fbpx
Menu
A+ A A-

Vertenza Frusinate scrive ai Vescovi

Agenda dei disoccupati

vertenza frusinate definitivodi Luigi Carlini - Ho provveduto a lanciare anche un ennesimo grido di allarme economico e sociale, questa volta rivolto ai Vescovi affinché anche loro, spero, si attivino verso chi di dovere per far luce su questo drammatico problema "firma dell'accordo quadro ed erogazione immediata della mobilità in deroga", perchè, per chi non lo avesse ancora capito, siamo arrabbiatissimi e allo stremo delle forze.

La mail è stata inviata ai Vescovi delle diocesi di Frosinone-Veroli-Ferentino, Anagni-Alatri, Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo e per conoscenza anche alla caritas di Frosinone.

Sicuramente chi è delegato a questa risoluzione, starà lavorando per il continuo della mobilità, però non si riesce a capire perché ai diretti interessati non è dato da sapere, se chiedi qualche aggiornamento non ti rispondono, qualcuno si urta, qualcun'altro ci accusa che siamo degli irresponsabili, aggiungendo «perché in questo momento così critico voi pensate alla mobilità», come se i disoccupati non avessero nessun diritto, anzi dovremmo essere i primi ad essere tutelati anche perchè il diritto alla mobilita ce lo siamo conquistati nel 2017.

Forse entro il 15 aprile pagheranno le casse integrazioni straordinarie causa Covid 19, vorrei ben sperare che anche a noi disoccupati ci erogheranno il dovuto per legge.

Vorrei sperare inoltre che noi tutti disoccupati spingessimo verso la stessa direzione e ricordo sempre che sarebbe utile tirare in ballo i sindaci spingendoli a fare dichiarazioni in nostro favore.

 

 

Modulo nuovo di Autocertificazione per ottemperare alle disposizioni dell'emergenza coronavirus da SCARICARE, STAMPARE e COMPILARE

Files:
zip.png Modulo di autocertificazione
(0 voti)

Modulo di autocertificazioine. Mininterno 26 marzo 2020

Data 2020-03-11 Dimensioni del File 456.82 KB Download 44 Scarica

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Che il Prefetto sia garante di sicurezza e mezzi per vivere

Agenda dei Disoccupati

vertenza frusinate definitivodi Luigi Carlini - Considerato che Vertenza Frusinate al momento non può fare nessuna rivendicazione visto gli eventi tragici che stiamo attraversando (Covid 19), possiamo solo agire virtualmente.

Oggi ho provveduto ad inviare la seguente nota a:

Prefetto di Frosinone Dott. Ignazio Portelli
al presidente della Provincia di Frosinone Antonio Pompeo
al vice presidente della provincia di Frosinone Luigi Vagana
al presidente del consiglio di Frosinone Daniele Maura
all'assessore al lavoro del Lazio Claudio di Berardino
alla segreteria lavoro del Lazio
alla segreteria formazione del Lazio
e per conoscenza ai segretari nazionali generali di cgil,cisl,uil e ugl
ed ai segretari provinciali di cgil,cisl,uil e ugl
a tutti i politici del territorio di maggioranza e opposizione
della camera del senato e della regione Lazio e consiglieri provinciali
e a tutti i politici di nostra conoscenza
e a tutti i sindaci di nostra conoscenza

impegnatevi a condividere tutto questo e mandatela ai vostri sindaci
E' IMPORTANTE.
Inoltre questa mail è stata inviata a tutta l'informazione locale e regionale di nostra conoscenza ed anche alla redazione de ilfattoquoditiano.it

«Egregio Sig. Prefetto:
Lei conosce perfettamente la lotta dei disoccupati che si sono autoorganizzati sotto la sigla di Vertenza Frusinate.
Ci rendiamo conto del difficile momento che si sta vivendo, ma siamo costretti a disturbarla nuovamente in quanto è dal 02/01/2020 che è scaduta la mobilità in deroga e pur essendo stato approvato il rifinanziamento, ad oggi non abbiamo notizie a riguardo.

Siamo esausti e demoralizzati, sentiamo giustamente parlare di provvedimenti urgenti da parte del Governo verso le imprese e chi non può lavorare a causa dell'attuale situazione (Covid 19), ma sulla situazione del rifinanziamento della mobilità in deroga nella nostra zona Frosinone - Rieti, abbiamo notizie molto vaghe e spesso contrastanti anche in riferimento all'ultimo decreto.
Mentre altre aree di crisi complessa stanno avanti come sempre nelle ripartizioni e nelle RASSICURAZIONI verso i disoccupati perchè evidentemente qualcuno spinge, nella nostra area di crisi complessa, siamo sempre il fanalino di coda.

Il 21/02/2020, le sigle sindacali hanno incontrato l'Assessore al lavoro del Lazio, non si è ben capito l'esito di tale incontro, ci viene detto ancora oggi che devono essere fatte le ripartizioni del denaro stanziato, ma non sappiamo quando questo avverrà poichè nessuno risponde alle nostre ripetute richieste di aggiornamenti o al massimo ci viene risposto che dobbiamo aspettare.

La situazione sta diventando drammatica, il denaro che ci è stato erogato a saldo della vecchia deroga, è bastato a malapena a coprire i debiti fatti nei 9 mesi durante i quali non avevamo percepito alcun reddito.
Ogni anno ci viene promesso dalle istituzioni che la procedura successiva avrà tempi più rapidi ma alla fine questo non si è mai verificato e ancora oggi ci troviamo ad attendere mesi.

Chiediamo cortesemente, nei limiti del possibile, un suo intervento per fare chiarezza sulla situazione e eventualmente sollecitare chi di dovere.

Egregio Signor Prefetto Lei ha ricevuto la lettera dei sindacati che le sollecitano il massimo rigore nel verificare il rispetto del decreto 22 marzo sulla sicurezza nelle attività lavorative che noi condividiamo con il cuore e la mente. Le chiediamo con la stessa forza che Lei si accerti con lo stesso rigore dell'erogazione dei provvedimenti economici previsti nei decreti in vigore. Anche questa è sopravvivenza. Grazie»

 

Vertenza Frusinate

 

 

Modulo nuovo di Autocertificazione per ottemperare alle disposizioni dell'emergenza coronavirus da SCARICARE, STAMPARE e COMPILARE

zip.png Modulo di autocertificazione
(0 voti)

Modulo di autocertificazioine. Mininterno 26 marzo 2020

Data 2020-03-11 Dimensioni del File 456.82 KB Download 44 Scarica

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

Leggi tutto...

Ammortizzatori sociali in prima linea

 Ammortizzatori sociali

vertenza frusinate definitivoNella giornata di ieri, martedì 10 marzo 2020, alcuni giornali locali riportavano una dichiarazione dell'Assessore regionale al Lavoro, Claudio Di Berardino, che annuncia: «definiamo accordo quadro per ammortizzatori sociali (...) per essere subito operativi, per dare nel più breve tempo possibile delle risposte concrete ai lavoratori e alle imprese (...) in vista di un piano nazionale di ammortizzatori sociali straordinari da disporre in risposta all’emergenza epidemiologica, nel Lazio stiamo già lavorando a una bozza di accordo quadro con la relativa modulistica», in vista di un piano nazionale di ammortizzatori sociali straordinari. Proprio oggi stiamo invitando sindacati e parti datoriali a partecipare a una fase di concertazione destinata a individuare specifiche esigenze del nostro territorio. Una concertazione che questa volta avverrà con tavoli virtuali e confronti a distanza ma non per questo meno incisivi e approfonditi nei contenuti. Il nostro obiettivo è concludere entro pochi giorni un primo accordo».

Così, Vertenza Frusinate è venuta a conoscenza della nota di Claudio Di Berardino Assessore al Lavoro e Nuovi diritti della Regione Lazio. È molto apprezzabile aver rilanciato l'esigenza ed il ruolo degli ammortizzatori sociali (vedi welfare massacrato dalla privatizzazione compulsiva dell'ultimo decennio).

Ma, veramente, bisognava aspettare l'emergenza coronavirus Covid 19 per affrontare un problema di diritto alla vita e al lavoro? Siamo dovuti arrivare al rischi della vita di tutti per scoprire che l'unica vera eccellenza per la nostra salute è la sanità pubblica, depauperata per favorire diffuse ed egoistiche privatizzazioni e sul fronte del lavoro si è arrivati ad una una disoccupazione cronica perché dominati dalla scempiaggine che il "mercato si autoregola", dimenticando in toto che il lavoro è un diritto costituzionale previsto addirittura nell'articolo "1".

Benissimo se si arriva ad una svolta. Tutto ciò, però, si realizza con la partecipazione diffusa di cittadini e lavoratori e con un ruolo costante di promozione dei Sindacati, troppo a lungo assente.

Custodiamo la nostra preziosa salute e rilanciamo il nostro diritto a lavorare. Chi non lavora non è un pigro, è un cittadino italiano privato delle sue opportunità di vita sociale corretta. Partendo, appunto, dagli ammortizzatori per affrontare entrambe le emergenze ricostruiamo un welfare vero e funzionale.

Nell'immediato, in vista degli incontri annunciati dall'Assessore di Berardino, rammentiamo alcune urgenze per affrontare la disoccupazione cronica del frusinate.

Prima di tutto bisogna rendere esecutivi e praticabili provvedimenti già definiti dal Parlamento:

- Articolo 1, c. 491 (Prosecuzione CIGS e mobilità in deroga nell'anno 2020 nelle aree di crisi e aree di crisi complessa e non). I commi da 491 a 493, consentono l'impiego nel 2020, per la concessione di interventi di integrazione salariale straordinaria in deroga o di trattamenti di mobilità in deroga in determinate aree, delle risorse finanziarie residue stanziate per i medesimi fini negli anni dal 2016 al 2019 alle quali si aggiungono ulteriori 45 milioni di euro. Si estendono tali trattamenti anche alle imprese operanti nelle aree di crisi industriale complessa del Fermano-Maceratese e Torino. Il comma 491 prevede, al fine del completamento dei piani di recupero occupazionale, la possibilità di impiegare, per il 2020, le risorse finanziarie residue già stanziate per la concessione di interventi di integrazione salariale straordinaria in deroga o di trattamenti di mobilità in deroga in favore dei lavoratori delle aree di crisi industriale complessa da specifiche disposizioni (l’art. 44, c. 11-bis, del D.lgs. 148/2015) nonché le ulteriori disposizioni adottate per le specifiche situazioni occupazionali delle regioni Sardegna, Sicilia, Lazio e dell’area di crisi complessa di Venafro-Campochiaro-Bojano e aree dell'indotto.

- Per quanto riguarda il trattamento di mobilità in deroga, di cui all’art. 53-ter del D.L. 50/2017, la possibilità di destinare le suddette risorse è riconosciuta in favore dei lavoratori delle predette aree di crisi che risultino beneficiari di un trattamento di mobilità ordinaria o in deroga al 31 dicembre 2019. E’ bene ricordare che l'eventuale impiego delle risorse al fine in oggetto comporta la corresponsione di un trattamento di mobilità in deroga senza soluzione di continuità rispetto al trattamento precedente (quindi, con effetto retroattivo qualora quest'ultimo sia già cessato) e perun massimo di 12 mesi.

- Articolo 1, c. 493 (Prosecuzione CIGS e mobilità in deroga nell'anno 2020 nelle aree di crisi e aree di crisi complessa e non). Il comma 493 introduce la possibilità, per il 2020 e nel limite massimo complessivo delle risorse stanziate, di prorogare ulteriormente per un massimo di sei mesi, anziché gli attuali 12, l’intervento di cassa integrazione guadagni straordinaria in deroga per crisi aziendale qualora l'azienda abbia cessato o cessi l'attività produttiva e sussistano concrete prospettive di cessione dell'attività con conseguente riassorbimento occupazionale. Non dimenticare Il Milleproroghe è rassicurante per tutti noi, ma ci occorrono delle conferme e delle certezze che già ora Vertenza Frusinate ha posto ai sindacati (scusate se ci ripetiamo).

Sono 3 questioni: 1) 10 milioni +45 milioni +risorse residue dal 2016 al 2019 basteranno per 12 mesi per Lazio, Sicilia, Sardegna e altre aree aggiunte e come verranno suddivise? Resta sempre ilo problema della trasparenza;i 2) Il problema di recuperare con certezza le mensilità perse è presente all'attenzione dell'assessore Di Berardino? 3) E' stato preso in esame dalla Regione Lazio di comportarsi come la Regione Sicilie che integra gli interventi previsti secondo le necessità reali dei disoccupati della nostra regione? (quella che comunemente si chiama la questione della decurtazione).

Su questi 3 problemi si deve vigilare e spingere verso la loro soluzione. Qualche giorno fa scrissi: «E NON VENITE A DIRE CHE IL DENARO NON C'È» Ce ne tanto nelle banche, non frutto si strabilianti idee affaristiche di pochi. ma prodotto da miliardi di sudate ore di lavoro umano. Lo si utilizzi ora e bene nell’interesse di tutti i cittadini.

 

Vertenza Frusinate

 

Per chi è costretto a spostarsi, da qui si può scaricare il modulo di autocertificazione emesso dal Mininterno: Può essere utile richiesto durante qualche controllo
 

zip.png Modulo di autocertificazione
(0 voti)

Modulo di autocertificazioine. Mininterno 26 marzo 2020

Data 2020-03-11 Dimensioni del File 456.82 KB Download 44 Scarica

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Promemoria delle attese dei disoccupati

Agenda dei disoccupati

vertenza frusinate definitivodi Luigi Carlini - Aspettando (ma non troppo) la ripartizione da parte del governo.
Facciamo un ripasso di cose fatte. Ci viene in mente il testo della mail che Vertenza Frusinate ha inviato al movimento 5 stelle:
Queste sono le dichiarazioni dei deputati del M5S Enrica Segneri di Frosinone e Gabriele Lorenzoni di Rieti quando stavano al governo con la lega.
«Nel maxi-emendamento approvato al Senato e ora in discussione alla Camera, c'è spazio anche per "TAPPARE I BUCHI" della Regione Lazio e finanziare le Mobilità in Deroga relative all'anno 2018 per le aree di crisi industriale complessa di Frosinone e Rieti. Sono infatti stanziati 6 milioni di euro, che insieme ai 9 della Regione coprono il fabbisogno richiesto per la platea degli interessati che erano rimasti senza sostegno al reddito.
Per il 2019 vengono stanziati ulteriori 117 milioni a carico del Fondo Sociale per Occupazione e Formazione da ripartire ulteriormente tra le regioni interessate dai piani di recupero occupazionale».

Adesso che il M5S sta al governo con il PD che intenzioni hanno verso i disoccupati dell'area di crisi complessa Frosinone Rieti ??
Partendo dalla legge di bilancio il governo ha stanziato 10 milioni di euro per tre regioni Lazio, Sicilia, Sardegna, poi i commi da 491 a 493 consentono la concessione nel 2020  di interventi di integrazione salariale straordinaria in deroga o di trattamenti di mobilità in deroga in determinate aree, delle risorse finanziarie residue stanziate dal 2016 al 2019 alle quali si aggiungono ulteriori 45 milioni di euro. Sarebbero 10 milioni +45 milioni +risorse residue dal 2016 al 2019 basteranno per 12 mesi per Lazio, Sicilia, Sardegna e altre aree aggiunte?

Nel Lazio sono 1255 persone, in Sardegna sono circa 900 persone, in Sicilia al momento non abbiamo dati certi, sicuramente questo denaro non basterà per coprire tutti, quali sono le vostre intenzioni, spero vi impegnerete per risolvere questo dramma che ha colpito tantissime persone? Oltretutto mentre in tutte le aree di crisi complesse d'Italia i disoccupati prendono tutti 12 mensilità, nella nostra area (Frosinone/Rieti) in 2 anni abbiamo perso circa 6 mesi, abbiamo gli stessi diritti di tutti. Ridateci quello che ci avete tolto, perchè 6 mesi sono importanti per chi è sulla soglia della pensione.

Il 21 febbraio scorso il sindacato si è incontrato con l'assessore al lavoro del Lazio Claudio Di Berardino, al momento i disoccupati della nostra area ancora non sanno quanto denaro verrà messo a disposizione.
Vertenza Frusinate sin dalla nascita si è battuta per riavere il lavoro perso ingiustamente, attraverso lo strumento delle Politiche Attive, di denaro per questo strumento c'è ne è tantissimo  olter a quello per la bonifica della Valle del Sacco.

Vorrei ricordare che se le politiche attive nel nostro territorio non funzionano non è colpa dei disoccupati, ma di una politica ASSENTE che non ha la capacità di progettare per il proprio territorio. Per ora però, fino a quando c'è il rifinanziamento degli ammortizzatori sociali in tutte le aree di crisi complessa d'Italia ne abbiamo diritto anche noi alle stesse condizioni di tutti gli altri disoccupati come noi dislocati in Italia

Le strane ingiustizie non finiscono qui. C''è ancora, irrisolta, la questione della decurtazione sulla mobilità. Noi siamo arrivati a percepire una miseria: circa 500 euro mensili. Secondo voi una famiglia può tirare avanti solo con questi soldi??

Si faccia come in Sicilia “No a decurtazione della mobilità in deroga nell’area di crisi complessa”. i sindacati con la politica locale chiedono il decreto al ministero e spingono affinché il ministero emetta un decreto di deroga alla decurtazione degli importi per la mobilità in deroga.
Così chiediamo anche noi, qui in provincia di Frosinone.

 

Agenda dei disoccupati a cura di Luigi Carlini

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

Leggi tutto...

Disoccupati preoccupati e indignati

assembleaVertenzaFrusinate 11feb20 minDisoccupati

La situazione dei disoccupati dell’Area di crisi complessa appare paradossale e continuamente inascoltata da autorità, partiti ed eletti. Se da un lato c’è totale assenza di interesse da parte di politica ed istituzioni, dall’altro le parti sociali sembrano non essere in grado di recitare un ruolo da protagonisti nella estenuante trattativa.
Come sempre, tra incudine e martello, la condizione di chi si trova senza lavoro e tristemente condannato al logorio di una vita senza reddito e senza rappresentanza.

Eppure le strade ci sono e sono già finanziate; la bonifica ormai avviata del SIN della Valle del Sacco e il nuovo bando Invitalia per la riconversione e riqualificazione industriale della nostra provincia.

Appare evidente l’urgenza di un tavolo permanente tra Comuni, Provincia e Regione, insieme a sindacati ed associazioni di categoria, per coordinare un efficiente lavoro di rimessa in opera di un tessuto produttivo vitale per l’intero territorio.

La latitanza continua dei rappresentanti istituzionali della nostra provincia è sempre più un boato assordante nel silenzio a cui sono condannati i disoccupati.

In nessuna Regione italiana, né in alcuna provincia c'è tanta latitanza. Vertenza Frusinate merita una considerazione maggiore nei processi di dialogo e mediazione tra gli enti, perché serve la conoscenza di chi vive il dramma quotidiano della mancanza di dignità, dovuta all’assenza di lavoro e di reddito di sostentamento.

C'è un'indignazione profonda che genera una rabbia che si trattiene a stento per l'assenza di informazioni e di dialogo.
Sono stati invitati il Presidente della Provincia di Frosinone Antonio Pompeo, Il Vicepresidente Luigi Vacana, il presidente del consiglio Daniele Maura, politici del territorio di maggioranza e opposizione della Camera, del Senato e della Regione Lazio e più di qualche sindaco. Sono stati invitati tutti i politici conosciuti.

Inoltre, COME SEMPRE è stata invitata tutta la stampa locale e Regionale. Sono state invitate tutte le sigle sindacali CGIL CISL UIL e Ugl.
Più di qualche invitato ha declinato l'invito "per impegni presi precedentemente", e non è la prima volta.

Gino Rossi ricostruisce e afferma che questo incontro non può essere considerato di routine.
Il 21 gennaio 2020, una delegazione di Vertenza Frusinate si è incontrata presso la sede della CISL di Frosinone, con le sigle sindacali.
La delegazione di disoccupati manifestò francamente molto malumore che provano perché ancora non si sa quanto denaro effettivamente occorre e quanto ne verrà richiesto dall'assessore regionale al lavoro Claudio Di Berardino al governo.
Ancora una volta sono state richiamate le dichiarazioni che l'assessore stesso rilasciò il 12 dicembre 2019, in merito alle aree di crisi industriale complessa, «c’è inoltre la necessità di prevedere un loro rifinanziamento per il 2020 degli ammortizzatori sociali nelle Aree di crisi complessa, nonché disporre di risorse sufficienti per la mobilità in deroga per 12 mesi».
Vertenza Frusinate prontamente scrisse all'assessore Di Berardino ricordandogli i mesi da recuperare per tutti, sia nel 2018, che nel 2019 perché oltre al denaro perso, mancano anche i contributi figurativi che in questo periodo sono molto importanti per tante persone, perché potrebbero consentire loro di valorizzare calcoli e condizioni ai fini della pensione.

Il 6 dicembre 2019 fu approvato un ordine del giorno che impegna il governo italiano ad istituire una Zona Economica Speciale ZES. L’istituzione di Zone Economiche Speciali (ZES) appaiono quanto mai opportune per permettere l’adozione di regimi fiscali e tariffari adeguati anche a quelle aree del paese che richiedono un rilancio economico e produttivo, su questo ulteriore strumento, con la serietà dovuta e l'impegno di tutti noi, ci si può lavorare sopra e utilizzarlo come abbiamo fatto nel 2015 con l'area di crisi complessa, ricorda Luigi Carlini.
I disoccupati già prontamente avevano illustrato le loro valutazioni all'assessore Di Berardino relative a questa novità, la zona ZES (zona economica speciale), chiedendogli se anche qui fosse opportuno e possibile usufruire di questo strumento. "Ad oggi non abbiamo avuto risposte".

Le delusione che procura la Regione di Zingaretti è grande. Una Regione che si occupa dell'equo compenso ai professionisti, giusto, ma si dimentica di pagare ai disoccupati mesi di mobilità saltata nel 2019. E qui la delusione diventa indignazione.

La situazione ad oggi è ferma. Charo? È ferma. Questo ha indotto a convocare l’assemblea. I sindacati si erano impegnati a risentirsi con i disoccupati dopo 10 giorni. Dal 22 gennaio sono passati già oltre 18 giorni senza sentir volare una mosca.
In questi giorni e ne hanno parlato alcuni giornali c'è anche un’altra novità predisposta da “Invitalia”, ossia il “Progetto di riconversione e riqualificazione di Frosinone” per il quale sono messi a disposizione 10 milioni di euro dal Ministero dello Sviluppo Economico.
46 Comuni sono interessati dal provvedimento, così articolati: 37 Comuni della Provincia di Frosinone e 9 Comuni della Provincia di Roma.

Ci aspettermmo tutti che si mettano al lavoro, con sollecitudine, senza perdere altro tempo Ministero dello Sviluppo Economico, Agenzia Nazionale per le politiche attive del lavoro, Regione Lazio, Provincia di Frosinone, Comune di Colleferro e Invitalia per attuare concretamente questo “Progetto di Riconversione e Riqualificazione Industriale" (PRRI) assicurando a tutta la procedura la massima trasparenza e la partecipazione costante delle rappresentanze dei lavoratori e dei disoccupati.

Obiettivo ora è uno soprattutti: urge convocare un tavolo provinciale-regionale con sindacati e forze produttive per iniziare a definire gli obiettivi di un programma di politiche attive.

Serve lavoro. Urge lavoro. In una provincia con molte miglia di disoccupati vecchi e giovani, come attesta anche il dato Inps di ben 22.000 domande di Reddito di Cittadinanza accettate (fonte Uil). È un segnale inequivocabile di sofferenza sociale.

Prendono la parola anche Oreste Della Posta segretario resionale del Pci e Samuel Battaglini dim FdI e sottolineano le gravi responsabilità della Regione Lazio. In sala è presente anche la rappresentante del Prc Antonella Spagnoli.
C'è una rabbia nuova anche nei Sindacati. Pasquale Legnante Cisl conferma il quadro mortificante e preoccupante per non aver avuto risposte. Invita a non demordere cercando impegni comuni con CGIL e UIL regionali anche prospettando pullman per un sit-in presso la Regione Lazio. I sindacati devono sensibilizzare di nuovo il Prefetto, chiede Legnante Enzo Valente, dell'Ugl denuncia il fonte senso d'imbarazzo che lo pervate perché non si riesce ad avere notizie. E, ancora una volta risuona il pesante giudizio: "Gli eletti di questo territorio non fanno il proprio dovere". Perché? Dalla platea: "A Roma non se li fila nessuno". La convinzione diffusa è ormai un ritornello: "Ci vogliono fatti. Non possiamo fermarci".

Si sciglie l'assemblea con la richiesta corale: che si fissino le date degli incontri ripetutamente richiesti oggi.

 

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Disoccupati e Cgil, Cisl e Uil

VertFrusi 6set18 Provincia 350 260 mindi Luigi Carlini - Questa mattina, 21 gennaio 2020, una delegazione di Vertenza Frusinate si è incontrata alle 10:30, presso la sede della CISL di Frosinone, con le sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil. come da accordi presi in precedenza.

La delegazione di disoccupati ha manifestato francamente molto malumore che provano perché ancora non si sa quanto denaro effettivamente occorre e quanto ne verrà richiesto dall'assessore regionale al lavoro Claudio Di Berardino al governo. Ancora una volta sono state richiamate le dichiarazioni che l'assessore stesso rilasciò il 12 dicembre 2019, in merito alle aree di crisi industriale complessa, «c’è inoltre la necessità di prevedere un loro rifinanziamento per il 2020 degli ammortizzatori sociali nelle Aree di crisi complessa, nonché disporre di risorse sufficienti per la mobilità in deroga per 12 mesi».

Vertenza Frusinate prontamente ha scritto all'assessore Di Berardino ricordandogli i mesi da recuperare per tutti, sia nel 2018, che nel 2019 perché oltre al denaro perso, mancano anche i contributi figurativi che in questo periodo sono molto importanti per tante persone perché potrebbero consentire loro di valorizzare i calcoli e condizioni ai fini della pensione. il 6 dicembre 2019 è stato approvato un ordine del giorno che impegna il governo italiano ad istituire una Zona Economica Speciale ZES. L’istituzione di Zone Economiche Speciali (ZES) appaiono quanto mai opportune per permettere l’adozione di regimi fiscali e tariffari adeguati anche a quelle aree del paese che richiedono un rilancio economico e produttivo, su questo ulteriore strumento, con la serietà dovuta e l'impegno di tutti noi, ci si può lavorare sopra e utilizzarlo come abbiamo fatto nel 2015 con l'area di crisi complessa.

I disoccupati già prontamente avevano illustrato le loro valutazioni all'assessore Di Berardino questa novità, la zona ZES (zona economica speciale) chiedendogli se anche qui fosse opportuno e possibile usufruire di questo strumento. Ad oggi non abbiamo avuto risposte.

In questi giorni e ne hanno parlato alcuni giornali c'è anche un’altra novità predisposta da “Invitalia”, ossia il “Progetto di riconversione e riqualificazione di Frosinone” per il quale sono messi a disposizione 10 milioni di euro dal Ministero dello Sviluppo Economico.
46 Comuni sono interessati dal provvedimento, così articolati: 37 Comuni della Provincia di Frosinone e 9 Comuni della Provincia di Roma.

Ora dovrebbero mettersi al lavoro, con sollecitudine senza perdere tempo Ministero dello Sviluppo Economico, Agenzia Nazionale per le politiche attive del lavoro, Regione Lazio, Provincia di Frosinone, Comune di Colleferro e Invitalia attuare concretamente questo “Progetto di Riconversione e Riqualificazione Industriale (PRRI) assicurando a tutta la procedura la massima trasparenza e la partecipazione costante delle rappresentanze dei lavoratori e dei disoccupati.

L’incontro di stamattina si è concluso concordando assieme a sindacati che a fine mese ci sarà un nuovo incontro per essere aggiornati sulle novità che loro solleciteranno all’assessore Claudio Di Berardino.


Luigi Carlini. Vertenza Frusinate.
21 gennaio 2020

Leggi tutto...

Un Natale che sembra più roseo per i disoccupati di Vertenza Frusinate

presidenza assemblea disocccupati 17dic19 mindi Valentino Bettinelli - Nuova assemblea in Provincia di Frosinone per il comitato dei disoccupati di Vertenza Frusinate. A pochi giorni dal Natale e dall’approvazione della manovra di bilancio, è stato opportuno dare informazioni in merito agli emendamenti per sbloccare il rifinanziamento della mobilità in deroga per le aree di crisi complessa.

Per fornire le delucidazioni richieste, presenti per le sigle sindacali Anselmo Briganti (CGIL), Pasquale Legnante (CISL) e Angelo Paniccia (UGL). Al tavolo ha partecipato anche il PCI, rappresentato da Juri Carlucci.
In apertura sempre Gino Rossi a tirare le fila. “Sono trapelate tante notizie in questi giorni, ma il problema è capire effettivamente cosa c’è, cosa manca e quali sono i tempi. Ci può anche essere il rifinanziamento della mobilità in deroga, ma non sappiamo se la Regione Lazio ha chiesto le somme necessarie al governo per coprire la platea della nostra area di crisi complessa. La Regione e l’assessore Di Berardino devono iniziare a battere i pugni per il lavoro”.

L’intervento di Anselmo Briganti ha chiarito alcuni passaggi, anche degli ultimi giorni. “Manca ancora il passaggio del maxi emendamento alla Camera, ma tutti i percettori di mobilità al 31/12/2019 avranno la possibilità di usufruire degli ammortizzatori anche nel 2020. Per Lazio, Sardegna e Sicilia ci sono 49 milioni di risorse stanziate, che dovrebbero essere sufficienti. Sugli ammortizzatori c’è grande attenzione viste le crisi aperte anche per Alitalia, Auchan, Ilva e altre aziende”.

In merito alle risorse a disposizione, Briganti ha fornito un punto sulla situazione. “Al saldo, tra fondi stanziati e avanzi, si arriverà ad un computo totale di circa 100 milioni per la mobilità del 2020. C’è anche un tavolo di discussione tra governo e sindacato che ad aprile porterà alla proposta per la nuova riforma delle pensioni. CGIL, CISL e UIL proporranno un abbassamento dell’età pensionabile a 62 anni, che potrebbe favorire il pensionamento anche di molti percettori di ammortizzatori”.

A fornire la sua voce, anche Nazzareno Pilozzi, già Deputato al quale i lavoratori riconoscono il merito dell’emendamento presentato nel 2017, grazie al quale ancora oggi si può discutere di mobilità in deroga. “Il lavoro con i sindacati ci sta permettendo di affrontare passo dopo passo delle situazioni complesse. L’importante è la presenza della norma nella manovra finanziaria, poi eventuali somme da aggiungere saranno affrontato durante l’anno. Non ci saranno finestre e sarà tutto più organico, perché per tutti si partirà dal 3 gennaio 2020”.

Anche il PCI ha partecipato alla discussione, con l’intervento di Juri Carlucci che ha voluto aprire un focus più particolareggiato sulla vicenda. “La mia abitudine è quella di parlare in base ai documenti. Questo emendamento andrebbe letto bene: nel testo base le aree di crisi complessa nel versante mobilità in deroga non c’erano, tanto che è stata necessaria la presentazione di un emendamento.
Sindaci ed enti locali del Lazio sembrano non applicarsi nel chiedere nelle sedi opportune le dovute manovre per le aree di crisi complessa. Per le aree di crisi industriale complessa ci sono 120 milioni per riconversione e nuova messa in moto del tessuto produttivo (Gazzetta Ufficiale del 19 novembre 2019)”.

In chiusura, Anselmo Briganti ha voluto chiarire che le sigle sindacali, insieme alla Regione Lazio, hanno già intenzione di chiedere circa 30 milioni per il 2020.

Un Natale che sembra più roseo per i disoccupati di Vertenza Frusinate, nonostante qualche situazione ancora da sistemare riguardo i pagamenti. Domenica ci sarà la votazione finale alla Camera con la questione di fiducia. L’emendamento concede, almeno per ora, una boccata di ossigeno, in vista di un 2020 che sarà contraddistinto ancora da una lotta compatta di tutti i lavoratori.

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Promemoria per l'Assemblea di Vertenza Frusinate del 17 dicembre

VertenzaFrusinate sit in Prefettura 5 apr 19 mindi Luigi Carlini - Assemblea di Vertenza Frusinate il giorno 17/12/2019 ore 15:00 presso il salone di rappresentanza della Provincia di Frosinone.
DOVE' IL DIRITTO DI EGUAGLIANZA DI TUTTI I CITTADINI ITALIANI SANCITO NELLA COSTITUZIONE ITALIANA.


1) Questo è il Decreto firmato da Di Maio che istituisce, già da mesi, Torino e provincia (vedi elenco Comuni in allegato - tanto per verificare https://www.mise.gov.it/images/stories/normativa/01_DM_16-04-2019.pdf) Area di Crisi Industriale Complessa entrerà nella Finanziaria 2020 con un alto peso specifico (risorse per cigs e mobilità).  E noi di questa Provincia?

2) Rifinanziato il Bonus assunzione Sud. manovra 2020, 8060 euro di sgravio per ogni nuova assunzione di disoccupati, anche nel 2020 nelle Regioni: Molise, Campania, Calabria, Abbruzzo, Sicilia, Puglia e Sardegna. E noi del Lazio?

3) 6 dicembre 2019, approvato L'Ordine del giorno, che impegna il governo italiano ad istituire una Zona Economica Speciale (ZES) - anche nelle aree di crisi complessa. In particolare (Livorno e Piombino). L’istituzione di Zone Economiche Speciali (ZES) anche nel Centro e Nord Italia appare quanto mai opportuna per permettere l’adozione di regimi fiscali e tariffari adeguati anche a quelle aree del paese che richiedono un rilancio economico e produttivo.

4) Nuovi Fondi alle aree di crisi sarde. Ok del Senato al decreto salva-imprese,ora il provvedimento che riguarda
i poli di Portovesme, Porto Torres e Sicilia sta passando all'esame della Camera.
5) Per la regione Molise mezzo milione di euro in più per l’area di crisi complessa per il 2019 e un altro anno di mobilità in deroga per i lavoratori, è quello che prevede l’emendamento presentato in Commissione Lavoro.
6) stanziamento di ulteriori 150 milioni di euro per 300 persone per corsi di formazione, aggiornamenti, ecc. mirati al reintegro dei disoccupati e alla salvaguardia del territorio.

 

E noi del Lazio e del frusinate?

VERTENZA FRUSINATE GIA' AVEVA QUESTO SOSPETTO E QUESTE SONO ULTERIORI PROVE CHE VOGLIONO TAGLIARCI I FONDI.
SIAMO ALLO SCADERE DEL TEMPO
SERVE VOLONTÀ POLITICA
MORS TUA VITA MEA

Ogni territorio in crisi ha il suo parlamentare che tira l'acqua al suo mulino,
Non è che la "coperta" è sempre corta e il denaro lo mandano alle altre aree di crisi complessa più virtuose, cioè dove politici, sindacato, comuni e tutte le istituzione fanno squadra per proteggere il proprio territorio e nella nostra area di crisi complessa FROSINONE/RIETI vogliono chiudere il "rubinetto?"
Difatti sono 2 anni che perdiamo mensilità, mentre nelle altre aree di crisi le deroghe sono sempre per 12 mesi.

 

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Disoccupati: ancora una volta festività al filo dell’incertezza

Pompeo 2dic19 350 mindi Valentino Bettinelli - Inizia il mese di dicembre e nel Salone della Provincia di Frosinone si discute ancora di rifinanziamento della mobilità in deroga per il 2020. A seguito della costante pressione del comitato di Vertenza Frusinate, il Presidente Antonio Pompeo ha convocato un tavolo dove gli attori protagonisti, al fianco delle sigle sindacali, dovevano essere i rappresentanti parlamentari del territorio. Se per Mauro Buschini e Sara Battisti c’era Nazzareno Pilozzi e per il Senatore Massimo Ruspandini c’era Samuel Battaglini, gli altri parlamentari e consiglieri regionali hanno di nuovo mancato un'occasione di confronto con le necessità dei disoccupati. Tra tutti gli invitati al tavolo fa rumore la non risposta all’invito del Senatore Gianfranco Rufa, dei Deputati Enrica Segneri, Luca Frusone, Francesca Gerardi, Francesco Zicchieri e del consigliere regionale Pasquale Ciacciarelli.

In apertura, Antonio Pompeo ha richiamato tutti “ad essere diretti, visti anche i tempi ristretti. Sia i sindacati che i rappresentanti istituzionali si sono attivati per presentare gli emendamenti adeguati alla legge di bilancio”.

A portare le istanze dei disoccupati, al solito l’accorato appello del portavoce Gino Rossi. “Non ci sono notizie sul rifinanziamento delle mobilità in deroga per le aree di crisi complessa.
Il dramma del lavoro non ha colore politico, ma c’è bisogno dell’impegno di una squadra istituzionale, oggi assente a parte qualche rara eccezione. Il tavolo serviva a verificare la volontà politica di portare l’istanza di noi disoccupati nelle sedi istituzionali. Abbiamo chiesto anche la presenza del Prefetto a questo incontro, che, essendo il rappresentante del Governo sul territorio, deve rendersi conto che in caso di mancato rifinanziamento si troverebbe di fronte la situazione tragica di migliaia di persone sul lastrico”. ginorossi 350q min

Per chiarire le novità dei passaggi istituzionali, a nome delle parti sociali, il segretario della CGIL Anselmo Briganti. “C’è un emendamento presentato da 100 milioni. Per questioni di problemi di governo, la discussione sulla manovra è partita con un mese di ritardo. C’è l’impegno di tutto l’arco costituzionale a votare l’emendamento. Stiamo lavorando per mettere in campo anche i Parlamentari di Rieti, affinché si intestino anche loro il lavoro sulle mobilità”. Briganti non ha escluso le sue preoccupazioni, che saranno risolte solo in fase di votazione effettiva dell’emendamento. Ha inoltre dichiarato la disponibilità del sindacato a manifestare ulteriormente al fianco dei disoccupati. “Se dovesse servire una spinta ulteriore, con manifestazioni e quant’altro, noi saremmo disposti a farlo. Adesso sta alle forze parlamentari spingere per portare a votazione l’emendamento”.

Ancora una volta, dopo il Natale dello scorso anno, i disoccupati ciociari rischiano di dover passare le festività appesi al filo dell’incertezza. La politica ancora assente segna una ferita grave per un intero territorio che ha bisogno di buone e complesse soluzioni, spetta ai rappresentanti metterle in campo per ridare respiro a migliaia di famiglie ciociare.

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Disoccupati: ancora una volta festività festività al filo dell’incertezza

Pompeo 2dic19 350 mindi Valentino Bettinelli - Inizia il mese di dicembre e nel Salone della Provincia di Frosinone si discute ancora di rifinanziamento della mobilità in deroga per il 2020. A seguito della costante pressione del comitato di Vertenza Frusinate, il Presidente Antonio Pompeo ha convocato un tavolo dove gli attori protagonisti, al fianco delle sigle sindacali, dovevano essere i rappresentanti parlamentari del territorio. Se per Mauro Buschini e Sara Battisti c’era Nazzareno Pilozzi e per il Senatore Massimo Ruspandini c’era Samuel Battaglini, gli altri parlamentari e consiglieri regionali hanno di nuovo mancato un'occasione di confronto con le necessità dei disoccupati. Tra tutti gli invitati al tavolo fa rumore la non risposta all’invito del Senatore Gianfranco Rufa, dei Deputati Enrica Segneri, Luca Frusone, Francesca Gerardi, Francesco Zicchieri e del consigliere regionale Pasquale Ciacciarelli.

In apertura, Antonio Pompeo ha richiamato tutti “ad essere diretti, visti anche i tempi ristretti. Sia i sindacati che i rappresentanti istituzionali si sono attivati per presentare gli emendamenti adeguati alla legge di bilancio”.

A portare le istanze dei disoccupati, al solito l’accorato appello del portavoce Gino Rossi. “Non ci sono notizie sul rifinanziamento delle mobilità in deroga per le aree di crisi complessa.
Il dramma del lavoro non ha colore politico, ma c’è bisogno dell’impegno di una squadra istituzionale, oggi assente a parte qualche rara eccezione. Il tavolo serviva a verificare la volontà politica di portare l’istanza di noi disoccupati nelle sedi istituzionali. Abbiamo chiesto anche la presenza del Prefetto a questo incontro, che, essendo il rappresentante del Governo sul territorio, deve rendersi conto che in caso di mancato rifinanziamento si troverebbe di fronte la situazione tragica di migliaia di persone sul lastrico”. ginorossi 350q min

Per chiarire le novità dei passaggi istituzionali, a nome delle parti sociali, il segretario della CGIL Anselmo Briganti. “C’è un emendamento presentato da 100 milioni. Per questioni di problemi di governo, la discussione sulla manovra è partita con un mese di ritardo. C’è l’impegno di tutto l’arco costituzionale a votare l’emendamento. Stiamo lavorando per mettere in campo anche i Parlamentari di Rieti, affinché si intestino anche loro il lavoro sulle mobilità”. Briganti non ha escluso le sue preoccupazioni, che saranno risolte solo in fase di votazione effettiva dell’emendamento. Ha inoltre dichiarato la disponibilità del sindacato a manifestare ulteriormente al fianco dei disoccupati. “Se dovesse servire una spinta ulteriore, con manifestazioni e quant’altro, noi saremmo disposti a farlo. Adesso sta alle forze parlamentari spingere per portare a votazione l’emendamento”.

Ancora una volta, dopo il Natale dello scorso anno, i disoccupati ciociari rischiano di dover passare le festività appesi al filo dell’incertezza. La politica ancora assente segna una ferita grave per un intero territorio che ha bisogno di buone e complesse soluzioni, spetta ai rappresentanti metterle in campo per ridare respiro a migliaia di famiglie ciociare.

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici