fbpx
Menu
A+ A A-

Possibile: “Il 29 settembre in piazza a Sora con Aspagorà”

Possibile logo 350 260Possibile: “Il 29 settembre in piazza a Sora con Aspagorà” - I Comitati di Possibile della Provincia di Frosinone aderisconoalla manifestazione indetta dal Comitato Aspagorà per il giorno 29 settembre 2019, in occasione della giornata internazionale del migrante e del rifugiatoche cade annualmente il 29 settembre.

“Per la nostra comunità politica i valori dell’antirazzismo,dell’inclusione sociale e dell’accoglienza sono punti fermi della nostra azionequotidiana pertanto raccogliamo con piacere l’invito del comitato Aspagorà e prenderemo parte alla manifestazione del 29 settembre. Ci saremo come siamo stati presenti al presidio in risposta alle gravi affermazioni di Don DonatoPiacentini” afferma Anna Rosa Frate, portavoce dei comitati di Possibile, che aggiunge “in questi mesi le attiviste e gli attivisti sorani hanno mostratoimpegno e dedizione giornaliera per contrastare una narrazione dei migranticarica di odio, pregiudizi e discriminazioni. Un lavoro che merita il nostroringraziamento ed il nostro supporto anche e specialmente come forza politicaper essere cassa di risonanza”.

Possibile è da sempre schierata a sostegno delle istanze diaccoglienza, nella scorsa legislatura ha presentato una riforma del testo unicosull’immigrazione e si è speso contro gli Accordi con la Libia ed i Decreti Minniti ed il recente Sicurezza Bis. “C’è una strategia che punta ad alimentare un clima di odioverso chi viene considerato diverso in un meccanismo che sviluppa troppo spessouna guerra tra poveri di cui il nostro Paese non ha bisogno. Non abbiamobisogno di una narrazione che attacca chi ogni giorno affronta difficoltà, chesiano persone italiane o straniere” aggiunge Gianmarco Capogna, Portavoce Nazionaledi Possibile LGBTI+. La grande sfida è quella di costruire una nuovasolidarietà sociale fondata sull’incontro tra culture diverse, solo cosìpotremo davvero costruire un’alternativa a chi fomenta odio e discriminazioni”.

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

29 settembre, marcia antifascista e antirazzista indetta da Aspagorà

aspagorà 29settembre 350 minDalla Conferenza stampa di Aspagorà.

In un esperimento diretto dal professor Philip Zimbardo della Stanford University, gli studenti furono divisi in carcerati e carcerieri.
L’ esperimento psicologico era volto a indagare il comportamento umano in una società in cui gli individui sono definiti soltanto dal gruppo di appartenenza.

L’esperimento fu interrotto, perché ebbe risvolti particolarmente drammatici, i carcerieri divennero degli aguzzini che iniziarono a intimidire e umiliare i carcerati cercando in tutte le maniere di spezzare il legame di solidarietà che si era sviluppato fra essi.
Questi ultimi, vittime, ebbero un crollo emotivo.

Questo esempio è stato raccontato nel corso della conferenza stampa che annuncia la marcia antifascista e antirazzista per una comunità solidale e nuove politiche di inclusione, del 29 settembre indetta da Aspagorà.

Una campagna di odio reiterata, veicolata e inasprita dai mezzi di comunicazione che in maniera strumentale ingaggiano guerre tra gli ultimi e i penultimi, alla fine paga gli aguzzini, quelli che vorrebbero instaurare un clima di odio in cui è più facile controllare la gente, tenerla sotto il giogo della paura, distrarla dai problemi reali del Paese. Dunque l’immigrato è capro espiatorio di uno stato sociale disastrato, dove le politiche di sussistenza, del lavoro, quelle sociali, sono assenti.

Le ONG, i volontari che lavorano a proprio discapito per salvare vite, diventano i nemici, si ribalta così il sistema delle cose, dove gli operatori umanitari sono delinquenti mentre i trafficanti del mare sono “protetti” da politiche che guardano con favore al governo libico, responsabile di veri e propri lager in cui i migranti subiscono atroci troture. Ai tempi di Auschwiz qualcuno avrebbe potuto dire di non sapere, oggi tutti sappiamo quello che avviene, ce lo raccontano gli operatori umanitari, ce lo raccontano i medici che offrono le prime cure, i ragazzi stessi “venuti dal mare” ce lo raccontano.

Chi volta lo sguardo dall’altra parte si rende complice. Se perdiamo l’umanaità, abbiamo perso tutti, così conclude la relatrice di Apsagorà.

Molti gli interventi, dalle Comunità solidali, a Possibile, da ANPI alla Rete Degli Studenti Medi , dalla comunità africana a quella islamica.
Tutti riconoscono ad Apsagorà il merito di aver fatto rete tra le realtà del territorio, di aver creato uno spazio di condivisione da cui ripartire per ricostruire il tessuto di solidarietà e di inclusione che ognuno auspicava da tempo.

La carta di identità del nostro popolo è la nostra Costituzione, è li che sono inscritti i principi di democrazia e uguaglianza, è da lì che Aspagorà e gli altri vogliono ripartire per promuovere politiche che contrastino ogni forma di discriminazione, che a subirla sia un immigrato, una donna, un bambino, un disabile, una lesbica, un omosessuale, in una sola parola, un essere umano.

Leggi tutto...

A Sora "corteo antirazzista"

Corteo Antirazzista

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Sora. Aspagorà replica all'invettiva di Don Donato Piacentini

  • Pubblicato in da Sora

Aspagorà siamotuttisullastessabarca 350 minAspagorà è un gruppo eterogeneo, di laici, cattolici, osservanti, atei, musulmani, agnostici, eppure il nostro manifesto si apre con una frase mutuata dal Vangelo “ama il prossimo tuo come te stesso” perché siamo convinti che alcuni precetti cristiani siano universali.

Non molti giorni fa abbiamo accolto l’appello del parroco siciliano, per manifestare la nostra vicinanza ai migranti, ostaggio di politiche razziste e xenofobe su una imbarcazione a largo di Lampedusa, lo abbiamo fatto davanti al sagrato di una chiesa, riconoscendolo come luogo simbolo di carità e misericordia. Ora in pochi secondi ecco che l’ormai famoso parroco sorano distrugge il lavoro di tante persone che lavorano strenuamente ogni giorno per praticare e predicare l’accoglienza. Lo fa con parole forti, di una gravità inaudita che sfiorano addirittura il negazionismo “quali torture!?” si chiede e chiede alla folla che un po’ plaude un po’ rimane basita. Che sia una raccolta di firme contro i migranti, una accusa infondata di violenza a diffamarli è sì fatto grave, che sia un ministro della Repubblica che brandisce un rosario e un crocifisso da un palco vomitando veleno, è fatto gravissimo ma mai quanto le parole di un uomo, ministro di Dio che ha totalmente frainteso il senso della sua vocazione. Travestito da pecora il lupo ha approfittato del gregge già in balìa a un clima di odio che ha reso la nostra città un “paesotto” retrogrado e bigotto, finito in un battito di tastiera ai dis-onori della cronaca. Quale “pastore di anime” proprio in occasione dei festeggiamenti del santo simbolo della “carità” ha sputato odio, con la responsabilità di chi si fa guida spirituale e morale, rappresentando inoltre ben tre parrocchie della diocesi di riferimento.

Ci auguriamo che in quella occasione non ci fosse nessuno dei nostri amici migranti ad ascoltarlo, visto che spesso alcuni di loro, cattolici, sono abituati a seguire le omelie delle nostre parrocchie. Ciò sarebbe per noi motivo di forte disagio e vergogna, lo stesso che ci auguriamo provino i nostri concittadini e le autorità ecclesiastiche del territorio che a questo proposito dovrebbero, con fermezza, denunciare le parole del parroco, con una azione esemplare che scoraggi chiunque voglia fraintendere ancora il messaggio del Vangelo, nonché quello del Pontefice, a farlo.

Sora, 17 agosto 2019

Ufficio stampa Aspagorà

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Sora, Aspagorà : frammenti di giallo in mezzo al rosa.

aspagora2 350 minInvitato dalle organizzatrici di Iniziativa Donne alla kermesse “Sora in rosa”, il gruppo Aspagorà ha raccolto l’invito con entusiasmo.

Ad Aspagorà che già si era “presentato” durante la conferenza stampa di “Sora in rosa” il 16 luglio, è stato riconosciuto pieno titolo di presidiare un tratto di via Fosca a Sora per la sua connotazione di contrasto “all’imbarbarimento etico in cui le minoranze …vengono usate come strumenti per giustificare politiche xenofobe, razziste e discriminatorie” come scritto nel manifesto di intenti. E le donne sono sicuramente tra le più “intollerate” considerate di per se esseri “inferiori” e ancora più bistrattate se omosessuali, migranti o anche soltanto “eccentriche”. Ed inoltre “Il mondo del lavoro femminile, se possibile, è perfino più disastrato, in termini di diritti violati, di quello maschile, per non parlare dello stato del nostro welfare sociale” di cui sostanzialmente si fanno carico le donne , “non abbiamo bisogno di eroine, abbiamo bisogno di donne consapevoli della propria femminilità, e questa consapevolezza dovrebbe prevedere la certezza di un adeguato stipendio, un adeguato orario di lavoro, un adeguata attenzione per ogni esigenza che prescinda dal lavoro stesso” come riportato nel volantino che Aspagorà ha dedicato alle donne.

Una bella sottolineatura alle affermazioni del volantino è stata una serie di installazioni di sagome femminili stilizzate a rappresentare le donne nelle loro molteplici sfaccettature e condizioni, da quella di vittime di femminicidio (su alcune sagome erano riportati i nomi delle aspagora1 350 mindonne uccise nel nostro territorio nel secondo decennio duemila), a quella di protagoniste del proprio destino e dell’emancipazione collettiva, (su altre sagome erano riportate citazioni di donne per le donne : da Dacia Maraini a Rita Levi Montalcini, da Alda Merini ad Anna Frank).

A fianco di un gazebo di per se ricco di simboli contro tutte le discriminazioni ed i razzismi erano stesi due lunghi striscioni uno con l’art. 3 della Costituzione ed un altro con la scritta “Siamo tutti sulla stessa barca” quest’ultimo utilizzato anche nella performance, sul palco della manifestazione, dalle “magliette gialle con gli asparagi” del gruppo .

Molti i curiosi e le persone che si sono fermate a leggere e fotografare le sagome, molti a farsi incuriosire dai volantini. Molti pure gli applausi sotto il palco.

Si può proprio dire che Aspagorà ha contribuito a “movimentare” la serata.

 

 

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Il gruppo Aspagorà all’evento “100% batteristi”

sora aspagora minUfficio stampa Aspagorà - Il gruppo Aspagorà presente all’evento “100% batteristi”. All’indomani della rassegna musicale che ha visto centinaia di persone riversarsi nel centro storico di Sora, il movimento antirazzista interviene per ringraziare pubblicamente gli organizzatori: “Vogliamo dire grazie a tutti per averci ospitato alla manifestazione musicale - si legge in una nota del gruppo -, presenti con un nostro presidio, le nostre magliette gialle, che ormai ci caratterizzano per il contagioso ottimismo e una energia positiva che coinvolge e incuriosisce. Quando titoloni 'acchiappa-like' raccontano storie talvolta traviate per alimentare il razzismo, post e articoli la cui impostazione è tutt’altro che devota all’oggettività con l’effetto di scatenare odio sociale e indignare la gente già esasperata da tutto ciò che non va nel nostro Paese, noi cerchiamo momenti di aggregazione e di pacifica comunione. Quale modo migliore che farlo con la musica e il suo un linguaggio - continua la nota -, profondo e universale, che valica ogni confine geografico e temporale!? La musica che spesso racconta storie in più lingue diverse che si intrecciano per testimoniare l’inarrestabile multiculturalità della società contemporanea. Quando l’arte vibra per le strade della nostra città noi la utilizziamo come un’arma di pace - concludono dal gruppo -, un’arma di cambiamento sociale, sicuri che diffondere buonumore e fiducia sia più efficace di qualsiasi campagna di paura e odio”.

Sora, 5 luglio 2019

Leggi tutto...

Nasce Aspagorà

AspAgorà 350 min 1Ufficio Stampa Agorà - Nasce Aspagorà, gruppo eterogeneo di cittadini del territorio che dicono no al razzismo e all’intolleranza. E il cantante Tonino Carotone sventola alta la maglia gialla del gruppo.

Lunedì 24 e martedì 25 giugno, ospitati dai promotori dei festeggiamenti per il falò di San Giovanni a Sora, il gruppo si è presentato alla cittadinanza con un gazebo, delle installazioni, dei volantini e delle magliette gialle per farsi conoscere dalla popolazione. Nato sotto la spinta di un episodio di intolleranza che ha visto soggetti di estrema destra denunciare un immigrato per vendita abusiva di asparagi (con successiva multa di 5.000 euro), il gruppo ha sollecitato un avvocato che a titolo del tutto gratuito ha proceduto a presentare ricorso. Lo stesso gruppo,AspAgorà 350.3 min di giorno in giorno più numeroso, ha iniziato ad incontrarsi per dare vita ad iniziative sociali che si contrappongano alla clima di odio e razzismo dilagante. Il riscontro inaspettato fra giovani e meno giovani e il volantino che contiene il manifesto di Aspagorà è stato oggetto di curiosità e di domande nel corso delle due serate.

E come già detto, il noto cantante spagnolo Carotone, dal palco di piazza Mayer Ross, ha parlato di Aspagorà sventolando la maglietta gialla. Aspagorà (nome nato dalla fusione dei termini asparago ed agorà) intende puntare i riflettori sui diritti umani in favore di tutte le diversità (per primi quelli dei migranti oggetto di fortissimi pregiudizi) e lo farà con la realizzazione di eventi, iniziative pubbliche, flash mob all’insegna delle parole d’ordine condivise: sorellanza, fratellanza, tolleranza, inclusione, autodeterminazione, uguaglianza, libertà e dignità.

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici