fbpx
Menu
A+ A A-

"Orizzonte Scuola" prende le distanze dal Ministro

 Scuola senza pace

 Una lettera inviata alla Ministra Lucia Azzolina

di Antonella Necci
LuciaAzzolina 370 minCiò che sconcerta in queste giornate di "fase 3" sono le posizioni rigide ed inspiegabili contro la scuola e i suoi attori.

Si riversano accuse sugli ambienti scolastici che pure, nonostante tutto, sono posti in sicurezza. Si incolpano gli studenti, perché diffusori sani di virus replicanti.
Si punta il dito contro i mezzi di trasporto che non garantiscono le distanze di sicurezza, soprattutto nelle ore di punta, segno che il mondo del lavoro non si è bloccato del tutto, anche se la quantità di gente in giro è di certo ridotta di un buon 50%.

Ciononostante, nella frenesia del pre-chiusura, in questo lockdown light, in questa fase tre oltre la quale c'è solo la fase quattro e il baratro, in questo clima di animati dissapori e di chiusure randomiche, per salvare il Natale consumistico a cui tutti tengono, non si capisce come e perché, si è pensato alla diabolica soluzione: la questione strettamente legata alla sicurezza in ambiente scolastico si risolverà solo con gli studenti tutti a casa e con i professori tutti a scuola.

Nessuna ironia in questo.
Qualcuno potrebbe vedere la follia in tutto ciò, ma Amleto, di Shakespeariana memoria, direbbe che esiste molta logica in questa follia.
L'Italia del resto non sarebbe la sola a volere le scuole aperte anche in fase quattro, anche all'apertura del baratro.

La scuola, improvvisamente, è diventata l'ago della bilancia politica. La scuola, vivaio di possibili voti politici strappati ai neo-diciottenni, diventa quello che tutti i governi, di destra, di sinistra, di centro, hanno sempre cercato sistematicamente di distruggere. La scuola diventa oggi il simulacro della cultura del futuro.
I professori, dunque, novelli vestali, sono chiamati a mantenere viva la fiamma della cultura. Guai a spegnerla. Guai a distrarsi. Come le vestali dell'antica Roma, essi rischiano la morte. E non solo a livello metaforico.
I professori, però, abituati a formare alla logica, al senso critico, al ragionamento menti giovani e ricettive, votati alla missione educativa e malpagati, sia pure con l'educazione e la correttezza che li contraddistingue, si sentono mal rappresentati da chi usa solo una logica politica adatta a chi, pur con una ciambella di salvataggio, vede arrivare agli sgoccioli i propri poteri politici.

Il segnale evidente di tale prossimo naufragio lo si nota da tanti piccoli, insignificanti particolari.
Uno di questi minimi particolari sono quei quotidiani filoministeriali che hanno sempre plaudito e sempre informato il personale scolastico sulle indicazioni provenienti dall'alto.
Sto parlando di Orizzonte Scuola. Quotidiano online che solo in rarissimi casi ha espresso una opinione critica contro ministri dell'istruzione, o presidi ambiziosi e arrivisti. Anzi. Magari ha dato voce proprio a questi individui. Articoli di vero e proprio terrorismo psicologico nei confronti di una categoria, quella degli insegnanti, schiavizzata fino all'inverosimile.
Eppure, proprio oggi, Orizzonte Scuola, pubblica una lettera di una insegnante, che da ciò che scrive, manifesta delusione e amarezza per aver creduto in ciò che non si è realizzato. Speranze politiche deluse. Aspirazioni andate in frantumi.

Brutta storia quando si ribellano anche i tuoi stessi "prodi".

«Inviato da Rossana Fois – Signora Ministra della Pubblica Istruzione
Signori Ministri
Forse bisognerebbe iniziare a pensare che, nella gestione dell’emergenza in cui ci troviamo immersi, qualche errore è stato commesso e cercare, per quanto possibile, di porvi rimedio.

Tanto per iniziare, siete certi che la riapertura delle scuole, in queste condizioni, sia stata una buona idea? Intendo, senza aver risolto alcun problema se non l’acquisto dei famosi banchi monoposto che – davvero – non separano significativamente nulla in classi che sono rimaste pollaio, tanto per usare una definizione a Lei tanto cara, Signora Ministra?

Credete che sarebbe stato possibile evitare tanti contagi senza intervenire efficacemente sui trasporti? Troppo facile, a questo proposito, scaricare responsabilità su chi non può averle e che è costretto ad utilizzare i mezzi pubblici per recarsi a scuola o al lavoro.
Lei, Signora Ministra, non ha fatto altro che ripetere che la scuola è un luogo sicuro. Potrebbe cortesemente spiegare il significato di ciò che dice? La scuola non è forse parte della società o esiste su un altro pianeta? Come si fa a sostenere che la diffusione del virus tra personale scolastico e studenti non è significativa? La scuola è fatta di persone che si muovono e interagiscono all’interno e all’esterno, in famiglia e nella società.
Mi chiedo e Le chiedo: davvero credete a quello che dite e pensate che la gente Vi creda?

Avete consultato esperti, tecnici, scienziati e virologi più o meno affidabili. Vi hanno dato consigli e suggerimenti che, puntualmente, sono stati ridimensionati per necessità e adattati alla situazione contingente. Così, anziché adattare gli spazi alle misure più adeguate a contenere la diffusione del virus, avete adattato – assurdamente – tali misure agli spazi, che rimangono gli stessi. Pertanto: trasporti pubblici stracarichi, aule scolastiche stipate all’inverosimile – mascherine si, mascherine no. Distanziamenti: si passa da due a un metro tra “rime bucali”, ma anche meno va bene, purché ci sia ricambio d’aria e mascherina calzata, ma anche no….

Cosa pensereste di qualcuno che dice una cosa e ne sostiene un’altra? Vi fidereste? Certo, avete ereditato un sistema sociale deteriorato da anni di incuria e tagli indiscriminati, ma non ci si può sempre difendere accusando gli altri della propria incapacità di azione e mancanza di coraggio politico.
Ora, davvero pensate che si possa sanare una condizione sfuggita di mano chiudendo bar e ristoranti alle 18.00 e lasciando aperti i centri commerciali anche la domenica? Chiudere cinema, teatri e palestre è una buona idea? Si nasconde in questi luoghi il virus malefico?
Abbiate almeno l’onestà di dirVi che avete fallito.

Oggi nelle nostre scuole ci troviamo, nuovamente, davanti a banchi vuoti, cercando di far funzionare strumenti tecnologici, spesso insufficienti. Eppure avevamo creduto o sperato che da marzo ad oggi qualcosa di concreto si sarebbe realizzato, in termini di sicurezza. Avevamo sperato di riprendere il lavoro con i nostri studenti, serenamente e costruttivamente.
Avete affidato alla scuola un compito e una responsabilità enormi. Su di essa avete lanciato la Vostra sfida politica. Sulla nostra pelle avete giocato un gioco pericoloso. Noi insegnanti non avevamo mai pensato che la scuola potesse essere il motore economico della società, certo non nel senso che intendete Voi. Se davvero la scuola è così importante, come mai la classe docente è così anziana, mal pagata, spesso insultata e frustrata, eppure nonostante tutto continua, stoicamente a svolgere il proprio lavoro, come ha sempre fatto, credendoci, nonostante i problemi e le difficoltà e il proprio compito non è, badate bene, quello di supplire a servizi inesistenti. La scuola non è, come qualcuno crede, un parcheggio per figli che altrimenti non si saprebbe dove “depositare”. La scuola è altro, è qualcosa di più importante di questo e Lei, Signora Ministra, se è vero che è stata insegnante, dovrebbe saperlo.»

 

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Pubblicato in Insegnanti
Torna in alto

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici