fbpx
Menu
A+ A A-

CODICI segnala ENEL energia all'antitrust

codici diritti cittadino 350 minCODICI segnala ENEL energia all'antitrust per doppia richiesta di recupero del credito

L'Associazione Codici che attraverso l'Avv. Giammarco Florenzani, Segretario Provinciale di Frosinone, difende due consumatori Ciociari, ha presentato esposto all' Antitrust nei confronti di Enel Energia.

La società di vendita di elettricità e gas avrebbe dato mandato di recupero dei crediti verso dei consumatori dopo che aveva fatto addebitare agli stessi gli importi a debito attraverso CMOR.
Si configurerebbe in tale maniera una grave pratica commerciale scorretta visto che la Società di vendita con tale comportamento ha ottenuto il pagamento sia dalla società subentrante che dagli ignari consumatori che contattati dal recupero credito avevano effettuato i pagamenti di quanto dovuto salvo poi vedersi addebitare le stesse cifre in bolletta come CMOR.

"Purtroppo questi comportamenti sono dovuti all'applicazione in fattura del CMOR" - dichiara l'Avv. Giammarco Florenzani, Segretario Provinciale di Codici - "e' sempre opportuno per i consumatori non effettuare pagamenti attraverso le agenzie di recupero crediti ma pagare direttamente la società di vendita o il successivo CMOR."

 

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Sito ex-VDC al via il recupero. Ora il bando elaborato da disoccupati e territorio

consiglio lazio 350 260dall'Ufficio Stampa della Consigliera regionale Daniela Bianchi (PD) - Sviluppo, recupero ex-vdc: con firma protocollo inizia fase recupero e valorizzazionevalle del sacco. Prevista la riconversione in Apea delle aree di Frosinone, Anagni, Sora e Ceprano.

«Il sito della ex-VDC avrà un futuro. E la notizia è che questo futuro renderà più forte e sostenibile anche il futuro della Valle del Sacco. La reindustrializzazione del sito, possiamo infatti dire che è a tutti gli effetti una delle cellule individuate nel Masterplan di Kipar, il progetto cornice che puntava a valorizzare l’intera Valle del Sacco.»

Così Daniela Bianchi commenta la firma del Protocollo d'intesa per la reindustrializzazione del sito ex VDC di Anagni, siglata oggi a Frosinone tra il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e il presidente del Consorzio Asi di Frosinone Francesco De Angelis.

«Senza dimenticare gli interventi previsti di bonifica dell’area, infatti, con la riacquisizione del sito da parte dell’Asi e l’avvio della riconversione dell’area industriale, circa 7 ettari coperti, si mette in moto una nuova fase di sviluppo sostenibile per la zona.

Dal 2013 con il Consorzio Asi stiamo lavorando a questo grande progetto, e con un grande lavoro di collaborazione con la Regione Lazio, oggi diamo il via non ad azioni spot, ma a politiche mirate e di sistema a beneficio dell’intera provincia di Frosinone.

L’accordo firmato oggi prevede che la Regione affianchi e sostenga il consorzio Asi sia nell’accesso alle risorse europee destinata a questo tipo di interventi e sia nel trovare strumenti e partner per finanziare gli interventi. Un gruppo di lavoro composto da rappresentanti sia regionali che del consorzio industriale avrà il compito di coordinare tutte le attività legate alla reindustrializzazione del sito.

Ad ottobre sarà pubblicato il bando internazionale per raccogliere progetti per riconvertire il sito che dovranno avere caratteristiche ben precise: qualità della proposta, sostenibilità e ricadute occupazionali, con particolare attenzione per gli ex dipendi della VDC.

Il sostegno arriverà dal Piano di reindustrializzazione del Lazio da 150 milioni di euro e dal buon utilizzo delle risorse europee della nuova programmazione UE, complessivamente oltre 3,7 miliardi. Il primo bando da 71 milioni di euro, il Call of Project, sarà aperto già a partire dal 20 luglio.

Sarà un percorso trasparente e aperto alla partecipazione locale. L’accordo infatti prevede di aprire un tavolo di concertazione che possa accelerare il più possibile la reindustrializzazione coinvolgendo in prima persona i sindaci. Già in un incontro che si terrà il 9 luglio. Verrà inoltre siglato un protocollo di legalità con la prefettura e altri enti, in modo da rendere tutto il processo il più trasparente e sicuro possibile.

A questo si assocerà l’avvio, come sottolineato dal presidente Asi Francesco De Angelis, anche della riconversione in Apea (aree produttive ecologicamente attrezzate) delle zone industriali di Anagni, Frosinone, Sora e Ceprano. Su questo punto è stata già depositata una proposta di legge sulla Apea che mi vede come prima firmataria.

Grazie all’impegno costante del Presidente Zingaretti e del Consorzio, siamo vicini ad una definitiva svolta che riguarderà tutta la Valle del Sacco per avviare in tempi strettissimi una nuova fase industriale, fatta di innovazione e sostenibilità.»

La riproduzione di quest'articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it

Leggi tutto...

Non subire gli agenti di recupero crediti

Recupero creditidi Patrizia De Rubertis da ilfattoquotidiano.it - Cessione del quinto, luci e ombre del prestito. Dribblando gli agenti di recupero crediti. La fatica di arrivare persino alla terza settimana spinge sempre più famiglie a ricorrere a finanziamenti e prestiti personali. Una scelta, questa di indebitarsi, che risulta abbastanza nuova per gli italiani che, da popolo di piccoli risparmiatori, si è trasformato in uno di indebitati. Formiche che hanno lasciato il posto alle cicale e che ora si ritrovano troppo spesso sempre più strozzate, perché non ce la fanno più a pagare le rate. Tanto che secondo gli ultimi dati della Centrale Rischi della Banca d'Italia, degli oltre 130 miliardi euro di sofferenze bancarie (le rate che i debitori non sono riusciti a pagare in tempo) accumulate da famiglie e imprese lo scorso anno, quasi un quarto finisce nelle mani delle società di recupero crediti.

Il loro compito è chiaro: rendere esigibile un credito che, altrimenti, verrebbe perso da banche e finanziarie. Un lavoro, questo svolto dagli agenti di recupero crediti, decisamente complicato in questi anni di crisi. Ma che non può essere comunque fatto senza scrupoli, con l'arma della minaccia, della paura e del ricatto. Troppi i casi emersi tra telefoni di casa che squillano a qualsiasi ora del giorno e della notte per intimare il pagamento della rata, minacciando il sequestro dell'automobile e perfino della casa.

Vere aggressioni quelle subite dai consumatori bersagliati dai solleciti di pagamento che hanno portato l'Autorità garante della concorrenza e del mercato a intervenire, disponendo la sospensione della Ge.Ri. Gestione Rischi e della Elliot da ogni attività diretta al recupero crediti. Secondo le numerose segnalazioni arrivate all'Antitrust, le società – nei primi mesi del 2014 – avrebbero richiesto via posta, con mail, telefonate e sms, il pagamento di presunti crediti, non dettagliati o infondati o prescritti, anche minacciando azioni legali. E, in alcune comunicazioni, veniva addirittura preannunciata la visita di un funzionario a casa o sul posto di lavoro per "ritentare la composizione bonaria del debito". In altri casi sono stati invece inviati solleciti di pagamento, spingendo il debitore a contattare "per eventuali comunicazioni" un numero a pagamento con una tariffazione parecchio onerosa, con "il costo della chiamata da rete fissa di 96 centesimi al minuto più 12 centesimi di scatto alla risposta".

Eppure, per sopperire alla necessità di liquidità e fare così fronte alle spese quotidiane, il ricorso ai prestiti è sempre più una scelta obbligata tra gli italiani che devono riuscire a sbarcare il lunario. Con dei distinguo, perché anche nel comparto dei finanziamenti ci sono categorie più agevolate. È il caso dei lavoratori dipendenti e dei pensionati che possono richiedere la cessione del quinto. Una particolare tipologia di prestiti personali che prevede la restituzione della rata tramite la trattenuta direttamente sulla busta paga o sulla pensione. Con costi, tuttavia, che spesso risultano eccessivi a causa dei tassi alti applicati e delle spese accessorie troppo salate.

Il vantaggio è evidente: con la chiusura dei rubinetti delle banche, i dipendenti (o i pensionati) possono facilmente bypassare questo scoglio e ottenere della liquidità direttamente dall'azienda (o dall'ente pensionistico) che non può esimersi dall'accettare la richiesta. Tanto che, secondo Assofin, nel 2013 la lieve ripresa che si è registrata nel comparto dei prestiti (+2,4%) è dovuta principalmente alla cessione del quinto dello stipendio.

Come funziona
La rata dei prestiti con cessione del quinto può avere un importo massimo pari al 20% del salario, ovvero ad un quinto della busta paga o della pensione valutato al netto delle ritenute. La sua durata è di minimo 24 mesi per un massimo di 10 anni e, nel caso dei pensionati, il prestito deve essere estinto interamente entro l'ottantacinquesimo anno di età del richiedente.

A chi si rivolge
Possono richiederlo tutti i lavoratori dipendenti (statali, parastatali e privati, inclusi i neoassunti muniti di busta paga da almeno tre mesi) che abbiano un contratto a tempo indeterminato. In alcuni casi, la cessione del quinto viene concessa anche ai titolari di contratti a progetto o a termine, a condizione che la durata del prestito non superi quella del contratto a tempo determinato. La legge 80/2005 ha esteso la possibilità di usufruire della cessione del quinto anche ai pensionati pubblici e privati, per periodi non superiori ai dieci anni.

Le garanzie richieste
Per legge, la stipula di questo prestito prevede la sottoscrizione obbligatoria di un'assicurazione sui rischi vita ed impiego. E quest'ultima, ovviamente, solo per il personale in servizio.

Porte aperte ai protestati
Proprio per le sue modalità di rimborso, la cessione del quinto annulla ogni rischio di insolvenza del debitore. Per questo motivo, i prestiti possono essere richiesti anche da persone protestate o segnalate alle centrali rischi come cattivi pagatori.

Ecco alcuni consigli pratici da seguire per quanti decidessero di richiedere la cessione del quinto, proposti da Pietro Giordano, il presidente nazionale di Adiconsum.
Quando si richiede la cessione a cosa occorre fare attenzione? Prima di firmare il contratto, vanno lette sempre bene tutte le clausole. Poi, per trovare il massimo vantaggio, il trucco è sempre lo stesso: confrontare i prodotti presenti sul mercato per scoprire chi offre quelli più convenienti. Non bisogna neanche sottovalutare le spese accessorie che alla fine incidono molto sul totale. Il costo complessivo del finanziamento può essere infatti molto alto, in media 15-20% con punte anche fino al 25%, a seguito dei possibili elevati costi accessori, come spese di intermediazione, di gestione e costi assicurativi. Ecco perché va sempre verificato il tasso effettivo (Teg) che include le spese fisse e quelle accessorie. Inoltre, bisogna sempre valutare la sostenibilità dell'importo se va a sommarsi ad altre rate.

È possibile l'estinzione anticipata della cessione del quinto? La risposta è positiva, ma occorre fare attenzione a due aspetti: con l'estinzione si chiudono anche i contratti collegati (assicurativi). Devono, quindi, essere restituiti sia gli interessi versati in anticipo per l'intera durata del prestito che la quota delle spese sostenute inizialmente (assicurazioni e l'eventuale mediazione).

In caso di mancato pagamento di debiti, il creditore può pignorare un altro quinto dello stipendio? Nella cessione del quinto il creditore si rifà sul trattamento di fine rapporto (Tfr) e sulle assicurazione stipulate. È possibile, tuttavia, che l'assicurazione con azione di rivalsa verso il debitore chieda al giudice di prevedere la cessione del quinto giudiziale.

La riproduzione di quest'articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro.

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici