fbpx
Menu
A+ A A-

ANPI: come usare i social

anpi BANDIERA 350 260 minANPI

Dall'Ufficio Stampa dell'ANPI
Buon giorno,

La presente per invitare tutti ad una riflessione sul modo di comunicare sui social per evitare l'involontario propagandare di immagini e messaggi razzisti, sessisti e quant'altro prodotti dai fascisti.

Se i fascisti espongono striscioni, manifesti o scrivono sui muri, o forniscono alle agenzie di stampa foto ad hoc, è per pubblicizzare la loro esistenza e il loro "pensiero" e farlo arrivare a più persone possibili. Moltissimi articoli di giornali e riviste, anche quando nel contenuto scritto dell'articolo si depreca il fascismo, appongono fotografie di bandiere, stemmi, simboli, scritte, militanti in atteggiamenti marziali che appaiono invece esaltarlo. Anche in molti comunicati delle sezioni ANPI succede questo.

E' una vera strategia comunicativa di un'efficacia formidabile: la rete è inondata di immagini nazifasciste che vivono di vita propria, avulse dai contenuti di comunicati ed articoli.

In una pagina web, sui social, ovunque, le parole scritte vengono accompagnate da immagini proprio perché queste hanno un'efficacia comunicativa immediata e capace di attrarre l'attenzione, mentre la maggioranza delle persone legge le parole scritte solo parzialmente e di sfuggita.

Quindi, porre la massima attenzione a non cadere nel tranello quando si linkano articoli e, peggio, quando si fanno comunicati.

Stefano Bonifazi ufficio stampa ANPI provinciale di Roma.

 

 

ANPI e Social Network

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Qui non si tratta di rifarsi una vita, qui si tratta di usare due pesi e due misure

marta russo funerali immaginidirepertorio 350 260di Antonella Necci - Giovanni Scattone ha annunciato le sue dimissioni da docente presso l'istituto professionale Einaudi di Roma.
Azione lecita.
Nonostante la sentenza non gli negasse la possibilità di ritornare ad insegnare, il contatto con adolescenti e i possibili inadeguati comportamenti coercitivi nei confronti di menti giovani ed influenzabili può sempre essere in agguato. Tanto più che il docente avrebbe dovuto insegnare una materia che implica un costante contatto con gli alunni che, si sa, è proprio a quell'età che manifestano i proprio dubbi e le proprie insicurezze. Quale docente di Psicologia, Scattone si sarebbe trovato ad ascoltare confidenze e problemi che gli adolescenti, suoi alunni e non, gli avrebbero riversato addosso, nella vana speranza di trovare quel qualcuno, diverso dai genitori poco accorti e poco partecipi, che li ascolti, li consigli, li aiuti.
Nell'articolo pubblicato oggi da Repubblica, l'avvocato difensore ci tiene a segnalare che Scattone ha alle spalle dieci anni di precariato, quasi a voler rispondere ai dubbi da me sollevati, in un precedente articolo, sulla legittimità di un passaggio in ruolo così privilegiato.
Ma il punto secondo me è un altro. E che Scattone, insieme al suo difensore, si ostinano a non comprendere.
Il problema risiede nella tipologia del reato. Scattone, con la sua laurea, potrebbe tranquillamente esercitare la professione di avvocato presso qualche studio legale. Potrebbe approfondire i suoi studi magari diventando notaio. Perché si ostina a voler riprendere una professione che, da regolamento, necessita di una fedina penale immacolata? O l'iscrizione al casellario giudiziario è un documento che a lui non è stato richiesto all'atto della nomina in ruolo?
Certo, per chi non vive nel mondo della scuola, tanta intolleranza sembra assurda. Sembra una innata cattiveria non permettere a chi ha sbagliato di avere una seconda chance nella vita. Ma qui non si tratta di rifarsi una vita, atto in sé più che lecito per tutta l'umanità, qui si tratta di usare due pesi e due misure nel giudicare.
Non si può sospendere un docente per dieci anni dal servizio solo perché la preside del suo liceo Artistico, per ripicca, gli aveva falsificato una certa documentazione sbianchettandola illegalmente. E tralascio di fornire il nominativo di quella preside che, come premio, è andata poi a dirigere il liceo classico più importante di Roma, mentre quel poveretto ha dovuto affrontare dieci anni di battaglie legali per poter essere reinserito nel suo posto di lavoro. Quel docente sospeso dal servizio per dieci anni e Scattone immediatamente reinserito, non solo nelle graduatorie, ma anche immesso in ruolo a pochi passi da casa.
Quindi si ottiene giustizia e pure rapidamente solo se si conoscono le" strade" giuste?
Ecco il pensiero di tanti che, come me, vivono nella scuola da una vita. L'ingiustizia nel valutare i reati e le angherie a cui tanti di noi vengono sottoposti gridano vendetta.
E se Scattone si è sempre dichiarato innocente, magari coprendo il vero colpevole, che gli avrà promesso un reinserimento nel mondo se solo gli faceva il favore di addossarsi la Colpa, sono fatti che non interessano, poiché parte di una trattativa segreta tra lui e quell'altro. Ma di certo se una simile trattativa c'è davvero stata, allora quell'individuo avrà di certo anche il potere per inserirlo in un qualche studio legale o per fargli cambiare professione. Aiutandolo come merita. Senza sollevare mediaticamente inutili vittimismi. Perché Marta Russo è morta e la sua laurea in giurisprudenza non ha avuto la fortuna, come Scattone e il suo avvocato, di prenderla e di farla fruttare. E questo è un dato di fatto inoppugnabile.

11/09/2015

 

La riproduzione di quest'articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it
Leggi tutto...

Qui non si tratta di rifarsi una vita, qui si tratta di usare due pesi e due misure

marta russo funerali immaginidirepertorio 350 260di Antonella Necci - Giovanni Scattone ha annunciato le sue dimissioni da docente presso l'istituto professionale Einaudi di Roma.
Azione lecita.
Nonostante la sentenza non gli negasse la possibilità di ritornare ad insegnare, il contatto con adolescenti e i possibili inadeguati comportamenti coercitivi nei confronti di menti giovani ed influenzabili può sempre essere in agguato. Tanto più che il docente avrebbe dovuto insegnare una materia che implica un costante contatto con gli alunni che, si sa, è proprio a quell'età che manifestano i proprio dubbi e le proprie insicurezze. Quale docente di Psicologia, Scattone si sarebbe trovato ad ascoltare confidenze e problemi che gli adolescenti, suoi alunni e non, gli avrebbero riversato addosso, nella vana speranza di trovare quel qualcuno, diverso dai genitori poco accorti e poco partecipi, che li ascolti, li consigli, li aiuti.
Nell'articolo pubblicato oggi da Repubblica, l'avvocato difensore ci tiene a segnalare che Scattone ha alle spalle dieci anni di precariato, quasi a voler rispondere ai dubbi da me sollevati, in un precedente articolo, sulla legittimità di un passaggio in ruolo così privilegiato.
Ma il punto secondo me è un altro. E che Scattone, insieme al suo difensore, si ostinano a non comprendere.
Il problema risiede nella tipologia del reato. Scattone, con la sua laurea, potrebbe tranquillamente esercitare la professione di avvocato presso qualche studio legale. Potrebbe approfondire i suoi studi magari diventando notaio. Perché si ostina a voler riprendere una professione che, da regolamento, necessita di una fedina penale immacolata? O l'iscrizione al casellario giudiziario è un documento che a lui non è stato richiesto all'atto della nomina in ruolo?
Certo, per chi non vive nel mondo della scuola, tanta intolleranza sembra assurda. Sembra una innata cattiveria non permettere a chi ha sbagliato di avere una seconda chance nella vita. Ma qui non si tratta di rifarsi una vita, atto in sé più che lecito per tutta l'umanità, qui si tratta di usare due pesi e due misure nel giudicare.
Non si può sospendere un docente per dieci anni dal servizio solo perché la preside del suo liceo Artistico, per ripicca, gli aveva falsificato una certa documentazione sbianchettandola illegalmente. E tralascio di fornire il nominativo di quella preside che, come premio, è andata poi a dirigere il liceo classico più importante di Roma, mentre quel poveretto ha dovuto affrontare dieci anni di battaglie legali per poter essere reinserito nel suo posto di lavoro. Quel docente sospeso dal servizio per dieci anni e Scattone immediatamente reinserito, non solo nelle graduatorie, ma anche immesso in ruolo a pochi passi da casa.
Quindi si ottiene giustizia e pure rapidamente solo se si conoscono le" strade" giuste?
Ecco il pensiero di tanti che, come me, vivono nella scuola da una vita. L'ingiustizia nel valutare i reati e le angherie a cui tanti di noi vengono sottoposti gridano vendetta.
E se Scattone si è sempre dichiarato innocente, magari coprendo il vero colpevole, che gli avrà promesso un reinserimento nel mondo se solo gli faceva il favore di addossarsi la Colpa, sono fatti che non interessano, poiché parte di una trattativa segreta tra lui e quell'altro. Ma di certo se una simile trattativa c'è davvero stata, allora quell'individuo avrà di certo anche il potere per inserirlo in un qualche studio legale o per fargli cambiare professione. Aiutandolo come merita. Senza sollevare mediaticamente inutili vittimismi. Perché Marta Russo è morta e la sua laurea in giurisprudenza non ha avuto la fortuna, come Scattone e il suo avvocato, di prenderla e di farla fruttare. E questo è un dato di fatto inoppugnabile.

11/09/2015

 

La riproduzione di quest'articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici