fbpx
Menu
A+ A A-

“Manifesto per un nuovo servizio pubblico e la qualità della comunicazione”

rai logoUna proposta innovativa

di Stefano Balassone - Alcuni esperti RAI, ora in pensione, insieme con cultori della materia, hanno dato alle stampe il “Manifesto per un nuovo servizio pubblico e la qualità della comunicazione” cui ho contribuito e che propongo per la firma sulla piattaforma change.org, all’indirizzo http://chng.it/XJjjzv4H7v (per accedere, copiare e incollare nella URL)

“La RAI, pagata dai cittadini, deve essere il primo luogo di ricerca della verità, della razionalità e della coesione sociale, e di stimolo alla qualità nella produzione dell’informazione, dei programmi e dei nuovi servizi nel sistema misto della comunicazione”. Si sente il bisogno di ricordarlo, evidentemente, perché questi obbiettivi non sembrano soddisfatti. E queste critiche sono inserite in un “panino” che collega la crisi del servizio pubblico, da una parte, alla crisi generale del sistema di comunicazione in ambiente social, e ai suoi effetti sulla rappresentanza politica democratica; dall’altra, a UNA PROPOSTA INNOVATIVA PER MODIFICARE SOSTANZIALMENTE LE MODALITÀ DI GOVERNANCE DEL GRUPPO RAI.

I promotori propongono la “costituzionalizzazione” del servizio pubblico: ritengono che la massima responsabilità politica, che risiede nel GOVERNO DELLA REPUBBLICA, E CERTIFICATA PER IL RISPETTO DELLE REGOLE ATTRAVERSO DPR DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, debba scegliere gli amministratori di una Fondazione, cui attribuire proprietà e controllo della RAI. Questo deve avvenire al di là della tattica politica e dei vantaggi immediati, attraverso regole di garanzia che orientino i prescelti alla ricerca della verità, alla coesione sociale e al rispetto delle diversità. L’esercizio di questa responsabilità, esercitata nell’interesse di tutti, deve costituire passaggio utile anche per ridare qualità alla politica e legittimare le istituzioni.

Le regole indicate dal Manifesto, come essenziali, prevedono che L’INCARICO SIA INDIVIDUALE E LUNGO, MA CON TEMPI DIFFERENZIATI ALLA PRIMA TORNATA DI NOMINE, analisi trasparente dei curricula, accertamento di competenze nei settori della comunicazione, dimostrata attitudine al dialogo e alla promozione della coesione sociale. In sostanza, scelte professionali, non partitiche né sincronizzate nel loro insieme sull’avvicendamento delle maggioranze.

È compito arduo attribuire alle massime istituzioni politiche, per il bene stesso della politica, il compito di tagliare i legami tra la RAI e la lottizzazione partitica, ma forse è la sola strada ancora possibile.
Per firmare, ripeto, change.org, all’indirizzo http://chng.it/XJjjzv4H7v

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Qualità della vita nel frusinate: bassa

Statistica qualità vita 2019 350 260 mindi Umberto Zimarri* - I numeri hanno la testa dura: non ascoltano i grandi annunci, i programmi scritti sempre e solo sulla carta, gli innumerevoli proclami, i favori a Tizio e a Caio, i concorsi per gli amici degli amici, il posto di lavoro come baratto elettorale, gli enti intermedi gestiti esclusivamente come un mezzo per esercitare il potere. Quando qualcuno si prende la briga di misurarti oggettivamente e ne vien fuori un quadro tra il pietoso e il fallimentare, si dovrebbe prendere atto che così non può più andare e che la classe dirigente che da decenni tiene ingabbiata questa Provincia ha fallito. Punto e a capo. Il rapporto redatto da Italia Oggi e l’Università la Sapienza è un dritto allo stomaco che non ammette repliche: la Provincia di Frosinone è al novantaseiesimo posto per qualità della vita. Nell’ultimo anno ha perso tredici posizioni. Nel 2015 eravamo 72 esimi. Siamo la peggior provincia del Centro Italia.

Questi numeri ci fanno male, fanno male a tutti quelli come noi che non sono solamente abitanti della Provincia di Frosinone, ma sono principalmente innamorati di questa porzione d’Italia. Non possiamo rimuovere la realtà, anche se guardiamo i nostri paesi con la soggettiva irrazionalità di chi è ammirato ed estasiato dalle ricchezze storiche, naturalistiche e culturali dei 91 comuni della Provincia di Frosinone.

I numeri ci prendono a schiaffi descrivendo un mondo fatto di Paesi ancora non coperti da una connessione internet decente, di ospedali affollati come il fiume Gange nel Kumbh Mela, il più grande raduno religioso al mondo, di fenomeni di inquinamento presenti continuamente da Anagni a San Vittore, dell’assenza completa di un’idea di sviluppo complessiva per il territorio, della completa indifferenza nei confronti dei giovani che anno dopo anno, giorno dopo giorno, sempre in maniera maggiore, si allontanano da questa Provincia e a cui nessuno si degna di dare una risposta.

Ora possiamo far finta di nulla: un’altra pagina che si aggiungerà alle tante altre del passato. Passerà anche questa. I Cittadini e gli elettori dimenticheranno. E domani partirà un’altra giostra, la solita.
Oppure no: oppure da abitanti, da donne e uomini, da ragazze e ragazzi di questa Provincia dobbiamo iniziare a pretendere un nuovo modo di approcciarsi alle cose. Basta con il “si è sempre fatto così”, basta con “il tirare a campare” dai piccoli comuni alle grandi città, basta con il far passare i diritti dei cittadini come grandi favori, basta, per favore, basta con questa approssimazione. Basta con una mentalità rivolta solo ed esclusivamente al passato e se proprio tutto va bene allo strettissimo presente e che dimentica qualsiasi prospettiva di futuro. Basta con un ceto politico che pensa solo e soltanto alla sua preservazione, basta con il ricevere aiuto e sostegno dalle lobby che ci avvelenano.

E’ la stessa classifica che ci dice da dove partire per ribaltare lo status quo: lotta all’inquinamento, miglioramento dei servizi eUmbertoZimarri 350 min del welfare, creazione di un offerta culturale degna di questo nome e lotta alla disoccupazione. Ci difendiamo, dignitosamente, per quanto riguarda l’ordine pubblico. C’è poco da aggiungere: costruire il futuro o dei dormitori scomodi via via sempre più piccoli. A tutti noi la scelta.

 

*Umberto Zimarri,
Consigliere Comunale San Giovanni Incarico.
Ufficio di Presidenza, Green Italia

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

La Globo Sora mostra qualità ma Padova fa bottino

PuntoSora 10nov19 350 minCarla De Caris* - Al PalaCoccia la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora mette in mostra le sue qualità contro la Kioene Padova, ma non le sono bastate per incassare i primi punti con la posta in palio tutta nelle casse patavine. Dopo il turno di riposo, i ragazzi di coach Baldovin si sono presentati nel palazzo verolano per ripartire da dove si erano fermati, la vittoria con Vibo, e dopo una bella gara, in 3 set riescono nel loro intento. Due squadre affamate che si sono date battaglia con un buon ritmo di gioco, con capitan Joao Rafael da un lato, autore di 21 punti totali tutti in attacco con il 72% di positività, Fey e Van Tilburg subentrati in corsa del primo set e confermati nei successivi, bravi a tenere il game. Dall’altra parte della rete la positività e l’incisività del servizio ha dettato l’andamento dei set e del match di cui Barnes ne è l’MVP. L’offensiva patavina è passata per mano di tutti i terminali d’attacco (Volpato, Hernandez e Ishikawa tutti in doppia cifra), ben orchestrati dall’esperienza di Travica.

“Sicuramente abbiamo fatto meglio rispetto alla scorsa partita – dichiara coach Maurizio Colucci al termine del match -, ma alla fine non è bastato. Abbiamo avuto delle percentuali basse nella fase side-out, bene la fase break per quanto riguarda i primi e due set. Purtroppo la situazione è difficile quando lavori per predisporre le cose in un modo e in corsa sei costretto a cambiarle. Buoni però gli ingressi di Fey e Van Tilburg che hanno tenuto per buona parte della partita”.

Allo starting players il sestetto di coach Colucci è schierato nella formazione tipo, quella con Radke in regia opposto a Miskevich, Caneschi e Di Martino al centro della rete, Grozdanov e Joao Rafael sulle bande, e Sorgente libero. Mister Baldovin dopo due settimane di preparazione al match, dato il turno di riposo, parte con la diagonale Travica-Hernandez, i martelli Ishikawa e Barnes, la coppia centrale Polo-Volpato e Danani libero. Con Travica all’ace, Padova apre il match con l’1-5 che costringe coach Colucci al technical time out. Alla ripresa del gioco la scalata patavina continua a muro per il 2-9 allora Sora cerca la soluzione nell’innesto di Fey e Van Tilburg. Il set prosegue con lo stesso andamento fino all’8-16 quando Joao Rafael in pipe ottiene il cambio palla che manda il suo opposto ai nove metri da dove mette in difficoltà la ricezione avversaria. Salgono imperiosi a muro Di Martino e Fey, e con break positivo di 5-0 che vale il 13-16, la Globo dichiara caccia aperta alla Kioene. Mister Baldovin richiede entrambe le sospensioni a sua disposizione nel giro di 3 azioni ma Radke e compagni spingono fino all’aggancio del 20-22 con un super Joao Rafael che chiuderà il set con il 100% in attacco (11/11). L’ace di Cottarelli, appena subentrato nel fondamentale, regala ai suoi 4 set ball. Fey annulla la prima possibilità ma Ishikawa risponde subito con la stessa moneta per il 21-25 finale.

Si apre all’insegna dell’equilibrio il secondo game con Fey e Van Tilburg confermati nel sestetto. 6-6 e a mettere il naso avanti per prima è Padova con Polo e Barnes per l’8-11. Continua lo show di capitan Jo che autografa tutti e 3 i punti che servono alla parità. Dopo il granitico block di Caneschi ai danni di Hernandez, a guidare il punto a punto è Van Tilburg: Radke gli da fiducia e lui si fa trovare preparatissimo per il 17-17. Sale il livello del gioco, Padova prova a scappare ma Sora rincorre benissimo fino al 22-22. A salire in cattedra stavolta è Barnes che porta i suoi, prima al set ball, e dopo l’attacco vincente di Van Tilburg, alla vittoria del game 23-25.

Apre il gas Sora con il 7-3 che ha sete di vendetta ma al cambio palla c’è Hernandez al servizio a creare scompiglio, e con 5 turni ribalta la situazione 7-9. La Globo riesce a tenersi attaccata fino all’11-12 quando subisce ancora dai nove metri per l’11-16. Da qui in poi non troverà più il break point il sestetto di coach Colucci mentre quello di Baldovin fila dritto al 15-25.

*Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Leggi tutto...

Frusone: Proposte M5S in bilancio per migliorare la qualita’ dell’aria

movimento 5 stelle bandiera 350 260da Ufficio stampa del mDeputato Frusone, M5S - «Si discute in Aula l'ultima legge di stabilità della legislatura e, anche questa volta, abbiamo presentato una serie di emendamenti utili al miglioramento reale della qualità dell’aria, problematica ambientale che riguarda purtroppo molte zone d'Italia, tra le quali la provincia di Frosinone. Soluzioni a medio e lungo termine e non inutili proposte tampone a cui il governo ci ha abituato purtroppo in questi anni.»

Così dichiara il Deputato Frusone intervenendo a proposito della Legge di stabilità in queste ore in votazione alla Camera. Il MoVimento 5 Stelle ha infatti depositato una serie di emendamenti alla proposta del governo, incentrati sulla mobilità elettrica e sull'efficientamento del trasporto pubblico. Frusine continua – «Abbiamo proposto ad esempio d’istituire presso il Ministero dell’Ambiente, un apposito fondo di 50 milioni di euro l’anno per i prossimi tre anni, per agevolare l’acquisto di auto elettriche e di colonnine per la ricarica, oppure di destinare una spesa di 20 milioni di euro per gli anni 2018, 2019 e 2020 per incentivare i Comuni a promuovere e sostenere forme di multiproprietà delle autovetture destinate ad essere utilizzate da più persone»

Il Deputato conclude con un auspicio per il nostro territorio – «Sarebbe inoltre utile prendere come esempio laLucaFrusone 350 260 programmazione strategica che si sta operando in nord Italia, dove intere regioni, attraverso un Accordo di programma, hanno unito le forze per attuare un efficace piano di risanamento della qualità dell’aria. Si tratta di un accordo tra il Ministero dell’ambiente e le regioni Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto siglato nel giugno scorso. Ora non dico che si dovrebbe procedere, nel nostro caso, con un’unione di regioni, perché è evidente che il Bacino Padano ha dei minimi comuni denominatori che Lazio e Campania ad esempio, probabilmente non hanno, però si potrebbe procedere invece con un’unione tra Comuni della provincia di Frosinone, partendo proprio da quelli che fanno parte del SIN Valle del Sacco, che insieme alla Regione e al Ministero, potrebbero siglare un accordo di programma volto a pianificare azioni concrete a breve e lungo termine, utili ad un miglioramento reale della nostra qualità dell’aria.»

 

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Leggi tutto...

La qualità dell'aria

Sinistra Italiana Logo Rosso Bianco 350 260Sabato 21 ottobre 2017, presso la sala GRID in Corso della Repubblica n° 48/52, Frosinone, ci sarà un convegno sull’inquinamento nella città di Frosinone, nel corso del quale si cercheranno soluzioni innovative che proporremo in tutti i campi, in particolar modo sulle tematiche ambientali, nascono in un quadro specifico di requisiti che possiamo riassumere in alcuni punti forza-qualità, azioni da mettere in atto per contenere lo smog.

Nel corso del convegno sono previsti gli interventi di Marco Maddalena Segretario Provinciale di Sinistra ItalianMonica Gregori mina, Paola Manchi Comitato di Possibile, Francesco Smania Segretario del Circolo di Rifondazione Comunista, Gaetano Ambrosiano Coordinamento Prov.le Art.1 MDP, Francesco Raffa coordinatore provinciale di Legambiente Frosinone, Stefano Pizzutelli consigliere comunale, Andrea Marchegiani Frosinone in Comune.

 

Concluderà Monica Gregori Parlamentare di Sinistra Italiana.
Presiederà Caggiano Pasquale Segretario del Circolo di Sinistra Italiana.
Il convegno avrà inizio alle 18.00 e si concluderà alle ore 20.00.
Tutta la cittadinanza di Frosinone è invitata a partecipare.

Pasquale Caggiano min


Pasquale Caggiano,
Segretario del circolo di Sinistra Italiana di Frosinone

 

 
 
 
 
 
 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it

Leggi tutto...

Voto 2017 - Appello per il miglioramento della qualità e la ripubblicizzazione dell'acqua

acquapubblica 2si 350 260da Comitato provinciale acqua pubblica Frosinone - Appello ai candidati Sindaci e Consiglieri comunali per il miglioramento della qualità e la ripubblicizzazione
del servizio idrico integrato

Far applicare la legge 5 del 2014 approvata all'unanimità

«Gentili Candidati,
la Legge Regionale n. 5 del 4 aprile 2014 “Tutela, governo e gestione pubblica delle acque”, approvata all’unanimità dal Consiglio Regionale e coerente con la volontà espressa dal popolo italiano con i referendum del 2011, disciplina la tutela, il governo e la gestione pubblica delle acque in sostituzione della previgente L.R. n. 6/1996.
La stessa L.R. n. 5/2014, nonostante i termini in essa fissati, non ha ancora visti emanati i provvedimenti normativi necessari ed indispensabili alla sua effettiva attuazione. La Proposta di Legge regionale n. 238/2015 “Individuazione degli ambiti di bacino idrografico e organizzazione del servizio idrico integrato”, finalizzata all’attuazione dell’art. 5 della L.R. n. 5/2014, è pendente da quasi due anni presso il Consiglio Regionale del Lazio e mai discussa in Commissione Ambiente. Detta Proposta di legge regionale è stata presentata dal Coordinamento Regionale Acqua Pubblica il 27 dicembre 2014 e successivamente sottoscritta da 11 Consiglieri regionali di maggioranza e opposizione. All’articolo 2 prevede la costituzione, tra gli altri, dell’Ambito di Bacino Idrografico “Sacco” ed all’articolo 3 definisce i comuni ricadenti in detto Ambito (per un totale di 45 comuni e circa 350.000 abitanti);
Il Presidente della Regione, con il DPRL n. T00205 del 12/10/2016, ha affidato un incarico in materia giuridico-amministrativa al Prof. Alberto Lucarelli per "l'elaborazione di una proposta di legge che regoli la materia degli ambiti di bacino idrografico e del sistema idrico integrato". Nel mese di giugno p.v. il Prof. Lucarelli consegnerà l’elaborato richiesto, il quale dovrà essere successivamente discusso e approvato dalle Commissioni consiliari competenti e, infine, dal Consiglio Regionale.
Nel frattempo, le modifiche intervenute alla legislazione nazionale di riferimento, se da un lato non incidono sulla piena e totale applicabilità della norma regionale, dall’altro inducono a rischi di concentrazioni societarie nell’interesse dei grandi operatori privati del settore dei servizi e salvaguardano comunque il loro profitto a spese degli utenti del servizio idrico integrato.»

L'importanza del Piano di Tutela delle Acque Regionali (PTAR)

«La mobilitazione di molti cittadini e comitati e di alcuni Enti locali ha sino ad oggi impedito che, tradendo i principi della L.R. n. 5/2014 “Tutela, governo e gestione pubblica delle acque”, anche nel Lazio venisse adottata una normativa contraria all’esito dei referendum del 2011, come già avvenuto in Toscana e Campania, ad esclusivo beneficio degli interessi delle società multiutilities.
Di recente, il Piano di Tutela delle Acque Regionali (PTAR), il principale strumento di pianificazione regionale in materia di acque, è stato aggiornato e adottato con la Deliberazione n. 819 del 28 dicembre 2016, pubblicata sul BURL n. 4 del 12 gennaio 2017. Il PTAR si configura quale piano di settore funzionale all’attuazione della Direttiva comunitaria 2000/60/CE, ratificata con il D.L.vo n. 152/2006, i cui obiettivi di qualità delle acque e dei corpi idrici possono essere raggiunti soltanto attraverso la realizzazione di molteplici interventi a livello territoriale riguardanti tutti i comparti socio-economici (urbano, industriale, agricolo, zootecnico). Tale Piano analizza e valuta in termini quantitativi e qualitativi lo stato delle risorse idriche a livello di singoli bacini idrografici e definisce le opportune norme di gestione delle stesse risorse idriche al fine di garantirne la corretta conservazione e l’eventuale riqualificazione. Inoltre, delinea, anche da un punto di vista infrastrutturale ed economico, gli interventi da attuare nei singoli bacini idrografici per migliorare l’efficacia e rendere più sostenibili i servizi idrici integrati attualmente forniti. Il bacino idrografico del fiume Sacco è uno dei bacini analizzati e valutati dal PTAR ed è coerente con la delimitazione dell’Ambito di Bacino Idrografico definito nella suddetta Proposta di L.R. n. 238/2015.

L'impegno che occorre oggi

«Per tutto quanto premesso, il Comitato provinciale acqua pubblica Frosinone si appella a tutti i candidati alla carica di Sindaco e di Consigliere comunale delle prossime elezioni amministrative perché si impegnino, una volta eletti, a:
• sollecitare la Regione Lazio affinché proceda rapidamente con la predisposizione delle norme attuative della L.R. n. 5/2014 “Tutela, governo e gestione pubblica delle acque” e individui uno specifico Ambito di Bacino Idrografico “Sacco”, come contenuto nella Proposta di L.R. n. 238/2015 “Individuazione degli Ambiti di bacino idrografico ed organizzazione del servizio idrico integrato”;
• supportare la Regione Lazio, nelle forme opportune, come amministratori comunali, nell’attuazione della L.R. n. 5/2014 “Tutela, governo e gestione pubblica delle acque”;
• sostenere prioritariamente e privilegiare l’opzione della gestione pubblica del Servizio Idrico Integrato dell’Ambito di Bacino Idrografico Sacco, promuovendo la costituzione di un’azienda speciale consortile e verificando la possibilità dell’uso di strumenti di finanza pubblica per il reperimento dei fondi necessari al finanziamento degli investimenti;
• contribuire attivamente per raggiungere gli obiettivi di qualità stabiliti nel nuovo Piano di Tutela delle Acque Regionale, per rendere efficiente e sostenibile il servizio idrico integrato nei tempi e modalità stabiliti dal piano stesso;
• sostenere e rafforzare la Delibera dell’Assemblea dei Sindaci dell’ATO 5 di risoluzione del contratto con la società Acea ATO 5 spa per la gestione del servizio idrico integrato;
• nelle more della risoluzione controllare approfonditamente l’operato della società Acea ATO 5 spa, valutarne la qualità e pretendere il rispetto delle norme contrattuali e degli utenti del servizio.
Il Comitato provinciale acqua pubblica Frosinone chiede, infine, a tutti i candidati di manifestare pubblicamente la condivisione, o meno, dei punti sopra elencati e di illustrare chiaramente nella campagna elettorale come intendono affrontare il tema della gestione dell’acqua e risolvere i problemi e le criticità attualmente presenti, che penalizzano fortemente i cittadini, depauperano la risorsa e ne peggiorano la qualità, esponendo la comunità a notevoli ripercussioni sociali, economiche, sanitarie e ambientali.»


fb: Comitato acqua pubblica frosinone

Leggi tutto...

Veroli. Limitazioni per il risanamento della qualità dell'aria

veroli comune 350 260Ufficio stampa Comune di Veroli - Provvedimenti per il risanamento della qualità dell'aria.
Interventi programmatici di limitazione del traffico. Con apposita ordinanza sindacale n.19 del 23 febbraio 2017, il Comune di Veroli ha emanato provvedimenti finalizzati al risanamento della qualità dell’aria.
In esecuzione di apposite norme di carattere nazionale con le quali sono state recepite direttive dell’Unione Europea e di quelle della Regione Lazio, tutte finalizzate al miglioramento della situazione complessiva dell’inquinamento dell’aria, il Comune di Veroli con ordinanza del sindaco ha adottato le misure per la riduzione delle emissioni di impianti di combustione ad uso civile, quelle concernenti le limitazioni al traffico veicolare.
“Abbiamo rispettato quanto indicato nel Piano regionale della Qualità dell’aria e nelle relative norme di attuazione” – ha detto il sindaco, Simone Cretaro che ha aggiunto: “Si tratta di una serie di provvedimenti finalizzati ad incidere sulla diminuzione dell’inquinamento dell’aria e, quindi, del conseguente innalzamento del valore della qualità della medesima con conseguente miglioramento della qualità di vita anche nel nostro territorio”.
Considerato che l’esposizione prolungata a concentrazioni significative di polveri PM 10, le cosiddette “polveri sottili”, provoca danni alla salute umana, sono state previste tutta una serie di prescrizioni ed obblighi per i cittadini sulla riduzione delle emissioni di impianti di combustione ad uso civile, con conseguenti limitazioni, tra l’altro, di accensione di fuochi all’aperto, la temperatura negli uffici pubblici e nelle civili abitazioni non potrà essere superiore ai 20° (18° negli impianti industriali), nonché tutte le prescrizioni nell’utilizzare caldaie e canne fumarie di ultima generazione. I trasgressori incorreranno in sanzioni da un minimo di € 25,00 ad € 500,00.
In tutto il territorio comunale, è vietata la circolazione dei veicoli non in regola in materia di controllo dei gas di scarico; gli allevamenti zootecnici dovranno dotarsi di impianti per il recupero ed il riutilizzo del biogas; i gestori di impianti, le cui attività produrranno emissioni polverulente o altri inquinanti, non soggette ad autorizzazione alle emissioni in atmosfera, dovranno, comunque, adottare misure atte a limitare la dispersione degli inquinanti nell'ambiente. Anche in questo caso i trasgressori potranno incorrere in una sanzione amministrativa da € 25,00 ad € 600,00. Per entrambi le fattispecie dei provvedimenti trovano l'applicazione, anche penale, di ogni altra disciplina specifica di legge in materia.
Sono previsti limitazioni del traffico veicolare nell'area urbana interna, circoscritta nelle strade appositamente indicate nell’ordinanza, nei giorni feriali dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 19 per autoveicoli a benzina e diesel classificati ormai non ecologiche. I trasgressori alla presente disposizione saranno sanzionati ai sensi del vigente Codice della Strada (Sanzione edittale da € 164,00 ad € 663,00), fatto salvo per le auto in servizio pubblico come quelle di polizia e di soccorso.
Tutti questi provvedimenti sono entrati in vigore dal 24 febbraio fino al prossimo 31 dicembre 2017, con blocchi totali della circolazione nelle domeniche definite ecologiche con inizio dalla prossima imminente del 26 febbraio.
“L’invito alla cittadinanza – sensibilizza il sindaco Cretaro – è quello di limitare l’uso di veicoli a motore, privilegiando per i piccoli spostamenti i movimenti a piedi o in bici ed utilizzare il più possibile i mezzi pubblici. Rilevante è poi quello di evitare che i bambini siano tenuti a 30/50 centimetri dal suolo in quanto a tale distanza è massimo il livello delle emissioni degli autoveicoli. Tutti questi provvedimenti sono stati presi a tutela della salute pubblica, un bene da preservare anche con azioni drastiche come quelle di limitare l’uso delle auto e di regolamentare al massimo l’emissione degli scarichi degli impianti di riscaldamento domestico ed industriale”.
L’ordinanza e, quindi, tutti i provvedimenti presi sono consultabili sul sito internet del Comune di Veroli all’indirizzo: www.comune.veroli.fr.it, sia nella home page che nell’albo pretorio.

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Leggi tutto...

Proposte M5S sulla qualità della vita a Ceccano

m5s ceccano 350 260M5S, dal Meetup di Ceccano - Nella mattinata di oggi (mercoledì 5 agosto) il Meetup Ceccano 5 Stelle ha protocollato e quindi portato all'attenzione dell'Amministrazione comunale, due proposte volte a migliorare la qualità di vita dei cittadini.

La prima riguarda la richiesta di inserire nel Regolamento Comunale il così detto "Baratto Amministrativo", uno strumento introdotto dalla Legge n.164 del 2014 che prevede la possibilità, per i cittadini meno abbienti, di pagare le tasse comunali attraverso ore di lavoro a servizio della comunità (ad esempio manutenzione ordinaria, pulizia e vigilanza dei parchi, giardini ed aiuole e dei luoghi pubblici, assistenza alle scolaresche e quant'altro si ritenga di pubblica utilità). Adottare questo provvedimento, già in uso in altre città d'Italia, aiuterebbe a restituire dignità a quelle persone in gravi difficoltà economiche che si trovano costrette a scegliere se sfamare i propri figli o rispettare le scadenze tributarie che anche a Ceccano, purtroppo, incidono molto sul bilancio di ciascuna famiglia.

La seconda proposta, relativa al decoro urbano, è in realtà un rinnovato invito a prendere atto e procedere all'adozione del progetto "Decoro Urbano WE DU!", già illustrato esattamente un anno fa (in data 5 agosto 2014) dagli attivisti del Movimento 5 Stelle di Ceccano al Commissario Dott. Edoardo D’Alascio (richiesta protocollo n°15458).
Alla luce degli interventi volti al ripristino del decoro urbano messi in atto sin dai primi giorni dell’insediamento della giunta Caligiore e a sostegno di quanto dichiarato dalla stessa nel corso dell'ultima assise comunale, si è ritenuto necessario e doveroso riportare all'attenzione della nuova Amministrazione tale proposta.
Considerando che l'adesione alla piattaforma "Decoro Urbano WE DU!" come anche il suo utilizzo è totalmente a costo zero per il Comune e data l'innegabile importanza strategica della gestione del decoro urbano e del coinvolgimento attivo dei cittadini sul proprio territorio, siamo certi che l'Amministrazione non si lascerà sfuggire questa opportunità.

La riproduzione di quest'articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it
Leggi tutto...

Sabrina Tiberia: con Maliziola una più elevata qualità di vita

castello sindici ceccano 350 260dal Comitato elettorale di Manuela Maliziola - Sabrina Tiberia, insegnante precaria candidata al consiglio comunale con l'avvocato Manuela Maliziola, in veste agguerrita dichiara pubblicamente :" E' inaccettabile la situazione di degrado che sta vivendo il Parco del Castel Sindici. Fino al giorno delle dimissioni degli 11 consiglieri era un piccolo gioiello, esibivamo a tutta la provincia la nostra storia. Purtroppo con il commissariamento il Parco è allo sbando, gli atti di vandalismo si verificano continuamente. E' una ferita che fa male. SabrinaTiberiaIl lavoro svolto dal sindaco Uscente è stato importante, ha governato in maniera eccelsa. Il suo impegno, nonostante la maggioranza si opponeva senza vergogna, per riaprire il Parco dopo decenni di abbandono dimostra il suo amore per la città. Bisogna ricordare ai cittadini che lo stesso giorno dell'apertura del parco alla popolazione il Partito socialista Italiano organizzò un direttivo per boicottare l'evento. Ma è un dispetto che si fecero da soli. Quattromila cittadini erano al fianco di Manuela orgogliosi di poter finalmente mettere piede in un bene pubblico. Ma la gente non sentì la mancanza dei soliti politicanti storici di Ceccano, erano intorno al sindaco che gli diede la possibilità di stare nel parco ed erano felici. A differenza dell'ex sindaco Ciotoli e dei suoi seguaci che con invidia e rabbia furono sconfitti dalle capacità di Maliziola e dall'amore dei cittadini verso la propria città. Invito tutti gli elettori ad aprire gli occhi e ad ascoltare le parole di Manuela Maliziola e di darle nuovamente fiducia, perché lei ha dimostrato con i fatti di saper governare la nostra città.
Solo con lei avremo un opportunità di crescita della nostra comunità. I nostri figli grazie all'impegno di Maliziola potranno avere la possibilità di veder elevata la propria qualità di vita.
Non fermate il rinnovamento, puntiamo ancora su di lei.

La riproduzione di quest'articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici