fbpx
Menu
A+ A A-

Ma c'è vita in Ciociaria fra alleati di governo?

Sala del Consiglio MinistriIn questo autunno, La7Tv ci ha riproposto stralci del film Fahrenheit 11/9. Documentario del 2018 scritto e diretto da Michael Moore che riprende un tema caro al regista: le elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 2016, già documentate nella sua precedente pellicola “TrumpLand” per raccontare l’avvio della presidenza di Donald Trump.

 

  1. Sentirsi popolo
  2. Il Governo Conte Due
  3. Al PD bisogna chiedere

Sentirsi popolo

Nel film si parte da un grave e inoppugnabile scandalo, quello della crisi dell'acqua di Flint (città del Michigan negli Stati Uniti), gravemente contaminata dal piombo che provocò una spaventosa diffusione di “Saturnismo”, malattia causata dalla corrosione delle antiquate tubature dell'acqua per colpa del malgoverno di politici senza scrupoli, che hanno messo in grande pericolo la salute di migliaia di bambini del Michigan. Moore si chiede come sia possibile uscire dall'attuale situazione politica e vede una possibile risposta per un riscatto nazionale nei movimenti giovanili sorti in seguito al massacro alla Marjory Stoneman Douglas High School e che rivendicano il controllo delle armi.

Si tratta di due drammatici spunti che tuttavia permettono a Moore di documentare una lunga teoria di iniziative popolari di movimento e partecipazione. Il film infatti si dipana attraverso la rappresentazione di numerosissime interviste ai promotori dei più svariati movimenti, fra di essi ce n’è uno che afferma convintamente “senza individuazione dei disagi e senza l’organizzazione della rivendicazione per superarli non c’è speranza di futuro”.flint acquainquinata nelle case 400 min
Mi scuso per questa lunga premessa introduttiva che mi è sembrata importante per porre una questione costantemente dimenticata e trascurata dai partiti, dagli organi di stampa, insomma dal dibattito corrente che cerca le cause della crisi politica e istituzionale italiana e non solo, dappertutto, meno dalle cause che la generano. Si parla di democrazia interna ai partiti (importantissima), di metodi di comunicazione (molto sofisticati oggi), di simpatia e antipatia dei protagonisti, della spettacolarità delle iniziative, ma mai si domanda di cosa soffre la gente che non si riconosce nelle scelte di chi governa e perché.
L’huffingtonpost.it di qualche giorno titolava «la rabbia non risparmia più nessuno” Taranto, operai totalmente disillusi. Non si fidano di Conte, né di Emiliano. "Dov'è Di Maio, il garante dell'accordo?"».

Vale ancora la constatazione fatta da tanti osservatori una manciata di settimane fa: lo scenario politico è cambiato? E’ diverso dall’imbarbarimento politico sollecitato da.
Ad esempio, l'atteggiamento verso i migranti è in parte cambiato, non vengono più tenuti in ostaggio sulle navi. Il meccanismo è ancora approssimativo e fragile ma forse siamo vicini alla svolta tanto attesa: accoglienza, regole per il flusso dei migranti, nuovo contesto europeo. Conte ha incontrato i sindacati dopo anni di sostanziale ostracismo. È andato in queste ore nell’inferno dell’Ilva, dando un segnale di comportamento nuovo.
Anche con l'Europa il clima è cambiato. (per continuare a leggere. Vai in alto sotto la foto grande e clicca sul titolino successivo)

 

Il Governo Conte Due

La composizione del governo e il suo programma non destano grandi entusiasmi. Anzi è bene guardare ad occhi aperti i difetti e i pericoli della situazione, per evitare di ritrovarci a regalare tra qualche tempo a Salvini una vittoria immeritata. Tuttavia, un conto è vedere con lucidità i limiti del secondo governo Conte, altro è lavorare per logorare la nuova maggioranza.

Oggi la crisi drammatica dell’Ilva è la causa scatenante del manifestarsi di quale sia la fragilità di questa maggioranza di governo (M5S-PD-LEU-ItaliaViva). Una città avvelenata dalle polveri sottili con tre funerali a settimana, spesso di giovani e giovanissimi e 20.000 lavoratori-cittadini che rischiano di perdere il lavoro richiedono una grande capacità di governo, di senso politico, di abnegazione per il bene comune.
E’ chiaro quanto vale l’Ilva? Non solo una città avvelenata, 20.000 posti di lavoro persi e famiglie sul lastrico, ma un colpo mortale al sistema industriale italiano che è prevalentemente manifatturiero e ha bisogno di acciaio. Questo significa l’Ilva oggi.

Come ci stanno i partiti in questa maggioranza? Non bene a osservare l’eccessiva conflittualità. Essa è un danno sicuramente ma non è la causa del male. C’è un variegato mondo insoddisfatto della soluzione di governo (preferiva la Lega al governo?) che sembra avere oggi simpatie per quanti escono dal Pd, vagheggiando alternative, da Calenda a Renzi . La continua inesauribile polemica non è la causa delle difficoltà fra alleati, è la mancata individuazione consapevole del pericolo e delle cause del disagio.Governo conte dimaio franceschini speranza governo pd m5s leu 400 min
Qualche domanda va rivolta al PD: questo partito che sta tentando di mostrarsi serio, può pensare che il suo ruolo sia solo quello di pensare ai conti di bilancio che tuttavia in questa circostanza sono assai importanti? Parlare di aver scongiurato, meno male, una tassa IVA sul nostro groppone di ben 23 miliardi non basta. Si rischia così di apparire, a chi soffre, solo per quelli che hanno buoni rapporti con una UE che poi non sembra molto intenzionata a cambiare. Bene non essere isolati come ci aveva condannato Salvini, ma qui in Italia bisogna trovare soluzioni ai drammi della mancanza di lavoro, di una sanità sempre più privatizzata e perciò costosa e per pochi, quindi, di una mobilità individuale su strade disastrate o pubblica efficiente solo per i ricchi e… se si vuole si può continuare. I costi di vita in questa Italia sono quelli di un paese per i più ricchi e che premia l’egoismo privato. Lo scontro Calenda-Telese non è solo colore da talk show in cui i presenti sono sollecitati a tifare per il liberista. Sono due idee di mondo, che come sanno e possono si scontrano, ma lo scontro è vero.

Il silenzio di questo PD è preoccupante, perché nessuno più lo interpreta come “garbo istituzionale” ma è visto come mancanza di idee e proposte e, soprattutto, lontananza dai cittadini e dai territori. Altro che leader!
Il governo sarà effettivamente capace di andare oltre le buone maniere e di intavolare un dialogo positivo non solo con i sindacati ma con i soggetti sociali in generale? Questo vorrebbe dire introdurre novità sociali rilevanti, nuove priorità dell'azione di governo, impegni forti su investimenti e occupazione, diritti di chi lavora. Bene, ma il PD è capace di stare nella protesta, anzi di promuoverla, non contro il governo, ma per condividere con la gente, il popolo le difficoltà e trovare insieme le possibili soluzioni (vedi il film di Michael Moore vecchie verità riaffermate in forma nuova). Non se ne può più di suggeritori di buone maniere e di fair play o anche solo di corrette metodologie. Sono tutte astrazioni. Il funzionamento della democrazia italiana è decisivo e la partecipazione attiva e costante rappresenta il miglior contrassegno della sua qualità ed efficienza. (per continuare a leggere. Vai in alto sotto la foto grande e clicca sul titolino successivo)

 

Al PD bisogna chiedere

Ma ancora al PD bisogna chiedere: Che fa nei territori? Qui in provincia di Frosinone non c’è segno di vita. Ma quanta inerzia! Non solo del PD.
La destra ciociara è la più condizionata da Casa Pound (Sora, Anagni, Frosinone). C’è solo l’ANPI in campo. Dopo la vergognosa astensione sulla Mozione Segre che ha indignato tutto il mondo, come si può dimenticare che la destra, qui, in questo territorio ha il 57%? Il frusinate è ammalato gravemente di disoccupazione. Diritti del lavoro mortificati o peggio negati e disoccupazione che si cronicizza sono le manifestazioni anticipatrici di ben più gravi difficoltà e rischi che impongono di non minimizzare le minacce autoritarie. La nostra politica locale fatta di partiti che stanno al governo del Paese e della Regione che fa? Luigi Carlini qualche giorno fa con amarezza franca e genuina denunciava: «Ogni territorio in crisi ha il suo parlamentare che tira l'acqua al suo mulino, invece da noi vengono a farsi i selfie. Non è che la "coperta" è sempre corta e il denaro lo mandano alle altre aree di crisi complessa più virtuose, cioè dove politici, sindacato, comuni e tutte le istituzioni fanno squadra per proteggere il proprio territorio e nella nostra area di crisi complessa FROSINONE/RIETI c'è un tale disimpegno che si rischia la chiusura del "rubinetto?» Chi è pronto a impegnarsi per dimostrare il contrario?Provincia Fr 350

La nuova maggioranza di governo quale dialogo ha innescato fra le forze politiche che qui in provincia la rappresentano? Nessun dialogo.
Soltanto ieri un segnale, che non so definire, giunge da un incontro fra due deputati del M5S Luca Frusone e Enrica Segneri e il presidente dell’Asi. Nel comunicato reso pubblico si parla di «Favorire un nuovo modello con al centro la Green economy e la nuova strategia del governo per la realizzazione del green new deal, così come lo sviluppo dell’Economia circolare come traino per il rilancio del Paese sono stati i temi affrontati inizialmente.» Che senso ha discutere di temi politici prioritari fra soggetti non egualmente abilitati a proporre e definire programmi e scelte che appartengono alle forze politiche, ai sindacati ed alle Istituzioni? Fa una brutta impressione questo incontro che si fa interpretare per l’inizio di un “dialogo” con una fetta di partito o meglio fra fette di partiti anziché con l’intero quadro delle forze politiche impegnate nel Governo del Paese. È un incontro privato? Mai visto che rappresentanti di partiti non incontrano i loro omologhi in un quadro di alleanze di governo per affrontare delle “novità”?
Se questi sono argomenti per provare ad affrontare seriamente la crisi, proporre politiche attive per il lavoro perché partiti, sindacati, associazioni attraverso i loro organi rappresentativi non si assumono la responsabilità di svolgere pubblicamente un confronto e dare il via ad un nuovo dialogo fra loro e con i cittadini?
TUTTI, INTORNO AD UN TAVOLO PUBBLICO

 

 

 

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Ma c'è vita in Ciociaria fra alleati di governo?

Sala del Consiglio MinistriIn questo autunno, La7Tv ci ha riproposto stralci del film Fahrenheit 11/9. Documentario del 2018 scritto e diretto da Michael Moore che riprende un tema caro al regista: le elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 2016, già documentate nella sua precedente pellicola “TrumpLand” per raccontare l’avvio della presidenza di Donald Trump.

 

  1. Sentirsi popolo
  2. Il Governo Conte Due
  3. Al PD bisogna chiedere

Sentirsi popolo

Nel film si parte da un grave e inoppugnabile scandalo, quello della crisi dell'acqua di Flint (città del Michigan negli Stati Uniti), gravemente contaminata dal piombo che provocò una spaventosa diffusione di “Saturnismo”, malattia causata dalla corrosione delle antiquate tubature dell'acqua per colpa del malgoverno di politici senza scrupoli, che hanno messo in grande pericolo la salute di migliaia di bambini del Michigan. Moore si chiede come sia possibile uscire dall'attuale situazione politica e vede una possibile risposta per un riscatto nazionale nei movimenti giovanili sorti in seguito al massacro alla Marjory Stoneman Douglas High School e che rivendicano il controllo delle armi.

Si tratta di due drammatici spunti che tuttavia permettono a Moore di documentare una lunga teoria di iniziative popolari di movimento e partecipazione. Il film infatti si dipana attraverso la rappresentazione di numerosissime interviste ai promotori dei più svariati movimenti, fra di essi ce n’è uno che afferma convintamente “senza individuazione dei disagi e senza l’organizzazione della rivendicazione per superarli non c’è speranza di futuro”.flint acquainquinata nelle case 400 min
Mi scuso per questa lunga premessa introduttiva che mi è sembrata importante per porre una questione costantemente dimenticata e trascurata dai partiti, dagli organi di stampa, insomma dal dibattito corrente che cerca le cause della crisi politica e istituzionale italiana e non solo, dappertutto, meno dalle cause che la generano. Si parla di democrazia interna ai partiti (importantissima), di metodi di comunicazione (molto sofisticati oggi), di simpatia e antipatia dei protagonisti, della spettacolarità delle iniziative, ma mai si domanda di cosa soffre la gente che non si riconosce nelle scelte di chi governa e perché.
L’huffingtonpost.it di qualche giorno titolava «la rabbia non risparmia più nessuno” Taranto, operai totalmente disillusi. Non si fidano di Conte, né di Emiliano. "Dov'è Di Maio, il garante dell'accordo?"».

Vale ancora la constatazione fatta da tanti osservatori una manciata di settimane fa: lo scenario politico è cambiato? E’ diverso dall’imbarbarimento politico sollecitato da.
Ad esempio, l'atteggiamento verso i migranti è in parte cambiato, non vengono più tenuti in ostaggio sulle navi. Il meccanismo è ancora approssimativo e fragile ma forse siamo vicini alla svolta tanto attesa: accoglienza, regole per il flusso dei migranti, nuovo contesto europeo. Conte ha incontrato i sindacati dopo anni di sostanziale ostracismo. È andato in queste ore nell’inferno dell’Ilva, dando un segnale di comportamento nuovo.
Anche con l'Europa il clima è cambiato. (per continuare a leggere. Vai in alto sotto la foto grande e clicca sul titolino successivo)

 

Il Governo Conte Due

La composizione del governo e il suo programma non destano grandi entusiasmi. Anzi è bene guardare ad occhi aperti i difetti e i pericoli della situazione, per evitare di ritrovarci a regalare tra qualche tempo a Salvini una vittoria immeritata. Tuttavia, un conto è vedere con lucidità i limiti del secondo governo Conte, altro è lavorare per logorare la nuova maggioranza.

Oggi la crisi drammatica dell’Ilva è la causa scatenante del manifestarsi di quale sia la fragilità di questa maggioranza di governo (M5S-PD-LEU-ItaliaViva). Una città avvelenata dalle polveri sottili con tre funerali a settimana, spesso di giovani e giovanissimi e 20.000 lavoratori-cittadini che rischiano di perdere il lavoro richiedono una grande capacità di governo, di senso politico, di abnegazione per il bene comune.
E’ chiaro quanto vale l’Ilva? Non solo una città avvelenata, 20.000 posti di lavoro persi e famiglie sul lastrico, ma un colpo mortale al sistema industriale italiano che è prevalentemente manifatturiero e ha bisogno di acciaio. Questo significa l’Ilva oggi.

Come ci stanno i partiti in questa maggioranza? Non bene a osservare l’eccessiva conflittualità. Essa è un danno sicuramente ma non è la causa del male. C’è un variegato mondo insoddisfatto della soluzione di governo (preferiva la Lega al governo?) che sembra avere oggi simpatie per quanti escono dal Pd, vagheggiando alternative, da Calenda a Renzi . La continua inesauribile polemica non è la causa delle difficoltà fra alleati, è la mancata individuazione consapevole del pericolo e delle cause del disagio.Governo conte dimaio franceschini speranza governo pd m5s leu 400 min
Qualche domanda va rivolta al PD: questo partito che sta tentando di mostrarsi serio, può pensare che il suo ruolo sia solo quello di pensare ai conti di bilancio che tuttavia in questa circostanza sono assai importanti? Parlare di aver scongiurato, meno male, una tassa IVA sul nostro groppone di ben 23 miliardi non basta. Si rischia così di apparire, a chi soffre, solo per quelli che hanno buoni rapporti con una UE che poi non sembra molto intenzionata a cambiare. Bene non essere isolati come ci aveva condannato Salvini, ma qui in Italia bisogna trovare soluzioni ai drammi della mancanza di lavoro, di una sanità sempre più privatizzata e perciò costosa e per pochi, quindi, di una mobilità individuale su strade disastrate o pubblica efficiente solo per i ricchi e… se si vuole si può continuare. I costi di vita in questa Italia sono quelli di un paese per i più ricchi e che premia l’egoismo privato. Lo scontro Calenda-Telese non è solo colore da talk show in cui i presenti sono sollecitati a tifare per il liberista. Sono due idee di mondo, che come sanno e possono si scontrano, ma lo scontro è vero.

Il silenzio di questo PD è preoccupante, perché nessuno più lo interpreta come “garbo istituzionale” ma è visto come mancanza di idee e proposte e, soprattutto, lontananza dai cittadini e dai territori. Altro che leader!
Il governo sarà effettivamente capace di andare oltre le buone maniere e di intavolare un dialogo positivo non solo con i sindacati ma con i soggetti sociali in generale? Questo vorrebbe dire introdurre novità sociali rilevanti, nuove priorità dell'azione di governo, impegni forti su investimenti e occupazione, diritti di chi lavora. Bene, ma il PD è capace di stare nella protesta, anzi di promuoverla, non contro il governo, ma per condividere con la gente, il popolo le difficoltà e trovare insieme le possibili soluzioni (vedi il film di Michael Moore vecchie verità riaffermate in forma nuova). Non se ne può più di suggeritori di buone maniere e di fair play o anche solo di corrette metodologie. Sono tutte astrazioni. Il funzionamento della democrazia italiana è decisivo e la partecipazione attiva e costante rappresenta il miglior contrassegno della sua qualità ed efficienza. (per continuare a leggere. Vai in alto sotto la foto grande e clicca sul titolino successivo)

 

Al PD bisogna chiedere

Ma ancora al PD bisogna chiedere: Che fa nei territori? Qui in provincia di Frosinone non c’è segno di vita. Ma quanta inerzia! Non solo del PD.
La destra ciociara è la più condizionata da Casa Pound (Sora, Anagni, Frosinone). C’è solo l’ANPI in campo. Dopo la vergognosa astensione sulla Mozione Segre che ha indignato tutto il mondo, come si può dimenticare che la destra, qui, in questo territorio ha il 57%? Il frusinate è ammalato gravemente di disoccupazione. Diritti del lavoro mortificati o peggio negati e disoccupazione che si cronicizza sono le manifestazioni anticipatrici di ben più gravi difficoltà e rischi che impongono di non minimizzare le minacce autoritarie. La nostra politica locale fatta di partiti che stanno al governo del Paese e della Regione che fa? Luigi Carlini qualche giorno fa con amarezza franca e genuina denunciava: «Ogni territorio in crisi ha il suo parlamentare che tira l'acqua al suo mulino, invece da noi vengono a farsi i selfie. Non è che la "coperta" è sempre corta e il denaro lo mandano alle altre aree di crisi complessa più virtuose, cioè dove politici, sindacato, comuni e tutte le istituzioni fanno squadra per proteggere il proprio territorio e nella nostra area di crisi complessa FROSINONE/RIETI c'è un tale disimpegno che si rischia la chiusura del "rubinetto?» Chi è pronto a impegnarsi per dimostrare il contrario?Provincia Fr 350

La nuova maggioranza di governo quale dialogo ha innescato fra le forze politiche che qui in provincia la rappresentano? Nessun dialogo.
Soltanto ieri un segnale, che non so definire, giunge da un incontro fra due deputati del M5S Luca Frusone e Enrica Segneri e il presidente dell’Asi. Nel comunicato reso pubblico si parla di «Favorire un nuovo modello con al centro la Green economy e la nuova strategia del governo per la realizzazione del green new deal, così come lo sviluppo dell’Economia circolare come traino per il rilancio del Paese sono stati i temi affrontati inizialmente.» Che senso ha discutere di temi politici prioritari fra soggetti non egualmente abilitati a proporre e definire programmi e scelte che appartengono alle forze politiche, ai sindacati ed alle Istituzioni? Fa una brutta impressione questo incontro che si fa interpretare per l’inizio di un “dialogo” con una fetta di partito o meglio fra fette di partiti anziché con l’intero quadro delle forze politiche impegnate nel Governo del Paese. È un incontro privato? Mai visto che rappresentanti di partiti non incontrano i loro omologhi in un quadro di alleanze di governo per affrontare delle “novità”?
Se questi sono argomenti per provare ad affrontare seriamente la crisi, proporre politiche attive per il lavoro perché partiti, sindacati, associazioni attraverso i loro organi rappresentativi non si assumono la responsabilità di svolgere pubblicamente un confronto e dare il via ad un nuovo dialogo fra loro e con i cittadini?
TUTTI, INTORNO AD UN TAVOLO PUBBLICO

 

 

 

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Che ne dice il governo?

9 febbraio 2019 09h25m58 ritagliook 500minIl Financial Times, la sacra bibbia della city londinese ripresa dal Fatto Quotidiano, denuncia in modo forte e argomentato gli effetti distruttivi del sistema economico in cui siamo precipitati. La crisi è tale che dagli stessi esponenti più accorti del capitale si invocano correttivi radicali. Ma questo non è un «capitalismo truccato», come titola il giornale di Travaglio, da riportare alle (presunte) origini benefiche sognate da Veltroni. È il capitalismo realizzato. Quello oggi esistente: rapinoso, ingiusto e corrotto, che sta massacrando milioni di esseri umani mettendo a repentaglio la vita stessa del pianeta in nome del massimo profitto e della rendita.

 

Dopo la cancellazione del «socialismo realizzato» in Russia e nell’Oriente europeo, i vincitori - e tanti servizievoli “riformisti” - avevano annunciato un mondo da sogno, libero e giocondo. Invece siamo in presenza di contraddizioni esplosive e di piaghe purulente inflitte al pianeta Terra dal capitalismo realizzato in Occidente. Che hanno aperto la strada alla povertà e al disagio sociale crescenti, alle guerre tra poveri, alle migrazioni di massa, e quindi alle spinte nazionaliste e razziste di stampo autoritario e fascistico. È ora di prenderne atto e di cambiare strada.

 

La crisi organica del sistema non si supera sostituendo qualche pezzo di ricambio nelle officine riformiste della socialdemocrazia. Quel tempo è finito. Lo stato del mondo oggi ci grida che è necessario un cambiamento di sistema. Non più finalizzato alla ricerca del massimo profitto e della rendita, bensì al benessere della collettività degli umani e di tutti i viventi. C’è bisogno di una nuovo assetto. Ecologico e sociale, che assicuri il diritto al lavoro, la libertà e l’uguaglianza sostanziale.

 

In Italia, sconfitto (per ora) Salvini, non bastano i pensierini e i giochetti tattici di Di Maio e Zingaretti, molto lontani dalla cultura della Costituzione. Serve una visione d’insieme, una strategia del cambiamento, che non nasce, come ha scritto qualcuno, dal mescolamento degli elettorati. Ma dalla chiarezza del progetto e dalla forza delle idee, tali da rendere protagonisti e padroni del proprio destino i subalterni e gli sfruttati, tutti gli uomini e le donne che vivono del proprio lavoro.

 

Da dove cominciare? Dalla visione della politica come strumento di lotta per la conquista di una civiltà più avanzata. Dunque, dall’attuazione della Costituzione in tutte le sue parti. Avendo ben chiaro: primo, che questa è una Costituzione antifascista; secondo, che questa Costituzione disegna un diverso assetto della società. In cui la libertà della persona si fonda non sulla dittatura della proprietà privata, ma su una fitta trama di diritti sociali e su diverse forme di proprietà, pubblica e privata.

 

A chi se l’è dimenticato ricordo l’articolo 1: «L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro». Sul lavoro vuol dire che non è fondata sul capitale. Come conferma l’articolo 4, che suona così: «La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo tale diritto». Che ne dice il governo? Su questo aspetto dirimente devono comunque alzare la voce - insieme ai comitati per la difesa della Costituzione e ai costituzionalisti più sensibili - i movimenti sociali, i sindacati, i partiti e i gruppi politici che si dichiarano di sinistra. Senza una partecipazione democratica di massa non c’è avvenire.

 

Paolo Ciofi
www.paolociofi.it

Leggi tutto...

Perché il Governo vuole ritogliere la scorta a Capitan Ultimo?

capitano ultimo 350 mindi Antonella Necci - Il 1° luglio 2018, Capitano Ultimo ha pubblicato sul suo blog un articolo molto polemico intitolato “Kontro la repressione e l’ oppressione“. Nell’articolo si parla di “mobbing di Stato” e vi è un’aperta denuncia sulle minacce, le offese e gli abusi di potere del Pd, con nomi e cognomi.

L’articolo termina con queste parole: “Chiediamo giustizia, chiediamo dignità, e lotteremo fino alla fine per la giustizia dei combattenti, della povera gente, del popolo che voi, con le vostre banche avete manipolato, sfruttato e oppresso”

Ne riportiamo la parte piu’ coinvolgente.

«… le minacce e gli abusi di potere del ministro della difesa Roberta Pinotti non hanno scalfito la nostra Fede nei principi della costituzione; è chiaro che le minacce e le offese di Matteo Orfini presidente del Partito democratico non hanno scalfito la nostra fede verso il tricolore e verso le libere Istituzioni;

E’ chiaro che le calunnie, le offese e le minacce dei Dubbi e dei Fogli o degli altri organi di disinformazione più o meno quotidiani, più o meno manipolati dal tiranno ex tiranno, non ci intimoriscono, nonostante la forza di intimidazione che gli deriva dal loro ampio vincolo associativo con le lobbi del potere palese ed occulto a cui sono organici e di cui sono servili portavoce.

E’ chiaro che non ci intimidiscono le interpellanze parlamentari più o meno esibite di Luigi Zanda, di Fabrizio Cicchitto, di Michele Anzaldi e di tutti i superficiali complici (a vario titolo ex ministri e ex presidente del consiglio compreso) interpreti a varia intensità, di una repressione barbara, spregevole che ha avuto ed ha un solo comune denominatore: la tutela dei privilegi di lobby e di casta, di parenti e di Babbi che sono espressione del potere e dei privilegi del tiranno ex tiranno di turno che avete dovuto compiacere ed a cui dovete subordinata riconoscenza .

Noi siamo carabinieri, noi siamo figli del popolo e non ci piegheremo al vostro potere truccato, alla vostra tirannide, alla vostra persecuzione, al vostro mobbing di Stato.
La storia si conosce. Fu l'allora ministro dell’Interno Matteo Salvini a chiedere la riattivazione della scorta a Capitano Ultimo. Una scorta che consiste di un'auto non blindata e di un paio di guardie del corpo.»

È nota anche la polemica che seguì tra il Colonnello De Caprio e il Comandante generale dell'Arma Giovanni Nistri.
Capitano Ultimo istituì un sondaggio sulla sua pagina Facebook per stabilire se il Generale Nistri fosse un vero militare o semplicemente un burocrate. Troppo. Eccessivo. Ma di sicuro la rabbia del Colonnello nel sentirsi messo all'angolo dalla burocrazia militare e politica era stata a lungo repressa.
È storia recente, invece che è stata riavviata la procedura per togliere la scorta al Capitano Ultimo. Nel leggere il breve comunicato nel quale spiccano nomi del PD che sono ritornati alla ribalta, non è difficile dire che la ministra Pinotti non vedeva l'ora. Chissà cosa c'è dietro a tanto accanimento. Magari i post che qui si allegano non sono graditi. Come questo. Recentissimo, che parla di quanto sta accadendo nelle ultime ore.

«Non c'è tregua per il Capitano Ultimo, sotto il perenne attacco di istituzioni dedite al dictat del potente di turno.

Solo nel giugno scorso, dopo una battaglia legale che ha visto il colonnello Sergio De Caprio, ricorrere al Tar contro la decisione del Ministero dell’interno che aveva revocato la tutela perché non esistevano segnali di pericolo, la stessa era stata riassegnata».

Ora la nuova doccia fredda.

É lo stesso Ultimo a darne l’annuncio durante l’incontro al Festival del giornalismo ad Osimo:
«...sette giorni fa, hanno riavviato la procedura per toglierla, perché vogliono che uno si arreda, che accetti il sopruso e l’abuso e non sarà così, combatteremo fino alla fine.»

Lo stesso Colonnello De Caprio, in precedenza, aveva spiegato il perché la pericolosità di Leoluca Bagarella non viene meno con il tempo, é la stessa legge che ha introdotto il 41 bis ad affermarlo.

«Se da un lato la legge afferma che la pericolosità di Bagarella non verrà mai meno, dall’altra burocrati dediti al servilismo al potente di turno, ripropongono la medesima procedura nel tentativo di isolarlo sempre di più.»

Lo vogliono servire su un piatto d’argento alla mafia? Le istituzioni fanno la loro parte con una complicità tanto palese quanto vergognosa.

Se per molti mesi, gente comune, il Popolo, ha sostenuto la battaglia di Capitano Ultimo proponendo iniziative collettive anche via web, se le istituzioni porteranno a termine questo meticoloso piano scellerato, si ritroverà il Popolo al di fuori dei loro Palazzi che chiederà loro conto, alzerà la voce. Perché é inutile chiedere l’intervento della politica quando é la stessa politica che continuamente lo attacca.

Lui é Ultimo, un carabiniere combattente che ha servito e serve il Popolo, che ha condotto indagini senza guardare in faccia nessuno, senza accettare compromessi, non é Ruotolo, giornalista, per il quale é bastata una telefonata del presidente della commissione antimafia, dell’ex ministro Orlando, per far riassegnare la tutela.

«Lo Stato é la comunità e chi, nelle istituzioni é all’opera per revocare nuovamente la tutela a Capitano Ultimo, non ha l’approvazione del vero Stato-Comunitá.

La mafia si nutre del silenzio e della complicità, le istituzioni, nel caso specifico, senza conoscere vergogna, sono complici della mafia.

Siamo pronti, Ultimo ha combattuto per tutti noi e non sarà mai solo!»

Il Capitano Ultimo non sarà mai solo, perché la gente comune come i veri militari sanno distinguere tra burocrazia servile e generoso eroismo. E sanno che di fronte alla necessità di difendere chi ha bisogno lo stato o è assente o rema contro. Tutto perso dietro ai messaggini WhatsApp di chi si crede un grande leader politico.

 

Le pagine dei post di Capitan Ultimo
https://www.facebook.com/Volontaricapitanoultimo/

https://www.facebook.com/Capitano-Ultimo-436647649724631/

 

Leggi tutto...

Caro Conte il tempo è tiranno

matteo renzi giuseppe conte 350 mindi Aldo Pirone - Conte 2, il tempo è tiranno. Prodi ha definito il nuovo partito personale di Renzi un yogurt scaduto, aggiungendo che per ora, secondo lui, il governo non corre pericoli. Sta di fatto che al Senato la maggioranza non è larghissima e, come temono in molti, sarà pur vero che l’interesse di Renzi non è quello di provocare elezioni a breve, però si accingerebbe, se non altro per visibilità personale, a far ballare il povero Conte.

L’intervento di Prodi richiama alla mente una situazione simile. Quella del suo governo del 2006. Allora il centrosinistra più tanti altri, la cosiddetta Unione, entrò con largo margine di vantaggio nella campagna elettorale. L’anno prima aveva vinto in quasi tutte le Regioni. Berlusconi per parare il colpo in arrivo fece essenzialmente tre cose: una riforma della Costituzione con al centro la devolution leghista e tante altre cosacce che gli fu bocciata nel referendum confermativo; la “porcata” di una nuova legge elettorale fatta apposta per far mancare la maggioranza ai suoi avversari almeno al Senato; infine, una rimonta fulminante in campagna elettorale approfittando delle impappinature sul “cuneo fiscale” e sulla patrimoniale (il livello da cui partire per la nuova tassa) di Prodi e di Bertinotti. Il programma ecumenico di circa 280 punti non se lo filò nessuno, mentre fece colpo l’abolizione della tassa sulla prima casa promessa da Berlusconi. Sta di fatto che il risultato risicatissimo (24 mila voti in più circa) mentre assicurava all’Unione una larga maggioranza alla Camera grazie al premio di maggioranza previsto dal “porcellum” – poi dichiarato incostituzionale molti anni dopo – al Senato la maggioranza fu ristrettissima e, eterogenesi dei fini, dovuta proprio al meccanismo inventato da Calderoli e alla legge sulla rappresentanza degli italiani all’estero del vecchio missino Tremaglia. Com’è noto il governo Prodi non resse e cadde dopo circa un anno e mezzo.

Quale fu l’errore strategico del centrosinistra? Fu quello di non considerare la precarietà della sua maggioranza al Senato dove da subito cominciarono i trasformismi dei De Gregorio (Di Pietro) e Mastella, le mattane dei vari Rossi (Comunisti italiani corrente Rizzo) e Turigliatto (Bertinotti Rif. Comunista). Avrebbe dovuto mettere nel conto un ritorno alle urne a breve e quindi agire di conseguenza. Invece, i nostri eroi agirono come se fossero in una botte di ferro e dovessero durare "für ewig". Inoltre, invece di allargare il consenso nel paese rimodulando i 7,5 miliardi dell’abbattimento del cuneo fiscale a favore dei lavoratori – avevano promesso in campagna un beneficio del 60% per questi ultimi e il 40% per le aziende – rovesciarono il rapporto. Poi ci fu la storia del “tesoretto”. Vincenzo Visco era riuscito nel 2007 a racimolare grazie alla lotta all’evasione fiscale – apposta è sempre stato odiato dalla destra berlusconiana e leghista - circa 10,7 miliardi. Una parte di questi poteva e doveva essere usata per un provvedimento di grande impatto psicologico: l’abolizione della tassa sulla prima casa escluse quelle di lusso e del ceto ricco. Invece ci fu un balletto su come e dove destinarli che durò qualche mese, giusto il tempo per veder cadere Prodi che, come si sa, capitolò anche per tanti altri motivi. Cominciò a evidenziarsi in quel momento la “disconnessione sentimentale” fra i dirigenti della sinistra e il loro popolo. Poi ritornò il Cavaliere “mascarato”.

Il governo Conte 2 dovrebbe far tesoro di quella vicenda. Non è un governo che può escludere a priori l’impaludamento nelle contese fra PD, M5s e Renzi; e neanche una caduta per un qualche incidente di percorso in un Parlamento dove il trasformismo delle persone, basato sull’egolatria, impera. Se vuole durare per fare le cose progressiste che complessivamente ha enunciato nel suo programma ecumenico e che richiedono tempo, deve saper fare subito le cose sociali che possono allargargli a breve il consenso nel paese. Sarebbero le famose priorità. Il neo ministro Gualtieri ha detto che la manovra economica sarà espansiva. Certo, bisogna espanderla verso i lavoratori e i ceti medio bassi. Tra le priorità ci sono i provvedimenti sul lavoro: cuneo fiscale a esclusivo beneficio dei lavoratori dipendenti (almeno 10 miliardi), salario orario minimo garantito, disboscamento dei contratti farlocchi finalizzati al dumping salariale, inizio della riduzione delle circa 40-47 forme contrattuali precarie, investimenti e sblocco delle opere pubbliche; anche grandi ma compatibili con quello che viene pomposamente chiamato green new deal. Poi ci sono anche altre cose che riguardano il rapporto con l’Europa: riforma del patto di stabilità, distribuzione su scale europea degli immigrati, riforma della giustizia, lotta senza quartiere all’evasione fiscale (rivolgersi a Visco per sapere come si fa) ecc. Anche qui urge segnare risultati a breve. L’altra cosa da fare subito in Parlamento è l’abolizione del “rosatellum” con una legge elettorale che allo stato delle cose non può che essere d'impianto proporzionale se si vuole mettere in sicurezza la Repubblica.

L’orizzonte politico su cui il governo può realisticamente lavorare, per aumentare nel paese il proprio consenso e impedire un ritorno della destra salviniana, è realisticamente la prossima primavera. Se riesce a produrre risultati tangibili, allora l’orizzonte potrà diventare più lungo. E’ possibile che qualcuno cerchi, come abbiamo già visto, non di mandare a casa Conte ma di segnalare la sua presenza condizionante (Renzi e altri) e annacquare qualche provvedimento sociale per favorire i suoi punti di riferimento economici (le imprese vogliose di deregulation più che di innovazione). Non bisogna avere paura. Bisogna andare giù decisi. Se i principali contraenti dell’accordo di governo (PD-M5s-Leu) saranno in grado di imboccare questo sentiero stretto lo si vedrà già con la prossima legge di stabilità o manovra economica o finanziaria che dir si voglia.

Una linea chiara e offensiva può servire anche per affrontare eventuali urne anticipate. Solo che senza cambiamenti profondi, strutturali e celeri nel campo della sinistra complessiva e anche all’interno del M5s – alcuni sono già avvenuti sul piano politico generale altrimenti il governo Conte 2 non nasceva - sarà difficile essere all’altezza della sfida. Ma su questo torneremo a breve.

In politica il fattore tempo, come ripeteva spesso il dirigente comunista Giorgio Amendola, è un elemento decisivo. Una proposta o un’iniziativa in astratto giuste in sé possono anche fallire o non andare in porto o manifestarsi, addirittura, come controproducenti se non sono avanzate e prese in tempo utile. Sempre che, ovviamente, si abbiano nella mente i destinatari, cioè milioni di lavoratori e di persone delle classi subalterne; e non la Lorenzin che con essi non c’entra un fico secco.
Nel caso del governo Conte 2 il tempo è tiranno.

 

malacoda 75

Aldo Pirone, redattore di malacoda.it

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Renzi ieri e oggi

Renzi Renzetto ditopollice 350 260di Antonella Necci - Chi è Matteo Renzi. ''Renzi è complice dei disastri degli ultimi sette anni, quindi per dignità dovrebbe tacere, chiedere scusa e ritirarsi a vita privata''. Esattamente un anno fa, il 30 settembre del 2018, il segretario della Lega Matteo Salvini dava così politicamente per spacciato l'ex presidente della provincia di Firenze, ex sindaco, ex segretario del Pd ed ex premier, Matteo Renzi. Caduto in disgrazia per il fallimento del referendum costituzionale del 4 marzo e dopo la sconfitta elettorale del 2018, Renzi torna invece sulla scena della politica italiana da protagonista: è lui che ha reso possibile la nascita del Conte bis, che ha fondato la nuova forza politica 'Italia Nuova' ed è lui che ora potrebbe diventare l'ago della bilancia in Parlamento non solo per la creazione dei nuovi gruppi ai quali hanno aderito anche esponenti di Forza Italia, ma anche perché molti dei suoi fedelissimi sono rimasti dentro il Partito Democratico in ruoli chiave. Come Andrea Marcucci, che, nonostante la scissione, resta presidente del gruppo Dem a Palazzo Madama.

Nato a Firenze nel 1975, Renzi cresce e vive a Rignano sull’Arno. Ex scout, aderisce ai "Comitati per Prodi" e lavora come dirigente nell’azienda di famiglia. Da giovane partecipa e vince alla "Ruota della Fortuna" con Mike Bongiorno. Si sposa nel 1999 con Agnese Landini con la quale ha tre figli e si laurea in Giurispudenza con una tesi su Giorgio La Pira. Collabora a lungo con Lapo Pistelli e diventa segretario provinciale del Ppi e coordinatore de La Margherita fiorentina.

Nel 2004 viene eletto Presidente della Provincia di Firenze e nel giugno del 2009 diventa sindaco del capoluogo toscano. Nel 2010 lancia la sfida generazionale ai vertici del partito dalla vecchia stazione ferroviaria del Granduca Leopoldo di Firenze dove, da presidente provinciale, riuniva gli studenti per il ministro Beppe Fioroni. Ed è da allora che Renzi comincia a parlare di "rottamazione" contro quella che definisce una classe politica "ormai da decenni incollata alle poltrone". Per anni batterà sul punto, soprattutto contro i vertici del suo partito, tanto da conquistarsi nell'opinione pubblica il titolo di "rottamatore".

Nel 2012 Renzi annuncia la sua candidatura alle primarie del centrosinistra e parte per tre mesi in giro per l'Italia a bordo di un camper. Ma il 2 dicembre le primarie le perde contro Pierluigi Bersani.

Nel 2013 ci riprova e stavolta le primarie del Partito Democratico le vince contro Gianni Cuperlo, Giuseppe Civati e Gianni Pittella.

Dal 22 febbraio 2014, dopo essere passato alla storia con il celebre hashtag 'Stai sereno. Nessuno ti vuol fregare il posto' rivolto via twitter al collega di partito, allora premier, Enrico Letta, Renzi diventa presidente del Consiglio. Letta, infatti, si dimette il 14 febbraio 2014 dopo che, il giorno prima, la Direzione Nazionale del Partito Democratico aveva approvato un documento proposto dal 'rottamatore' in cui si rilevava "la necessità e l'urgenza di aprire una fase nuova, con un nuovo esecutivo".

Da segretario del partito e da premier, Matteo Renzi, incassa, prima un ottimo risultato con le elezioni Europee del 25 maggio del 2014, dove il parttito batte il record del 41%, ma poi subisce la sconfitta con il referendum costituzionale del 4 dicembre 2016 che boccia la sua riforma costituzionale. Riforma che eliminava di fatto il bicameralismo perfetto e tagliava il numero dei parlamentari. Si dimette il 7 dicembre 2016.

E il 12 dicembre 2016 prende il suo posto a Palazzo Chigi Paolo Gentiloni. A febbraio si dimette da segretario del Pd. Ma lo fa per ricandidarsi e, il 30 aprile del 2017, ridiventa segretario del Partito Democratico che riporta alle elezioni il 4 marzo del 2018.

Dopo la sconfitta elettorale si dimette di nuovo. Resta sino alla crisi del governo giallo-verde un "semplice senatore di Rignano", come lui chiede di essere considerato. Ma dall'inizio di settembre torna alla ribalta non solo perché è lui a scongiurare il ritorno al voto proponendo di allearsi con il M5S per far nascere il Conte bis, ma anche perché riesce a piazzare molti dei 'suoi' al governo, nonostante si lamenti l'assenza di un esponente toscano nell'Esecutivo, e dà vita ad una nuova formazione politica e a nuovi gruppi parlamentari ai quali aderisono numerosi esponenti del Pd. Il nome 'Italia Viva' lo mutua da Walter Veltroni che, allora segretario del Pd, lo scelse per la campagna elettorale del 2008: quella in cui vinse il Partito delle Libertà di Berlusconi.

 

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

La Prefetta nel pastrocchio

LucianaLamorgese mindi Antonella Necci - Il neo ministro dell’Interno Luciana Lamorgese era il capo di gabinetto quando il ministro Alfano affidò i beni tolti alla mafia all’indagato per mafia.

Antonio Calogero Montante era l’ex numero uno di Confindustria in Sicilia e leader dei professionisti dell’Antimafia. Inoltre, Montante avrebbe “messo le mani” sull’Agenzia Governativa che gestiva ben 1.500 aziende e 10.500 immobili. Secondo quanto emerge da alcuni documenti, Lamorgese sarebbe coinvolta in prima persona nel cosiddetto “pastrocchio” per aver nominato Montante ai vertici dell’Agenzia.

L’ex poliziotto Gioacchino Genchi ha fatto emergere questi particolari proprio in seguito alla nomina dei nuovi ministri del governo giallo rosso.”Non oso nemmeno immaginare – ha commentato poi – i salti di gioia che ha fatto Antonello Montante alla lettura della lista dei ministri del secondo governo Conte, quando ha appreso della nomina a ministro dell’Interno dell’ex prefetto Luciana Lamorgese”.

Ma vediamo la ricostruzione dei fatti.

Tutto è cominciato il 14 marzo 2014 quando il ministro Angelino Alfano spedì una lettera a Pier Carlo Padoan, allora ministro dell’Economia.
All’interno della busta vi era la richiesta di nomina di due personalità esperte al consiglio direttivo dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata. “Il 30 luglio 2014 il prefetto Luciana Lamorgese chiede e ottiene da Montante il suo curriculum” ha spiegato Alfano. Poi la firma dei protocolli sulla legalità.

“Fu un’idea mia che nasceva dal fatto che nella gestione di questa Agenzia si notava la mancanza di elemento manageriale” prosegue l’ex ministro. “Immaginai di mettere un antimafioso, il responsabile della legalità di Confindustria nazionale e, al tempo stesso, uno di comprovata, a quel tempo, competenza manageriale. Quando lo nominai all’Agenzia nazionale dei beni confiscati, eravamo all’apice. 20 giorni dopo, c’è stata la rivelazione del segreto istruttorio da parte del giornale e se lo violavano non lo nominavo”. Tuttavia, nel momento in cui Montante venne nominato presso l’Agenzia, il suo nome era già stato scritto nel registro degli indagati da sei mesi.
Il presidente della Commissione di inchiesta siciliana, Claudio Fava, ha spiegato: “Tutto ci aspettavamo fuorché il fatto che Montante venisse compulsato perché partecipasse.
Immaginiamo tutti cosa sarebbe accaduto il giorno dopo se davvero un indagato per mafia avesse partecipato al consiglio direttivo dell’Agenzia per i beni confiscati”.

Nella selezione della squadra dei ministri per un governo definito di cambiamento, quali sono i criteri adottati per l'assegnazione del ministero dell'Interno?

Il non avere un profilo social non penso sia l'unica conditio sine qua non.

8 settembre 2019

 

Fonti.

https://m.dagospia.com/arrestato-con-altre-cinque-persone-l-ex-presidente-di-sicindustria-antonio-calogero-montante-173687 (4 maggio 2018)

 

http://www.gioacchinogenchi.it/in-evidenza/cera-la-lamorgese-alfano-affido-beni-tolti-alla-mafia-allindagato-mafia/   (La Verità - 6 settembre 2019 - di Fabio Amendolara)

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Attacchi sessisti a Brigitte Macron dal governo del Brasile

BrigitteMacron 350 mindi Antonella Necci - Brigitte Macron ha subito un nuovo attacco da parte del governo populista del Brasile.

Il ministro dell’Economia Paulo Guedes ha criticato il suo aspetto fisico davanti a una platea di imprenditori. A fine agosto Jair Bolsonaro aveva scherzato riguardo alla differenza d’età tra la sua giovane moglie e la première dame sessantenne. In seguito allo scherno del presidente brasiliano, era partita un’ondata di solidarietà nei confronti della moglie di Emmanuel Macron con articoli sui media nazionali e l’hashtag #DesculpaBrigitte, perdonaci Brigitte.

Continua a esserci tensione tra il governo brasiliano e quello francese.
Dopo l’insulto di Jair Bolsonaro a fine agosto, Brigitte Macron è stata attaccata da Paulo Guedes.“È davvero brutta”: così il ministro dell’Economia del Brasile ha parlato della première dame davanti a una platea di imprenditori. Guedes stava difendendo le politiche del governo davanti agli industriali: “Vedo progressi economici su più fronti ma la preoccupazione è, se insultano la presidente cilena Michelle Bachelet, se insultano la moglie di Macron, se la chiamano brutta. Lo ha detto il Presidente ed è la verità”.
Il ministro brasiliano ha deciso di porgere, poi, le sue scuse in un comunicato: ha definito gli insulti delle “affermazioni scherzose”.
Ha precisato che “non voleva offendere nessuno” ma “cercava solo di sottolineare che le questioni rilevanti e urgenti per il Paese non hanno lo spazio che dovrebbero avere nel dibattito pubblico”.

Brigitte Macron ha ricevuto l’appoggio di donne del suo calibro. La ministra per le Pari opportunità, Marlène Schiappa, ha difeso la moglie di Emmanuel Macron con un tweet in cui cita la scrittrice Virginie Despentes: “E intanto gli uomini non hanno un corpo. Non hanno età, non hanno corpulenza. Qualsiasi *** avvinazzato, calvo con la pancia, stile marcio, può permettersi riflessioni sul fisico delle donne”. Nella citazione originale del romanzo di Despentes al posto degli asterischi c’era un insulto, però sembra che la ministra non sia voluta andare così a fondo con la polemica.
Anche l’ex première dame Valérie Trierweiler ha attaccato Guedes: “Non è altro che un poveraccio, un burino come il suo presidente. Penoso”. La governatrice dell’Ile-de-France, Valérie Pécresse, ha usato parole forti contro il ministro: “Insultare Brigitte è insultare tutte le donne francesi”.

Ci sono due punti non molto chiari che vorrei evidenziare. Il primo riguarda il non ben identificato machismo di Bolsonaro che si vanta di avere una moglie giovane e bella. Io se fossi in lui non lo farei. Quel genere di donna non rientra nella categoria. Non è donna con la D maiuscola per intenderci, ma semplice trofeo o meglio oggetto da mettere sul comò. Che poi il suo ministro dell'economia ne supporti il punto di vista è consequenziale. I governi sovranista sono composti da ruffiani.

Il secondo punto, molto più serio, senza dilungarmi oltre sulla bellezza relativa della signora Bolsonaro, riguarda Emmanuel Macron in persona.
Certo il meccanismo psicologico che lo ha spinto ad innamorarsi e a sposare la sua prof di Francese, lo confesso, mi sfugge. Presumo sia legato a quella presunta quanto insabbiata omosessualità. Di certo, considerato che la sua popolarità in Francia si regge proprio sulla figura della moglie anche questo è un dato inspiegabile, francamente non si capisce perché il marito non abbia risposto per le rime alle offese fatte alla moglie.

Che donne politicamente in vista si siano esposte può essere, forse, una tattica che il presidente ha adottato. Non si espone in prima persona per non incrinare ulteriormente le relazioni già compromesse tra i due paesi. Ma forse è proprio qui l'errore e le reiterate offese alla première dame.
Si sa che i sovranisti sono uomini di cartapesta che in atteggiamenti da macho, duro e spietato, nascondono grandi problemi di relazione con il sesso opposto.

Se Emmanuel Macron volesse davvero difendere la moglie, avrebbe giuste parole per piegare tutto l'apparato politico brasiliano. Basterebbe solo che dicesse, non so, “stimo mia moglie e il mio amore va oltre la bellezza puramente fisica”.
Insomma, poche frasi, romanticamente francesi, per far capire che la moglie è mia e basta piaccia a me.
Al momento non si hanno notizie a riguardo di una possibile difesa familiare.
Stai a vedere che i francesi sono peggio degli italiani. E poi ci dicono che siamo i cugini cafoni.

8 settembre 2019

Leggi tutto...

Il Comico

beppe grillo 350 mindi Aldo Pirone - Finora Zingaretti, da quando è stato eletto segretario, è sembrato sempre in ritardo e un po’ frenato da tanti condizionamenti e da tante paure. La sua ipotesi strategica del voto subito ove si fosse aperta una crisi di governo, è stata immediatamente travolta da un variegato fronte interno che andava dai renziani agli ex popolari-margheritini disponibili a trovare un accordo di governo con il M5s.

A questo proposito Salvini sta mandando in giro, per pararsi le terga, la diceria che la sua mossa di mezza estate si basava sulla convinzione assicuratagli (da chi? Da Zingaretti, da Renzi?) che non avrebbero offerto sponde ai “grillini”. Questi ultimi, infatti, diretti da quel genio di Di Maio, sulle prime non avevano disdegnato l’ipotesi elettorale. Ma, come si dice, la toppa del “bauscia” è peggio del buco. Non aveva previsto, il poveretto, due cosette che hanno cambiato subito la situazione.

In ordine di tempo: l’intervento di Grillo che dava al M5s un’altra linea; la capriola di Renzi, imbattibile nel genere, che stavolta ha giocato in positivo. Insomma si era fidato, il merlo, dei suoi avversari.

L’altro ieri, dicevamo, Zinga ha smentito se stesso: è stato rapido. Di fronte all’intervento di Grillo che, facendo finta di parlare a suocera, mollava un altro sonoro ceffone al povero Di Maio, ha subito risposto positivamente. Che cosa ha detto Grillo? “Abbiamo un’occasione unica…voglio che vi sediate a un tavolo, a parlare di queste cose, e invece ci abbrutiamo a parlare di scalette, di controscalette... Il posto, lo dò a chi... i 10 punti, i 20 punti...”. Cioè i punti di Di Maio; quelli di cui forse abbisognerà la sua testa alla fine di questa crisi.

Le cose, dette dal “guru” alla sua solita in maniera visionaria, sono urbanistica, materie prime, sistemi industriali mobilità ecc., tutto da rivedere e riprogettare. Poi ha concluso: “Basta, basta, io mi rivolgo al Pd, alla base, ai ragazzi del Pd. Sarete contenti, è il vostro momento questo. Il vostro momento. Abbiamo un’occasione unica non si riproporrà più così. Cerchiamo di compattare i pensieri, di sognare a 10 anni”. Il segretario dem ha subito replicato: “Caro Beppe Grillo, mai dire mai nella vita. Cambiamo tutto e rispettiamoci gli uni con gli altri”.

Se questo governo PD-M5s-Leu e altri nascerà, lo si dovrà a tanti fattori che si sono coagulati in un combinato interno e internazionale che non è qui il caso di analizzare. Tra questi anche l’azione politica di un comico che non ha fatto certo ridere Salvini. Quest'azione si è manifestata con una certa puntualità. Il 10 agosto, all’indomani della sfiducia con richiesta di elezioni a tambur battente reclamata dal “bauscia” per avere “pieni poteri”, Grillo lo stoppava nel modo che sappiamo: “Altro che elezioni…salviamo il paese… che l’estate ci illumini, in alto i cuori!”. Il 12 agosto stoppa Renzi: “avvoltoi persuasori… strisciano veloci fra gli scranni: ma è soltanto un’illusione, nient’altro che un’illusione dovuta alla calura”. E rimette Zingaretti al suo posto di leader del PD, il solo con cui interloquire. Il 18 riunisce i suoi a Bibbona per dargli la linea e rintuzzare quella di Di Maio e di altri: Di Battista, Taverna, forse lo stesso Casaleggio.

Il 23 fa il suo endorsement per Conte, “benvenuto tra gli Elevati”, stimolando nel PD a superare il veto di Zinga. Il 28, il visionario, dimostra di avere senso pratico e anche una certa lungimiranza politica: “Non ci sono i tempi né per un contratto e neppure per chiarirci su ogni aspetto, anche fintamente politico, delle realtà che i ministeri dovranno affrontare. Oggi è l’occasione di dimostrare a noi stessi e agli altri che le poltrone non c’entrano nulla: i ministri vanno individuati in un pool di personalità del mondo della competenza, assolutamente al di fuori dalla politica”. Poi il discorso di ieri. L'ha chiuso dicendo: “Ora basta! Sono esausto!”. Non aveva torto.

 

malacoda 75

Aldo Pirone, redattore di malacoda.it

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Discontinuità

Mattarella consultazioni ago19 350 min.jpgdi Aldo Pirone - Il PD ha votato all’unanimità una risoluzione che pone cinque condizioni per la formazione, con il M5s e non solo, di un governo di lunga durata. Le condizioni sono temi abbastanza generali ed ecumenici per una forza che si definisce progressista e di sinistra da cui bisognerà vedere, poi, se emergeranno priorità più precise e cogenti. Inoltre la Direzione del PD ha dato mandato al segretario Zingaretti - qualcuno l’ha definito “mandato pieno” come se al segretario si potessero dare mandati semipieni o semivuoti - per gestire la trattativa con le altre forze, innanzitutto con il M5s, disponibili a fare un governo con le caratteristiche richieste dal PD. Nel dispositivo della risoluzione c’è una parola, “discontinuità” – in passato usata spesso per dare corso a politiche scriteriate -, ma che in questo caso vorrebbe significare, giustamente, che bisogna fare altro rispetto a quel che ha combinato il governo gialloverde in versione salviniana. La frase completa dice: “Se tali condizioni troveranno nei prossimi giorni un riscontro basato sulla necessaria discontinuità e su un’ampia base parlamentare siamo disponibili ad assumerci la responsabilità di dar vita a un governo di svolta per la legislatura”.

Naturalmente è più che giusto che il PD invochi “discontinuità” rispetto al governo Salvimaio, ma se si vuole essere seri, onesti, innovativi e veramente incisivi nella situazione apertasi con la crisi di governo, la magica parola non può riguardare solo il governo gialloverde, deve riguardare anche quel che c’era prima, regnanti Renzi e poi Gentiloni, e che portò al disastro elettorale del 4 marzo 2018. In altre parole se il PD vuole giustamente imporre una svolta di programmi e indurre i “grillini” a concezioni democratiche e conseguenti comportamenti non può non mettere in gioco anche il cambiamento di se stesso rispetto a quel che è stato finora. Non solo sotto il profilo programmatico ma anche morale. Pure al M5s si pone, per altri versi, un problema simile. Per loro la questione è di avviare un processo di liberazione di se stessi dalla demagogia, dalle semplificazioni propagandistiche, dall’assunto “il cittadino ha sempre ragione”, mentre qui il problema è che il “cittadino” bisogna farlo ragionare su soluzioni razionali ai problemi che lo angustiano.

Perciò, in gioco vi sono non una ma due “discontinuità”.
Questo significa che il nuovo governo, sia nel programma che nelle persone che eventualmente lo comporranno, deve essere di alto profilo politico e morale con molte personalità esterne ai cerchi, più o meno magici, ai caminetti, alle conventicole, ai raduni in villa, delle attuali forze politiche chiamate a partorirlo.
Su tutta la situazione apertasi con la crisi del governo Conte pesa il modo in cui ci si è arrivati. Essa non è il frutto di un’iniziativa dell’opposizione di sinistra che, inserendosi nelle contraddizioni crescenti fra M5s e Lega, poteva aver già avviato un qualche discorso politico con quella parte con cui oggi ci si propone, in qualche modo per costrizione politica e in tempi strettissimi – quelli voluti dal Presidente Mattarella -, di realizzare la svolta di governo. La crisi è frutto di un colpo di sole di Salvini, di una rana che si è gonfiata con la propaganda più incivile e becera fino a scoppiare. Che poi quel suo consenso cresciuto all’ombra del governo gialloverde e certificato, non tanto dai sondaggi quanto dal voto europeo, stia ora evaporando, è tutto da vedersi. Evaporerà se un’eventuale nuova compagine di governo aggredirà soprattutto i problemi sociali e di precarizzazione della vita degli italiani a cominciare dai lavoratori e dai giovani. Per questo occorre fin da subito mettere in grado di non nuocere i tatticismi dettati da interessi personali, le piroette politiche degne del miglior Circo Barnum che se oggi giocano a favore di un isolamento di Salvini, domani potrebbero dargli una mano a risollevarsi rapidamente.

Per questo il PD non può pensare di tornare semplicemente a un “heri dicebamus”. Perché sarebbe subito un fallimento. L’ennesimo.

 

malacoda 75

Aldo Pirone, redattore di malacoda.it

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici