fbpx
Menu
A+ A A-

Ricordo di Emilio Mancini ad un anno dalla scomparsa

emiliomancini 2 350 260 minErmisio Mazzocchi commemora Emilio Mancini a un anno dalla sua scomparsa. S. Donato Val Comino, Circolo PD, venerdì 13 settembre 2019

Se dovessi dire che sarebbe semplice narrare la storia politica e facile descrivere i caratteri umani di Emilio Mancini, commetterei un errore, perché ritengo che sia più arduo di quanto si possa pensare.
Accetto questa sfida in ragione della mia amicizia e della mia conoscenza diretta di un uomo politico e di un amico, durata 53 anni dal 1965 al 2018.
Io giovane ventenne, lui di qualche anno più grande.
Si potrebbe dire che abbiamo percorso vite parallele.

In Emilio non c'era saccenteria né presunzione né tanto meno arroganza. Possedeva una cordialità disarmante, che ti metteva a tuo agio e ti vincolava a questo suo modo di rapportarsi con gli altri.
Un linguaggio educato, non volgare, rispettoso e aggiungerei senza nessuna inflessione romanesca, ma capace di cogliere le sfumature dialettali della sua realtà, quella cassinese e quella ciociara, ovviamente anche quella romana.
Era molto difficile confrontarsi con Emilio.
Non perché mostrasse supponenza, ma perché era stringente nella sua logica politica, pacatamente argomentata, secondo schemi aperti, coerenti con una sequenza predefinita, come è nelle partite degli scacchi, di cui lui era un ottimo giocatore
Dovevi misurarti con i suoi argomenti secondo categorie logiche, non scadenti, ma di alto valore nei contenuti e nella loro esposizione.

Non è stato un uomo del passato, è stato un uomo del futuro.
Emilio Mancini non è catalogabile in un'epoca. Non posso dire che fu un uomo politico del suo tempo.
Certo, visse i momenti della sua vita, ma non posso considerarlo incastonato e immobile nella sua storica epoca. Come a dire "ei fu"
Era un passo avanti e il suo oggi era già il domani, percussore dei tempi a venire, ricercatore costante di percorsi politici proiettati nel futuro.
Accorto osservatore della società, non ne aveva una visione angusta, municipalistica.
Al contrario essa era ampia, senza confini, oserei dire europea, considerato anche la sua educazione familiare di matrice inglese.
Lingua che conosceva benissimo anche nelle sue espressioni dialettali che, come amava dire con orgoglio, aveva appreso frequentando gli operai portuali di Londra.

Uomo colto, che non ostentava la sua sapienza, ma mostrava il suo interesse per le espressioni culturali che attraversavano i suoi tempi e la sua attenzione agli avvenimenti culturali, come il caso Manifesto oppure i libri e i film di Pasolini, come anche per quelli con risvolti politici che avevano implicazioni culturali e ideologiche, come i fatti Cecoslovacchi e lo stesso Vietnam.
Memorabili sono le interminabili discussioni con Achille Migliorelli e Franco Assante.E.Mancini commemorazione PD S.Donato 350 min
Passioni!!!!
Per non citare quelle per le auto nelle memorabili e giovanili gare automobilistiche per le curve di Picinisco e certamente quelle per il calcio, così come lo era stato suo fratello.
Ha vissuto il tempo del PCI e ha vissuto il tempo del PD, sostenendo con convinzione, proprio per la sua formazione culturale - politica, i progressivi cambiamenti del suo partito.
Con una differenza rispetto ad altri che hanno compiuto la medesima scelta.
Era un funzionario politico, parte organica del partito, vivendo dall'interno la storia politica del suo partito.
La sua vita è stata tutt'uno con la vita politica del suo partito, con gioie e sofferenze, con luci e ombre.
Non immune da errori e da valutazioni improprie.
Giovane laureato in giurisprudenza, diventa funzionario del PCI e viene nominato nel 1965 segretario del Comitato di zona, erede della Federazione di Cassino costituita nel 1975 e sciolta appunto nel 1965.
Detta così appare una operazione scontata, quasi burocratica. La realtà è diversa.

Il PCI doveva affrontare situazioni difficili: una crisi economica gravissima, che aveva obbligato all'emigrazione la maggioranza della popolazione, e, allo stesso tempo, aveva a che fare con un avversario politico fortissimo, come la DC, partito con un consenso elettorale, in questa zona, tra il 45% e il 60% e un potere assoluto.
Si esaltavano gli unici due comuni (su quaranta della zona) di sinistra, con sindaci PCI: S. Donato V. C. e S. Giorgio.
Due comuni agli estremi del territorio a sud ella provincia con al centro Cassino, in cui la DC era quasi sempre oltre il 50% e il PCI tra il 10% e 12%.
Emilio assume una gestione del partito in condizioni di debolezza e di difficile espansione.

Il suo impegno a costruire riferimenti del PCI nelle fabbriche e a mantenere attive le Sezioni di partito è stato sempre costante.
Così come era nell'organizzazione delle campagne elettorali e nelle iniziative (a iniziare dai comizi, lui parlava per il partito e io per i giovani comunisti).
Il suo prestigio era esteso, tanto che venne candidato ed eletto nel 1967 al Consiglio comunale di Cassino.
Tutti aspetti che saranno propri del suo essere dirigente politico in tutti gli anni successivi, come a Frosinone, così come a Roma.
Emilio, lasciato il Comitato di zona nel 1969, viene a far parte della segreteria provinciale, prima come responsabile della “Stampa e propaganda" e poi dell'organizzazione.
Mancini dimostrò, in più di una occasione, a Frosinone come a Roma, un grande senso di responsabilità con la priorità di mantenere unito il partito dal PCI al PD di cui accettò le diversità proprio come cemento di quella unità.

Non si può non citare, a mò di esempio, quanto avvenne in occasione dell'elezione del nuovo segretario della Federazione, quando il segretario uscente, Arcangelo Spaziani, viene eletto consigliere regionale.
I favoriti erano Emilio Mancini e Ignazio Mazzoli.
Ambedue apprezzati, pur avendo ciascuno connotazioni e caratteristiche diverse per la loro formazione politica.
All'unanimità venne eletto Mazzoli.
Emilio aveva favorito l'elezione di Mazzoli, consapevole che una divisione avrebbe prodotto lacerazioni nel partito.
Cosa che non avrebbe gradito.
Sostenne con lungimiranza il processo di rinnovamento dei gruppi dirigenti.
Una costante del modo di operare di Emilio.
Uomo politico fermamente convinto del ruolo del partito.
"Le Sezioni - diceva nel 1972 - devono essere uno strumento fondamentale che ci consenta sempre di incidere nella realtà e di trasformarla; di incidere nelle coscienze e di trasformarle; strumento per portare avanti le linee e l'iniziativa del partito".
Un lavoro assiduo improntato a un consistente rinnovamento dei dirigenti politici, che ebbe una significativa occasione a cavallo degli anni '70, quando si produsse un profondo rinnovamento, svoltasi su indicazione dello stesso segretario provinciale Mazzoli, spesosi molto nella riorganizzazione politica del partito, guidato da Berlinguer.

e.mazzocchi 225150Si sviluppa una stagione feconda con la presenza di una nuova generazione politica da Oriano Pizzuti, a Gianni Paglia, a Luciano Fontana (attuale direttore del Corriere della Sera), al giovanissimo Francesco De Angelis, che riprendevo (ero nella segreteria provinciale, anche io come funzionario di partito) per la sua incorreggibile esuberanza movimentistica (non smessa più), per arrivare a Natia mammone, ad Annalisa De Santis, a Elena Ubaldi.
Mi piace ricordare quando Elena, giunta da Roma a Cassino nel 1967 e proveniente da una famiglia di comunisti, svolge le sue prime iniziative politiche nelle campagne elettorali e nelle Sezioni, sino ad arrivare a essere eletta nel Consiglio comunale di Anagni.
Dico questo, anche per sottolineare che per quel tempo, in parte anche oggi, le donne elette da parte di tutti i partiti, elette nei Consigli comunali erano pochissime, se non rare.

Emilio nel 1975 venne a far parte della segreteria regionale e si trasferisce a Roma.
Il suo secondo amore. Il primo era Picinisco.
Non si può negare che svolse un ruolo se non appariscente quanto fondamentale per quello che doveva essere il Comitato regionale, centro di direzione politica-organizzativa nella regione Lazio.
Emilio svolse una funzione decisiva a mantenere un giusto equilibrio tra C. R. e la potente Federazione romana, sedando momenti di conflittualità e allo stesso tempo gestendo situazioni politiche gravose, come l'impegno del partito nella lotta al terrorismo e la stessa politica organizzativa del partito.
Non accettò le proposte che gli sono rivolte per essere candidato ed eletto al Consiglio regionale.
Preferì il partito
Non poteva essere diversamente.
E in modo leale e responsabile, convinto di essere utile, accettò di essere segretario della Federazione di Civitavecchia, realtà difficile e strategica nella regione.
Non venne meno, e mai sarebbe avvenuto, la sua dedizione al partito, ricoprendo, dopo quella esperienza, altri incarichi nel C. R., non rinunciando mai al compito di favorire il ricambio e il rinnovamento dei gruppi dirigenti, come avvenne per la elezione a segretario regionale di Domenico Girardi, da lui fortemente sostenuto.
Condivise e si mostrò convinto sostenitore del cambio del PCI sino al PD.
Comprese che bisognava trasferire quella spinta, quella necessità storica, di un cambio e successivamente della creazione di un uovo partito, come il PD, alle nuove generazioni.

Per Emilio non c'era il passato e non voleva appartenere al suo passato.
Intendeva essere nel presente e il presente era costruire il futuro e il futuro sono le nuove generazioni.
Con esse intavolava un confronto, apre e persegue un dialogo senza preconcetti, un ruolo di formazione.
Si offre come referente e curatore dei nuovi quadri dirigenti, di molti giovani della nuova stagione politica del XXI secolo.
Come avviene, ovviamente per Claudio, e, per rimanere a espressioni del nostro territorio, per la stessa Sara Battisti.
Ed è significativo che, in occasione del suo compleanno, che si festeggiò durante la festa dell'Unità di Roma, la presenza dei giovani era superiore a quella di militanti di più antica tradizione politica.

Questo è stato Emilio.
Anzi direi: questo è Emilio, perché è parte del corso della storia di ieri, di oggi, di domani, che vive in ciascuno di noi insieme a Emilio.»

Leggi tutto...

Emilio Mancini non c'è più. Il ricordo di Mazzocchi

emiliomancini 2 350 260 min di Ermisio Mazzocchi - Il 14 ottobre 1965 si scioglie la Federazione di Cassino del PCI per essere unificata a quella di Frosinone, che viene trasformata in un Comitato di zona del Cassinate e della Valle di Comino.

Il segretario regionale, Enzo Modica, propone come segretario del Comitato di zona, Emilio Mancini, venendo così a far parte della segreteria della Federazione provinciale di Frosinone del PCI, di cui era segretario Arcangelo Spaziani. Su la figura del giovane laureato in giurisprudenza, concordano tutti i rappresentati del PCI delle diverse aree territoriali della zona di Cassino. In questo periodo Mancini svolge una intensa attività di rafforzamento del PCI.
Nel 1967 nelle elezioni amministrative del comune di Cassino, viene eletto consigliere comunale.

Il Comitato federale della Federazione del PCI nella seduta del 10 novembre del 1969, decide il nuovo assetto delle Segreteria provinciale, chiamando Mancini a farne parte, trasferendosi a Frosinone. Gli subentra Franco Di Giorgio alla Segreteria del Comitato di zona, mentre al Consiglio comunale, dimessosi, sarà sostituito da Benito Di Nuzzo. Nella segreteria avrà la responsabilità della Commissione Stampa e propaganda e in seguito di quella dell'organizzazione.

Lascia la Federazione di Frosinone nel 1973, chiamato alla segreteria regionale del PCI del Lazio, dove ricopre l'incarico di responsabile delle Commissione organizzazione. Successivamente viene nominato Segretario della Federazione di Civitavecchia del PCI, assolvendo, come sempre, scrupolosamente al suo incarico. Ritornato al "Regionale" riveste vari incarichi. Il suo impegno costante e la sua sensibilità politica lo portano ad aderire alle successive evoluzioni politiche dai DS al PDS e infine al PD.
Un percorso politico lungo e intenso, sempre più accompagnato da una saggezza arguta e fine, che attirava l'attenzione delle nuove generazioni, colpite da questa costanza e coerenza politica, morale ed etica.

E in questi momenti di una mia profonda tristezza per la scomparsa del compagno Emilio, con i tanti ricordi che si affollano nella mia mente, non posso fare a meno di tratteggiare a dimostrazione del suo rapportarsi con gli altri, in particolare con i compagni di partito, la nostra comune amicizia, nata nel 1966.
In quell'anno, ero al terzo Liceo classico e già attivo nel PCI, o meglio nella FGCI, ebbe inizio, non solo l'amicizia, ma anche la nostra collaborazione politica.
Insieme si facevano i comizi, io per la Federazione giovanile comunista e lui per il PCI, (e anche gli annunci del comizio, lui guidava e io annunciavo) trasportando quelle trombe da fissare sul tetto dell'auto e collegando i morsetti alla batteria. Numerose, tante, sono state le uscite insieme per diffondere l'Unità, per raccogliere il grano (che poi si vendeva al molino) tra i contadini - increduli per quello che chiedevamo e perché - per sostenere la stampa comunista, per distribuire volantini, fatti con il ciclostile girato a mano con l'inchiostro che colava, davanti alle fabbriche o sui cantieri edili, dove qualche volta siamo stati cacciati e minacciati.
E di manifesti ne abbiamo attaccati sui muri delle città: l'uno con il manifesto in mano pronto all'affissione e l'altro a spargere una colla dall'odore sgradevolissimo, girando per i paesi con una Cinquecento giardinetta, di proprietà del Partito. Impegno e discussioni su la politica senza limiti di tempo e di luogo. E non poche sono state le critiche, i dissensi politici tra noi.
Non è stato solo tutto questo. Mi fece lezioni di guida per l'automobile, quando dovevo prendere la patente o quando dimostrava un suo interessamento per i miei esami all'Università. Momenti di vita quotidiana. Ricordi incancellabili.
Ciao Emilio, non attaccheremo più insieme i manifesti, ma sarai sempre con me a guida per il prossimo tempo.

14 settembre 2018

Leggi tutto...

Auguri Emilio Mancini per i tuoi 80anni

Enrico Berlinguer  Aldo Moro 500di Ermisio Mazzocchi - Il 14 ottobre 1965 si scioglie la Federazione di Cassino del PCI per essere unificata a quella di Frosinone, trasformata in un Comitato di zona del Cassinate e della Valle di Comino. Il segretario regionale, Enzo Modica, propone come segretario del Comitato Emilio Mancini, che nel maggio del 1967 farà parte della segreteria della Federazione provinciale di Frosinone del PCI, segretario Arcangelo Spaziani.

Gli inizi di una lunga militanza di Emilio Mancini come dirigente provinciale e regionale con diversi incarichi assunti dal PCI al PD. In quell'anno, ero al terzo Liceo e già attivo nel PCI, o meglio nella FGCI, ebbe inizio la nostra amicizia e collaborazione politica. Insieme si facevano i comizi, io per la Federazione giovanile comunista e lui per il PCI.

Numerose, tante, sono state le uscite insieme per diffondere l'Unità e distribuire volantini, fatti con il ciclostile girato a mano con l'inchiostro che colava, davanti alle fabbriche o sui cantieri edili. E di manifesti ne abbiamo attaccati sui muri delle città l'uno con il manifesto in mano pronto all'affissione e l'altro a spargere una colla dall'odore sgradevolissimo. Impegno e discussioni su la politica senza limiti di tempo e di luogo. E non poche sono state le critiche, i dissensi politici tra noi. Non è stato solo tutto questo. Mi fece lezioni di guida per l'automobile quando dovevo prendere la patente o quando dimostrava un suo interessamento per i miei esami all'Università. Momenti di vita quotidiana. Sono trascorsi molti anni da allora e oggi Emilio compie 80 anni. Una invenzione degli uomini per misurare il tempo. In verità c'è solo una continuità delle nostre azioni, dei nostri sentimenti, delle nostre idee. Con Emilio continueremo quel viaggio iniziato un giorno di autunno. Non attaccheremo insieme, forse, più manifesti. Certamente ci incontreremo per salutarci e potrò dirti: ciao, compagno Mancini, come va?

Lunedì 7 luglio 2014

La riproduzione di quest'articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici