fbpx
Menu
A+ A A-

Covid 19. Contagi all'Amazon di Passo Corese

  • Pubblicato in Partiti

Il contagio sul lavoro

dipendentiAmazon 350 minRieti. Fara Sabina. Alla Amazon di Passo Corese, siamo al secondo lavoratore positivo al covid-19. Giuste le denunce PCI.

Neppure due settimane fa, su sollecitazione e informazione di lavoratori della Amazon di Passo Corese, il PCI additava la drammatica realtà. Oggi, come dice il segretario della sezione comunista di Fara Sabina, Marco Sgavicchia: “Purtroppo e con dolore apprendiamo la notizia del secondo caso di positività al virus tra i lavoratori Amazon di Passo Corese. Nei giorni scorsi da più parti si erano levati, pressoché inascoltati, gli allarmi per una situazione di insita pericolosità.

Mentre ai cittadini veniva, giustamente, chiesto di rispettare le precauzioni di distanziamento e profilassi. Mentre i cittadini a migliaia, in tutto il territorio nazionale, venivano sanzionati, ancora giustamente, per non aver rispettato le predette disposizioni.

Mentre tutto ciò accadeva, per i lavoratori Amazon, queste precauzioni, questa giusta profilassi, non veniva applicata! O,Bandiera pci 350 260 almeno, non appieno! Tutto questo per il profitto! Tutto questo per prodotti all’ 80% non necessari! – conclude Marco Sgavicchia, ricordando che – intanto che nelle classifiche mondiali dei ricchi, il magnate Bezos viene “incoronato primo” per quantità di miliardi di dollari personali posseduti, qui, nella terrena realtà lavorativa cosa c’è? Tutto questo accade perché le grandi convinzioni, la grande verità, su cui si basa Amazon sono tre: – Profitto! – Profitto ovunque! – Profitto su chiunque! Esprimiamo la nostra piena solidarietà ai lavoratori Amazon ed il nostro incondizionato appoggio a tutte le organizzazioni sindacali che tuteleranno la salute e la sicurezza dei lavoratori Amazon.

Il PCI di Fara Sabina aveva denunciato nei giorni scorsi l’assenza di tutela sanitaria alla Amazon di Passo Corese. Ora siamo di fronte all’accaduto. Il segretario del PCI Marco Sgavicchia ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Apprendiamo con dispiacere e con rammarico che un lavoratore di Amazon Passo Corese è risultato positivo al virus. Nei giorni scorsi avevamo sollecitato l’aumento di precauzioni sanitarie perché dei lavoratori ci avevano denunciato le carenze di prevenzione e di profilassi all’interno dei posti di lavoro del colosso Amazon. Evidentemente la nostra voce è rimasta tristemente inascoltata. La ricerca del profitto ha avuto la meglio sulla tutela della salute dei lavoratori. La mancata fornitura ai lavoratori dei dispositivi di prevenzione individuali (guanti e mascherine) e la eccessiva promiscuità, sia nelle postazioni lavorative che nelle file per i servizi igienici e negli spazi destinati alla mensa, sono probabilmente le cause di questa prima positività. Lo avevamo denunciato, ma è servito a poco. Il PCI è una forza di opposizione a questo governo, ma non sfrutta i tristi eventi per operazioni di basso sciacallaggio. Facemmo notare la forte contraddizione tra le aspre misure prese contro chi si faceva una corsetta e la eccessiva leggerezza nella tutela dei lavoratori di Amazon. Facemmo notare che i prodotti distribuiti da Amazon, per circa l’ 80%, non possono essere considerati indispensabili. Le nostre considerazioni non si basano su fake news, atte a raccattare qualche voto. Esse sono la sincera e profonda vicinanza ai lavoratori, ai quali va tutta la nostra solidarietà. Ci auguriamo che vengano finalmente prese le massime precauzioni, almeno ora.”

 

Partito Comunista Italiano - Federazione di Rieti Sezione “Sergio Cecconi” di Fara in Sabina  - 10 aprile 2020

 

 

 

Modulo nuovo di Autocertificazione per ottemperare alle disposizioni dell'emergenza coronavirus da SCARICARE, STAMPARE e COMPILARE

Files:
zip.png Modulo di autocertificazione
(0 voti)

Modulo di autocertificazioine. Mininterno 26 marzo 2020

Data 2020-03-11 Dimensioni del File 456.82 KB Download 80 Scarica

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Amazon di Passo Corese. Manca la sicurezza dei lavoratori

Partito Comunista Italiano. Sezione Sergio Cecconi di Fara Sabina (Rieti)

Amazon passocorese 400 minFara Sabina (Rieti). Amazon di Passo Corese. Il PCI denuncia mancata sicurezza sulla pelle dei lavoratori! Autorità intervengano immediatamente.

Un provvedimento sostanzialmente debole è stato assunto in queste ore dal Governo sulla questione salute dei lavoratori, in ore drammatiche che stanno avvolgendo l’Italia e non solo. Poiché non stiamo parlando di una semplice vertenza sindacale da sostenere per una lotta tra padronato e lavoratori, ma, di un diritto costituzionale – quello alla salute – che sta alla base e prima e al di là del rapporto di lavoro, i comunisti ritengono prioritario questa tema sopra ogni altro.

Per questo, Marco Sgavicchia, segretario della sezione PCI di Fara Sabina ha commentato quanto accade alla Amazon di Passo Corese: “Esprimiamo ferma condanna per la condizioni nelle quali versano i lavoratori di Amazon a Passo Corese! Infatti le attività lavorative in Amazon non sono in linea con le raccomandazioni emesse per fronteggiare l’attuale grave emergenza sanitaria. Si parla di mancata fornitura ai lavoratori di idonei mezzi di prevenzione, quali mascherine e guanti. Inoltre c’è da sottolineare la assoluta mancanza del rispetto delle distanze consigliate, sia nelle postazioni lavorative che nei luoghi deputati alle pause pranzo e ai servizi igienici. –Bandiera pci 350 260 quindi con nettezza, Sgavicchia conclude - Mai, ma soprattutto in questo momento, il profitto delle aziende deve essere realizzato sulla pelle dei lavoratori! Chiediamo alle autorità competenti di prendere i dovuti provvedimenti per ricordare ad Amazon che c’è una grande emergenza sanitaria e che vanno prese le giuste precauzioni sanitarie. Le attività lavorative di prima necessità, quali quelle relative ai beni alimentari e farmaceutici, vanno espletate con la massima prudenza. Le altre attività lavorative possono e debbono essere sospese! Il PCI di Fara Sabina esprime piena solidarietà ai lavoratori e alle lavoratrici Amazon!”.

Fara Sabina 15 marzo 2020

 

 

Modulo di Autocertificazione per ottemperare alle disposizioni dell'emergenza coronavirus

zip.png Modulo di autocertificazione
(0 voti)

Modulo di autocertificazioine. Mininterno 26 marzo 2020

Data 2020-03-11 Dimensioni del File 456.82 KB Download 80 Scarica

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

Leggi tutto...

Sacco di pulci

Web Amazon

Web 350 mindi Stefano Balassone - Fleabag, (sacco di pulci) su Amazon Prime e giunta a tre stagioni, è una produzione BBC che, puntando agli smartphone dei giovani dai 16 ai 34 anni, appare solo in streaming. Protagonista Phoebe Waller-Bridge, una sorta di Litizzetto d’oltre Manica, carina quanto basta e pluripremiata commediografa.

Phoebe si spende, come tanti, in commerci precari, sesso variegato, taccheggio, approcci avventurosi, rapporti d’amore e d’odio fra parenti. Ma al di là della materia picaresca, il racconto è incisivo e il lato comico esplode grazie al costante ricorso al doppio piano di racconto. Intendiamo dire l’artificio per cui il protagonista si assenta per un momento dall’azione, volge lo sguardo in camera, vi fissa negli occhi e rivela i risvolti impliciti di quanto accade e, in Fleabag soprattutto, i suoi più intimi pensieri. Attraverso questi varchi lo spettatore viene trascinato dentro un universo di moventi, di non detti, di timori e obiettivi che generalmente non si confessano, se non sul divano della psicanalisi.

Accade così che le giovani spettatrici, impegnate a rompere il guscio dell’età ingrata, sentano nominare e, per così dire “normalizzare”, la propria materialità di intestini, ghiandole e vagine e si alleggeriscano di quanto celano a causa di timidezza o galateo.

Per contro, l’adolescente maschio ce lo immaginiamo stupito dalla rivelazione del backstage del femminile. Privilegio raro, cui si unisce la rassegna di modelli negativi del maschile, fragili o impettiti, ma tutti comunque un po’ ridicoli. Qui Phoebe si è tolta parecchi sassolini dalla scarpa, ma offrendo ai maschi qualcosa da imparare.

Da sottolineare che Fleabag, col suo linguaggio senza peli (ovunque), esibisce in Inghilterra le insegne del Servizio Pubblico pagato dagli abbonati, e con buone ragioni perché la tv commerciale mai rischierebbe di spingersi per prima oltre i confini del normale. Non ricordiamo traccia in Italia, sia Rai o altrove, di qualcosa anche lontanamente simile.

 

La Repubblica, Onda su onda, 25 febbraio 2020

 

Cronache Tv, Web, Film

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Arrivano i Quaderni d’Arte del Bardo su Amazon

donato di poce 350 260comunicato completo 180Arrivano i Quaderni d’Arte del Bardo su Amazon
Stefano Donno, già editore de I Quaderni del Bardo Edizioni e il suo autore Donato Di Poce danno vita ad un nuovo progetto editoriale attraverso una serie di approfondimenti sul mondo dell’arte con un piglio agevole non solo nella scrittura ma anche nella metodologia di ricerca e nell’ermeneutica della produzione artistica di movimenti, artisti, correnti che riguardano il patrimonio della storia dell’arte nazionale e internazionale. Un punto di vista altro che godrà dell’immediatezza e della totale e infinita reperibilità del lavoro di Donato Di Poce e che troverà sicuramente il suo palcoscenico internazionale proprio grazie agli ebook distribuiti in tutto il mondo da Amazon.

I primi cinque titoli sono Folon, Colnaghi, Bencini, “Il giovane di Mozia” e Mauro Rea: Icone Pop.
Il prossimo titolo in programma è “Taccuini d’Artista”. In una parola IMPERDIBILI!!! La formula ideata è molto semplice e fruibile da un pubblico eterogeneo su ogni piattaforma digitale. Gli ebook sono per il kindle amazon, ma si può scaricare sempre su Amazon un’applicazione gratuita e leggere gli ebook anche sugli smartphone Un testo critico di Donato Di Poce, una poesia dedicata all'artista e foto di Donato Di Poce delle opere riguardanti l’oggetto delle monografie. Poesia, critica d'Arte e poesia, tre linguaggi insieme per un approfondimento d'autore.
Donato Di Poce, (Nato a Sora - FR - nel 1958 ma residente dal 1982 a Milano ). Poeta, Critico d’Arte, Scrittore di Aforismi, Fotografo. Artista poliedrico ed ironico ma dotato di grande umanità, si è imposto all’attenzione del pubblico e della critica con la pubblicazione di una collana di 5 portfolio dal titolo: TACCUINO BERLINESE -East Side Gallery , Félix Fénéon Edizioni, Ruvo di Puglia (BA), 2009 dedicata al muro di Berlino. In un suo celebre aforisma ha scritto:
“Il Poeta vede l'invisibile/Il Fotografo fornisce le prove”.

Donato Di Poce on line
www.donatodipoce.net

www.taccuinidartista.it cover Rea 300 min

www.creactivitybranding.it



Ecco i link
Il giovane di Mozia a cura di Donato Di Poce
https://www.amazon.it/giovane-Mozia-Donato-Poce-ebook/dp/B07H9FQ3JG/ref=sr_1_1?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1536825587&sr=1-1&keywords=stefano+donno

Ennio Bencini : nel paese dell’Anima a cura di Donato Di Poce
https://www.amazon.it/Ennio-Bencini-nel-paese-dellanima-ebook/dp/B07H3YY4YS/ref=sr_1_3?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1536825587&sr=1-3&keywords=stefano+donno


Folon : l’uomo invisibile a cura di Donato Di Poce
https://www.amazon.it/Folon-luomo-invisibile-Donato-Poce-ebook/dp/B07GZ3N8PV/ref=sr_1_15?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1536825587&sr=1-15&keywords=stefano+donno


Il Giovane di Mozia a cura di Donato Di Poce
https://www.amazon.it/giovane-Mozia-Donato-Poce-ebook/dp/B07H9FQ3JG/ref=sr_1_11?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1537177063&sr=1-11&keywords=stefano+donno

 

Ultima Novita – Mauro Rea : Icone Pop a cura di Donato Di Poce
Il furore CreAttivo e sperimentale di Mauro Rea, non smette di stupire e di regalarci nuove sorprese e rivelAzioni, e questa raccolta di piccoli capolavori (perlopiù polimaterici su legno di circa 20x 40), vere e proprie “Icone POP” finalmente in mostra, ne sono la testimonianza. In realtà si tratta di sedimentazioni e accumulazioni carsiche che nel tempo Rea ha sapientemente elaborato e accumulato come un alfabeto iconico raccolto dalla strada(lattine di Coca Cola schiacciate e sapientemente e Duchampianamente decontestualizzate), per diventare matrice e logos di una rinascita materica ed estetica. Chiariamo subito che l’utilizzo del banale quotidiano che opera Rea non è da ricondurre alla serialità filosofica e concettuale dei Brillo Box di Warhol, semmai allo stordimento esistenziale di Baquiat e alle contaminazioni ludiche di Haring. Mauro Rea: Icone Pop. E qui si evidenzia con forza e leggerezza, turbamento e grazia poetica, questo precoce maestro neo-futurista, neodada, neo-pop e patafisico che è Mauro Rea, con tutta la forza eversiva e sovversiva, lavica e incantatoria di un outsider che sceglie di rimanere libero e non inglobato dal sistema dell’Arte, come un ragazzo pasoliniano che ha attraversato tutti gli alfabeti dell’avanguardia, ma che rimane incantato dalla forza lavica della materia di Burri(plastiche bruciate), Mastroianni(cartoni polimaterici), Raushenberg (Assemblage oggettuale), Spoerri (etnosincretismi), Baj(eresia ludica e patafisica dei generali). (dalla intro di Donato Di Poce)
Photo by rawpixel on Unsplash

Info link
https://www.amazon.it/Mauro-Rea-Icone-Donato-Poce-ebook/dp/B07HD6S38S/ref=sr_1_1?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1537171309&sr=1-1&keywords=stefano+donno

 

iQdB edizioni di Stefano Donno (i Quaderni del Bardo Edizioni di Stefano Donno)
Sede Legale e Redazione: Via S. Simone 74 - 73107 Sannicola (LE)
Mail -
Info Link - http://www.iquadernidelbardoedizioni.it/

 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Leggi tutto...

Ma siamo liberi o è tutta un’illusione?

innamorati peynet 460 mindi Tiziano Ziroli - Pensavo ad alta voce… Ma in questo periodo storico siamo liberi o è tutta un’illusione?
Mi imbatto in una poesia che parla d'amore...ne voglio condividere alcune frasi...
"Trovati un uomo che ti ami. Un uomo che ti abbracci improvvisamente e ti baci spesso./Un uomo che ti aiuti nelle faccende domestiche e non perché tu glielo debba chiedere./Trovati un uomo che ti sorprenda: con una cena, un regalo inaspettato, un piccolo pensiero".

La poesia va avanti.... ma nella mia testa nasce una domanda... “Ma siamo liberi di innamorarci?”
in questo periodo storico dove oramai sopravvivere e diventato difficile, per colpa di una crisi economica che ha messo in ginocchio milioni di famiglie e di persone, mi nasce questo banale quesito...”ma siamo liberi di innamorarci?” Siamo liberi di poter assicurare a chi vogliamo bene un futuro migliore o almeno tranquillo?
Sempre pensando ad alta voce, penso di no, è tutto diventato più difficile, non possiamo piu assicurare a nessuno un futuro migliore, alle persone a cui vogliamo bene non riusciamo più a dare certezza di una vita migliore e non possiamo più garantire di poterci prendere cura di loro.
Mi viene in mente ciò che sta succedendo ad un mio caro amico...oramai separato da tempo, ha conosciuto una donna per la quale sta iniziando a provare un sentimento che forse non provava da tempo, il suo problema e che la sua situazione e come quella di milioni di italiani, è pieno di problemi e non ha la certezza di uno stipendio fisso, e pure prova un sentimento per questa donna...ma la sua domanda che mi fa spesso è ....ma come posso dare certezze, come posso dimostrare a lei che le voglio bene, se non posso neanche garantirmi una certezza economica per me stesso?...lui dice: posso darle affetto… posso darle amore...fedeltà... Ma come posso prendermi cura di lei se non ho la certezza economica per almeno regalarle un fiore...quindi...mi chiede "sono libero di innamorarmi?"...E la sua risposta è sempre...no, non sono più libero neanche di innamorarmi... mi hanno tolto anche la felicità di provare un bel sentimento come l'amore.
Si confida con me dicendomi ....le voglio bene e continuerò a volergliene, ma spero che trovi una persona che le dia le certezze che non posso darle io.

Ho voluto raccontare questa vicenda per cercare di far capire quanto questa crisi stia uccidendo le persone anche nel loro lato più intimo. Per cercare di far capire quanto oramai feriosca nel profondo l'animo umano.

La domanda ad alta voce continuo a farmela…”ma siamo liberi?” E la mia risposta è no... Se non siamo più liberi neanche di innamoraci vuol dire che non siamo più liberi, ma schiavi di un sistema che vuole renderci deboli e sottomessi.
Si. Penso che ci vogliano schiavi. Schiavi automatizzati. Che dire infatti del braccialetto elettronico di Amazon con gli impulsi cosiddetti “salva-lavoro-di-qualità”? Questi braccialetti ricordano quelli che si applicano ai detenuti per definire il territorio da non oltrepassare. Cosa sta accadendo nel mondo dell'e-commerce?
"..Amazon avrebbe ottenuto due brevetti per braccialetti che dovrebbero monitorare i movimenti dei suoi dipendenti. E' quanto si legge sul sito GeekWire che riferisce come per aumentare la produttività il colosso dell'e-commerce starebbe pensando di affidarsi a un braccialetto. Sarebbe in grado di emettere segnali radio o impulsi a ultrasuoni che, elaborati da una stazione ricevente, permetterebbero di verificare la posizione dei dipendenti rispetto all'inventario. Non solo..." INACCETTABILE questo disprezzo per la dignità dei propri simili.

Che vita sarebbe? Ne vogliamo parlare?

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Leggi tutto...

Amazon e i politici ciociari

Amazon 350 260di Tiziano Ziroli - E’ doveroso che io faccia una mia seria e profonda riflessione su questa faccenda che possiamo chiamare il ”caso Amazon”
La “Vertenza Frusinate” è da quando uscì la notizia che dava per scontato che Amazon sarebbe finita a Rieti, ma il signor De Angelis ci smentì dicendo in una conferenza stampa che con Amazon eravamo ancora in partita e lo disse un anno fa nella sala consiliare della Provincia. Qualche tempo dopo si smentì dicendo in un programma televisivo, “Teleuniverso” mentre era intervistato da Alessio Porcu, che con Amazon non erano mai stati “in partita e in corsa” (che è la stessa cosa ndr)

La verità eccola, ora sotto gli occhi di tutti ... Amazon va a Rieti... La Regione ne è fiera e dice che darà sostegno all'iniziativa... Amazon fa una dichiarazione in cui annuncia che nell'arco di tre anni saranno sviluppati 1200 posti di lavoro...
Tutta questa storia dimostra oramai senza ombra di dubbio che noi ciociari una politica seria, ma soprattutto dei politici seri, non li abbiamo. Abbiamo solo dei politici che volevano e vogliono fare carriera politica e se ne fregano del loro territorio, se ne fottono di un territorio che gli ha dato il voto, faccio invece i complimenti ai politici di Rieti per quello che sono riusciti a fare per il proprio territorio.

Ora la nostra provincia deve necessariamente trovare una classe politica seria e con passione e amore per la propria terra, e che metta come priorità il fatto di essere stati delegati per fare il bene di tutta la provincia. Non vogliamo più politici che all'interno del proprio partito si litighino i posti, non vogliamo più politici che vengano a prendersi i voti e poi arrivati a Roma si scordino le loro origini...vogliamo dei partiti e dei rappresentanti che si prendano carico dei problemi della provincia e che seriamente e non solo a chiacchiere, portino avanti politiche per far rinascere la provincia di Frosinone.
Non vogliamo essere e continuare ad essere la discarica di Roma....in tutti i sensi!!!

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo UNOeTRE.it

regime-attività

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici