fbpx
Menu
A+ A A-

Appello Alteri, Galeone, Notarcola e Pellecchia: Adesioni

 

Condividiamo analisi e obiettivi

di Bene Comune per Cassino
Il lavoro per rinascereL’appello promosso da Alteri, Galeone, Notarcola e Pellecchia, cui ha aderito Unoetre.it ci sembra opportuno e condivisibile, per cui anche l’Associazione Bene Comune per Cassino ritiene di poterlo condividere e di dover contribuire alla sua diffusione. Vanno condivisi sia l’analisi da cui esso scaturisce si agli obiettivi che vengono indicati per contribuire ad un rilancio del territorio provinciale duramente colpito dalla crisi che stiamo vivendo vieppiù aggravata dalla pandemia che amplifica, come è ormai palese, le situazioni e le condizioni di difficoltà socioeconomica storicamente endemiche che caratterizzano la provincia di Frosinone. Ci sembra però giusto contribuire anche con alcune riflessioni e proposte che sono il risultato di una analisi e di una elaborazione che portiamo avanti dalla nascita della Associazione, ormai da alcuni anni.

Anche noi siamo convinti che Il territorio abbia bisogno di robusti Piani di investimento pubblico volti a ristrutturare il mondo del lavoro e le infrastrutture tradizionali; a creare quelle tecnologicamente nuove nel rispetto della green economy, che deve essere l’obiettivo cui tendere per sviluppare una nuova stagione del rilancio e della crescita economica. Occorre, a nostro avviso utilizzare al meglio le opportunità che offre la scelta che ci viene dal governo col cosiddetto “superbonus” per la riconversione green dell’edilizia pubblica e privata: si potrebbe cominciare con l’elaborazione di un grande Piano di riconversione del patrimonio edilizio pubblico (Scuole, ospedali. edilizia sovvenzionata e convenzionata ecc.). In senso più generale, va chiesto ai Partiti e al Sindacato, pilastri della nostra democrazia, uno sforzo straordinario di rinnovamento, condizione imprescindibile per una ripresa della fiducia nelle Istituzioni e nella politica, una ripresa, cioè, delle forze progressiste mortificate dalla supina e acritica adesione al pensiero unico e alle verità del neoliberismo. Queste forze debbono inoltre porsi l’obiettivo non più rinviabile di elaborare la proposta di un nuovo Welfare capace di colmare il gap con il mondo del lavoro e con la società per comprendere le nuove forme che ormai da decenni ha assunto il lavoro sotto l’impulso delle nuove tecnologie e alla luce dei nuovi bisogni di una società profondamente modificata a cavallo dei due secoli. Così come debbono porsi l’obiettivo di regolamentare in modo nuovo e più adeguato alle nuove richieste ed esigenze la rappresentanza sindacale nei luoghi di lavoro e la rappresentanza civile e politica nella società.

Un ruolo più incisivo va richiesto in questa fase ai Comuni per la loro vicinanza ai cittadini e ai loro problemi ed esigenze. A essi va richiesto un impegno straordinario per l’elaborazione di proposte serie per l’utilizzo dei fondi del recovery che, pare, arriveranno per la prossima primavera-estate. Ogni comune dovrà, a nostro avviso, partire organizzando una Convenzione dei Beni Comuni per il miglior utilizzo dell’immenso patrimonio (storico-culturale e naturalistico-ambientale), vera e propria ricchezza-risorsa di cui dispone il nostro Paese.

Siamo d’accordo anche sul fatto che la Scuola e la Sanità pubblica debbano essere al centro dello sforzo necessario che lo Stato, in tutte le sue articolazioni, deve impegnare per uscire dalla crisi drammatica che sta vivendo. Sia la Scuola che la Sanità debbono essere gestite centralmente dallo Stato, per assicurare uguaglianza di trattamento a tutti i cittadini e per evitare di assistere a spettacoli indecorosi come quello cui abbiamo assistito in piena pandemia nelle scorse settimane, quando ogni “governatore “ sembrava diventato proprietario della sanità della sua regione, mostrando di avere a cuore più la necessità di controllare quella che è la voce più importante del bilancio regionale, piuttosto che la salute pubblica e la parità di trattamento dei cittadini sancita dalla Costituzione. La Scuola ha il compito centrale e strategico di formare quella che oggi è chiamata cittadinanza attiva, oltre che il compito di formare i cittadini in modo che acquisiscano gli strumenti culturali che li metteranno in grado di essere sempre all’altezza di padroneggiare le evoluzioni e gli sviluppi che il progresso tecnologico e scientifico impone al lavoro, salvaguardando così la loro dignità. Il diritto alla Salute, infine, deve diventare sempre più un diritto fondamentale garantito per tutti e la sua fruizione non può essere legata al reddito di ciascuno. Occorre pensare sempre più ad una dimensione territoriale e di vicinanza di essa, magari (e ciò specie nella nostra Regione) recuperando e riaprendo all’uso tutti i piccoli ospedali chiusi per recuperare il deficit che una conduzione dissennata del sistema sanitario pubblico regionalizzato aveva portato, negli anni passati, sull’orlo del fallimento.

Cassino, 16 novembre 2020.

Bene Comune per Cassino
Luigi DI MARCO -Presidente
Ernesto COSSUTO -Segretario

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/uu98r6be/domains/unoetre.it/public_html/templates/gk_news/html/com_k2/templates/default/tag.php on line 56 Leggi tutto...

Alteri: Lunga vita al Governo Giallo-Rosso

Analisi, Opinioni, Dibattiti

La storia ha prodotto un governo che nessuna mente avrebbe potuto mai progettare a tavolino

conte con mascherina 390 mindi Ivano Alteri.

Non sono avvezzo a sostenere i governi, ad essere “filo-governativo”. La mia esperienza, che è simile a quella di milioni di uomini e donne della sinistra, è fatta di estenuante opposizione. La storia italiana ha prodotto questo, per una buona parte degli italiani. Come molti altri, quindi, sono un cittadino d’opposizione, con tutte le inclinazioni del caso. Tra queste, c’è senz’altro quella di cercare sempre ciò che non va, piuttosto che rivendicare ciò che va.

Non è una buona inclinazione, per chi voglia rendere storicamente efficace la politica della propria parte. Ma ora la storia, che come si sa si burla spesso di noi, ha prodotto un governo che nessuna mente, neanche la più diabolica, avrebbe potuto mai progettare a tavolino: il governo Giallo-Rosso. Grazie al gesto inconsulto del Padano (“Che Dio benedica il Papeete!” [cit. Benny Taormina]), si sono ritrovati costretti a governare il Paese due partiti che se ne sono dette di tutti i colori, che pensavano entrambe, dichiaratamente, di essere destinati a scontrarsi l’uno contro l’altro, che si consideravano niente meno che nemici; ma i cui due popoli, al contrario, non si sentono nemici affatto; anzi, in buona parte coincidono e sono praticamente lo stesso popolo.

A questo si aggiunge che, sempre per quelle burle della storia, l’Europa proprio in questo momento stia cambiando direzione di centottanta gradi, e il Covid, con tutti i disastri che sta combinando nelle nostre vite, sta accelerando quel cambiamento rendendolo fulmineo. Quelle che si stanno presentando, quindi, sono delle occasioni storiche irripetibili, per entità delle risorse economiche disponibili e per la direzione della loro allocazione.

Ed allora, quella mala inclinazione a ricercare sempre quello che non va, bisogna metterla urgentemente da parte. E a fronte del rischio incombente di perdere l’occasione storica e irripetibile di costruire finalmente l’Italia degli italiani (e non più di lor signori), è mia opinione che gli uomini e le donne della sinistra, senza rinunciare mai al proprio spirito critico e a lottare per il bene comune, ed anzi proprio per questo, dovrebbero mettere al bando ogni ritrosia; e, con tutti i distinguo e le contraddizioni del caso, dire con voce tonante: Lunga Vita al Governo Giallo-Rosso!

Frosinone 17 settembre 2020

 

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/uu98r6be/domains/unoetre.it/public_html/templates/gk_news/html/com_k2/templates/default/tag.php on line 56 Leggi tutto...

Alteri: sciogliere i nodi venuti al pettine

crisidigoverno 400 mindi Ivano Alteri - È molto probabile che Salvini abbia commesso un grave errore tattico, potenzialmente letale, nel decidere di affossare il Governo Conte. Forse non ha considerato abbastanza che il massiccio consenso ricevuto dalla Lega alle scorse elezioni europee era molto legato, nella testa dei suoi nuovi elettori, proprio all'esistenza di quel governo, col quale Salvini e la Lega avevano ottenuto un potere politico e una visibilità del tutto insperati, di certo non proporzionati ai numeri ottenuti, invece, alle elezioni politiche. Per di più, forse non ha considerato abbastanza che, nonostante l'exploit della Lega alle europee, i suoi numeri nel parlamento italiano restavano gli stessi, ossia di molto inferiori a quelli dei 5Stelle, i quali, invece, con i propri avevano la possibilità di creare nuove maggioranze alternative (tra l'altro senza alcun ribaltone o inciucio, visto che dalle urne del 2018 non è uscita alcuna maggioranza). D'altronde, forse avrebbe dovuto già essere edotto da tempo che di tattica si può morire, come gli mostravano e dimostravano ampiamente le “generose” esperienze fornite dal Pd e dalla sinistra negli ultimi lustri.

Ora, però, grazie a quell'errore, e non certo per meriti altrui, possono aprirsi scenari che sembravano preclusi fino a qualche giorno fa. Lo scenario più accreditato sembra essere la creazione di una maggioranza parlamentare composta da M5S, Pd e Leu.

L'alleanza tra queste due aree sarebbe stata già possibile nel 2012, col Pd di Bersani che aveva non-vinto le elezioni (essendo il primo partito, ma senza i numeri per governare) e il M5S al 25%, ma l'impreparazione di quest'ultimo, e alcuni suoi originari tratti impolitici, impedirono che quella possibilità si concretizzasse; assistemmo allora allo scontro Cambiamento Vs Cambiamento. Poi quell'alleanza sarebbe stata possibile anche nel 2018, col M5S vincente e il Pd ai suoi minimi storici; ma quest'ultimo, tiranneggiato e decimato da Renzi, preferì la dieta del pop-corn, e anche allora non se ne fece niente. Forse è il caso di ricordare, ad entrambi i soggetti, che la mancata alleanza del 2012 causò la nascita del Governo Monti e la sua scia di lacrime e sangue per i cittadini italiani; e la mancata alleanza del 2018 causò la nascita del Governo Conte, svilito e strumentalizzato dalla deriva salviniana, stra-votata alle elezioni europee. Ma il tempo trascorso da allora potrebbe non essere trascorso invano, ed ora potrebbe prospettarsi davvero un concreto scenario di Cambiamento.

Sono note le opinioni di coloro che, sia nel campo del M5S sia in quello del Pd, considerano tale alleanza “innaturale”; ma se la politica è l'arte di rendere possibile ciò che è necessario, ed è necessario un cambiamento del Paese nel giusto verso, allora costoro dovrebbero meglio considerare che probabilmente è più “naturale”, o meno “innaturale”, un'alleanza tra M5S e Pd, piuttosto che quella tra M5S e Lega, o tra Pd e qualche parte inciucista della destra (com'è stato nel recente passato). Forse, ancora, dovrebbero meglio considerare che, con ogni probabilità, è proprio il “verso” che il Cambiamento prenderebbe con quell'alleanza, ad aver indotto Renzi e i suoi poteri di riferimento ad impedirla. Ora, invece, proprio Renzi è costretto a proporla, anche se sappiamo che della sua parola non ci si può fidare, e che il suo scopo è solo tentare di ipotecare ancora le vicende del Pd. Forse, però, ci si potrebbe fidare della parola del Pd zingarettiano, che prima o poi dovrà pur definire il proprio “verso”; ammesso però che si sciolgano anche le pregiudiziali nel campo 5S.

Sono molte le difficoltà che si frappongono alla creazione di tale alleanza; non ultima, proprio la capacità d'interdizione di Renzi e i “suoi” parlamentari; ma questi ultimi saranno “suoi” fino a quando non si prospetterà una nuova e reale alternativa, a fronte della quale avranno buoni argomenti per aggiornare la propria posizione, se non vorranno trasformarsi da “parlamentari di Renzi” in “capponi di Renzo”. In ogni caso, il carattere particolarmente ostico di quelle difficoltà potrebbe indurre i fautori del Cambiamento ad ignorarle e procedere purchessia; in questo modo, però, l'alleanza nascerebbe con non poche forzature e in evidente stato di necessità; e non è questo che serve. Ciò che serve, invece, sarebbe una sostanziosa e catartica autocritica del M5S e del Pd, a partire dalle idee sbagliate di ciascuno, secondo il nostro parere, e dai reciproci pregiudizi. In questo potrebbero essere aiutati da Leu, che ha mostrato nel tempo maggiore lungimiranza di entrambi.

Da parte nostra, vorremmo limitarci, da semplici tifosi, ad esprimere qualche parere preliminare, pre-programmatico, rivolto all'uno e all'altro soggetto.

Al M5S. Forse sarebbe il caso che il Movimento eliminasse dal proprio armamentario ideologico e propagandistico alcune idee sbagliate e pregiudizi che di buona politica non hanno nulla, ma che, al contrario, risultano particolarmente ostativi ad ogni cambiamento e urticanti al solo ascolto. Innanzitutto: gli elettori del Pd non sono pidioti, non sono come “quelli che vanno a letto con una vecchietta perché da giovane era una gran bella donna”, ma persone e cittadini che, nonostante tutto!, conservano la volontà di partecipare alla vita politica del Paese; a cui, tra l'altro, sono legati come pochi altri. In secondo luogo: la sinistra e la destra esistono nella condizione materiale di milioni di uomini e donne, nella concreta realtà sociale; la scelta di misconoscerlo equivale a “intelligenza col nemico”, per quanto inconsapevole, ed espone al sospetto di tradimento e collaborazionismo intenzionali; quindi, essere “né di destra, né di sinistra” è, a nostro parere, un'emerita sciocchezza; semmai, si è “di destra e di sinistra”. In terzo luogo: il “sono tutti uguali” non è soltanto falso e offensivo per chi non è “uguale”, ma anche carico di disfattismo e fallimenti rovinosi. In quarto luogo: la politica delle alleanze non è un'attività da inciucisti, ma una necessità ineliminabile dalla politica democratica; senza tener conto della quale ogni obiettivo politico si trasforma in velleità. In quinto luogo: la “professionalità” nella politica serve, e non deve necessariamente far degenerare il ceto politico in casta (l'esperienza in corso dovrebbe giovare al giudizio dei 5S). Insomma, il M5S riveda le sue posizioni: esso può continuare ad essere parte della soluzione; non si faccia ora parte del problema.

Al Pd. Forse sarebbe il caso che anche il Pd eliminasse dal proprio armamentario ideologico e propagandistico alcune sue idee sbagliate, sempre secondo il nostro giudizio, che lo hanno portato all'ininfluenza politica e fin quasi all'estinzione. E allora, innanzitutto: i 5S non sono “grillini” ma cittadini che si auto organizzano; Grillo è stato solo il catalizzatore di energie già circolanti; per la precisione, essi non sarebbero neanche nati come organizzazione politica se il Pd non avesse tradito la propria rappresentanza popolare; chi li demonizza, quindi, è oggettivamente contro la partecipazione dei cittadini alla vita politica. In secondo luogo: se proprio li si vuole identificare col male, i 5S sono stati un “male necessario”; necessario al Pd stesso, per ridestarsi dal diabolico malefizio liberista, liberticida, affamatore, predatorio e proditorio degli ultimi venticinque anni. In terzo luogo: i 5S non sono degli incapaci ma solo delle persone spesso senza esperienza; e la loro inesperienza è quella di cittadini scientemente e colpevolmente estromessi per decenni dall'agone politico, dagli stessi che oggi li accusano di incapacità. In quarto luogo: la politica delle alleanze non è il momento delle disinvolture e delle piroette programmatiche, ma esattamente il suo opposto: è il momento dell'attuazione del proprio programma e della coerenza, compatibilmente con la realtà politica. In quinto luogo: il professionismo politico senza rappresentanza degli interessi, dei diritti, delle sensibilità reali dei cittadini, è soltanto carriera di alcuni, sostenuti da carrieristi loro pari, questuanti vari e poveri cristi di elettori condannati senza appello all'amarezza di infinite disillusioni. Insomma, anche il Pd riveda le proprie posizioni: esso è stato parte del problema, ora si faccia parte della soluzione.

Ad entrambi, invece, vorremmo suggerire di fare chiarezza, a se stessi e a noi tutti, su un aspetto che rischia di restare ancora e di nuovo sullo sfondo, pur essendo invece, secondo noi, centrale: cosa possiamo aspettarci di buono da una eventuale maggioranza di governo composta da un non-partito con un non-statuto, come i 5S, e un partito-fluido-liquido-gassoso-plasmatico, insomma finto, come il Pd? Non sarebbe il caso di rivedere ognuno le proprie opinioni, catastrofiche all'evidenza dei fatti, a proposito della presunta vetustà della forma partito? Non è stata, in ultima istanza, proprio l'eliminazione proditoria dei partiti strutturati la vera causa dell'estromissione drastica dei cittadini italiani e dei loro interessi dalla gestione della cosa pubblica? E non è proprio da quella estromissione che è derivata la degenerazione morale, politica, culturale, sociale, non di rado istituzionale, dell'insieme del Paese? È possibile un qualsiasi, reale, cambiamento, senza prendere atto di ciò e agire di conseguenza?

Insomma, ora che “la frittata è fatta” e “Salvini l'ha pestata grossa”, grazie a lui e non ad altri, tutti questi nodi verranno al pettine. La speranza è che essi siano sciolti e non tagliati di netto, affinché i possibili operatori del Cambiamento non si trasformino negli autori, più o meno intenzionali, della più becera e truculenta conservazione.

Frosinone 17 agosto 2019

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/uu98r6be/domains/unoetre.it/public_html/templates/gk_news/html/com_k2/templates/default/tag.php on line 56 Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici