fbpx
Menu
A+ A A-

Disoccupati e Cgil, Cisl e Uil

VertFrusi 6set18 Provincia 350 260 mindi Luigi Carlini - Questa mattina, 21 gennaio 2020, una delegazione di Vertenza Frusinate si è incontrata alle 10:30, presso la sede della CISL di Frosinone, con le sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil. come da accordi presi in precedenza.

La delegazione di disoccupati ha manifestato francamente molto malumore che provano perché ancora non si sa quanto denaro effettivamente occorre e quanto ne verrà richiesto dall'assessore regionale al lavoro Claudio Di Berardino al governo. Ancora una volta sono state richiamate le dichiarazioni che l'assessore stesso rilasciò il 12 dicembre 2019, in merito alle aree di crisi industriale complessa, «c’è inoltre la necessità di prevedere un loro rifinanziamento per il 2020 degli ammortizzatori sociali nelle Aree di crisi complessa, nonché disporre di risorse sufficienti per la mobilità in deroga per 12 mesi».

Vertenza Frusinate prontamente ha scritto all'assessore Di Berardino ricordandogli i mesi da recuperare per tutti, sia nel 2018, che nel 2019 perché oltre al denaro perso, mancano anche i contributi figurativi che in questo periodo sono molto importanti per tante persone perché potrebbero consentire loro di valorizzare i calcoli e condizioni ai fini della pensione. il 6 dicembre 2019 è stato approvato un ordine del giorno che impegna il governo italiano ad istituire una Zona Economica Speciale ZES. L’istituzione di Zone Economiche Speciali (ZES) appaiono quanto mai opportune per permettere l’adozione di regimi fiscali e tariffari adeguati anche a quelle aree del paese che richiedono un rilancio economico e produttivo, su questo ulteriore strumento, con la serietà dovuta e l'impegno di tutti noi, ci si può lavorare sopra e utilizzarlo come abbiamo fatto nel 2015 con l'area di crisi complessa.

I disoccupati già prontamente avevano illustrato le loro valutazioni all'assessore Di Berardino questa novità, la zona ZES (zona economica speciale) chiedendogli se anche qui fosse opportuno e possibile usufruire di questo strumento. Ad oggi non abbiamo avuto risposte.

In questi giorni e ne hanno parlato alcuni giornali c'è anche un’altra novità predisposta da “Invitalia”, ossia il “Progetto di riconversione e riqualificazione di Frosinone” per il quale sono messi a disposizione 10 milioni di euro dal Ministero dello Sviluppo Economico.
46 Comuni sono interessati dal provvedimento, così articolati: 37 Comuni della Provincia di Frosinone e 9 Comuni della Provincia di Roma.

Ora dovrebbero mettersi al lavoro, con sollecitudine senza perdere tempo Ministero dello Sviluppo Economico, Agenzia Nazionale per le politiche attive del lavoro, Regione Lazio, Provincia di Frosinone, Comune di Colleferro e Invitalia attuare concretamente questo “Progetto di Riconversione e Riqualificazione Industriale (PRRI) assicurando a tutta la procedura la massima trasparenza e la partecipazione costante delle rappresentanze dei lavoratori e dei disoccupati.

L’incontro di stamattina si è concluso concordando assieme a sindacati che a fine mese ci sarà un nuovo incontro per essere aggiornati sulle novità che loro solleciteranno all’assessore Claudio Di Berardino.


Luigi Carlini. Vertenza Frusinate.
21 gennaio 2020

Leggi tutto...

Un Natale che sembra più roseo per i disoccupati di Vertenza Frusinate

presidenza assemblea disocccupati 17dic19 mindi Valentino Bettinelli - Nuova assemblea in Provincia di Frosinone per il comitato dei disoccupati di Vertenza Frusinate. A pochi giorni dal Natale e dall’approvazione della manovra di bilancio, è stato opportuno dare informazioni in merito agli emendamenti per sbloccare il rifinanziamento della mobilità in deroga per le aree di crisi complessa.

Per fornire le delucidazioni richieste, presenti per le sigle sindacali Anselmo Briganti (CGIL), Pasquale Legnante (CISL) e Angelo Paniccia (UGL). Al tavolo ha partecipato anche il PCI, rappresentato da Juri Carlucci.
In apertura sempre Gino Rossi a tirare le fila. “Sono trapelate tante notizie in questi giorni, ma il problema è capire effettivamente cosa c’è, cosa manca e quali sono i tempi. Ci può anche essere il rifinanziamento della mobilità in deroga, ma non sappiamo se la Regione Lazio ha chiesto le somme necessarie al governo per coprire la platea della nostra area di crisi complessa. La Regione e l’assessore Di Berardino devono iniziare a battere i pugni per il lavoro”.

L’intervento di Anselmo Briganti ha chiarito alcuni passaggi, anche degli ultimi giorni. “Manca ancora il passaggio del maxi emendamento alla Camera, ma tutti i percettori di mobilità al 31/12/2019 avranno la possibilità di usufruire degli ammortizzatori anche nel 2020. Per Lazio, Sardegna e Sicilia ci sono 49 milioni di risorse stanziate, che dovrebbero essere sufficienti. Sugli ammortizzatori c’è grande attenzione viste le crisi aperte anche per Alitalia, Auchan, Ilva e altre aziende”.

In merito alle risorse a disposizione, Briganti ha fornito un punto sulla situazione. “Al saldo, tra fondi stanziati e avanzi, si arriverà ad un computo totale di circa 100 milioni per la mobilità del 2020. C’è anche un tavolo di discussione tra governo e sindacato che ad aprile porterà alla proposta per la nuova riforma delle pensioni. CGIL, CISL e UIL proporranno un abbassamento dell’età pensionabile a 62 anni, che potrebbe favorire il pensionamento anche di molti percettori di ammortizzatori”.

A fornire la sua voce, anche Nazzareno Pilozzi, già Deputato al quale i lavoratori riconoscono il merito dell’emendamento presentato nel 2017, grazie al quale ancora oggi si può discutere di mobilità in deroga. “Il lavoro con i sindacati ci sta permettendo di affrontare passo dopo passo delle situazioni complesse. L’importante è la presenza della norma nella manovra finanziaria, poi eventuali somme da aggiungere saranno affrontato durante l’anno. Non ci saranno finestre e sarà tutto più organico, perché per tutti si partirà dal 3 gennaio 2020”.

Anche il PCI ha partecipato alla discussione, con l’intervento di Juri Carlucci che ha voluto aprire un focus più particolareggiato sulla vicenda. “La mia abitudine è quella di parlare in base ai documenti. Questo emendamento andrebbe letto bene: nel testo base le aree di crisi complessa nel versante mobilità in deroga non c’erano, tanto che è stata necessaria la presentazione di un emendamento.
Sindaci ed enti locali del Lazio sembrano non applicarsi nel chiedere nelle sedi opportune le dovute manovre per le aree di crisi complessa. Per le aree di crisi industriale complessa ci sono 120 milioni per riconversione e nuova messa in moto del tessuto produttivo (Gazzetta Ufficiale del 19 novembre 2019)”.

In chiusura, Anselmo Briganti ha voluto chiarire che le sigle sindacali, insieme alla Regione Lazio, hanno già intenzione di chiedere circa 30 milioni per il 2020.

Un Natale che sembra più roseo per i disoccupati di Vertenza Frusinate, nonostante qualche situazione ancora da sistemare riguardo i pagamenti. Domenica ci sarà la votazione finale alla Camera con la questione di fiducia. L’emendamento concede, almeno per ora, una boccata di ossigeno, in vista di un 2020 che sarà contraddistinto ancora da una lotta compatta di tutti i lavoratori.

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Promemoria per l'Assemblea di Vertenza Frusinate del 17 dicembre

VertenzaFrusinate sit in Prefettura 5 apr 19 mindi Luigi Carlini - Assemblea di Vertenza Frusinate il giorno 17/12/2019 ore 15:00 presso il salone di rappresentanza della Provincia di Frosinone.
DOVE' IL DIRITTO DI EGUAGLIANZA DI TUTTI I CITTADINI ITALIANI SANCITO NELLA COSTITUZIONE ITALIANA.


1) Questo è il Decreto firmato da Di Maio che istituisce, già da mesi, Torino e provincia (vedi elenco Comuni in allegato - tanto per verificare https://www.mise.gov.it/images/stories/normativa/01_DM_16-04-2019.pdf) Area di Crisi Industriale Complessa entrerà nella Finanziaria 2020 con un alto peso specifico (risorse per cigs e mobilità).  E noi di questa Provincia?

2) Rifinanziato il Bonus assunzione Sud. manovra 2020, 8060 euro di sgravio per ogni nuova assunzione di disoccupati, anche nel 2020 nelle Regioni: Molise, Campania, Calabria, Abbruzzo, Sicilia, Puglia e Sardegna. E noi del Lazio?

3) 6 dicembre 2019, approvato L'Ordine del giorno, che impegna il governo italiano ad istituire una Zona Economica Speciale (ZES) - anche nelle aree di crisi complessa. In particolare (Livorno e Piombino). L’istituzione di Zone Economiche Speciali (ZES) anche nel Centro e Nord Italia appare quanto mai opportuna per permettere l’adozione di regimi fiscali e tariffari adeguati anche a quelle aree del paese che richiedono un rilancio economico e produttivo.

4) Nuovi Fondi alle aree di crisi sarde. Ok del Senato al decreto salva-imprese,ora il provvedimento che riguarda
i poli di Portovesme, Porto Torres e Sicilia sta passando all'esame della Camera.
5) Per la regione Molise mezzo milione di euro in più per l’area di crisi complessa per il 2019 e un altro anno di mobilità in deroga per i lavoratori, è quello che prevede l’emendamento presentato in Commissione Lavoro.
6) stanziamento di ulteriori 150 milioni di euro per 300 persone per corsi di formazione, aggiornamenti, ecc. mirati al reintegro dei disoccupati e alla salvaguardia del territorio.

 

E noi del Lazio e del frusinate?

VERTENZA FRUSINATE GIA' AVEVA QUESTO SOSPETTO E QUESTE SONO ULTERIORI PROVE CHE VOGLIONO TAGLIARCI I FONDI.
SIAMO ALLO SCADERE DEL TEMPO
SERVE VOLONTÀ POLITICA
MORS TUA VITA MEA

Ogni territorio in crisi ha il suo parlamentare che tira l'acqua al suo mulino,
Non è che la "coperta" è sempre corta e il denaro lo mandano alle altre aree di crisi complessa più virtuose, cioè dove politici, sindacato, comuni e tutte le istituzione fanno squadra per proteggere il proprio territorio e nella nostra area di crisi complessa FROSINONE/RIETI vogliono chiudere il "rubinetto?"
Difatti sono 2 anni che perdiamo mensilità, mentre nelle altre aree di crisi le deroghe sono sempre per 12 mesi.

 

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Disoccupati: ancora una volta festività al filo dell’incertezza

Pompeo 2dic19 350 mindi Valentino Bettinelli - Inizia il mese di dicembre e nel Salone della Provincia di Frosinone si discute ancora di rifinanziamento della mobilità in deroga per il 2020. A seguito della costante pressione del comitato di Vertenza Frusinate, il Presidente Antonio Pompeo ha convocato un tavolo dove gli attori protagonisti, al fianco delle sigle sindacali, dovevano essere i rappresentanti parlamentari del territorio. Se per Mauro Buschini e Sara Battisti c’era Nazzareno Pilozzi e per il Senatore Massimo Ruspandini c’era Samuel Battaglini, gli altri parlamentari e consiglieri regionali hanno di nuovo mancato un'occasione di confronto con le necessità dei disoccupati. Tra tutti gli invitati al tavolo fa rumore la non risposta all’invito del Senatore Gianfranco Rufa, dei Deputati Enrica Segneri, Luca Frusone, Francesca Gerardi, Francesco Zicchieri e del consigliere regionale Pasquale Ciacciarelli.

In apertura, Antonio Pompeo ha richiamato tutti “ad essere diretti, visti anche i tempi ristretti. Sia i sindacati che i rappresentanti istituzionali si sono attivati per presentare gli emendamenti adeguati alla legge di bilancio”.

A portare le istanze dei disoccupati, al solito l’accorato appello del portavoce Gino Rossi. “Non ci sono notizie sul rifinanziamento delle mobilità in deroga per le aree di crisi complessa.
Il dramma del lavoro non ha colore politico, ma c’è bisogno dell’impegno di una squadra istituzionale, oggi assente a parte qualche rara eccezione. Il tavolo serviva a verificare la volontà politica di portare l’istanza di noi disoccupati nelle sedi istituzionali. Abbiamo chiesto anche la presenza del Prefetto a questo incontro, che, essendo il rappresentante del Governo sul territorio, deve rendersi conto che in caso di mancato rifinanziamento si troverebbe di fronte la situazione tragica di migliaia di persone sul lastrico”. ginorossi 350q min

Per chiarire le novità dei passaggi istituzionali, a nome delle parti sociali, il segretario della CGIL Anselmo Briganti. “C’è un emendamento presentato da 100 milioni. Per questioni di problemi di governo, la discussione sulla manovra è partita con un mese di ritardo. C’è l’impegno di tutto l’arco costituzionale a votare l’emendamento. Stiamo lavorando per mettere in campo anche i Parlamentari di Rieti, affinché si intestino anche loro il lavoro sulle mobilità”. Briganti non ha escluso le sue preoccupazioni, che saranno risolte solo in fase di votazione effettiva dell’emendamento. Ha inoltre dichiarato la disponibilità del sindacato a manifestare ulteriormente al fianco dei disoccupati. “Se dovesse servire una spinta ulteriore, con manifestazioni e quant’altro, noi saremmo disposti a farlo. Adesso sta alle forze parlamentari spingere per portare a votazione l’emendamento”.

Ancora una volta, dopo il Natale dello scorso anno, i disoccupati ciociari rischiano di dover passare le festività appesi al filo dell’incertezza. La politica ancora assente segna una ferita grave per un intero territorio che ha bisogno di buone e complesse soluzioni, spetta ai rappresentanti metterle in campo per ridare respiro a migliaia di famiglie ciociare.

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Disoccupati: ancora una volta festività festività al filo dell’incertezza

Pompeo 2dic19 350 mindi Valentino Bettinelli - Inizia il mese di dicembre e nel Salone della Provincia di Frosinone si discute ancora di rifinanziamento della mobilità in deroga per il 2020. A seguito della costante pressione del comitato di Vertenza Frusinate, il Presidente Antonio Pompeo ha convocato un tavolo dove gli attori protagonisti, al fianco delle sigle sindacali, dovevano essere i rappresentanti parlamentari del territorio. Se per Mauro Buschini e Sara Battisti c’era Nazzareno Pilozzi e per il Senatore Massimo Ruspandini c’era Samuel Battaglini, gli altri parlamentari e consiglieri regionali hanno di nuovo mancato un'occasione di confronto con le necessità dei disoccupati. Tra tutti gli invitati al tavolo fa rumore la non risposta all’invito del Senatore Gianfranco Rufa, dei Deputati Enrica Segneri, Luca Frusone, Francesca Gerardi, Francesco Zicchieri e del consigliere regionale Pasquale Ciacciarelli.

In apertura, Antonio Pompeo ha richiamato tutti “ad essere diretti, visti anche i tempi ristretti. Sia i sindacati che i rappresentanti istituzionali si sono attivati per presentare gli emendamenti adeguati alla legge di bilancio”.

A portare le istanze dei disoccupati, al solito l’accorato appello del portavoce Gino Rossi. “Non ci sono notizie sul rifinanziamento delle mobilità in deroga per le aree di crisi complessa.
Il dramma del lavoro non ha colore politico, ma c’è bisogno dell’impegno di una squadra istituzionale, oggi assente a parte qualche rara eccezione. Il tavolo serviva a verificare la volontà politica di portare l’istanza di noi disoccupati nelle sedi istituzionali. Abbiamo chiesto anche la presenza del Prefetto a questo incontro, che, essendo il rappresentante del Governo sul territorio, deve rendersi conto che in caso di mancato rifinanziamento si troverebbe di fronte la situazione tragica di migliaia di persone sul lastrico”. ginorossi 350q min

Per chiarire le novità dei passaggi istituzionali, a nome delle parti sociali, il segretario della CGIL Anselmo Briganti. “C’è un emendamento presentato da 100 milioni. Per questioni di problemi di governo, la discussione sulla manovra è partita con un mese di ritardo. C’è l’impegno di tutto l’arco costituzionale a votare l’emendamento. Stiamo lavorando per mettere in campo anche i Parlamentari di Rieti, affinché si intestino anche loro il lavoro sulle mobilità”. Briganti non ha escluso le sue preoccupazioni, che saranno risolte solo in fase di votazione effettiva dell’emendamento. Ha inoltre dichiarato la disponibilità del sindacato a manifestare ulteriormente al fianco dei disoccupati. “Se dovesse servire una spinta ulteriore, con manifestazioni e quant’altro, noi saremmo disposti a farlo. Adesso sta alle forze parlamentari spingere per portare a votazione l’emendamento”.

Ancora una volta, dopo il Natale dello scorso anno, i disoccupati ciociari rischiano di dover passare le festività appesi al filo dell’incertezza. La politica ancora assente segna una ferita grave per un intero territorio che ha bisogno di buone e complesse soluzioni, spetta ai rappresentanti metterle in campo per ridare respiro a migliaia di famiglie ciociare.

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Novembre '19: I disoccupati chiedono risultati certi

26marzo19 350 mindi Luigi Carlini - Nonostante gli impedimenti fisici che abbiamo nessuno ci ferma stiamo facendo di tutto per portare a casa il risultato sperato. Le opportunità Vertenza Frusinate se le va a cercare e le costruisce, non se le fa suggerire.

Del rifinanziamento degli ammortizzatori sociali 2020/2021 purtroppo ancora non c’è traccia, ma c’è di più, i 117 milioni di euro non bastano più, bisogna accrescerli perché le aree di crisi complesse purtroppo sono aumentate e oggi sono diventate 20 ed interessano circa 70 mila persone.

Vertenza Frusinate doveva incontrare presso la Camera dei deputati un parlamentare della maggioranza di governo per un'interrogazione al ministro, purtroppo è saltata..... speriamo di poterla fare al più presto possibile perché il tempo a disposizione è pochissimo.
Oggi pomeriggio 21/11/2019 presso l'amministrazione provinciale abbiamo incontrato l'onorevole Cesare Damiano esponente del P. D. e gli abbiamo illustrato con documenti alla mano il grave problema che abbiamo nella nostra provincia. Alla sua domanda specifica: "quante persone sono interessate alla deroga" la nostra risposta è stata di 1255 persone; lui ha aggiunto «I POLITICI DEL TERRITORIO ELETTI DA VOI CHE INTENZIONE HANNO???»
GIÀ CHE INTENZIONE HANNO? VORREMMO SAPERLO ANCHE NOI. In questa occasione siamo stati invitae a prendere la parola. L'onorevole Cesare Damiano nonostante non abbia particolari incarichi nel governo ci ha detto che si impegnerà ad aiutarci.

Vertenza Frusinate sta cercando di costruire un tavolo “URGENTE” presso la provincia di Frosinone in collaborazione con il Presidente Dott. Antonio Pompeo invitando tutti gli eletti del territorio al Senato alla Camera e alla Regione Lazio, consiglieri regionali e provinciali di maggioranza e opposizione tutte le sigle sindacali CGIL CISL UIL e Ugl. E, il Prefetto di Frosinone, Dott. Ignazio Portelli
Cari amici ed ex colleghi, aspettiamo la fine del mese di novembre come da accordi presi con il sindacato, i primi di dicembre mettiamo da parte tutte le nostre normali differenze ideologiche, politiche e culturali.
Costi quel che costi dobbiamo portare il risultato a casa. Se siamo tutti uniti ci dovranno ascoltare.

Guardate cosa accade in Sardegna, Il 21/11/2019 si è riunito il tavolo tecnico, presso l’assessorato al Lavoro (di quella Regione ndr), per discutere di ammortizzatori sociali per le aree di crisi complessa, in particolare per la mobilità in deroga 2020, già da domani l'assessore al lavoro Alessandra Zedda si recherà presso il ministero del Lavoro e presso il Mise, per quantificare le somme utili e/o disponibili per la copertura per tutto il 2020».
Visto come si muovono le altre aree di crisi!!

Che accade qui in provincia?
Legge di bilancio: Innovazione e giustizia sociale. Questo è il tema dell'assemblea aperta del PD svolta lunedì 25 novembre alle ore 18 presso hotel residence Memmina a Frosinone.

«Con questo il circolo apre un ciclo di incontri aperti che riguarderanno Europa, ambiente, pianificazione territoriale, lavoro, trasporti ecc. tematiche su cui cercheremo di approfondire ed ascoltare il territorio quali priorità dell'agenda politica locale e nazionale».
A parlare è Stefania Martini Presidente del circolo PD di Frosinone che prosegue «Lunedi 25 alle 18 da Memmina con On. Claudio Mancini, membro della commissione Bilancio, avremo un confronto con le parti sociali, partiti, iscritti, associazioni e cittadini sulla legge di Bilancio in approvazione in queste ore. Il PD cittadino vuole fare un’operazione verità sulla finanziaria che si sta approntando rispetto alle tante false notizie ed inesattezze che vengono dichiarate ogni giorno. Noi vogliamo ribadire che la Lega è fuggita dal governo del paese per non assumersi nessuna responsabilità di varare una finanziaria rispetto ai conti disastrosi che aveva però generato rischiando l’aumento dell’Iva, lo spread schizzato in alto ecc. Dati pessimi visibili da tutti i cittadini.»
Il PD cittadino dà appuntamento il 25 novembre ore 18 Hotel Residence Memmina via Maria Frosinone.

 

Il 26 novembre 2019 Vertenza Frusinate ha scritto Ai Parlamentari della provincia di Frosinone, Ai Consiglieri regionali della provincia di Frosinone e a tutte le sigle sindacali del territorio CIGL – CISL – UIL - UGL

«Gentilissimi,
così come richiesto dal Comitato Vertenza Frusinate con nota del 21 novembre u.s, si comunica alle SS.LL. che il prossimo 2 dicembre alle ore 15.30 presso la Sala del Consiglio della Provincia di Frosinone, è convocato l’incontro per affrontare il tema della proroga della mobilità in deroga per le aree di crisi complessa, unitamente ai progetti di politiche attive per il lavoro.
L’incontro si inserisce in un contesto di costante attenzione che la Provincia di Frosinone ha sempre riservato a questa tematica e che ha permesso, ogni anno, di arrivare ad ottenere la proroga degli strumenti di sostegno al reddito.
Considerata l’importanza degli argomenti in discussione, l’auspicio è che l’incontro registi la più ampia partecipazione.
Però c’è un però. Manca l'invito ai consiglieri provinciali e al Prefetto che in questi mesi è stato sempre attento alle ansie dei disoccupati. Noi abbiamo sollecitato di nuovo che si rivolga l’invito al Prefetto e a tutti i Consiglieri provinciali.
QUESTA È LA MOTIVAZIONE PER CUI BISOGNA ESSERE PRESENTI AL TAVOLO: si deve occupare della “Riconversione e riqualificazione produttiva delle aree di crisi industriale complessa 2019-2020, sono stati stanziati solo 120 milioni di euro, in sufficienti per 20 aree di crisi complessa. Mentre per la mobilità in deroga niente denaro previsto.
Chiediamo: RICONVERTIRE E RIQUALIFICARE AZIENDE E TERRITORIO, PER FAR LAVORARE CHI???
Chiediamo, con forza, che lo strumento della mobilità in deroga venga rifinanziato, nella Finanziaria 2020, sino a coprire le esigenze di tutti coloro che hanno già maturato il diritto all'ammortizzatore sociale nell'anno 2019, per gli anni 2020 e 2021.»

Cronaca dell’agenda di Vertenza Frusinate del mese di novembre 2019

Leggi tutto...

Quello che Vertenza Frusinate vorrebbe sapere

disoccupati VertenzaFrusinate 350 260di Luigi Carlini - Vertenza Frusinate è curiosa e sospettosa

Le aree di crisi industriale complessa sono ancora aumentate a 20 e interessano circa 70 mila persone.

Ci sono città nelle aree di crisi complessa, tipo Torino, che hanno avuto già rassicurazione dal Governo sullo stanziamento di ulteriori 150 milioni di euro per 300 persone.

Per la regione Molise è previsto, per il 2019, mezzo milione di euro in più per l’area di crisi complessa e un altro anno di mobilità in deroga per i lavoratori. Questo è quanto previsto nell’emendamento presentato in Commissione Lavoro.

Nuovi Fondi sono assegnati alle aree di crisi sarde con l'Ok del Senato al decreto salva-imprese.
Ora il provvedimento che riguarda i poli di Portovesme, Porto Torres  e Sicilia passerà all'esame della Camera per essere convertito entro il 3 novembre.

SIAMO ALLO SCADERE DEL TEMPO, SERVE VOLONTÀ POLITICA. NON SI PUO' ACCETTARE MORS TUA VITA MEA

Ogni territorio in crisi ha il suo parlamentare che tira l'acqua al suo mulino, invece da noi vengono a farsi i selfie.
Non è che la "coperta" è sempre corta e il denaro lo mandano alle altre aree di crisi complessa più virtuose, cioè dove politici, sindacato, comuni e tutte le istituzione fanno squadra per proteggere il proprio territorio e nella nostra area di crisi complessa FROSINONE/RIETI c'è un tale disimpegno che si rschia la chiusura del "rubinetto?"

Qui siamo e non staremo solo a guardare. Urge riprendere l'iniziativa sindacale.

Abbiamo già chiesto un incontro urgente con il sindacato, sulle prossime mosse.

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

A Veroli Vertenza Frusinate riesce a parlare con Di Berardino

DiBerardino disoccupati 2ott19 350 mindi Maria Giulia Cretaro - Doveva essere una mattinata dedicata a Veroli quella dell'Assessore Regionale Claudio Di Berardino, membro di Articolo Uno, per inaugurare l'anno scolastico appena iniziato e spendere dei momenti con gli studenti e gli ospiti della giornata. Ma quando la politica è sul territorio non può che risentire degli eventi contingenti. La tragica morte dell'operaio in Fca, ha infatti accorciato i tempi dell'intervento e di permanenza dell'Assessore per poi correre diretto a Cassino. Eppure all'uscita del Liceo Sulpicio, una piccola delegazione di Vertenza Frusinate era pronta ad attenderlo, perché quando la montagna non va a Maometto qualcuno dovrà pur bussare alla sua porta. Vis a vis possono essere limitate le dichiarazioni, ma le preoccupazioni, quelle non si può far altro che ascoltarle e magari comprenderle.

Mesi di rinvii da parte dell'Assessore, che dopo aver assunto ulteriori deleghe oltre a quella del Lavoro, ha mancato risposte puntuali ed esaustive nonostante i numerosi incontri con i delegati del territorio. Così al termine dell'intervento in aula magna, una decina di disoccupati accompagnati dal Coordinatore provinciale di Articolo Uno, nonché componente della Segreteria Regionale, Gaetano Ambrosiano, hanno rivolto le istanze di Vertenza a Di Berardino.

Primo punto in focus le graduatorie degli ormai lavoratori: tutto tace da parte di sindacati* e comuni riguardo tali liste, indispensabili per il reinserimento. Senza di esse infatti, non possono essere censiti i disoccupati e riassegnati in base a competenze specifiche. Graduatoria, la cui storia parte in sincro con quella di Vertenza Frusinate, e come tante delle proposte lanciate, caduta nel dimenticatoio del non fatto.
In secundis, la necessità di ricalcolare i fondi necessari e verificare il reale numero degli aventi diritto. La procedura è stata annunciata ad inizio estate dai sindacati, ma ancora non è stata ultimata. Ad oggi infatti manca il computo dei pensionamenti, necessario per verificare la cifra disponibile da investire, oltreché che il conteggio delle domande presentate entro il termine del 30 Agosto. La nebulosità della situazione non permette una puntualità economica e dunque una programmazione chiara dell'erogazione dei pagamenti.

Domande che ciclicamente si ripetono e che lo stesso Assessore ha già ascoltato più volte; la Pisana è stata negli ultimi anni teatro di tavoli di discussione e lavoro, interessando sigle sindacali, associazioni di categoria e parti politiche. Nonostante l'impegno profuso e la sinergia a più riprese tentata, Vertenza Frusinate si ritrova sempre con l'acqua alla gola. Ormai da oltre 9 mesi in molti dei 1370 in Provincia non percepiscono reddito, situazione insostenibile tanto da palesarsi come dramma sociale vero e proprio del nostro territorio.

Nell'incontro improvvisato e frettoloso di mercoledì 2 Ottobre, l'Assessore Claudio Di Berardino ha ascoltato ilm promemoria di Luigi Carlini e ha guardato meglio di altre volte la disperazione negli occhi dei disoccupati, senza mediatori o filtri esterni. L'Onorevole ha ribadito il suo appoggio cercando di rispondere tempestivamente. Fondamentale sarà agganciare l'annualità 2020 e dunque recuperare la liquidità per non lasciare indietro nessuno. Suo impegno sarà sollecitare la pubblicazione delle graduatorie dei disoccupati proprio per snellire l'incredibile numero di chi è senza occupazione. Per un appuntamento tra le parti, data da rimandare a dopo il 20 Ottobre, quando la lavorazione delle domande sarà ultimata. Sarà premura dello stesso assessore mettere insieme sindacati, Presidente della Provincia e parti sociali per avviare una seria trattativa sulle politiche attive.

A pungolare l'impegno dell'Assessore, Gaetano Ambrosiano, pronto a perorare la causa di Vertenza Frusinate e a sostenerla fattivamente.
Toni garbati al di là della disperazione economica, perché la dignità passa per il lavoro sì, ma l'integrità umana dimostrata in questi anni è il vero baluardo e forza di Vertenza.

 

*corre voce che la prossima settimana l'Assessore Di Berardino dovrebbe partecipare ad un assemblea dei disoccupati organizzatata dai sindacati unitariamente

 

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Le urgenze dei disoccupati

disoccupatiinassemblea 17set19 350 mindi Valentino Bettinelli - Martedì 17 settembre, nuova assemblea del comitato di Vertenza Frusinate. Ad ospitare i disoccupati ciociari, ancora una volta, il salone di rappresentanza della Palazzo della Provincia di Frosinone. L’incontro pone al centro i soliti temi scottanti, già ricordati per iscritto all’assessore regionale Claudio Di Berardino e alle sigle sindacali. A cuore dei lavoratori le certezze sulle domande per la deroga dell’anno corrente e su un avvio reale delle politiche attive. A creare apprensione anche le somme mancanti che serviranno a coprire completamente il 2019. Disoccupati disposti a rivolgersi alle istituzioni superiori a sindacati e regione, come già fatto per la chiusura del 2018, quando la costanza di Vertenza portò allo stanziamento di 6 milioni da parte del Governo.
A presenziare l’incontro, in rappresentanza delle sigle sindacali, Dario D’Arcangelis per la CGIL, Pasquale Legnante per la CISL ed Enzo Valente per la UGL. Al sindacato si aggiunge anche il Consigliere Provinciale Luigi Vacana.

Come da copione l’apertura è affidata al portavoce di Vertenza, Gino Rossi. “Ci siamo lasciati sotto i 42 gradi davanti la Prefettura. Adesso dobbiamo capire quali saranno le prossime mosse per affrontare una situazione delicatissima con molti nodi da sciogliere. Vogliamo risposte concrete e trasparenti, con la massima collaborazione del sindacato”. Gino Rossi chiede a gran voce la presenza di una delegazione di Vertenza nei tavoli istituzionali tra enti e sindacato, “per riportare in maniera chiara le notizie, perché per noi il tempo non è galantuomo. Le scadenze sono impellenti e non possiamo aspettare, quindi è necessario che le organizzazioni sindacali ci riferiscano, punto per punto, quello che sta succedendo e come sarà il nostro futuro”.

Prima voce quella di Dario D’Arcangelis. “A differenza dello scorso anno, le domande da coprire sono notevolmente inferiori -1255 a fronte delle 1580 del 2018-. Le istanze sono già state inoltrate al ministero e quindi l’iter è stato avviato. La copertura per il 2019 c’è e a fine settembre ci sarà un nuovo incontro per verificare il dato definitivo. Ci sarà anche uno screening costante delle situazioni da accompagnare eventualmente alla pensione. Dopo gli incontri tra Regione ed enti, ci sarà la convocazione per le sigle sindacali, per verificare le disponibilità per lavori di pubblica utilità e ricollocazione grazie alle politiche attive. Oggi bisogna raccogliere l’impegno politico e sociale da parte degli attori del territorio, per porre rimedio ad una piaga economica e sociale”.

Gino Rossi incalza chiedendo la situazione dell’iter delle domande. “Sono otto mesi che siamo senza reddito e vogliamo sapere a che punto sono le domande inviate al ministero il 5 settembre”. Anche sull’incontro tra Regione ed enti locali Gino Rossi esprime i suoi dubbi, perché “pare che la maggior parte dei comuni non siano stati invitati”.

Altra grande incognita la scadenza della mobilità in deroga, fissata al 21 novembre 2019. È necessario dunque un punto programmatico che dia la certezza del rifinanziamento per la deroga del 2020. Sul fronte occupazionale invece, le associazioni datoriali continuano a parlare di formazione, ma Gino Rossi ricorda “quanti soldi siano già stati spesi per corsi di formazione inutili”. Lo stesso Rossi punge anche l’assessore Di Berardino sulle politiche attive che, per sua stessa ammissione “non hanno dato i risultati attesi”. Quindi pare siano partiti i primi progetti, nel silenzio assoluto, senza il rispetto della trasparenza che dovrebbe essere legata a tali processi.
ù
Pasquale Legnante (CISL) comprende lo sfogo di “persone come voi che fanno fatica, comprensibilmente, a mantenere sempre la lucidità nell’esporre le istanze. Credo che le cose da fare siano poche, ma mirate. Bisogna pretendere dei tavoli continui con la regione, per far capire che queste problematiche non possono aspettare troppo tempo, in attesa di riunioni fatte ogni tre o quattro mesi. Richiameremo la regione anche al coinvolgimento di tutti i comuni interessati e non solo i pochi più grandi. L’assunzione delle rispettive responsabilità è il passaggio fondamentale per risolvere la situazione”.

A chiudere gli interventi delle sigle sindacali, il segretario UGL Enzo Valente. “Ancora oggi sollecito la politica ad esprimere la posizione sul rifinanziamento degli ammortizzatori per le aree di crisi complessa. Bisogna riconoscere l’impegno dell’ex onorevole Pilozzi, che portò la questione all’attenzione del Parlamento. I meriti vanno riconosciuti a chi merita. Oggi manca volontà di intestarsi la battaglia. I rappresentanti del territorio non prendono una posizione netta e trasparente”.

Clima acceso in assemblea e Gino Rossi sugli scudi grazie alla sua solita verve. Una platea, al solito numerosissima, pronta ad osannare il portavoce di Vertenza, rilanciando slogan e temi cari a tutto i disoccupati ciociari. Lavoro e sopravvivenza come unica via e richiamo costante alla politica e alle istituzioni per uno sblocco che, una volta per tutte, porti alla soluzione definitiva del problema.

 

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Disoccupati. Il rinvio del 9 settembre

RegioneLazio 350 260Era il 12 Agosto quando il Prefetto di Frosinone usciva dai suoi uffici ed incontrava i disoccupati per sollecitare la trasmissione in Regione delle domande per la mobilità; questo era stato l'ultimo appuntamento ufficiale per Vertenza Frusinate, che pazientemente ha atteso i progressi della vicenda, prassi a cui sono ormai tristemente avvezzi.

A quasi un mese di distanza, le organizzazioni sindacali hanno incontrato il 9 Settembre, l'Assessore Regionale Claudio Di Berardino proprio alla Pisana. Lo stesso assessore che solo qualche mese fa aveva ammesso il fallimento delle politiche attive sul territorio, giudicandone i risultati molto insoddisfacenti. A questo proposito va riferito anche, che Vertenza Frusinate ha appreso che numeri limitati di occupati ci sono stati anche con tutti i limiti delle attuali disposizioni, ma giudica inaccettabile il metodo che con cui si è proceduto, alla chetichella, senza i necessari requisiti di trasparenza sui criteri di assunzione ed in assoluta mancanza di conoscenza delle liste da cui si è attinto per chiamare al lavoro. Di fronte al dramma di migliaia di famiglie senza reddito non deve esserci spazio per scelte discrezionali, soprattutto laddove la legislazione prevede anche ricollocazione di espulsi da aziende fallite: i disoccupati da tempo.

Infatti il nodo irrisolto per uscire dalla disoccupazione ciociara resta soprattutto la mancata rete di reinserimento lavorativo dei disoccupati della provincia. Infatti, dal comunicato emanato dalle Sigle sindacali tutte, il tema politiche attive è risultato centrale nella discussione intrattenuta tra le parti, per poter uscire dall'impasse degli ammortizzatori sociali.

Al termine delle trattative, tra le conclusioni finali, quella di convocare in Regione il 12 settembre un'assemblea con le associazioni datoriali. Interessare i rappresentanti di categoria con un connessione diretta tra sindacati e Regione è il primo segnale di risoluzione concreta, almeno in potenza. Gli imprenditori, uniti agli enti territoriali, dovranno essere i primi adempiere ai vari accordi quadro venuti fuori in questi anni, per rilanciare un'area di crisi complessa che vuole e deve togliersi questo appellativo.

Altro appuntamento già fissato per questa settimana, quello di Venerdì, dove sempre alla Pisana, saranno chiamati a raccolta gran parte dei sindaci del territorio per discutere il reinserimento degli over 58 come lavoratori socialmente utili. Un incontro che si preannuncia cruciale, data la fascia d'età più gremita di disoccupati, già nel limbo di prepensionamento. Anche riguardo il tema pensioni, è stato stabilito un necessario riconteggio di chi l'ha guadagnata nel corrente anno, per poter ricalcolare le risorse necessarie e quelle disponibili. Ultimo incontro programmato senza però data certa, quello di metà ottobre, tra Assessore e sigle sindacali per vagliare progressi e novità.

Il 20 Novembre, giorno in cui gli ammortizzatori già stanziati termineranno, è vicino e in molti già paventano l'ennesima battaglia per poter agganciare l'annualità 2020. A tutto ciò si aggiunge l'incertezza politica, che pone un punto interrogativo sull'erogazione del milione e quattrocentomila euro mancante all'appello.

Regione e Governo, oltre il rimpasto esecutivo, dovranno essere in grado di intervenire sinergicamente e avanzare soluzioni non in extremis ma a lungo raggio.
Un trimestre caldo dunque, con le 1600 famiglie dell'area di crisi complessa che oltre a delle entrate certe hanno tutto il diritto di riguadagnare dignità economica. Dove manca il lavoro, muore un pezzo di società, e questa Provincia sanguina da troppo.

 

Il comunicato di Cgil Cisl Uil Ugl del 9 settembre 2019

[18:27, 9/9/2019]: Le scriventi organizzazioni sindacali CGIL CISL UIL e Ugl si sono incontrate oggi con l'assessore regionale Claudio Di Berardino per avviare le politiche attive sui territori di area di crisi complessa.
Dopo una lunga discussione la regione ha deciso insieme alle citate OO.SS. di convocare il 12 settembre le associazioni datoriali.
Tale incontro servirà per incentivare le aziende ad aprire nuove attività nelle aree di crisi complessa in tal caso la regione si impegna a organizzare e finanziare corsi di formazione.
Per quanto riguarda gli over 58 la regione convocherà il 13 settembre gran parte dei comuni ricadenti nelle aree di crisi complessa al fine di impegnare tali lavoratori in lavori di pubblica utilità. Infine si è deciso di verificare se, a fronte dei tanti pensionamenti, ci siano dei residui da utilizzare per prolungare la mobilità in deroga.
Le parti hanno deciso di incontrarsi nel mese di ottobre per fare il punto della situazione ed assumere le decisioni conseguenti.

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici