fbpx
Menu
A+ A A-

Tra le onde cristiane e crociane nello stagno di Alteri

 Il didattito aperto da Ivano Alteri

 Queste, Ivano, sono le mie immediate e personali onde riflesse prodotte dal tuo sasso nello stagno

di Donato Galeone
Dibattito 370 minDa “Un Sasso nello Stagno” - già con vigorosa sensibilità politica giovanile comunista - Ivano Alteri evidenzia il comportamento del prete di Sgurgola che, in Chiesa, nei i comizi con omelia tendeva a scomunicarlo senza colpa e una donna incaricata dal suo Parroco di distribuire i ramoscelli di ulivo benedetto durante la processione della Domenica delle Palme - lo saltava - e riprendeva a darli a quelli che lo seguivano - non comunisti - mentre altra donna assidua frequentatrice dei riti religiosi, non solo la domenica, votava e faceva votare PCI come segno di coerenza, scrive Ivano, con quanto religiosamente credeva (nell'aiuto agli ultimi e poveri).

Oltre alla pressione politica strumentale in Chiesa del prete che la contraddizione del comportamento diversificato delle due donne, nonché, la “visione affollata” della inaugurazione di un “Nuovo Centro Commerciale” e il “quasi nessuna persona” davanti al piazzale di una Chiesa non poteva non favorire – superato un minimo d'infantilismo politico praticato in quegli anni – una “consapevole scelta profondamente complessiva sulle cose del mondo” ed essenzialmente domandarsi, tre volte, scrive Ivano: “Tu da che parte stai?”

Sulla perfezione o imperfezione dell'essere uomo (o donna) Ivano sottolinea che l'allontanamento da Dio verso l'Io ripropone l'esistenza o non esistenza di Dio ma per un puro atto di intelligenza in quanto “l'esistenza di Dio è bellissima e l'idea di Dio è meravigliosa”. Aggiunge che nella persistente condizione di non credente la presenza ineliminabile di Dio non abbia di per se potuto mutare il suo rapporto con la fede, pur domandandosi: Cosa è accaduto? Come è possibile che ciò sia avvenuto ?

Segnalo a Ivano, se vogliamo richiamarci a Sant'Agostino, che “l'Io è oscurità”. Perché il vero oggetto dell'amore di Di Dio è “la luce dell'uomo interiore che c'è in noi e ci permette di compiere e insieme di superare noi stessi, in quanto ci assegna un punto di prospettiva da cui possiamo vedere come dall'alto, e così distaccarci e liberarci dalle oscurità dell'ego (Io)” che, certamente, fa parte della condizione umana ma che nella prospettiva di fede non è né l'origine da cui veniamo e neppure il fine verso cui andiamo.

E anche il laico Fratel Daniel del Monastero di Bose, meditando il Vangelo e richiamandosi a Sant'Agostino, scrive che “tutti siamo religiosi anche l'ateo, l'agnostico o il laico puro e duro. Ognuno, infatti, adora qualcuno o qualcosa, fosse anche il proprio “IO” e questa è, tra l'altro, la peggiore delle religioni”.

Solo il domandarci - come tu scrivi - sulla nostra venuta al mondo con la nascita, aprendo per la prima volta e dolorosamente i polmoni alla vita e senza smettere fino alla fine dei nostri giorni, è misteriosamente un dono del Dio-Creatore!! E siamo, umanamente, non solo, il “Primo Bersaglio” dell'amore di Dio ma siamo stati creati con un primo proposito della nostra vita, cioè, siamo stati progettati per compiacere a Dio e Dio ci ha creati per poterci compiacere.

Mi permetto indicare che nella Apocalisse (4-11) si legge “ Tu, Dio, hai creato tutte le cose, e per Tua volontà furono create ed esistono” e noi umani siamo amministratori di tutto ciò che Tu ci hai dato. Siamo, certamente, nati e modellati dal Creatore che ci ha dato le capacità per servire, non per nostro utile, ma per solidarizzare con altre persone. E quel servire si concretizza imparando a conoscere i doni e i talenti che Dio ha messo nelle nostre vite terrene sviluppandoli.

Queste, Ivano, sono le mie immediate e personali onde riflesse prodotte dal lancio del tuo sasso nello stagno, mentre sul “perché non possiamo non dirci o chiamarci cristiani” richiamandoci al filoso liberale Benedetto Croce e al suo sbigottimento di fronte agli orrori del nazismo anch'io penso che non può non assumere valenza storica l'osservazione sul “Cristianesimo che è stata la più grande storia che l'umanità abbia mai compiuta e che possa apparire un miracolo, una rivelazione dall'alto, un diretto intervento di Dio nelle cose umane”.

Scrivi che l'ampio riconoscimento crociano al cristianesimo e ai suoi valori fondativi ti hanno commosso e pensando - ancora oggi - alle cose del mondo giungi a parafrasare il messaggio dello stesso filosofo che “ non possiamo non dirci crociani” pur rilevando che le critiche della Chiesa a Benedetto Croce non furono benevoli e in particolare sulla insistenza del filoso liberale nella caratterizzazione terrena del cristianesimo.

Così come - concludendo - con quel lancio del tuo sasso nello stagno tanto con la riflessione crociana quanto nei rapporti con i valori fondanti del cristianesimo e della sua Chiesa non potevi non coinvolgere, storicamente, gli uomini e le politiche della sinistra che ha “rinunciato a confrontarsi con la più grande rivoluzione di tutti i tempi”.

Tu osservi e pensi che niente è perduto e che “ci si sarebbe aspettati, ma forse è pretendere troppo, che una tale riflessione avvenisse all'atto della fondazione di quel partito, il PD, che diceva di voler ricongiungere le radici storiche della sinistra, del cattolicesimo popolare e del liberalismo”.

Questa tua osservazione, caro Ivano, sulla strutturazione di un PD progressista e riformista richiederebbe il lancio di “altro sasso nello stagno” sulla democrazia partecipata che significa: sostegno alla dignità della persona umana e il rispetto per i diritti umani, affrontando le disuguaglianze e integrando ambiente, lavoro e occupazione locale vera, nella dimensione europea, mediante “uno sviluppo tecnologico ed economico che se non lascia dietro di se un mondo migliore e una qualità di vita integralmente più elevata, non può essere considerato un progresso”.
(DG)
Dalla marina di Leporano, 13 ottobre 2020

Torna in alto

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici