menu
A+ A A-

Gianfranco Schietroma intervistato da Mazzocchi

TAV, FCA, Capoluogo

GFSchietroma minNella provincia di Frosinone, oltre a molti altri avvenimenti, ci sono due fatti di rilievo: la TAV e la Fca. Lei come valuta la TAV, considerando che rimangono molte incognite, tanto più che sarebbe un servizio, soprattutto per i costi, che non favorisce un vasto pubblico di utenti ?

RISPOSTA: La TAV è un progetto veramente ambizioso ed entusiasmante perchè dà concrete possibilità alla provincia di Frosinone di crescere e di svilupparsi in modo davvero enorme. Sta a noi tutti essere sul serio consapevoli di questa straordinaria opportunità per il nostro territorio ed avere la capacità di fare squadra, mettendo da parte le polemiche e le contrapposizioni, per cogliere appieno tutti gli aspetti positivi a favore dell'intera provincia. E' chiaro che bisogna adoperarsi anche per favorire un pubblico di utenti sempre più vasto. Ma voglio sottolineare quanto ha detto l'Amministratore delegato di FS, ing. Gianfranco Battisti, e cioè che “la provincia di Frosinone con l'Alta Velocità può entrare in un circuito internazionale”. Ciò, tra l'altro, porterebbe notevoli benefici pure per lo sviluppo turistico del nostro territorio, auspicato da anni.

Il futuro dello stabilimento di Cassino, i cui lavoratori sono stati messi in C.I. dall'11 giugno sino al 10 luglio, e soprattutto del suo indotto, rimane ancora molto incerto, visto anche che la “Cassa Covid” (decreto rilancio del governo) potrà essere utilizzata a partire da settembre. Così come anche va sottolineato il ruolo della Regione che sembra molto defilato rispetto alla multinazionale. Quale è in merito la sua opinione ?

R.: Sono molto preoccupato per la grave situazione in cui versano le aziende della provincia di Frosinone. Del resto l'emergenza sanitaria ha messo in grave disagio anche aziende di una certa consistenza. Per evitare che l'autunno sia disastroso occorrono, a mio avviso, forti interventi a fondo perduto, da concedere con procedure rapide e snelle non solo alle piccole, ma anche alle medie aziende, a tutela dei numerosi lavoratori del territorio. Proprio in tal senso ho scritto nei giorni scorsi una lettera aperta al Presidente della Regione Zingaretti, anche per il suo importantissimo ruolo nazionale. E' evidente che lo stabilimento Fca di Cassino– Piedimonte S.Germano rappresenta un caso a parte, per la davvero notevole rilevanza delle sue dimensioni e del suo indotto. Mi auguro che da parte del Governo e della Regione vi sia un'immediata attenzione, adeguata alla particolare importanza dello stabilimento in questione.

In molti comuni della provincia si va al voto, come sembra a settembre, per il rinnovo dei Consigli comunali. Il PSI che ruolo intende svolgere ?

R.: I socialisti considerano da sempre le elezioni comunali le più importanti in assoluto, anche in ossequio alla storia del nostro Paese, che è fondata sulle municipalità. Il PSI sarà presente alle prossime elezioni comunali di settembre in provincia di Frosinone con propri candidati in tutti i comuni interessati, con una particolare attenzione al comune di Ceccano, il quale, essendo l'unico superiore ai 15mila abitanti, ha certamente una maggiore valenza politica. Il PSI si presenterà a Ceccano con una propria lista e con il proprio simbolo del garofano, in un'ampia coalizione, capeggiata dal candidato civico a Sindaco Marco Corsi, in alternativa al candidato della destra Caligiore.

Il comune di Frosinone è governato dal centrodestra. Come vede lei una possibile alternativa?

R.: Voglio essere estremamente franco. Innanzitutto bisogna capire se, questa volta, il PD intende correre per vincere o soltanto per partecipare. Il PSI, l'altra volta, ha compiuto un grosso sacrificio, ritirando all'ultimo momento il proprio ottimo candidato, Vincenzo Iacovissi, il quale, con grande senso di responsabilità, ha fatto un passo indietro per l'unità del controsinistra. Questo sacrificio, purtroppo, è risultato inutile, nonostante l'eccellente candidatura del dott. Fabrizio Cristofari, anche perchè il PD, alle ultime elezioni comunali, ha evidentemente corso solo per partecipare, presentando una lista in cui ben dieci candidati hanno ottenuto zero voti. Comunque, mettiamo da parte il passato, facciamo tutti tesoro degli errori compiuti e guardiamo al futuro, lavorando ad una coalizione forte con le idee giuste per la crescita del Capoluogo, partendo innanzitutto dalla realizzazione della Città Intercomunale, un progetto questo che, unitamente a quello TAV, può essere decisivo per lo sviluppo del territorio.

 

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

D. 5): Il PSI è un partito di sinistra. Quale potrebbe essere il suo ruolo per una affermazione della sinistra in Italia ?
R.: Il PSI, per storia, cultura e tradizioni, ha le carte in regola per pretendere, ad ogni livello, il rispetto di quei valori fondanti della sinistra italiana che fanno riferimento agli essenziali diritti di libertà, di democrazia, di giustizia sociale e di difesa soprattutto dei più deboli. Ed è importante che in un mondo politico sempre più contraddistinto da trasformismi di ogni genere, ci sia un partito -il PSI- che, pur nelle oggettive difficoltà della realtà odierna, esprime ancora oggi coerenza di idee e di comportamenti. Non siamo soli. Ad esempio ho apprezzato molto il recente intervento, pubblicato il 30 maggio scorso, del compagno Ermisio Mazzocchi, esponente storico del PD appartenente alla tradizione comunista, il quale ha svolto un'analisi puntuale e coraggiosa sulle difficoltà attuali della sinistra. Qualcosa si muove. Noi socialisti ci siamo; ci siamo con convinzione e con una classe dirigente nuova e competente, guidata dal Segretario nazionale Enzo Maraio e dal Vice Segretario Vincenzo Iacovissi. Avanti per la crescita economica e per la giustizia sociale !

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici