fbpx
Menu
A+ A A-

Rituali da sette segrete

  • Scritto da  Carla Corsetti

Analisi, Denunce, Dibattiti, Opinioni

Risarcire le donne vittime di questo orribile rituale

di Carla Corsetti
orribilirituali 350 minA Roma è in vigore una procedura fascista e cattolica che consente alla società AMA, che si occupa dei servizi cimiteriali, di concerto con le ASL, di seppellire i feti in un’area dedicata.

La barbarie ordita dalle istituzioni romane, che trae origine da una norma del 1939, non si limita alla sepoltura, ma si arricchisce di un ulteriore passaggio inquietante: sul feto sepolto viene eretta una croce e sulla croce viene indicato il nome della madre che ha abortito, dando per scontato, peraltro, che il feto e la madre appartengano alla setta cattolica.

Ora, se avessero inciso su quelle croci il nome del padre, che almeno nel 90% dei casi è responsabile per non essere stato in grado di controllare la propria eiaculazione costringendo la donna ad abortire, di sicuro le istituzioni romane sarebbero corse ai ripari e si sarebbero sollecitate per impedire che fosse reso noto il nome dei fecondatori.

Invece mettere sulle croci cimiteriali il nome della donna che ha abortito, ha il duplice vantaggio per i perversi antiabortisti, di violare la riservatezza delle persone interessate, e nel contempo esporle alla pubblica condanna morale, insomma tutto questo marciume ha lo scopo di infliggere un marchio indelebile e stigmatizzare una scelta.

Sarebbe interessante valutare una ipotesi risarcitoria in favore di ognuna di quelle donne, e che a pagare fossero i vertici delle ASL che hanno violato la privacy lasciando intendere che l’assenso alla registrazione dei feti con il nominativo della madre dovesse rimanere nella riservatezza di una cartella clinica, ma anche i vertici dell’AMA che hanno reso pubblici nominativi che dovevano rimanere non violati, e infine il Comune di Roma i cui amministratori, appartenenti alla setta dei contatori di scontrini e apritori di scatolette, hanno consentito che i regolamenti di polizia mortuaria potessero avvitarsi in simili vergognose prassi.
I responsabili dovranno risarcire le donne vittime di questo orribile rituale, solo così potranno capire la gravità di ciò che hanno fatto.

Sperare nella presa di coscienza di chi aveva la responsabilità di impedire tutto ciò, o sperare che i cattolici e le cattoliche romane facciano sentire la loro voce in dissenso, è una pura illusione, e del resto non è la prima volta che la storia del cattolicesimo italiano si connota di simili bassezze.

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Torna in alto

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici