fbpx
Menu
A+ A A-

Bellanova

Cronache&Commenti

Esclusa la tappezzeria rimangono le belle statuine

di Aldo Pirone
teresa bellanova 360 minTeresa Bellanova è una donna simpatica, nonostante tutte le bugie che deve dire per seguire Renzi nelle sue giravolte politiche. Da quel che si è capito è fedele al capo per una grande convinzione ideale: quella del posto politico in prima fila, come lei stessa disse, che “il bomba” ha voluto riservarle. Siccome a comandare è lui, non gliene importa un fico se i suoi - e le sue - sottoposti/e vengono esposti/e a figure, a voler essere buoni, imbarazzanti.

Ieri, intervistata da “Il Messaggero”, la Teresona ha sostanzialmente ripetuto una cosa sul Recovery plan che era già stata smentita dal ministro per i rapporti con l’Europa Amendola: non ne sapevamo niente. Quando Renzi aveva detto questa bugia, il troppo buono Amendola aveva replicato che sul tema “A livello di Governo con i tecnici di tutti i ministeri abbiamo fatto 19 comitati operativi e bilaterali settimanali. Non mi pare un lavoro sconosciuto” Per meglio delucidare aveva aggiunto: “Nessun segreto. Sulla base degli atti votati dal Parlamento e delle linee guida Ue che hanno indicazioni chiare sulla distribuzione del budget e le riforme da realizzare, un comitato di tecnici tra Chigi, Mef, Ragioneria e il mio ministero ha lavorato con i ministeri e tutti i soggetti coinvolti. Non sono mancati incontri con la cabina di regia di Regioni e Anci e incontri interlocutori con gli attori sociali. E abbiamo scambi costanti con Bruxelles dal 14 ottobre.”. Ma chi se ne frega! Come diceva Goebbels, il ministro della propaganda nazista, "ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità”.

Anche dal Decreto legge (Dl) di venerdì sera la Bellanova prende le distanze. “E' il segno evidente di un più di errori nelle scelte passate. – dice - L'ultimo Dpcm è del 3 dicembre. Adesso per correggerlo facciamo un ennesimo provvedimento con ricadute pesanti anche su chi si era orientato in base alle scelte precedenti”.

Una dichiarazione che se non fosse per il suo tono più urbano farebbe invidia a Salvini e Meloni. Come se lei, Bellanova, invece del governo facesse parte di un’altra parrocchia. Anche perché non risultano posizioni di Renzi e della sua creatura - il partito non la Bellanova - particolarmente rigoriste nei mesi trascorsi. Anzi! Ma che importa, in fondo, pensano i renziani, siamo in guerra con Conte e se a rimetterci sono gli italiani, ciccia! Ovviamente il severo giudizio sul Dl non aveva impedito a Teresona, appena finito il Consiglio dei ministri, di precipitarsi a dichiarare per prendersi il merito come “Italia viva” dei ristori varati. Niente di male, per carità, perché, purtroppo, così fan tutti. Solo che ne aveva annunciati 550 milioni, mentre Conte, con più calma, ne avrebbe annunciati 100 milioni i più. In precedenza, e sempre con l’arma del “prendere o lasciare” brandita per l’occasione della verifica di governo, la Bellanova aveva ripetuto nell’intervista quello che aveva già solennemente affermato il suo capo. “Lo ha detto Renzi in Senato; - ha riaffermato - lo ripeto io: noi non facciamo tappezzeria”.

Ma allora, poiché nel Consiglio dei ministri passano i Dpcm, i Decreti legge, le nomine nei vari rami dell’amministrazione statale oltre che nelle Aziende ecc. la domanda è: che ci sta a fare la Bellanova se quasi sempre, salvo quando le conviene, cade dal pero? E che ci sta a fare l’altra ministra di “Italia viva” Elena Bonetti?

Esclusa la tappezzeria rimangono le belle statuine.

 

 

malacoda 75

Aldo Pirone, redattore di malacoda.it

 

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/uu98r6be/domains/unoetre.it/public_html/templates/gk_news/html/com_k2/templates/default/tag.php on line 56 Leggi tutto...

Italia Viva e le sue valutazioni sul Frusinate

  • Pubblicato in Partiti

Partiti

L'Iniziativa di Italia Viva

Italia Viva è un partito giovane che inizia a scendere in campo nelle prime competizioni elettorali.
ITALIAVIVA simbolo 350 minFanno più rumore le divisioni e le guerre negli altri partiti rispetto ad un progetto che piano piano ma con determinazione prende forma.
Nessuno denuncia il volo che da Frosinone ha portato la Scuola Elicotteri a Viterbo, perdiamo altri pezzi di economia e di società. In un momento come quello che stiamo vivendo, pieno di incertezze, di paure la nostra provincia si impoverisce ulteriormente.

Crescono le differenze tra chi è garantito e chi no, tra uomini e donne, tra giovani e meno giovani.
Abbiamo assistito alle conseguenze del dissesto idrogeologiche alle prime piogge stagionali. Per questo, come Coordinatori di Italia Viva abbiamo chiesto con forza che fosse ripristinata l’unità di missione per il dissesto idrogeologico voluta dal Governo Renzi e smantellata immediatamente dopo, ma noi non sediamo nei banchi del parlamento a differenza degli eletti del nostro territorio che dovrebbero essere più incisivi.

Convivere con il Covid19 non è affatto facile, Italia Viva ha sempre anticipato il lavoro da fare, allora, occorre lealtà e capacità, lealtà nel riconoscere errori o negligenze, capacità di anticipare e pianificare senza rincorrere gli eventi. A marzo I.V. chiedeva di utilizzare il tempo per realizzare piani di potenziamento per il trasporto pubblico (tramite l’esercito, tramite i bus turistici, ecc.), ma si è preferito spendere i soldi per acquistare i banchi con le rotelle. Le priorità sarebbero state altre, pensiamo ai tamponi rapidi o alle mascherine trasparenti per i ragazzi con disabilità uditive. Siamo a novembre e rincorriamo le curve di contagio che purtroppo corrono molto velocemente.

Tutti noi speriamo che il vaccino arrivi in breve tempo, ma avere il vaccino non significa avere al tempo stesso tutti i cittadini vaccinati,sebbene medici e personale sanitario stiano facendo di tutto e di più, senza risparmiare energie e allora anche qui, iniziamo da subito a prevedere, a organizzare, a decidere i piani per la somministrazione del vaccino stesso. Italia Viva è il partito della proposta del giorno prima e non dell’emergenza del giorno dopo.

 

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/uu98r6be/domains/unoetre.it/public_html/templates/gk_news/html/com_k2/templates/default/tag.php on line 56 Leggi tutto...

Un promemoria di Italia Viva

  • Pubblicato in Partiti

 Partiti

Conversazione con Valentina Calcagni

di Valentino Bettinelli
ITALIAVIVA simbolo 350 minL’aeroporto “Moscardini” di Frosinone, sede del 72º Stormo dell’Aeronautica Militare, perde la scuola volo per i piloti elicotteristi che si trasferisce a Viterbo. L’ufficialità di una notizia che era nell’aria da tempo arriva dallo stesso Ministro della Difesa Guerini.

Sul tema riceviamo un intervento di Valentina Calcagni, coordinatrice provinciale di Italia Viva, che coglie l’occasione anche per parlare ed approfondire la situazione sull’emergenza sanitaria in corso.

“Vola via da Frosinone la Scuola Elicotteri per atterrare a Viterbo, perdiamo altri pezzi di economia e di società. In un momento come quello che stiamo vivendo, pieno di incertezze di paure la Provincia di Frosinone si impoverisce ulteriormente.
Crescono le differenze tra chi è garantito e chi no, tra uomini e donne, tra giovani e meno giovani, ma io trovo davvero grave la totale assenza di visione, cosa si vuole fare di questa terra? Ormai siamo abituati a ragionare solo in termini di emergenza”.

La Calcagni continua parlando di un tema di attualità come quello del dissesto idrogeologico. “Abbiamo assistito alla frana nel comune di Picinisco alla prima pioggia stagionale, un danno che lascia come vittima una terra bella e fragile. Per questo, come Coordinatrice di Italia Viva ho chiesto con forza che fosse ripristinata l’unità di missione per il dissesto idrogeologico voluta dal Governo Renzi e smantellata immediatamente dopo, ma io non siedo nei banchi del parlamento a differenza degli eletti della Provincia di Frosinone. È chi siede nei luoghi dove si prendono le decisioni che può essere davvero incisivo, che può davvero fare la differenza, per questo a noi cittadini la responsabilità di scegliere con un forte senso di responsabilità”.

In merito all’emergenza sanitaria in atto, Valentina Calcagni sostiene che “convivere con il Covid19 non è affatto facile, allora occorre lealtà e capacità, lealtà nel riconoscere errori o negligenze, capacità di anticipare e pianificare senza rincorrere gli eventi. A marzo scrivevo di utilizzare il tempo per realizzare piani di potenziamento per il trasporto pubblico, per gestire la sicurezza nelle scuole, siamo quasi a novembre e rincorriamo le curve di contagio che purtroppo corrono molto velocemente.
Tutti noi speriamo che il vaccino arrivi in breve tempo, ma avere il vaccino non significa avere al tempo stesso tutti i cittadini vaccinati, e allora anche qui, iniziamo da subito a prevedere a organizzare a decidere i piani per la somministrazione, Italia Viva è il partito della proposta del giorno prima e non dell’emergenza del giorno dopo”.

Passaggio anche per quel che riguarda il tema scuola. “Nel mondo della scuola i sacrifici sono davvero tanti, ma mentre i tamponi rapidi sono una necessità, mentre le mascherine trasparenti per consentire agli studenti con disabilità uditive di partecipare alla comprensione alla socializzazione sono una necessità, i banchi a rotelle sono una assurdità”.

“Il mio vuole essere un appello per tutti a remare nella stessa direzione” - conclude la Calcagni- “Non è il momento delle casacche; è il momento di rimboccarsi le maniche, un popolo ridotto alla fame relegato nella paura è un fallimento collettivo”.

 

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/uu98r6be/domains/unoetre.it/public_html/templates/gk_news/html/com_k2/templates/default/tag.php on line 56 Leggi tutto...

Italia Viva: "Emergenza liquidità: subito prestiti straordinari garantiti al 100% dallo Stato"

  • Pubblicato in Partiti

Imprese e p.iva, Italia Viva Frosinone: "Emergenza liquidità: subito prestiti straordinari garantiti al 100% dallo Stato"

Calcagni 350 minLiquidità subito per tutte le partite iva e le piccole e medie imprese: prestiti pari al 25% del fatturato 2019, garantiti al 100% dallo Stato, da restituire in 100 rate a partire da gennaio 2022. E per le imprese nate nel 2019 si prenda come parametro di riferimento aggiuntivo il costo del lavoro

"Liquidità, liquidità, liquidità: non c'è altra priorità ora per le attività economiche del Paese e anche del nostro territorio. In queste ore decisive nelle quali il governo sta predisponendo un nuovo decreto di aiuti per famiglie e aziende, stiamo chiedendo che si prenda la nostra proposta che può dare subito risposta al bisogno primario di ogni attività, soprattutto quelle più piccole: la possibilità di attivare prestiti bancari immediati interamente garantiti dallo Stato". Lo affermano i coordinatori di Italia Viva di Frosinone, Valentina Calcagni e Germano Caperna, impegnati in queste ore assieme ai propri parlamentari per stimolare il governo ad adottare la misura migliore per dare fiato alle imprese e al sistema economico. 

"La nostra proposta - spiega Valentina Calcagni - prevede che liberi professionisti, lavoratori autonomi, imprenditori individuali e società fino a 50 milioni di fatturato possano fare domanda ad una banca chiedendo ognuno di avere il 25% del proprio fatturato del 2019. La banca eroga il prestito velocemente, senza burocrazia e senza controlli di rating grazie alla garanzia statale al 100%. L’importo viene restituito in 100 rate a partire dal gennaio 2022 con interessi a carico dello Stato. Per le attività nate negli ultimi 12-18 mesi, si può prendere a riferimento come parametro aggiuntivo quello del costo del lavoro".

In questo modo l’impresa e il professionista riprendono a lavorare in sicurezza e può pagare fornitori per acquisti e investimenti, dipendenti e collaboratori. "L'emergenza sanitaria ha la priorità, ma altrettanta attenzione va riservata a quella economica - afferma Germano Caperna - sostenendo  il nostro tessuto produttivo, le imprese soprattutto quelle più piccole, più fragili che rappresentano il motore della nostra economia".

Come coprire questi costi? "Per arrivare a movimentare una cifra sufficiente a sostenere le Partite IVA e le PMI con fatturato fino a 50 milioni - continua Valentina Calcagni -, lo Stato deve intervenire con uno stanziamento da 33 miliardi di euro (circa 2 punti percentuali di PIL): 33 miliardi di euro infatti consentono garanzie per 412,5 miliardi di euro. Un intervento reso possibile anche all'allentamento delle norme europee sugli impegni di bilancio".

"E' una proposta concreta e realizzabile - conclude Caperna - che stiamo avanzando in queste ore al Governo e che chiediamo a chi la condivide di sostenere. Sono le ore in cui si definiscono i contenuti del decreto e non possiamo lasciare nulla di intentato per dare un aiuto vero al nostro sistema economico, soprattutto a quello fatto di piccole e medie attività che rappresentano il cuore pulsante della nostra economia territoriale e non solo".

 

 

 

Modulo nuovo di Autocertificazione per ottemperare alle disposizioni dell'emergenza coronavirus da SCARICARE, STAMPARE e COMPILARE

{jd_file file==21}

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/uu98r6be/domains/unoetre.it/public_html/templates/gk_news/html/com_k2/templates/default/tag.php on line 56 Leggi tutto...

Si è costituito a Sora il comitato cittadino di Italia Viva

  • Pubblicato in Partiti

ITALIAVIVA simbolo 350 mindi Valentino Bettionelli - È ufficialmente costituito a Sora il comitato cittadino di Italia Viva, il Coordinatore è Loreto Chiarlitti che ha voluto riunire all'insegna del fare iscritti, simpatizzanti, il Consigliere Provinciale di Italia Viva Germano Caperna e la Referente Provinciale Valentina Calcagni. Tanto entusiasmo per il progetto di Matteo Renzi. Al Coordinatore Chiarlitti sta particolarmente a cuore il territorio:”la qualità della vita che i cittadini affrontano ogni giorno, il depotenziamento dell'ospedale, la farmacia comunale, una comunità ha bisogno di servizi e di risposte e L a politica ha il dovere di decidere, di intercettare le criticità e risolverle”.

Da Pietro Prosperi a Giuseppe Ciraudo la voce è unanime, tutti sentono la necessità di dare vita ad una casa dalle fondamenta solide e ben organizzata.
Il Consigliere Provinciale Germano Caperna ribadisce con forza che “è fondamentale fare squadra e lavorare insieme, perché Italia Viva si sta costruendo quotidianamente, lo dicono i sondaggi, si percepisce tra la gente, ed ogni nuova persona, ogni nuova idea, ogni nuova proposta,sono energie vitali”.italiaviva bettinelli 450 min

I lavori vengono chiusi da Valentina Calcagni che con orgoglio chiosa:”Italia Viva è una casa che stiamo costruendo tutti insieme, è una cosa dove nessuno è lasciato da solo, è una casa dove la cucina è a vista affinché tutti possano conoscere le ricette per rimettere in moto il Paese e scegliere con consapevolezza e trasparenza da che parte stare”.

 

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/uu98r6be/domains/unoetre.it/public_html/templates/gk_news/html/com_k2/templates/default/tag.php on line 56 Leggi tutto...

"Italia Viva" a Veroli: Alea iacta est

italiaviva 350 mindi Redazione - Alea iacta est. Germano Caperna lascia il PD senza spendersi e spandersi in troppi convenevoli. Lo lascia da capogruppo provinciale del partito, mentre siede a palazzo Iacobucci da consigliere con delega relative alle strade, alla polizia provinciale e ai trasporti. Lo lascia mentre il suo padre putativo politico, Antonio Pompeo, resta serrato nelle diatribe del PD.

Un divorzio in piena regola, senza possibilità alcuna di ripensamento. Se la corsa senza vessillo rosso verde nelle elezioni di maggio era stato un primo passo fuori dal recinto del partito, la partecipazione alla decima Leopolda ha confermato che il corteggiamento esterno era avviato. Il passaggio successivo non poteva che essere l'adieu alla zingarettiana volontà e la stretta di mano a Renzi e ad Italia Viva. Una militanza sì nuova, ma che trascina inevitabilmente con sé i dissapori intrinsechi alla grande famiglia del PD nel basso Lazio. Un partito spaccato tra "Pensare democratico" di Francesco De Angelis e le idee di Antonio Pompeo: un tira e molla di poltrone e intese, a discapito dell'esercizio del potere votato alla buona politica.

Uno stallo alla messicana che diventa inevitabile traduzione di immobilismo programmatico, mancato ricambio generazionale, se non rarissime eccezioni, dove non spiccano le persone ma più i personalismi. E quando una nave vacilla, prima di vederla inabissarsi, saltare sulla scialuppa di salvataggio non è solo mossa intelligente ma lungimirante. Caperna, che la politica la vive e la fa da anni, ha guardato ben oltre l'imminenza dei tesseramenti, ed ha iniziato a posizionare le tessere per la prossima tornata elettorale che, con buona pace di molti, potrebbe vederlo candidato sindaco. Non naviga certo a vista il consigliere, tanto che oltrepassa il confine di Italia Viva in buona compagnia. Cristina Verro, ad oggi presidente del consiglio comunale e tra le amministratrici più apprezzate dell'assise, lo ha seguito senza dubbio alcuno, certa di poter sposare le prospettive renziane e interpretarle anche sul territorio verolano. Un'accoppiata collaudata nella lista civica Veroli Proxima, che ha conquistato oltre 1800 voti, accaparrandosi un primato di fatti e poche parole. Un numero di consensi che assicura terreno solido e fertile alla nuova era Cretaro.

A sventolar la tessera di Italia Viva con i compagni di brigata anche Patrizia Viglianti, Assessore al secondo mandato, e già asse portante di Proxima. La squadra che rappresenterà Matteo Renzi sul territorio ernico si è costituita in un comitato civico dal nome "Veroli Città Viva"; nato da pochi giorni, annovera già una rosa di nomi che nella politica verolana contano parecchio e da molto. Ammutinamento di massa per il circolo del Partito Democratico locale, che perde, oltre a più di un militante, anche il Presidente Cesidio Trulli e il Tesoriere Stefano Iannarilli. Resta il timoniere, il Segretario Toni Pironi, con un cerino bruciante piuttosto corto in mano, pronto a rimettere in riga i suoi, con fila tutte da rimpinguare.

La fluidità partitica che oggi si racconta a Veroli è una letterale trasposizione nel piccolo, di logiche vigenti tra le alte sfere. Le proposte ci sono, spesso sono affini e sposano principi comuni: partiti che vantano stessa dinastia e retaggio ideologico, eredi dello stesso testimone da contendersi. Quello che spinge alla scissione è la possibilità o meno di rendere atti le idee, abbandonando le bagarre personali. Quando a trionfare però non è un solido andamento amministrativo piuttosto una sequela di trofei ad personam, il rischio è la decadenza del confronto democratico.

Sarà forse per questo che tanti politici collaudati hanno preferito uscire dal seminato pur di preservare un posto nella dialettica politica? Perché credere nella costituente del partito è dovere etico, ma dar voce ai cittadini che hanno legittimato con il voto la rappresentanza, è il primo imperativo di fedeltà. Poterlo fare è l'essenza della democrazia rappresentativa, qualsiasi casacca si indossi, anzi a volte cambiarla, è il vero compromesso da accettare per essere essere al servizio dello Stato, come Costituzione e morale comandano..

 

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/uu98r6be/domains/unoetre.it/public_html/templates/gk_news/html/com_k2/templates/default/tag.php on line 56 Leggi tutto...

Sora. Ciraudo: perché scelgo Italia Viva

  • Pubblicato in Partiti

Ciraudo e Giachetti 350 mindi Valentino Bettinelli - Anche a Sora porte girevoli tra il Pd ed Italia Viva. Giuseppe Ciraudo, esponente del circolo di Sora e membro della Direzione Provinciale del Partito Democratico di Frosinone, passa con il nuovo partito di Matteo Renzi.

"Al passato dico grazie, al futuro dico si" - spiega Ciraudo e continua "Ho creduto nel PD e non rinnego nulla del mio percorso, anzi provo un profondo senso di gratitudine verso i tanti compagni di viaggio con cui ho condiviso anni di bellissima militanza. Ma oggi il Partito Democratico non mi convince più perché si è perso tra mille litigi, liturgie e correnti. Mi sono sempre sforzato di svolgere la mia attività politica con impegno e senso di responsabilità cercando, per quanto mi è stato possibile, di contribuire alla crescita del partito e della comunità. Questo è lo spirito che voglio continuare a mantenere, un atteggiamento costruttivo e di piena disponibilità, lontano dalle polemiche e dalle facili strumentalizzazioni. La mia", continua Ciraudo "è stata una scelta ben ponderata; aderisco al nuovo progetto con serenità e convinzione ed in coerenza con le mie idee, cosciente che sarà dura e che ci sarà tanto da lavorare.
Italia Viva è un progetto che valeva la pena costruire e seguire, è una sorta di evoluzione che guarda al futuro e punta ad un modo diverso di fare politica mettendo le persone in grado di valorizzare le proprie competenze. Sarà un laboratorio di produzione di soluzioni per il presente ed il futuro della nostra società".

Questo quanto dichiarato da Ciraudo, che prosegue "Desidero, in particolare, mettere in risalto la persona di Valentina Calcagni che, con grande tenacia e dedizione, ha sempre portato avanti le sue idee e creduto sin da subito a questo progetto. Con lei stiamo già lavorando per creare anche a Sora un gruppo forte, pronto a mettersi, da subito, al servizio della comunità affinché si possano affrontare le innumerevoli problematiche che attanagliano il nostro territorio.
Ora si apre una fase nuova, ho deciso di dimettermi da consigliere del circolo Pd cittadino e dalla Direzione Provinciale e di accettare la sfida lanciata con il nuovo progetto politico di Italia Viva, al fianco di Matteo Renzi”. “Concludo” dice Ciraudo: “ringraziando quanti, in questi anni, mi hanno accompagnato in questa avventura, a quanti hanno sostenuto le mie scelte, non acriticamente, bensì condividendone i contenuti ed i ragionamenti".

Questa la dichiarazione rilasciata da Giuseppe Ciraudo.

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/uu98r6be/domains/unoetre.it/public_html/templates/gk_news/html/com_k2/templates/default/tag.php on line 56 Leggi tutto...

I primi passi di “Italia Viva” nel Lazio e a Frosinone

  • Pubblicato in Partiti

loghi italia viva renzi 350 mindi Valentino Bettinelli - Il movimento a trazione Renziana “Italia Viva” si presenta a Roma. In attesa della Leopolda del prossimo fine settimana. Il Cinema Adriano a Roma ha ospitato, nella mattinata di sabato 12 ottobre, i tanti accorsi ad ascoltare le anticipazioni sul nuovo partito. A fornire gli onori di casa, quattro tra i maggiori attori della nuova realtà politica: Maria Elena Boschi, Roberto Giachetti, Luciano Nobili ed Ettore Rosato.

Un’esperienza che nasce dopo la presa di posizione di Matteo Renzi e dei suoi sodali, in contrasto con la linea imposta dal segretario del Partito Democratico, Nicola Zingaretti.
A rappresentare la nostra provincia due donne, l’ex Senatrice Maria Spilabotte e Valentina Calcagni, da sempre vicine alle posizioni del leader di Rignano Sull’Arno.

Proprio Valentina Calcagni, in qualità di referente sul territorio, ci ha concesso le sue impressioni. “Si apre un percorso nuovo, dove nessuno deve essere lasciato da solo e rimanere indietro, un percorso che sia finalmente generativo nella comunione di valori riformisti. Siamo sempre più numerosi, una catena umana solida, radicata nella consapevolezza e coscienza che la necessità di cambiamento è fondamentale. La tutela dell’ambiente, il lavoro, la scuola, le infrastrutture, l'innovazione tecnologica, la ricerca, la parità di genere e la tutela della verità sono valori radicati in ciascuno di noi qui oggi”.

In Provincia di Frosinone il movimento di Italia Viva prende il largo proprio dall’iniziativa della Calcagni che, con il suo solito vivace entusiasmo, si dichiara “orgogliosa per l’avvio di questa nuova esperienza, che dall’idea di Matteo Renzi si sta allargando tra tanti ragazzi e giovani amministratori”. Riguardo alla sua collocazione personale, si professa “finalmente nella mia casa naturale. Non dovrò più sentirmi ospite di nessuno”.

Un partito, quello di Italia Viva, che ad una settimana dalla sua partenza ufficiale si attesta, secondo i sondaggi, attorno al 6% ('?' - ndr) dei consensi. Un risultato che fa sperare i tanti che hanno creduto in questa nuova strada. Lo stesso Ettore Rosato ha detto che “Italia Viva non sarà un piccolo partito. Anzi, l’obiettivo sarà quello di ampliare sempre più il nostro bacino elettorale, al fine di dare uno spazio politico ai tanti che ad oggi non si riconoscono nei partiti maggiori”.

La convention romana è stato solo un primo inizio, e chissà che proprio Frosinone non possa rappresentare un buon laboratorio per il nuovo gioiellino di Matteo Renzi.

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/uu98r6be/domains/unoetre.it/public_html/templates/gk_news/html/com_k2/templates/default/tag.php on line 56 Leggi tutto...

Zingaretti: le mie sono domande che si fanno gli italiani

renzi zingaretti 400 minInfo curata da Antonella Necci - «PD, Zingaretti: 'Da Renzi un whatsapp a decisione presa'» (ansa.it)

«Il problema non è Zingaretti ma gli italiani. Spiegare agli italiani perchè è successo dopo il giuramento del governo non è una questione personale».

«Ovviamente no. Ho ricevuto un whatsapp quando la decisione era stata presa». Così il leader Pd Nicola Zingaretti, da Maria Latella a l'Intervista su Sky a chi gli chiede se Matteo Renzi lo avesse avvisato di voler compiere la scissione durante le trattative per la formazione del governo.

«Non pretendevo - dice Zingaretti - una telefonata. Il problema non è Zingaretti ma gli italiani. Spiegare agli italiani perchè è successo dopo il giuramento del governo. Non è una questione personale per me».

«La sfida - ha detto riguardo al possibile faccia a faccia tra Renzi e Salvini - non è il giochetto dello scontro tra i leader ma risolvere i problemi degli italiani. Priorità dell'Italia non è attendere il faccia a faccia di Tizio contro Caio».

«Salvini e Renzi - ha detto in un altro passaggio - sono persone con idee diverse cui conviene litigare per far parlare di sè. Ma la grande forza dell'alternativa si chiama Pd che è l'unica vera forza nazionale che intercetta cambiamento e giustizia sociale».

Zingaretti ha parlato anche del patto civico al quale M5s e Pd stanno lavorando per le regionali in Umbria. Sull'accordo con il M5S sull'Umbria - ha detto - «non c'è nessun automatismo per le Regionali, ogni Regione dovrà decidere sulla base delle proprie leadership, dei propri contenuti, ma c'è una vocazione unitaria a provarci, per un futuro del Paese non fondato sull'odio, ma sulla crescita, sullo sviluppo, il lavoro e il benessere. E' un fatto positivo che si stanno provando a verificare le condizioni per dare insieme una risposta ai cittadini, è utile per l'Italia».

 

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/uu98r6be/domains/unoetre.it/public_html/templates/gk_news/html/com_k2/templates/default/tag.php on line 56 Leggi tutto...

"Italia Viva" e i commmenti che l'accolgono

matteorenzi 350 minAntonella Necci passa in rassegna alcuni commenti che hanno accolto la scelta più recente di Matteo Renzi.

I motivi della scissione di Matteo Renzi dal Partito democratico per fondare una nuova creatura, Italia Viva, (nome che sembra riprendere lo slogan della Leopolda 2012) sono difficili da comprendere per molti, tra cui il sindaco di Milano Giuseppe Sala. E mentre Silvio Berlusconi augura a Renzi "di avere successo", escono i nomi dei senatori pronti a passare alla nuova formazione. Secondo il capogruppo dem Andrea Marcucci al Senato i senatori sarebbero 13 (incluso Renzi). Tra i sicuri che lasceranno il gruppo dem di Palazzo Madama ci sono Giuseppe Cucca e Daniela Sbrollini, Francesco Bonifazi, Teresa Bellanova, Davide Faraone, Valeria Sudano, Ernesto Magorno, Laura Garavini, Eugenio Comincini, Nadia Ginetti, Mauro Marino, Leonardo Grimani.

ll senatore Tommaso Cerno, ieri dato tra gli "scissionisti" rimarrà invece tra i dem. (la lista andrà aggiornata soprattuto per gli arrivi da Forza Italia ndr)

"Ho deciso di accettare l'invito che mi ha rivolto Matteo Renzi di partecipare sin dal principio, senza attese e tatticismi, alla fondazione di Italia Viva", ha dichiarato la senatrice di Forza Italia Donatella Conzatti ex Scelta civica.

Il sindaco di Milano ha affidato a Facebook un suo commento su questa novità nella scena politica. "Credo che le ragioni vere di questa scelta - dice il sindaco - risiedano invece altrove. Lo dico con rispetto per Matteo, ma credo che faccia molta fatica a stare in una comunità collaborativa, preferendo invece un sistema che risponda pienamente a lui. È questo quello che più ci distingue".
"Le ragioni politiche della scissione di Italia Viva sono difficili da comprendere - scrive Sala - se l'obiettivo era quello di riorganizzare lo spazio politico in modo più coerente, temo che gli effetti, almeno al momento, siano diversi da quelli sperati. In quello stesso spazio "liberal-democratico" oggi c'è solo un soggetto in più".

Intervistato da Rai RadioTre nel programma "Tutta la città ne parla", Renzi ritorna sulle ragioni del suo addio replicando gli argomenti già esposti nella sua intervista a Repubblica: "Come due persone che le hanno tentate tutte per cercare di restare insieme, mi sono detto 'per quale motivo io devo continuare ad essere un intruso nella storia della Ditta che nei prossimi mesi si riprenderà D'Alema, Bersani e Speranza?'. Invece faranno senza di noi".

Italia Viva nasce per presidiare "uno spazio politico grande come una prateria", continua il senatore dem. Il movimento nato dalla scissione dal Pd prosegue "non so se si possa definire con le tradizionali categorie della politica. Se vogliamo possiamo definirlo riformatore o riformista, oppure di sinistra o di centro sinistra o moderato".

A Rai Radio1 interviene invece il segretario dem Nicola Zingaretti che, rivolto a Renzi, ribadisce: "Come è noto non faccio polemiche inutili. Bisogna riconoscere una semplice verità. Se si vuole fermare Salvini c'è bisogno di un grande Pd che sia il pilastro, il baricentro anche di un'alleanza più larga. Non si combatte né con le cerbottane né ignorando perché è forte. La Lega è forte perché intercetta e sfrutta la rabbia dei cittadini ma non dà risposte. Da qui la scommessa del governo Conte".

Nel dibattito si inserisce anche il governatore Pd della Campania Vincenzo De Luca, che ammette di non capire la scelta di Renzi e scherza sul nome della sua nuova formazione politica, postando su Facebook la locandina di un convegno organizzato cinque anni fa a Salerno: "Italia viva ha il copyright De Luca. È un simpatico plagio, il titolo di un'iniziativa sulla trasformazione urbana e l'architettura moderna fatto a Salerno nel 2014".

A rivendicare un presunto plagio è anche Mario Capanna, scrittore e attivista tra i principali leader del movimento giovanile del Sessantotto, che ricorda di aver pubblicato nel Duemila il libro "L'Italia viva, un viaggio nel Paese dell'impegno e della speranza".*

In realtà "Viva l'Italia Viva" era lo slogan dell'edizione del 2012 della Leopolda, la tradizionale kermesse organizzata a Firenze da Renzi. Il nome, comunque, è stato promosso dai pubblicitari. "È un nome furbo perché crea da subito nella mente dell'elettorato l'associazione che se un partito è 'vivo', quello di Renzi in questo caso, in automatico gli altri partiti sono tutti 'morti' " - commenta Luciano Nardi, fondatore e direttore creativo dell'agenzia Kube Libre. "Un nome che volutamente non rimanda a una collocazione politica specifica, – spiega lo spin doctor Davide CIliberti della società di PR Purple & Noise – proprio perché il posizionamento della nuova entità renziana intende ampliarsi a segmenti di elettorato allargati. Uno su tutti Forza Italia, considerata la ripresa del nome Italia in Italia Viva”.

*(non dimentichiamo che Italia Viva fu usato anche da Walter Veltroni vella fase di fondazione del PD ndr)

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/uu98r6be/domains/unoetre.it/public_html/templates/gk_news/html/com_k2/templates/default/tag.php on line 56 Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici