fbpx
Menu
A+ A A-

Ceccano. Sindaco urge presa di posizione forte contro i soprusi ACEA

LETTERA APERTA AL Sig. Sindaco di Ceccano
Roberto Caligiore

e.p.c. Sig.ri Consiglieri Comunali

Comandante Polizia Locale
Ceccano

acquaprivatizzata 350 260Egr.Sig. Sindaco
Ella, è sicuramente a conoscenza della gravissima azione intrapresa nella nostra città dal Gestore del Servizio Idrico Integrato Acea Ato 5 S.p.A. nei confronti dei nostri concittadini, che da anni si battono con contenziosi e denunce contro le illegalità e i soprusi di questo gestore.

Sono giorni che personale al soldo di Acea spadroneggia sul nostro territorio con fare arrogante e minaccioso con l’intento di sospendere le forniture idriche, e purtroppo in molti casi ci riesce lasciando intere famiglie senza acqua.

La situazione è diventata insostenibile! La misura è colma!

Nonostante una crisi pandemica senza precedenti, e più gradi di giudizio abbiano condannato Acea Ato 5 S.p.A. e il suo legale rappresentante ribadendo che il distacco della fornitura Idrica viola il diritto alla salute, viola il diritto all’igiene , compromette l’esigenza della disponibilità d’acqua ai fini alimentari, viola i diritti fondamentali delle persone che vanno considerati superiori e costituzionalmente garantiti ad ogni individuo, anche a fronte degli interessi del gestore e dell’eventuale morosità dell’utente.

Nonostante ciò, Acea Ato 5 S.p.A. continua come se nulla fosse attuando forme di illegalità che a breve potrebbero sfociare in azioni incontrollate da parte dei cittadini utenti.

Sig. Sindaco Lei è il responsabile della salute e dell’igiene pubblica di ogni cittadino di Ceccano, e in quanto tale non può esimersi da tale responsabilità.

Aspettiamo da subito una sua presa di posizione chiara e forte in merito alle problematiche esposte.

Siamo cittadini che rispettano la legalità, ma non siamo più disposti ad accettare soprusi da parte di un Gestore che in questi anni si è contraddistinto e fatto conoscere più per le sue inefficienze e le sue illegalità che per la gestione del Servizio Idrico.

Cordiali saluti
 
Ceccano,22.01.2021 X Comitato No Acea Ceccano
Domenico Aversa
Info:
email:

 

 

Leggi tutto...

La presa di Troia, un inganno venuto dal mare

tiboni mindi Diego Protani - La storia non è mai immobile, specialmente quella più antica che spesso e volentieri può dar delle risposte a volte inattese. Se per secoli si è studiato del Cavallo di Troia, se per secoli un racconto poteva aver preso potere sull'idea di una questione storica, a volte potrebbe esserci una svolta.

E' in libreria "La presa di Troia, un inganno venuto dal mare" di Francesco Tiboni edito da Edizioni di storia e studi sociali che sta rivoluzionando uno degli eventi più famosi della Grecia antica (anche se poi la città di Troia era situata in Turchia nell'odiena Truva) e che rischia di far riscrivere la maggior parte dei libri di storia.

Un mito millenario, il celeberrimo cavallo che avrebbe consentito agli Achei di espugnare la città di Troia, viene messo in discussione e reinterpretato grazie ad un lavoro complesso che, corroborato da una sicura metodologia scientifica, analizza fonti antiche e recenti. In questo libro, attraverso l’adozione degli strumenti metodologici propri della scienza archeologica moderna, Francesco Tiboni supera definitivamente i dubbi avanzati da diversi autori antichi e contemporanei, elaborando un nuovo paradigma interpretativo.

Il saggio dello studioso italiano analizza l’episodio conclusivo della guerra di Troia, l’inganno del cavallo, esaminandolo da un punto di vista archeologico, storico e filologico, allo scopo di chiarire come una vicenda che per i contemporanei di Omero era estremamente chiara, possa nel tempo essere stata fraintesa e decontestualizzata. Grazie agli strumenti dell’archeologia navale, che si avvale di parole, immagini e relitti, l’autore giunge a proporre una precisa collocazione dell’episodio all’interno di un quadro tematico ben definito, quello appunto della dimensione navale del mondo mediterraneo pre-arcaico. La rilettura dei testi omerici, dell’epica antica e della letteratura scientifica alla luce di recenti scoperte gli permette di affermare che la vera natura dell’inganno acheo non solo esula dal celeberrimo simulacro, ormai entrato nella cultura occidentale, ma che la narrazione post-omerica dell’episodio ha a lungo mascherato un evento più oggettivo, credibile e aderente alla realtà storica. Omero non raccontò mai il prodigio di un intervento divino, ma celebrò l’astuzia di un popolo che, nella presa di Troia per mezzo di un hippos, una nave di origine fenicia, sanciva la propria capacità di muoversi abilmente nello scacchiere geopolitico del Mediterraneo pre-arcaico, dove la potenza navale ed il dominio sulle rotte marittime erano alla base della grandezza dei regni. La rotta di Tiboni passa da Omero a Virgilio, da Pausania ad Apollonio Rodio, tocca l’iconografia, i legni e la letteratura scientifica di oggi, facendoci compiere un viaggio affascinante che, affrontando le nebbie del dubbio, ci porterà a dipanare una matassa ingarbugliata da quasi tre millenni.

Chi è Francesco Tiboni

Francesco Tiboni si è laureato in Paletnologia presso l’Università di Milano con una tesi
sull’iconografia navale di età nuragica. Ha conseguito il dottorato di ricerca presso il Centre Camille Jullian dell’Università di Aix en Provence sul tema della navigazione protostorica del Mediterraneo. Da oltre quindici anni lavora come archeologo subacqueo e navale, collaborando con diversi istituti italiani ed esteri. È stato membro italiano della Commissione Scientifica Internazionale che ha ideato e finalizzato il progetto UNESCO Pile Dwelling Sites List; ha condotto e diretto sul campo buona parte delle operazioni di ricerca dei progetti Mibact Archeomar 1 ed Archeomar 2; ha diretto le operazioni di scavo e di studio della barca cucita di età romana di Cavanella d’Adige (VE), del relitto romano di Marausa (TP) e del relitto secentesco di San Nicolicchio a Taranto, sperimentando metodologie di smontaggio e recupero dei legni mai impiegate prima in ambiente
subacqueo. È membro della Society for Nautical Research e dell’EAA, tutor NAS, correspondent del Mariner’s Mirror, presidente dell’Associazione ATENA CuMaNa. La sua produzione scientifica su temi archeologici, ed in particolare sull’archeologia e sull’iconografia navale, si muove tra decine di pubblicazioni in riviste scientifiche, volumi ed atti di congressi e la divulgazione al grande pubblico, attraverso la collaborazione con le testate SUB ed Archeologia Viva, oltre che con la trasmissione RAI Linea Blu.

Leggi tutto...

Renzi! Ma quale rottamazione? Una presa in giro

partito democratico bandiera350 250di Valerio Ascenzi - La politica a livello provinciale risulta essere completamente vuota di idee e di contenuti veri, salvo qualche esempio nei piccoli partiti o qualche uomo o donna nei partiti più grandi. I giornali al servizio dei “potenti del quarticciolo” narrano solo delle loro diatribe finalizzate alla spartizione di questo e quell’altro posticino, in questo o quell’altro Cda. Qualche mese fa scrivemmo una riflessione ispirandoci a “Li soprani der Monno vecchio” di Giuseppe Gioacchino Belli, al solo scopo di far comprendere che, dagli atteggiamenti, dai piccoli indizi e dai risultati elettorali ottenuti, chi comanda nel maggior partito del centrosinistra se ne infischia della base. “Io so io e voi nun zete un c*** “, è in sostanza il concetto che implicitamente continuano a ripeterci i nostri rappresentanti eletti e nominati nelle istituzioni. Le indiscrezioni pubblicate da Alessio Porcu sul suo blog personale - giornalista, collega e amico - riguardo la politica pubblicate e i collegamenti con quella nazionale, non fanno che avvalorare la nostra tesi. Chi fa militanza attiva nel Pd frusinate, conta nulla o zero. Tanto le decisioni vengono prese altrove. I congressi sono fatti a tavolino. Ma le indiscrezioni del giornalista di Tele Universo non ci servivano, lo sapevamo già. Non ci troviamo neanche niente di nuovo. Ma è proprio qui il punto: il rottamatore si è rivelato un rigattiere, peggio degli altri.
La fortuna di vivere e frequentare sia la capitale sia la provincia, dà la grande opportunità di apprendere determinati meccanismi. Non è fantapolitica: l’abbiamo sempre saputo che è da Roma che decidono tutto. Ma a questo punto vorremmo proprio chiederci dove sta questa benedetta rottamazione tanto sbandierata da Renzi? È partita alla sorgente dell’Arno e sembra essersi arenata a Empoli (per chi non avesse capito la sottigliezza della battuta, Empoli è la città natale di Luca Lotti). Gli unici ad esser stati rottamati – oltre ad alcuni nomi scomodi, uno per tutti D’Alema (ma è da vedere fino a che punto) - sono i cittadini e i militanti storici del Pd, quelli provenienti da una cultura vera di sinistra, gli ex Pds. Non quelli i cui nomi stanno scritti sulle lapidi al cimitero, non quelli il cui nome sulla tessera corrisponde al nome di una persona non autosufficiente (rispetto infinito per queste persone) ma che magicamente vota ai congressi (quando si fanno). Strano ma vero: c’è chi afferma di non aver mai visto queste persone, nei cosiddetti circoli, ma neanche ai congressi. La rottamazione riguarda chi non si allinea, chi elabora un pensiero con il proprio cervello, chi aveva creduto – spendendo venti euro della tessera - che l’aggettivo “democratico” avesse a che fare con la libertà del popolo, con l’uguaglianza dei diritti. Invece l’unica libertà – per dirla come Piero Pelù – è quella che stanno cercando di creare a tutti i costi, ma tutta per loro (i nostri politici).
Da rottamatori a rigattieri: abbiamo assistito campagne elettorali per le primarie del Pd, in cui si è gridato contro il vecchio, contro lo stantio, contro le idee da paleolitico e poi, a livello nazionale, abbiamo visto mettere in atto il programma di Berlusconi (scuola, legge elettorale, lavoro ecc. ecc.) con l’aiuto anche di chi con Berlusconi ha mangiato e bevuto fino a ieri (Verdini) e l’altro ieri (Alfano e Lorenzin). C’è ancora da chiedere lumi sui reali motivi delle visite di Renzi ad Arcore. Soprattutto dopo le intercettazioni in cui Renzi parla con il comandante della Cdf Adinolfi, confessandogli che a suo avviso “Letta non è capace”. Lui. Invece uno che applica il programma di un altro (Berlusconi) con i voti presi da un altro ancora (Bersani) è capace, si, ma non di far politica. Quindi risulta essere il segreto di Pulcinella anche il patto del Nazareno. Questo a livello nazionale. Mentre sui territori, gattopardescamente, non è cambiato nulla (gli eletti sono sempre gli stessi o personaggi a loro molto vicini da anni). È troppo chiedere di far emergere una nuova classe politica, vera, preparata su almeno uno o più ambiti culturali e/o tecnici, che non sia terza o quarta linea dei riciclati delle cosiddette prima e seconda repubblica? Assistiamo all’emersione di personaggi tuttologi e “fuffologi” (concedeteci la licenza non poetica) sempre collegati a qualcuno già mestamente noto. Ma è mai possibile che i nuovi eletti debbano essere sempre in quota di qualcuno? E pensate che ogni tanto spunta qualcuno che dice di volersi mettere di traverso, ma è sempre qualcuno che viene sostenuto da Roma. Vi pare normale che questi ultimi si appiattiscano poi sempre sulle posizioni di qualche “potente” locale, allo scopo di ottenere la tanto agognata poltrona? Ma ‘sta benedetta politica per i cittadini, per il popolo, per i lavoratori... ma non la vuole proprio più fare nessuno? Si sciacquano la bocca citando (spesso in maniera errata) Gramsci e Berlinguer, ma poi pensano solo a posizionarsi. Che amarezza.
Il dibattito che è iniziato sul web, grazie alla pubblicazione delle indiscrezioni di Alessio Porcu, rischia di arroventare la già caldissima estate. Le riflessioni sulle piattaforme digitali sono diverse, anche se sono ancora pochi coloro i quali hanno il coraggio di farle. Il nocciolo della questione è che si continua a danzare sempre intorno allo stesso falò: uno che è stato consigliere e assessore regionale, parlamentare europeo e ora presidente dell’Asi di Frosinone, ambisce alla candidatura alla Camera. Alla stessa candidatura ambisce uno che è stato sindaco di Ferentino, presidente della Provincia, consigliere e assessore regionale e oggi senatore. Questi due personaggi, insieme, per il territorio hanno prodotto qualcosa di tangibile? I militanti, gli ex militanti, tutti coloro i quali sono dotati di un pensiero proprio, guardandosi intorno, si stanno chiedendo da anni: ma cosa hanno fatto per questa terra costoro, al di là delle continue lotte intestine, tese ad assegnare posti nei Cda e in tutti gli organismi che danno poltrone in quota politica o a cercare di nominare e far eleggere uomini e donne in quota alla loro corrente personale?
Soffermatevi a guardare la Ciociaria per un attimo. Un comparto industriale in crisi fortissima, che non riesce a risollevarsi. Famiglie sul lastrico perché uomini e donne sono disoccupati e nessuno li assume a cinquant’anni. Una economia che non riesce a risollevarsi in nessun modo, poiché nessuno ha mai avuto l’idea, reale, di mettersi intorno ad un tavolino e cercare di creare una economia alternativa. Con conseguente disoccupazione giovanile elevatissima. Chi ci prova a fare qualcosa per il turismo non si inventa nulla di nuovo ed ha idee talmente sterili da non sdegnare neanche più la popolazione, ma suscita solo indifferenza. Il turismo mai decollato è il segnale di quanto andiamo affermando. Un settore cultura che va avanti solo grazie all’iniziativa dei singoli e delle associazioni che, sui territori, continuano a ricevere promesse, ma di fatto vanno avanti solo grazie alle loro forze: le proposte culturali serie, innovative, non attecchiscono in questa provincia, i fondi alle attività culturali spesso vanno dove non v’è merito. Una sanità pubblica praticamente ridotta ai minimi termini, con continue chiusure di reparti e ospedali (secondo una logica aziendalistica che avevano spacciato per “roba di destra”) e l’area tra i 44 siti più inquinati d’Italia, dove in ogni famiglia ci sono uomini o donne affetti da tumori di varia natura. Chi combatte per tutto questo? Nessuno. Chi difende i diritti dei cittadini? Nessuno. Ogni due minuti fanno un tavolo tecnico di sindaci e consiglieri comunali, che si riuniscono a parlare di un problema. Ma servono a qualcosa ‘sti tavoli tecnici?
C’è chi dichiara di aver avuto fiducia in Renzi, perché avrebbe dato un taglio a questo scempio. E invece, come è accaduto anche su altri territori, da Frosinone è iniziata la corsa al carro del vincitore (come sempre). Democristiano o comunista, socialista o liberale, non conta di che cultura sia il segretario politico del partito di turno, l’importante è dimostrargli il proprio peso politico. Lo hanno sempre fatto. E il rottamatore, dal canto suo, non esige mica novità, ma fedeltà cieca.
Finora chi si è battuto per affermare idee, innovazione, novità ha avuto un ruolo marginale. Una o due persone per circolo. Coloro i quali non si sono accodati al pensiero unico, sono stati relegati in un angolo, mai realmente ascoltati e nel momento in cui hanno deciso di lasciare, la risposta che ricevuta è stata: buona vita. A dimostrazione del fatto che chi ha preso le redini di questo partito è supportato, anche dal basso, da uomini e donne che della politica fanno un mezzo per arrivare dove non arriverebbero mai con le loro forze e capacità. È nella logica delle riforme della pubblica amministrazione e della scuola: il merito è bandito.
A qualcuno farà male leggere queste riflessioni, a qualcuno ribollirà il sangue, ma è così, purtroppo. Questa è la lettura che in troppi stiamo iniziando a dare della micro e macro società che ci circonda, realizzata a tavolino dalla politica. Molti si indigneranno, ma senza rendersi conto che tutto ciò corrisponde, purtroppo per loro, alla realtà, talmente sono “drogati” da questa deviazione della politica. Per questi la soglia del ridicolo può essere spostata giorno per giorno, un millimetro alla volta. Arriveranno a spostarla di centinaia di metri e non se ne renderanno conto.
Far parte del partito per alcuni un tempo era come una religione. Oggi, anche in aperta contestazione con la “linea”, ostentarsi a restare all’interno è paragonabile alla dipendenza da una droga. Come per i fumatori smettere di fumare, per loro sarebbe un dramma non avere più un partito. Ma non si rendono conto che ormai i circoli non sono più luoghi di proposta, ma sfogatoi. Ci si riunisce e invece di riflettere sulle questioni importanti e proporre soluzioni, si assiste a spettacoli che di civile hanno ben poco. Chi prova a fare analisi distaccate (pochissimi) e chi se ne frega e attacca sul personale. Non si sa ancora il motivo per cui, durante alcune discussioni, non si arrivi alle sediate, ma spesso ci vien da pensare che servirebbe anche questo.
Smettere di stare in un partito come questo è difficile quanto smettere di fumare, ma è altrettanto facile come lasciar stare le sigarette. La paura del “vuoto”, del “e poi che faccio” tipica del fumatore, è la stessa di molti militanti che affermano “resto dentro, perché è da dentro che posso cambiare le cose”. No, non è da dentro che si cambiano le cose, perché dentro ci puoi restare per anni, senza contare nulla: la presenza di due contendenti per le cariche più importanti del partito, come a Frosinone, lo dimostra. Si può stare benissimo fuori, creare qualcosa di nuovo. Il partito democratico non è roba per militanti: Veltroni quando lo ha concepito a tavolino, lo ha concepito come un partito liquidi, lo voleva addirittura senza tessere. Non appartiene quindi ai militanti e non è mai appartenuto loro. Ce lo hanno dimostrato in varie occasioni, ora con Renzi è palese.
Quindi, che fare? Di sicuro lavorare per accrescere questa coscienza. E nel contempo lavorare per un soggetto politico nuovo, migliore. Che magari possa prendere pezzi migliori della sinistra del Pd e unirli alla frammentazione politica che c’è a sinistra del Pd.
I rischi sono molti: le esperienze negative sono tante. Le scissioni avvenute prima della nascita del Pd, nei DS, ne sono la dimostrazione. L’uscita di Mussi e Angius si sono rivelate catastrofiche per chi è uscito. Il Pd non aveva lo scopo di sfondare a sinistra, fin dall’inizio, ma a centro. A sinistra c’era un’autostrada a tre corsie, non trafficata, sulla quale iniziare un percorso politico. Invece si è pensato a riciclare i “trombati” del Pd, alcuni dei quali sono poi rientrati – anche di recente – nei ranghi del grande contenitore. Quelle secessioni avrebbero dovuto produrre realmente una nuova classe dirigente ma, come è accaduto anche qui, con Sel, invece che una rottamazione hanno riproposto uomini e donne che hanno fatto della politica un mestiere. Una strada nuova va comunque tentata, ma cercando in primis di formare una nuova classe dirigente, senza contaminazioni, senza collegamenti e sponsor. Anche perché, nel caso di un riciclaggio di nomi e facce, si incorrerebbe in errori già fatti. La popolazione non avrebbe neanche bisogno d’esser stimolata a ragionare ed escluderebbe la nuova proposta politica a priori. sul suo blog personale

 

La riproduzione di quest'articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici