fbpx
Menu
A+ A A-

Un democratico percorso di riunificazione plurale

Come si manifestano i bisogni di unità sociale e politica. Ascoltarli, capirli, ricondurli a incontrarsi

folla350 mindi Donato Galeone - “E' ora di un percorso democratico di riunificazione plurale” leggo in un documento approvato il 23 maggio scorso dalla formazione politica ARTICOLO UNO e diffuso in forma di “lettera” il 7 luglio 2020.

Il riferimento è all'area politica e culturale composta dal “partito democratico” e da tutte le forze che a “sinistra e nell'ambientalismo” condividono l'ambizione di governare questa straordinaria fase di cambiamento e da larghi strati dell'associazionismo laico e cattolico, del civismo e della cultura che si sono mobilitati in questi anni per la giustizia e per i diritti.

E in quella lettera è sottolineato e marcato chiaramente che è necessario ed utile chiarire il ruolo del Partito Democratico “dissolvendo l'alone di ambiguità” oltre a definire le “modalità del percorso democratico” di riunificazione plurale.

A me pare che la “sottolineatura sull'alone di ambiguità” verso un partito, evidenziata in quella lettera, peraltro, condivisa anche da fuoriusciti - volutamente - dal Partito Democratico, non favorisce, nella chiarezza voluta quell'annunciato “percorso democratico”. Neppure supera quell'alone di ambiguità irriguardosa, quali parole lanciate al vento e non, invece, mirati verso comportamenti, verificati, nei fatti politici e pratici possibili nelle azioni di un partito di cittadini o di un sindacato di lavoratori che sono essenziali “corpi intermedi politici e sociali” di una società democratica.
Sul percorso democratico plurale e la politica democratica

Quante e tante persone, cittadini e lavoratori, hanno volontariamente costituito associazioni politiche e sindacali, di scopi comunitari e culturali con l'informazione locale a dimensione globale, tutte aggregazioni, mirate ai “cambiamenti immediati e futuri” mediante confronto aperto nel contesto della politica democratica.

In una società democratica la politica non deve avere, necessariamente, la finalità del potere quale fine ultimo. La “scelta dei fini” tra le persone sia sulla concezione della vita che del mondo, nella molteplicità e diversità delle idee, costituisce l'irrinunciabile confronto verso risultati di convivenza comunitaria.

Oggi il percorso politico democratico, rispetto al secolo scorso, tende a superare le tre tradizionali concezioni - quella cristiana, liberale e socialista - con le rispettive loro identità di partito. Tutto ciò avviene perché la società, nel terzo millennio, continua a crescere diversamente sia in culture che nelle idee e, conseguentemente, le identità sono molteplici e complesse nel relazionarsi, con il lavoro e nei consumi, non certamente nella“identificazione nazionalistica conservatrice”ma sul percorso democratico plurale nei territori e per una politica democratica.

Le tradizionali caratteristiche tra centri metropolitani e periferie con le province e loro aree interne, nella dimensione regionale, si presenteranno sempre più differenziate e interconnesse con legami spontanei di “comunità territoriale” quale potenziale protagonista dello “sviluppo locale multiculturale”.

Così come per la “salvaguardia ambientale e gli inquinamenti” la società del XXI secolo deve e dovrà affrontare la “crisi ecologia” che investe tanto il nostro Paese quanto il pianeta Terra. Urge sviluppare un rapporto continuo tra scienza, tecnologia ed economia mediante progettati interventi di risanamento territoriale e di bonifica locale.
Sul percorso laico non egemonico plurale per la politica democratica

Il “confronto laico libero” - da sviluppare tra le diverse appartenenze alle culture politiche e sociali dignitose delle rispettive identità sia ideologiche che confessionali - può superare il cosiddetto antidoto alle “identità armate” che - anche mio avviso - era ed è questo confronto che caratterizza il “compito di una politica democratica”.

Sottoscrivevo ieri 2017 e sottoscrivo oggi che la libertà laica del “confronto sui contenuti economici sociali del lavoro ed umane delle persone” - non ideologica o confessionale - favorisce ad orientare sia le appartenenze che le identità ed apre verso il superamento delle proprie chiusure e intransigenze con reciproca comprensione e cooperazione, abbattendo pregiudizi ed eventuali rendite personali di posizioni politiche, oltre a smascherare possibili conformismi o tattiche menzognere. Permette, innanzitutto, di fare emergere la “libertà e la sincerità” contenendo sia le paure che l'incertezza, quanto i disagi, stimolando coraggio e intraprendenza.

Sinistra o centro sinistra e destra o centrodestra del futuro

Il percorso democratico plurale di riunificazione dovrebbe differenziarsi con le proprie scelte e azioni solidali verso i cambiamenti epocali del futuro, col ripudio della conservazione, degli egoismi e aprendo al diverso, con l'occhio attento alla inclusione sociale. Promuovendo percorsi di vitalità sociale ed economica delle persone con la lotta per il lavoro e le pari opportunità, mirate a soddisfare al meglio i nuovi bisogni attesi dalle comunità.

La politica democratica ha bisogno di una leva adeguata di politici

Anche il percorso democratico di riunificazione plurale deve e dovrà – mediante una leva di politici giovani e meno giovani – acquisire abilità e competenze multifunzionali, essenzialmente, nell'ambito del diritto pubblico in evoluzione, avendo capacità di ascolto, mediazione e sintesi propositive, recependo dal basso le domande sociali dei cittadini e dei lavoratori con i loro sindacati.

Penso e ritengo, quindi, che una politica democratica nella riunificazione plurale di partito democratico aperto debba - chiaramente - avere capacità statutaria e pratica di auto riformarsi, consapevolmente, anche nella dirigenza eletta volta volta ad ogni livello, considerando che è incaricata a rendere un “servizio ai cittadini e alle comunità”.

 

L'articolo citato da Donato Galeone è possibile scaricarlo da link che segue

 

Files:
zip.png Il tempo di provarci è ora
(0 voti)

Il tempo di provarci è ora. Lettera aperta ai compagni di Articolo Uno di Antonio Floridia, 7 Luglio 2020 pubblicato su https://articolo1mdp.it/

Data 2020-07-09 Dimensioni del File 126.69 KB Download 10 Scarica

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Torna in alto

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici