fbpx
Menu
A+ A A-

Incontro tra le Associazioni che si occupano di solidarietà e accoglienza

comunitàsolidali 350 minQuesto pomeriggio presso l’Associazione Grid, su invito di Comunità Solidali, si è svolto un incontro tra le Associazioni della provincia di Frosinone che si occupano di solidarietà e accoglienza.

Erano presenti:
Marco Toti direttore della Caritas di Frosinone-Veroli-Ferentino, Paolo Iafrate - Oltre l’Occidente, Gino De Matteo -Città Futura, Carmelo Selvaggio - SconfinataMente Anagni , Alice Popoli –Comunità Sant’Egidio Frosinone, Rino Tarallo-USB Cassino, Gianni Paciotta-Caritas Parrocchiale Frosinone, Alpha Diallo –Associazione Comunità Africana di Cassino, Cassino, oltre a privati cittadini sensibili al problema.

Il fenomeno migratorio, che ha spinto Comunità Solidali a costituirsi un anno e mezzo fa dopo i fatti della Diciotti, ci ha fatto sentire l’esigenza di confrontarci con chi sul territorio opera già attivamente, al fine di costituire una rete strutturata che abbia la capacità di confrontarsi con le istituzioni e con la politica, affinchè il fenomeno migratorio venga gestito, non solo come problema di ordine pubblico, ma come fatto sociale ed umanitario.

La dinamica migratoria, acuitasi dal 2011 con le guerre in Libia ed in Siria, ha reso il problema di difficile gestione e i governi che si sono succeduti hanno intrapreso strade sempre più restrittive, sia per quanto riguarda il soccorso, sia per quanto riguarda l’accoglienza, il riconoscimento dello status di rifugiato e di aiuto umanitario. Le politiche migratorie, per motivi di consenso, inculcando la paura del diverso, hanno contribuito a generare un clima di razzismo e di odio che si somma ai gravi problemi provocati dalla crisi economica che ha acuito le diseguaglianze.

Noi pensiamo che il fenomeno migratorio vada gestito con la conoscenza e l’interazione poiché il migrante non è una categoria astratta ma una persona con una storia e una vita, che non ha bisogno solo di pratiche burocratiche (che pure sono fondamentali) ma di empatia e di un progetto di vita.

Le varie realtà che si sono incontrate oggi, pur nella loro diversità, culturale, politica e religiosa, hanno convenuto che occorre far fronte con la solidarietà alle esigenze immediate di chi si trova in una situazione di fragilità e di bisogno ma, nello stesso tempo, adoperasi fortemente affinchè le politiche disumane che sono state attuate vengano al più presto superate, poiché, oltre ad aver inciso sull’accoglienza e sulla vita dei migranti, hanno tolto lavoro anche ai cittadini italiani che operavano nei centri di accoglienza. Senza contare che le più alte istituzioni locali possono decidere senza appello azioni contro chi solidarizza e sostiene le lotte per una convivenza umana e civile.

Sappiamo che esistono forze buone che rappresentano la parte migliore del Paese e che fino ad ora hanno giocato “in difesa”. Pensiamo sia ora di attaccare.
Non lasciamo cadere questi bagliori di una comunità migliore, proviamo a creare e a far camminare questa rete per cominciare a reagire insieme a questo clima d’intolleranza violenza ed odio.
Proprio per continuare questo percorso, ci siamo dati appuntamento sabato 25 gennaio alle ore 16,00 presso Grid in Corso della Repubblica n. 48 Frosinone
Frosinone 18/01/2020
Comunità Solidali Frosinone

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Concerto dei Lions per fine anno

Presidente Caterina Bracaglia-Lions Club  350qu minConcerto di auguri di fine anno del Lions Club "Frosinone Nova Civitas"

Il Presidente Caterina Bracaglia e i Soci del Lions Club “Frosinone Nova Civitas” con il “Patrocinio Morale” dell’Accademia Bonifaciana di Anagni hanno organizzato, per il prossimo Sabato 28 dicembre 2019 alle ore 19,00 nella nella preziosa cornice della Chiesa “Abbaziale” di San Benedetto, in Piazza della Libertà a Frosinone (di fronte al Palazzo della Prefettura) il “Concerto di Auguri” aperto alla libera partecipazione di tutti i Cittadini.

L’evento, sponsorizzato dalla Banca Popolare del Frusinate rientra, tra l’altro, nelle previste attività del Lions Club International per quanto riguarda le “Aree Tematiche” inerenti le Arti, la Cultura e la Musica in generale.
Per l'occasione saranno eseguiti da Musicisti di livello internazionale, facenti parte dell’Ensemble Bonifatius dell’Accademia Bonifaciana, diversi brani “collegati” con il particolare e sentito periodo “natalizio” e alcune famosissime “colonne sonore” di films altrettanto famosi.

Alcuni dei Musicisti che allieteranno la stessa serata, tra l’altro, si esibiranno in Vaticano nella Sala “Nervi” due giorni dopo, il 30 dicembre p.v., nel “Concerto di Auguri” a cui assisterà anche Papa Francesco.

Il Presidente del Lions Club “Frosinone Nova Civitas” Caterina Bracaglia, i Soci dello stesso Club, il Rettore dell’Accademia Bonifaciana Sante De Angelis e i Componenti della stessa invitano tutti ad assistere al particolare evento musicale, unico nel suo genere, che contribuirà a rendere ancora più memorabili i giorni immediatamente precedenti l’arrivo del Nuovo Anno 2020.
Per Tutti, perciò, come già detto, l’appuntamento è per le ore 19,00 del 28 dicembre p.v. nella splendida e antichissima Chiesa di San Benedetto che farà da magnifica e insostituibile “cornice” al prestigioso evento musicale di fine anno, sul nostro territorio, del “Lions Club International”.

 

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

“Alla Scoperta dei Segreti di Frosinone”

LocandinatesorinascostiCiociaria 350 minIl Lions Club “Frosinone Nova Civitas” organizza, per il giorno 11 ottobre 2019, l’evento culturale “Alla Scoperta dei Segreti di Frosinone”. La visita, guidata dall’Arch. Giovanni De Vincentis, profondo conoscitore dei luoghi “storici” della Città Capoluogo, inizierà alle ore 18:00 da Piazzale Vittorio Veneto dove si affaccia il “Palazzo della Banca d’Italia” e avrà termine alle ore 20:00, presso la “Chiesa di S. Benedetto”, resa cortesemente disponibile dal Parroco della Cattedrale di Frosinone Don Giuseppe Sperduti. Lungo il percorso ci sarà modo di potersi anche soffermare presso il “Monumento agli Eroi del Risorgimento”, in Piazza della Libertà, per avere notizie particolari in merito all’opera posizionata davanti al Palazzo della Prefettura. La visita è volta a rendere note, a tutti i partecipanti, le notizie storiche, artistiche e le “curiosità” relative ai luoghi interessati e rientra nelle attività comprese nell’Area Tematica del “Lions Club International” relativa all’Arte, alla Musica e alla Cultura in generale. Il Presidente del Lions Club “Frosinone Nova Civitas” Caterina Bracaglia e tutti i Soci del Club danno appuntamento, a chi volesse partecipare a questa particolare iniziativa, nei luoghi e orari riportati nella “locandina” allegata.
Il Lions Club “Frosinone Nova Civitas” fa parte del Distretto 108L Italy che comprende, geograficamente, il Lazio, l’Umbria e la Sardegna.
Per meglio inquadrare l’Associazione di seguito vengono riportate alcune notizie di carattere generale relative al “Lions Club International”.
Il “Lions Club International” è la più grande Organizzazione di Servizio e Umanitaria associata con le Nazioni Unite ed ha come proprio motto, per l’appunto, l’espressione “We Serve”.
I “Lions” sono attualmente quasi due milioni di Soci in oltre 47.000 Clubs di 800 Distretti presenti in più di 210 Paesi del Mondo ed in continua espansione. Un numero di Nazioni addirittura superiore a quello dei Paesi aderenti all’ONU, a dimostrazione del fatto che gli ideali di servizio, di amicizia e di aiuto per le comunità in difficoltà sono concetti transnazionali che accomunano le persone, pur nella diversità politica, culturale, religiosa ed etnica. I Lions hanno quindi, istituzionalmente una vocazione internazionalistica ad operare “al di la” e “al di sopra” dei vincoli di confine.
Il termine “Lions” nel nome dell’Associazione, non è nato come acronimo ma lo è diventato successivamente: in origine stava per “Liberty, Intelligence, Our Nation’s Safety” (“Liberta’, Intelligenza, Sicurezza della nostra Nazione”). Trattandosi di un’Associazione filantropica la parola “Safety”, associata alla difesa armata, è stata mutata in “Service” (”Servizio”), e l’interpretazione dell’acronimo è diventata “Liberta’ e Intelligenza al servizio della nostra Nazione”. I Soci del Lions Club offrono il loro tempo, il loro impegno, le loro risorse, tra l’altro, per raccogliere fondi a scopo benefico da distribuire sia nella propria comunità che a livello internazionale. Gli “scopi” dell’Associazione sono quelli di creare e stimolare la comprensione fra i popoli, promuovere i principi di buon governo e di buona cittadinanza, interessarsi attivamente al benessere della comunità, favorire le persone interessate a servire la comunità senza scopo personale di lucro. L’Associazione, inoltre, promuove un alto livello morale nelle professioni, negli incarichi pubblici e nel comportamento privato tramite un proprio codice etico.

“Club Marketing Communications Chairperson”
Comm. Gen. Antonio ZACCINI

 

 

ù

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Sylvatica Hernica: i Monti Ernici come non li avete mai visti

Farfalla sylvaticaonline mindi Riccardo Copiz, Associazione Sylvatica - Gentili Autorità, Enti, Associazioni e Organi di informazione,

la scrivente associazione, in collaborazione con le sezioni di Frosinone e Alatri del CAI, con il patrocinio del Comune di Alatri, ha organizzato una manifestazione di divulgazione naturalistica intitolata "Sylvatica Hernica: i Monti Ernici come non li avete mai visti" che si svilupperà nel periodo 10-18 Novembre 2018, presso i locali del Chiostro di San Francesco in Piazza Regina Margherita (Alatri - FR),

L’obiettivo principale di tale appuntamento pubblico è quello di rappresentare in modo semplice e divulgativo il valore del territorio in oggetto, con particolare riferimento alle risorse ambientali, naturalistiche e paesaggistiche.

A tal fine sarà allestita una specifica mostra fotografica e un’esposizione di altri materiali illustrativi. Contestualmente saranno organizzati seminari tematici di approfondimento, proiezioni di documentari e video, escursioni e attività didattiche per le scuole.

Un convegno di carattere tecnico e istituzionale, intitolato “I Monti Ernici: un patrimonio di importanza europea da conoscere, valorizzare e tutelare”, che si terrà nella mattina di sabato 17 novembre dalle ore 9,30 alle ore 13,30 presso la Biblioteca comunale di Alatri in via Roma n. 12, consentirà di sviluppare un confronto tra gli Enti competenti a vario livello nella gestione del territorio e delle risorse naturali e di promuovere azioni adeguate di tutela e valorizzazione sostenibile.

Certi di un Vostro interesse, vi invitiamo a partecipare a questi appuntamenti i cui programmi completi sono inviati in allegato alla presente.

Si ringrazia per l’attenzione e si inviano distinti saluti.

LOGO SYLVATICA SMALL

Riccardo Copiz
Associazione Sylvatica
www.sylvaticaonline.it


 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Leggi tutto...

Bel lavoro dalle associazioni Sylvatica e Falconeria D&M

rapacicurati 2 mindi Riccardo Copiz - Cinque rapaci hanno nuovamente spiccato il volo con le… Ali Erniche. Nel caldo pomeriggio di sabato scorso, 20 ottobre, nel territorio di Collepardo si è svolta con grande partecipazione e interesse di numerosi cittadini, in particolare bambini e ragazzi, l’iniziativa “Ali Erniche” finalizzata al rilascio di 5 uccelli rapaci curati presso il Centro di recupero della fauna selvatica gestito dal Reparto Carabinieri per la Biodiversità di Fogliano (LT).
Cinque uccelli soccorsi nel territorio dei Monti Ernici, da alcuni cittadini e associazioni, perché feriti e bisognosi di specifiche cure, che in alcuni casi si sono prolungate per diverse settimane o alcuni mesi.

Il rilascio in natura è stata l’emozionante conclusione di un percorso, anche didattico, curato dall’associazione Sylvatica in collaborazione con l’associazione Falconeria D&M.
Nelle settimane precedenti sono state coinvolte, infatti, diverse scuole della provincia di Frosinone per promuovere l’iniziativa e spiegare l’importanza della tutela della biodiversità e delle attività di recupero della fauna selvatica, ferita spesso da comportamenti illeciti o poco rispettosi dell’ambiente che ci circonda.
Un ringraziamento particolare va rivolto a tutti i partecipanti e ai diversi Enti che hanno reso possibile l’iniziativa e hanno portato il loro contributo: il Sindaco Mauro Bussiglieri e tutta l’Amministrazione di Collepardo, il Comandante del Gruppo Carabinieri forestale di Frosinone Ten. Col. Giuseppe Lopez, il Maresciallo Roberto Mayer e i suoi collaboratori in servizio presso il Reparto Carabinieri per la Biodiversità di Fogliano che gestisce il Centro di recupero della fauna selvatica, il Vice Comandante della Polizia Provinciale di Frosinone Pierfrancesco Vona, i Guardiaparco del Parco naturale regionale dei Monti Ausoni e Lago di Fondi, che da un paio d’anni gestisce anche porzioni dei Monti Ernici, i Carabinieri forestali della Stazione di Guarcino e, infine, le Guardie zoofile dell’associazione Kronos.
L’iniziativa ha permesso a tutti gli enti presenti di portare la loro testimonianza, di farsi conoscere e di confrontarsi sulle loro attività. È stato un bel momento formativo, soprattutto per i tanti bambini e ragazzi ai quali è stata spiegata l’importante differenza tra la fauna selvatica, che è “patrimonio indisponibile dello Stato” e non si deve sottrarre al proprio ambiente naturale, e la fauna domestica, che al contrario non si deve abbandonare per non comprometterne la vita e introdurre nell’ambiente potenziali competitori della fauna selvatica o portatori sani di malattie contagiose e pericolose per gli altri animali.
Altra rilevante differenza spiegata ai più giovani, ma anche ai loro genitori e agli altri adulti presenti, è stata quella tra un animale selvatico realmente ferito da soccorrere e uno apparentemente in difficoltà ma da non toccare e avvicinare, come è il caso dei piccoli di qualsiasi specie qualora non si è assolutamente certi della scomparsa della madre.

Infine, ampio spazio è stato dedicato al rischio legato all’abbandono in natura di animali esotici che a noi possono risultare inermi e compatibili con i nostri ambienti e invece rappresentano spesso una grande minaccia per la fauna e la flora tipica locale.
Gli interventi hanno fatto emergere anche diverse criticità con cui le autorità ed i cittadini devono fare i conti nel caso in cui ci si trova a dover soccorrere un animale selvatico ferito. Il Centro di recupero di Fogliano, infatti, è l’unico centro presente sul territorio provinciale di Latina e di Frosinone e a questo si è aggiunto di recente il problema delle competenze per il soccorso e trasporto fino a Fogliano degli animali trovati feriti. Questa era una delle competenze specifiche della Polizia Provinciale che le è stata sottratta a seguito della Legge di riordino degli enti locali (c.d. Legge Del Rio) senza aver definito un ente sostitutivo. Le associazioni e i cittadini più sensibili al tema cercano di sopperire con risorse proprie e rischiando anche di commettere un illecito.
Cosa fare quindi nel caso in cui ci si trovi di fronte ad un animale selvatico ferito? Questa domanda la giriamo alla Regione Lazio, attualmente competente in materia. Attendiamo di ricevere la risposta.

*Il Presidente dell'Associazione Sylvativa

Collepardo, 22 ottobre 2018.

 AliErniche

Leggi tutto...

'Cultores Artium'

Logo cultore artium minL'associazione "Cultores Artium" di Ceccano ora è presente nelle pagine di UNOeTRE.it per informare delle sue iniziative.

L'associazione Cultores Artium nasce a Ceccano nel 2012 da alcuni degli ex volontari del progetto di Servizio Civile chiamato "Città Nuova". L'associazione si occupa da allora di ricerca storica e di promozione turistica e culturale di Ceccano e delle cittadine limitrofe che un tempo erano feudi della contea di Ceccano, ubicate tra l'area meridionale dei Monti Lepini e la Valle dell'Amaseno. L'associazione è partner del progetto di valorizzazzione e fruizione sostenibile della dott.ssa Sara Carallo (Università di Roma3) www.valledellamaseno.it e collabora con numerose Amministrazioni, Istituzioni ed Associazioni.CultoresArtium Interno castello di Ceccano FR 350 260 min

L'associazione si occupa delle aperture al pubblico e delle visite al Castello dei Conti di Ceccano, monumento principale della città fabraterna. Grazie alla dedizione e alla cura verso i visitatori si è giunti a un risultato di circa 2'000 visitatori nel 2016 e a ricevere l'ambito attestato di eccellenza di TripAdvisor per le numerose recensioni positive ricevute nel 2017 e riconfermato anche nel 2018.


 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Leggi tutto...

Anagni. Associazioni interrogano candidati a Sindaco

Anagni Palazzo civico Sec. XI XIII 350 250 min2 gugno 2018 - Il dibattito che si è svolto ieri pomeriggio, nella Sala della Ragione del Comune, tra i candidati alla carica di Sindaco di Anagni, nelle elezioni amministrative del prossimo 10 giugno ha permesso a ciascuno di loro di confrontarsi con gli altri su alcuni punti particolarmente significativi delle loro proposte programmatiche.
Le Associazioni e i Comitati hanno organizzato l’ iniziativa con il chiaro obiettivo che essa fosse,per tutti i cittadini/elettori l’ occasione per capire le ragioni per cui “dovremmo votarli”.
Di fronte ad una Sala gremita, il moderatore Paolo Carnevale ha condotto con misura ed equilibrio lo svolgimento del confronto. In apertura ciascun candidato ha illustrato brevemente la propria proposta elettorale, quindi ad ognuno sono stati presentati , in successione, tre gruppi di domande, incentrate su alcuni temi cruciali per la città e il territorio : Ambiente, Salute, Centro Storico.
Le risposte avevano tempi stabiliti e seguivano una modalità di alternanza nell’ ordine degli interventi.
Sono poi seguiti alcuni interessanti interventi dal pubblico e un giro conclusivo per permettere ad ogni candidato di formulare un breve appello al voto, rivolto a tutti i cittadini.
Il ricco e articolato dibattito ha così permesso di conoscere le posizioni di ciascuno riguardanti temi per nulla “leggeri “ in quanto carichi di prevedibili, pesanti responsabilità alle quali il prossimo sindaco sarà chiamato a rispondere di fronte ai cittadini. Essi non si sono sottratti neanche alle domande “ scomode “ e, pur con qualche spunto polemico, è prevalsa una dialettica politica che ha animato quasi tre ore di discussione
Tutti i candidati, anche se con diverse sfumature, hanno affermato la necessità di migliorare la qualità della vita degli anagnini, con iniziative quali vigilanza e tutela dell’ambiente, con controlli e opposizioni alle vecchie e nuove fonti di inquinamento. Per la ex Polveriera è stato espresso un consenso comune verso la definizione di “ area non industriale” da valorizzare al servizio dei cittadini. Quanto alla questione Ospedale è emersa la volontà di impegnarsi per difendere il Diritto alla Salute, riconosciuto dalla Costituzione, e di proseguire nel coinvolgimento dei sindaci dei comuni limitrofi per una forte richiesta del Pronto Soccorso che garantisca un’ assistenza di base irrinunciabile. Per il Centro Storico, si è fatto riferimento principalmente alla necessità di migliorare l’ offerta turistica, con progetti dai contorni incerti che andranno, indubbiamente precisati. Occorre ancora sottolineare il ruolo del moderatore che ha sempre ricondotto il dibattito nel solco di una discussione civile e rispettosa delle reciproche posizioni politiche davanti ad una platea molto attenta e partecipe.
Pertanto le Associazioni e i Comitati ringraziano i candidati : Viviana Cacciatori, Nello Di Giulio, Fernando Fioramonti, Maria La Pastina, Daniele Natalia, Sandra Tagliaboschi, Daniele Tasca per aver accettato l’ invito al confronto, l’ ottimo moderatore e, doverosamente, il Commissario Prefettizio dott. Massimo Di Donato per aver autorizzato lo svolgimento dell’ incontro nella Sala della Ragione.
Le associazioni e i Comitati avvertono anche la necessità di richiamare tutti i candidati, una volta eletti, nella maggioranza o all’ opposizione, ad impegnarsi fattivamente per gli obiettivi virtuosi dichiarati e confermano il loro impegno, nell’ ambito del loro ruolo, a dare vita concretamente alle forme della democrazia partecipata.

Le Associazioni presenti: "Diritto alla Salute", "Anagni Viva", "Comitato Osteria della Fontana", "Anagni Scuola Futura", "Raggio verde", "LegAmbiente Circolo di Anagni", "Comitato Residenti Colleferro", "Re.Tu.Va.Sa.", "Comitato S. Bartolomeo".

Leggi tutto...

Essere voce, raccordo e veicolo di informazioni delle Associazioni

1e3it ombra 350quLettera aperta AI DIRIGENTI, RAPPRESENTANTI E OPERATORI DELL’ASSOCIAZIONISMO IN CIOCIARIA.

Il giornale UNOeTRE.it, negli scorsi mesi ha promosso una serie di incontri territoriali che si sono svolti nelle città di Cassino, Sora e Anagni e hanno visto come protagoniste le associazioni del territorio che operano in tutti i rami del tessuto sociale. Anche nella recente presentazione del libro “Attacco alla salute” edito da Bianchini, che raccoglie articoli scritti da Angelino Loffredi e pubblicati con i giornali unoetre.it e L’Inchiesta sullo stato della sanità italiana e in particolare regionale e locale, ha visto la partecipazione delle attrici e degli attori del settore e di quelle associazioni che lavorando più o meno direttamente in ambito sanitario o in quello sociale e culturale, hanno dato un contributo validissimo al dialogo, al confronto, alla conoscenza delle criticità e alla formulazione di idee e di ipotesi di lavoro per superare le problematiche e rendersi disponibili e propositivi per il miglioramento della condizione in cui versano le nostre città, i loro abitanti.

Vorremmo essere voce, raccordo e veicolo di informazioni per quelle associazioni che non godono costantemente della visibilità che meritano.

Le associazioni svolgono un ruolo di fondamentale importanza, in virtù della loro capillare presenza nel territorio e in generale grazie anche al livello di professionalità degli associati. Occorre quindi porre una seria attenzione nei confronti delle associazioni che hanno come scopo l’interesse della collettività. Spesso le attività svolte rappresentano per le associazioni una vera e propria missione. Per questo motivo è fondamentale che sia riconosciuto il giusto merito nonché l’importanza del ruolo dell’associazionismo.
La stessa Costituzione, con l’inserimento del principio di sussidiarietà, ha voluto che i cittadini fossero i primi protagonisti. Il ruolo delle associazioni, soprattutto nei prossimi anni sarà cruciale. Diventerà fondamentale e decisivo il loro compito quando l’associazionismo avrà la possibilità e la capacità di determinare un’innovazione reale per il territorio. Le associazioni sono ‘cittadini organizzati’. E’ quindi necessario che le associazioni abbiano un ruolo preciso che sia di proposizione in un sistema in cui le relazioni sono andate in crisi.
Impegnate in molteplici attività, le associazioni favoriscono la diffusione della cultura democratica, dell’universalismo e della solidarietà sociale, rafforzando i legami fra persone e l’efficacia delle politiche pubbliche.
Le associazioni (o le reti di associazioni) possono agire come attori collettivi nell’ambito della sfera pubblica, per influenzare direttamente sia la politica che le politiche con svariate forme di iniziative e mobilitazioni, di pressione sui governi ma anche di produzione diretta di beni pubblici.
Non a caso, negli ultimi venticinque anni l’idea della partecipazione associativa come «scuola di democrazia» è stata ripresa da diversi studiosi
Con la partecipazione associativa aumentano in generale le risorse disponibili per la partecipazione politica: la competenza civica, l’informazione, la tolleranza verso altre culture, l’appartenenza a reti sociali, il senso di efficacia personale e le capacità di agire politicamente.
Nei territori in cui il civismo è più basso, non solo l’associazionismo gioca in sé un ruolo fondamentale nella produzione di beni pubblici, ma è anche un volano fondamentale di socializzazione ai valori e alle pratiche democratiche.
La partecipazione associativa riduce gli effetti negativi di esclusione dalla partecipazione politica democratica causata dal crescere dalle diseguaglianze sociali.
Per un giornale, che per sua natura lavora sul territorio e garantisce una immediatezza della comunicazione, non può che essere normale conseguenza farsi veicolo delle istanze delle varie associazioni, della loro esigenza di comunicare risorse e problematiche perché queste possano essere recepite dai canali più congeniali e in essi trovino riscontro e soluzione alle questioni di criticità
Ecco perché vorremmo che le associazioni possano trovare nel nostro giornale un riferimento per ogni tipo di comunicazione, ma vorremmo insieme a voi cercare la formula più giusta perché si crei una rete di collaborazione tra le varie realtà, o laddove già esista, possa rafforzarsi grazie all’ausilio di uno strumento dei diffusione quale è il nostro giornale, nella creazione di un forum, di incontri periodici, nella predisposizione di servizi utili come calendari delle attività, indicazione di informazioni utili quali orari di ricevimento, calendari delle iniziative tematiche ecc.
Una logica conclusione a questo appello potrebbe essere un incontro de visu tra il giornale e le associazioni che vogliano aderire alla nostra proposta.
Confidando in una sintesi tra le nostre proposte e le vostre esigenze, attendiamo un riscontro e vi auguriamo buon lavoro.

La Vice Direttrice di UNOeTRE.it
Nadeia De Gasperis

Leggi tutto...

Inceneritore Marangoni. In tribunale il ricorso di Comitati e Associazioni

InceneritoreMarangoni 350 260I Comitati e Le associazioni del Coordinamento Ambiente di Anagni e del territorio confermano di aver depositato in tribunale il ricorso contro la raccensione dell'inceneritore Marangoni. Questa notizia conferma la dichiarazione d'impegno rilasciata il giorno 28 ottobre alla stampa. Lunedì 30 ottobre scade il termine per la presentazione.

I Comitati e Le associazioni del Coordinamento Ambiente di Anagni e del territorio ritengono doveroso e necessario informare i cittadini di essere impegnati nel ricorso al TAR del Lazio (cioè lo hanno già depositato min tribunale?) contro l’autorizzazione alla riattivazione del termocombustore della Marangoni, con la Determinazione Regionale del 27.07.2017
La decisione regionale, grave in sé, lo è ancor più perché riguarda un territorio con un tasso di inquinamento così elevato da essere incluso tra i principali siti nazionali (SIN) da sottoporre a bonifica, inoltre, tale decisione non ha tenuto in alcun conto l’opposizione dichiarata dal Comune di Anagni alla richiesta della Marangoni, in sede di Conferenza dei Servizi, nella quale sono state completamente ignorate le ampie e articolate osservazioni prodotte dai Comitati e dalle Associazioni.
Pertanto i Comitati e le Associazioni : Anagni Viva – Retuvasa - DAS – Comitato Osteria della Fontana – Comitato San Bartolomeo – Comitato 14 luglio – Comitato Residenti Colleferro, assistiti legalmente
dall’ avv. Vittorina Teofilatto, del Foro di Roma, hanno predisposto specifiche e documentate osservazioni di carattere scientifico e tecnico e altrettante argomentazioni di carattere giuridico che espongono le ragioni di opposizione alla delibera regionale, considerando anche le conseguenze che il riavvio
dell’impianto avrebbe sulle condizioni ambientali e sanitarie del territorio e della popolazione residente, già gravemente compromesse.
Anche il Comune di Anagni intende presentare il ricorso al TAR (quando visto che lunedì 30 ottobre scade il termine per la presentazione) e lo faranno altre Associazioni del territorio, Legambiente Lazio e il Circolo di Anagni che si presenterà “ad adiuvandum” il ricorso dell’ Amministrazione.

LE ASSOCIAZIONI e I COMITATI
Anagni viva
Retuvasa
Das
Comitato Osteria della Fontana
Comitato San Bartolomeo
Comitato 14 luglio
Comitato Residenti Colleferro

Leggi tutto...

Ambiente. Le Associazioni vorrebbero che Anagni andasse alla parte giusta.

saxagres h260 minda Retuvasa, Anagni Viva, Comitato Osteria della Fontana - “Stiamo sereni”. Lo dice il PD di Anagni.
Nel comunicato : “Bisogna cambiare musica per risanare la Valle del Sacco” la dirigenza del PD di Anagni lancia il suo appello per tranquillizzare la popolazione di Anagni relativamente alla iniziativa Saxagres.

L’opposizione al progetto da parte di diverse Associazioni di Anagni e della Valle viene bollata quale ingannevole ingiustificato allarmismo.

“Nessun attacco al nostro territorio, nessuna invasione di rifiuti, nessun attentato all’ambiente” proclama il PD. Ma non è un attacco l’ennesima iniziativa nel settore dei rifiuti che la Valle deve sopportare? E le ceneri del termovalorizzatore forse non sono rifiuti a vario titolo di pericolosità oggi conferiti in discarica? E le tonnellate di ceneri previste da “lavorare” e stoccare nei capannoni non sono “invasione”? Ad oggi è stata autorizzata solo la “sperimentazione”, vero. Ma qualcuno del PD ha partecipato alle conferenze dei servizi, si è informato circa le modalità e i criteri di verifica dell’ottemperanza alla sperimentazione? Ha mai avuto a che fare con protocolli di sperimentazione nella sua esperienza? Chi di dovere aveva pieno titolo per partecipare, fosse solo per testimoniare in prima persona il suo assenso al progetto, era assente. Ma chi di dovere invece ha preferito essere presente alle sagre del peperoncino. E ora è tra i firmatari del comunicato del “cambio della musica”.

Non è poi come viene detto nel comunicato che non si va da nessuna parte: le Associazioni vorrebbero (eccome!!) che Anagni andasse da qualche parte, ma dalla parte giusta. E la parte “giusta” non è quella che proponete voi.

E poi. Sempre con quel tormentone dell’accusa che chiunque operi in modo sgradito al PD lo faccia solo per acchiappare voti. Di chi poi è difficile capire. Basta.

Ma non è proprio concepibile da parte vostra che possano esistere cittadini, liberi da condizionamenti, che intendano difendere direttamente i propri interessi senza delegarli ai partiti politici?. Dei quali, forse, non è che proprio abbiano una incondizionata fiducia, vista l’ evidente e ripetuta dimostrazione della loro incapacità di tutelare la salute dei cittadini con una politica ambientale fatta con competenza e responsabilità e con una convinta ed efficace azione politica contro lo smantellamento dell’ Ospedale.

Ma, invece di usare slogan vuoti di contenuti quali “la politica ha gli occhi aperti”, quali “le antenne sono ben rizzate ed indirizzate”, quali “i cittadini non sono stati lasciati soli”, quali “… ci stanno a cuore più di tutto” non esponete con chiarezza cosa il PD di Anagni (non il Comune, sono due cose distinte) e non solo di Anagni, ha fatto, sta facendo e cosa programma di fare a proposito di SaxaGres, della Marangoni, di Energia Anagni (la sorella di Saxa Gres), di ACEA A.R.I.A Castellaccio, di Colle Fagiolara, degli inceneritori di Colleferro, della Polveriera, dell’Ospedale di Anagni, di quello di Colleferro. Con documenti, atti e fatti. Non parole e ridicoli slogan paternalistici per lettori disattenti. E sono ben accetti atti coraggiosi di dichiarazione di pubblico consenso a tali iniziative, come pare essere quella di Saxa Gres. Ve lo diciamo in pieno spirito collaborativo: come dite voi, noi la nostra parte la stiamo facendo e ve la possiamo anche documentare per cambiare musica e risanare la Valle del Sacco, come piacerebbe a noi, però.

Speriamo che non vogliate imitare il vostro leader rispondendoci “andate a dirlo a vostra sorella”. Non abbiamo sorelle.

Anagni-Valle del Sacco, 6 settembre 2017

f.to
Retuvasa, Anagni Viva, Comitato Osteria della Fontana

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici