fbpx
Menu
A+ A A-

Avere giuste ed opportune terapie per i diabetici

consiglio lazio 350 260Il Consigliere regionale e vicepresidente della Commissione Sanità, Loreto Marcelli, ha presentato un’interrogazione al Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ed all’Assessore alla Sanità D’Amato, per capire le azioni che intendano adottare affinché la dirigenza Asl di Frosinone provveda nel più breve tempo possibile ad ottimizzare tali percorsi terapeutici previsti affinché i pazienti diabetici possano avere le giuste ed opportune terapie per la cura della loro patologia.
Roma, 16 ottobre 2019

«Nonostante quanto previsto nel 2015 nel Piano per la malattia diabetica nella Regione Lazio 2016-2018., approvato con decreto del Commissario ad Acta n. U00581 allo stato attuale le persone con diabete sono registrate su diverse piattaforme informatiche codificate per finalità specifiche non sempre complete.

In considerazione della possibilità che durante un unico accesso sanitario la persona con diabete debba essere registrata contemporaneamente sui diversi database, è opportuna quindi una piattaforma comune in cui, pur continuando ad operare prevalentemente sul proprio registro, i singoli database possano riversare in automatico dati anagrafici e clinici indispensabili per il governo clinico e della spesa. Oltre ai vantaggi in termini clinici, la piattaforma comune permette inoltre di valutare con precisione la compliance delle persone in cura e di fare stime accurate dei costi diretti ed indiretti della malattia per categorie di gravità e differente intensità di cura».

Come spiega il Consigliere Marcelli: «Il patrimonio informativo disponibile presso i medici di medicina generale, i Pediatri di Libera Scelta e le Strutture Dipartimentali, deve poter essere condiviso tra tutti gli attori della rete senza che nessuno rinunci alla cartella clinica già in uso. È necessario implementare un sistema di interfaccia tra i diversi database, così come è stato già realizzato in altre regioni e come dimostrato da evidenze disponibili capaci di migliorare, oltre che l’efficienza dei servizi, anche gli esiti di salute. I pazienti affetti da diabete nel Lazio sono circa 390.000, un paziente costa, al Sistema sanitario regionale, circa 3.000 € l’anno e i numeri della malattia diabetica sono in continuo aumento. In Italia ci sono sei-sette mila nuovi casi di diabete di “tipo 1” l’anno, ogni venti minuti muore un paziente di diabete. Il distretto, il cui ruolo nell’ambito della diffusione e costruzione dei percorsi diagnostico-terapeutici è sottolineato all’interno della DGR 313/2012 rappresenta, per motivi di prossimità, il riferimento principale per la popolazione residente, in particolar modo per le persone con patologie croniche, che si rivolgono ai servizi per esigenze primarie legate alla gestione della loro malattia. In particolare, i servizi distrettuali, di concerto con i responsabili distrettuali della medicina di base e con il referente della struttura diabetologica, hanno il compito di garantire l’accessibilità al percorso di cura organizzato, assicurando agli assistiti la programmazione degli accessi alla Struttura Dipartimentale, agli ambulatori dei Medici di Medicina Generale, dei Pediatri di Libera Scelta nonché, ove occorra, ai presidi ospedalieri. In provincia di Frosinone – conclude il Consigliere Marcelli – la Asl di competenza è in notevole ritardo nell’adozione ed attuazione di tale piano e che diverse associazioni di pazienti affetti da diabete subiscono tale ritardo, per questo mi è sembrato doveroso chiedere al Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ed all’Assessore alla Sanità D’Amato, di provvedere al più presto per sanare una situazione che è dannosa per pazienti diabetici».

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Fim-Cisl: sono opportune le scelte di Finmeccanica?

Agusta-Westland riceviamo e pubblichamo COMUNICATO SINDACALE dal Coordinamento Agustawestland FIM-CISL Stabilimenti di Anagni e Frosinone.

Il Coordinamento Agusta della FIM-CISL di Frosinone, comprendente le RSU e i Membri del Direttivo degli stabilimenti di Anagni e di Frosinone, riunitosi martedì 07/10/2014, per analizzare e discutere le evoluzioni, inerenti il futuro piano industriale di FINMECCANICA, che ha trovato ampio risalto anche negli organi di stampa nazionali, ritiene doveroso promuovere un'informativa tra i lavoratori degli stabilimenti di Anagni e Frosinone, al fine di dirimere eventuali posizioni strumentali ed evitare inutili allarmismi.
L'insediamento del nuovo AD Moretti ha sicuramente aperto un tema importante, che coinvolge direttamente tutte le realtà di Finmeccanica, inerente la strategicità del gruppo nel contesto internazionale e la sua concorrenzialità rispetto ai grandi competitor europei e americani.
Di particolare interesse è l'analisi condotta e illustrata nel Cds di Finmeccanica, tenutosi il 25/09/2014, mirata da un lato a conoscere dettagliatamente le diverse realtà del Gruppo, dall'altro all'analisi delle diverse "produzioni" identificando, per ciascuna di esser, la loro massa critica, in termini produttivi e la loro competenza distintiva, al fine di analizzare la loro redditività.
Tale analisi è stata necessarie per cercare di tracciare e definire un piano industriale integrato che permetta un rilancio vero e sostenibile della Finmeccanica, la sua capacità di essere competitiva nella sostenibilità finanziaria e consenta al gruppo di affrontare le sfide che il mercato le pone innanzi.
Le principali criticità del gruppo sono essenzialmente legate:
1) All'incapacità del mercato militare e civile Italiano di sostenere programmi e progetti che garantiscono una continuità vera delle produzioni;
2) Al continuo decremento da parte dell'Italia di risorse finalizzate alle attività di ricerca e sviluppo;
3) Al reperimento di strumenti di liquidità finanziaria che ci permettano di essere competitivi rispetto ai grandi gruppi Anglo-Statunitensi e Franco-Tedeschi;
4) Alla dimensione troppo "nazionale" di alcune realtà del Gruppo che pregiudica la capacità di espansione verso asset e programmi a più alta redditività.
Partendo da tali criticità il Cds di Finmeccanica ha identificato gli Asset "strategici" che rappresentano un reale valore aggiunto, sia in termini economici che in termini di programmi, come Agustawestland, e quelli "non strategici", come il mercato ferroviario e della logistica, giudicati a basso valore aggiunto sia in termini di sviluppo che di ritorni economici.
Sulla base di queste considerazioni ha illustrato alle OO.SS. Nazionali di FIM-FIOM-UILM una bozza di piano industriale che prevede importanti e sostanziali elementi di discontinuità, rispetto al passato, soprattutto inerenti alle ricadute organizzative che investiranno tutte le realtà del gruppo. Assisteremo o stiamo già assistendo: al trasferimento delle sedi legali a Roma, alla conversione delle 5 principali società del gruppo (AleniaAermacchi, Agustawestland, Selex, Oto Melara e Was) in Divisioni con una conseguente razionalizzazione delle strutture manageriali e societarie, anche attraverso eliminazione dei singoli Cds e con una centralizzazione delle funzioni centrali quali ad esempio il Finance, HR, Audit, Relazioni Estere, Ufficio Legale.
Queste azioni, alcune già avviate altre previste, hanno come finalità principali quello di liberare risorse e ottimizzare processi ed organizzazione.

Certamente questo sforzo non potrà trovare piena ed effettiva realizzazione negli obiettivi prefissati se anche il Governo non dirà chiaramente quale Ruolo dovrà giocare la futura Finmeccanica e con che cosa e con quali risorse è pronto a sostenere questo cambiamento.
Senza una politica industriale chiara, da parte di chi è deputato in questo paese a tracciare, rischiamo seriamente che a pagare il "prezzo" di questo inevitabile ed imprescindibile cambiamento siano ancora una volta i cittadini/lavoratori.
In questo scenario di profondo cambiamento come FIM non possiamo che tracciare quelle che a nostro avviso già rappresentano delle criticità e, come siamo da sempre abituati a fare, identificare delle proposte da condividere con la FINMECCANICA, per integrare e migliorare il Piano Industriale che verrà presentato tra fine dicembre e gennaio.
Di certo non siamo interessati a sostenere discorsi di natura campanilistica e/o di opportunità organizzative, ma di certo ci teniamo a sostenere con FORZA che l'Agustawestland ed i suoi lavoratori sono un modello industriale che ha dimostrato con i fatti funzionare ed essere in grado di affrontare le sfide del mercato nazionale ed internazionale.
Il modello delle relazioni sindacali, il modello per la valorizzazione delle professionalità esistenti, la capacità di risposta alle diverse esigenze territoriali, in termini di solidità delle unità produttive e di Off Load domestico, sono e devono rappresentare un modello da promuovere anche nella nuova Finmeccanica.
Di certo riteniamo che la FINMECCANICA debba avere delle priorità, a nostro avviso, da perseguire con forza: Il recupero delle redditività sui prodotti, un controllo ed una gestione più trasparente e trasversale delle diverse suppliers chain, una razionalizzazione dei costi indiretti e un recupero delle dispersioni di sistema, ma soprattutto deve ricercare con forza Alleanze Internazionali che ci permettano di costituire una gamma prodotti integrata e competitiva restando protagonisti nelle nostre competenze e nelle eccellenze che siamo già in grado di esprimere.
Siamo altrettanto convinti che sia ora di procedere alla reinternalizzazione di produzioni su segmenti strategici finalizzate da un lato al miglioramento degli standard qualitativi, troppe volte condizionati da variabili di "gestione" poco trasparenti, dall'altra al mantenimento del know-how interno.
Di sicuro un altro caposaldo su cui sarà indispensabile intervenire sarà quello di legare un'importante parte delle risorse recuperate nel processo di ottimizzazione agli investimenti in Ricerca e Sviluppo, unica vera opportunità ed esigenza per garantire un futuro industriale vero alla nuova Finameccanica. La FIM-CISL ritiene che tutto questo potrà avvenire solo con il coinvolgimento dei lavoratori e dei
loro rappresentanti, ma che non potrà prescindere dal ruolo che sapranno giocare tutti gli attori sociali e politici del Territorio non in una logica "campanilista" ma nella consapevolezza che al rilancio e allo sviluppo di queste aziende è legato indissolubilmente lo sviluppo industriale del nostro paese.
La FIM-CISL vigilerà sull'evoluzione di questa trasformazione, non farà sconti a nessuno e saprà rappresentare al meglio i bisogni delle lavoratrici e dei lavoratori, certa che le eccellenze, le competenze e le capacità che i lavoratori esprimono, saranno gli elementi distintivi tra il saper o non saper fare prodotti tecnologicamente avanzati e di alta qualità.
Il presente documento è stato approvato all'unanimità, in data odierna, dalle RSU e dai Direttivi FIM degli
stabilimenti Agusta di Anagni e Frosinone.
Frosinone, lì 09/10/2014

La riproduzione di quest'articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici