fbpx
Menu
A+ A A-

Italy Must Act si presenta

Presentazione dei primi impegni di Italy Must Act (IMA) e Europe Must Act (EMA)

lampedusanonèsola minItaly Must Act (IMA) è l'organizzazione italiana di Europe Must Act (EMA) il movimento sociale nato il 2 marzo 2020 dalla spinta di 160 ONG operanti in Grecia e da 100.000 cittadini europei.

L'organizzazione internazionale chiede all'Unione Europea
- la sostituzione dell'accordo UE-Turchia con una politica UE in materia di migrazione solidale, fondata sulla tutela e la difesa dei diritti umani;

- il concreto cambiamento delle politiche migratorie in Europa, in cui trasferire, ed equamente ridistribuire negli Stati membri, i profughi bloccati negli hotspot delle isole greche di Lesvos, Chios, Samos, Kos e Leros.

IMA è impegnata nell'iniziativa denominata Cities Must Act (CMA) che si prefigge di creare e coordinare, mediante referenti locali e nazionali, una rete di Comuni, Associazioni ed Enti del Terzo Settore, Organizzazioni non Governative, Enti religiosi e laici e Cittadini attraverso cui

- promuovere e concretizzare l'accoglienza dei profughi provenienti dalle coste libiche, dalla “rotta balcanica” e dalla Grecia;
- fare pressione civile e politica sulle istituzioni preposte per il ripotenziamento del sistema di accoglienza Sprar-Siproimi secondo modelli di accoglienza diffusa già sviluppati, in attuazione della Direttiva UE in materia di accoglienza;

- promuovere
A. l'abolizione delle disposizioni contenute nel Decreto Sicurezza e Immigrazione (840/2018) e nel Decreto Sicurezza bis (53/2019);

B. l’abolizione del Memorandum di Intesa Italia-Libia (2017 e recentemente rinnovato a febbraio 2020);

C. la regolarizzazione della posizione amministrativa delle persone immigrate non ancora regolarizzate, onde arginare precarietà e sfruttamento.

Inoltre, in questi giorni, IMA è impegnata anche in una campagna di solidarietà e sostegno in favore di Lampedusa, il cui hotspot è al tracollo in quanto, dimensionato per 195 persone, sta accogliendo circa 1.000 tra migranti economici e profughi senza riuscire più a garantire condizioni dignitose per gli accolti e sicurezza sanitaria per tutti.

Mediante il documento #lampedusanonè(i)sola chiede ai medesimi soggetti a cui si rivolge per la campagna CMA di manifestare medesima solidarietà e disponibilità a condividere con Lampedusa lo sforzo in accoglienza.

 

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

6 marzo a Latina si presenta il comitato per il NO al taglio parlamentari

MA ANCHE NO (Comitato per il no-Latina)

maancheno mindi Stefano Vanzini - La costituzione cambia e a nessuno sembra importare. Il 29 marzo è sempre più vicino ma di un dibattito pubblico sul tema non c'è traccia. Il Parlamento, la casa delle idee degli italiani, viene tagliato di un terzo dei suoi membri. Le problematiche derivanti da questo taglio irrazionale sono innumerevole.

La decisione di abbandonare definitivamente un giusto rapporto tra numero degli elettori e numero dei rappresentanti. Provincie che perderanno la loro voce. La creazione di cittadini, in alcune regioni, di seria A e in altre, come la nostra, di serie B. La formazione di un senato con numerose criticità, in primo piano la presenza di mini commissioni. Le tanto decantate promesse di riequilibrio sembrano se non inesistenti del tutto irrisorie.

Chi vuole questo taglio addice motivazioni fantasiose; in primis un risparmio considerevole per le casse dello stato, ma se questo fosse il vero motivo perché tagliare 1/3 e non metà o ancora di più dei parlamentari, e poi quale è stato il criterio sulla riduzione? Ancora oggi non è dato saperlo. La verità è che il risparmio sara ridicolo lo 0,007% della spesa nazionale, molto meno di quello che i fautori della riforma predicano.

Questa rimane una riforma figlia dell’antipolitica, l’ ultima bandiera di un vento che soffia in Italia da ormai 30 anni, il numero dei parlamentari non è un tabù su cui non discutere, ma da inserire in un ragionamento complessivo su una riforma dell’assetto istituzionale.

Il nome del comitato deriva anche da questo: MA ANCHE NO. Non un no perentorio, ma la voglia di ricominciare a parlare delle nostre isituzioni su un piano costruttivo per evolverle in simultaneità con il cambiamento dellla società. Per tutto cio il 6 marzo a Latina in viale XVIII Dicembre n 124 (presso il Gabbiano) presentiamo il comitato per il NO.

Sarà dura, ma alcune battaglie si combattono perché giuste, per quanto possano apparire impopolari. Con questo spirito rivolgiamo un invito a cittadini, associazioni e partiti politici nella speranza che questa battaglia possa diventare una battaglia di tutti.
MA ANCHE NO (Comitato per il no-Latina)

3 marzo 2020
Leggi tutto...

Cuore Nazionale si presenta con una propria lista alle elezioni 2017

cuorenazionale banner logo 350 260da cuorenazionale.it 12 settembre 2016 - "Cuore Nazionale sbarca a Frosinone e si presenta con una propria lista alle elezioni comunali 2017"
A meno di un anno dalla sua costituzione nel comune capoluogo, l'Associazione Cuore Nazionale, il cui Presidente nazionale è il Dott. Andrea Di Maso, cambia passo ed in seguito ad approfondita discussione all'interno del Direttivo riunitosi nella propria sede di Via Armando Fabi 163, formato da tanti giovani tra cui ricordiamo il Presidente Massimo Ceccarelli, Gerli Fabio, Giordano Scursatone, Dario Ceci, Massimo Fiori, sulla scorta delle importanti esperienze elettorali vissute nelle competizioni al comune di Roma ed in altri centri d'Italia, ha deciso di imprimere un' accelerazione al progetto iniziale, presentandosi con il proprio simbolo nella prossima competizione elettorale cittadina.
Il presidente Provinciale Massimo Ceccarelli ha cosi spiegato: "Abbiamo deciso di metterci in gioco, e presenteremo alla cittadinanza frusinate un progetto altamente valido ed alternativo alle ultime due amministrazioni Marini e Ottaviani dalle quali ci teniamo equidistanti dopo aver preso atto dell'inadeguatezza amministrativa su tante e importanti tematiche quale il sociale, la viabilità, l'inquinamento, il commercio e le infrastrutture.

Per un cambio di rotta

Riteniamo ormai non più procrastinabile un cambio di rotta che consenta a Frosinone di uscire dal quel torpore che da troppi anni è vittima e che la relega negli ultimi posti di tutte le classifiche nazionali.
Coerentemente con i nostri principi fondamentali, consultabili sul sito cuorenazionale.it l'associazione si colloca naturalmente nell'area moderata ed è animata da un patrimonio ideale: il valore della persona, il primato della vita e della libertà, la tutela dell'impresa e del lavoro, lo sviluppo della cultura e della solidarietà e pertanto, rivolgiamo alla società civile e a quanti abbiano la voglia di condividere con noi idee, progetti e programmi utili allo sviluppo di Frosinone, capoluogo che continua ad avere emorragia demografica in favore di paesi limitrofi segno evidente di malessere e di invivibilità.
Il Presidente nazionale Andrea Di Maso ha aggiunto: "Ognuno di noi dovrebbe dare un contributo alla buona politica per il bene del Paese. Il nostro impegno negli interessi dei più bisognosi e delle imprese sarà totale".

Via Giuseppe Pianigiani, 74/76 - 00149 Roma
mobile: +39 348 9793433 - - www.cuorenazionale.it

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it

 

Leggi tutto...

Cos'è la criminalità organizzata nel frusinate

angelanicoletti 350 260La "Giornata della legalità" di 21 luglio, organizzata dal sindaco di Amaseno, Antonio Como, in occasione della presentazione della struttura dell'Auricola sottratta alla criminalità organizzata, ha rappresentato un momento di grande significato per l'impegno dello Stato e delle comunità locali, come quella di Amaseno. Di qui siamo partiti, nell'intervista video che ci ha rilasciato Angela Nicoletti, per un approfondimento degli aspetti con cui si manifesta la presenza della Criminalità organizzata nel frusinate.
Angela Nicoletti, giornalista che scrive per Il Mattino, Il Tempo, La Provincia e TG 24 ha offerto con continuità aggiornamenti sul come sia ancora intensa la lotta alla criminalità organizzata da parte dello Stato e quali sono oggi le possibilità per sconfiggere la mafia.
Nella video intervista ci sono risposte a: 1) La criminalità organizzata non è un fatto di oggi; 2) In questi ultimi anni vi è stata una accelerazione alla espansione della criminalità organizzata; 3) Come si manifesta questo fenomeno malavitoso; 4) Qual'è il punto debole della lotta alla criminalità organizzata?

 

La video intervista

 

 

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo UNOeTRE.it

regime-attività

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici