fbpx
Menu
A+ A A-

“Le viole d’Italia raccontate in una abbazia”

“Le viole d’Italia raccontate in una abbazia”.  Edito da Marna e pubblicato nel mese di Marzo 2020 al costo di 16 euro. Dal 7 aprile 2020 è libro del mese di UNOeTRE.it --- In fondo un video e anche il link per l'acquisto

Le viole dItalia raccontate in unabbazia 400 min2Sara Brancucci in collaborazione con Fra Domenico, dell’Abbazia di Casamari, su temi erboristico-botanici ha scritto il libro “Le viole d’Italia raccontate in una abbazia”.

«I fiori, pur così delicati e caduchi, sono da sempre abbinati a qualità ed alti sentimenti dell’animo umano come l’amore o l’amicizia, con loro ci si può curare e da loro si può trarre armonia, bellezza e benessere» con queste parole la Prefazione di Marco Sarandrea chiarisce le intenzioni e la finalità del lavoro di Sara, che così sono rappresentate: «Il tentativo dell’autrice e lo scopo di un libro delicato e dettagliato come questo è proprio quello di riconnettere l’uomo al miracolo della Natura utilizzando come ponte un fiore speciale, la Viola.
Fiore modesto e abbondante, dunque, ma dalle qualità uniche.
Nel descriverlo, con dovizia di particolari, Sara arricchisce la descrizione scientifica di questo fiore raccontandoci storie e significati che la Viola assume, assimilandola spesso ad alcune caratteristiche dell’animo e dei tipi umani.»

Il libro è illustrato da Giovanna Santoloci

Sara Brancucci è laureata in Scienze dei beni culturali all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.
Ha completato la sua formazione con corsi singoli all’Università degli studi di Bergamo, perfezionando la sua preparazione culturale-artistica nell’atelier della pittrice Antonella Massa che ha affiancato nell’organizzazione di mostre d’arte ed eventi culturali.
Dal 2018 lavora presso la Fondazione MIA di Bergamo che gestisce e valorizza alcuni beni culturali del territorio bergamasco.

Inoltre la sua attività è stata focalizzata su una serie di conferenze storico-artistiche coordinate da M° Alfredo Santoloci del Museo civico di Boville Ernica (FR).

Formazione e collaborazione con Fra Domenico su temi erboristico-botanici.
È attiva in iniziative di carattere socio-culturale in collaborazione con organizzazioni del territorio con un interesse ai temi della formazione dei giovani.

Un video di immagini

 

Il libro "Le viole d'Italia  raccontate in una abbazia" può essere acquistato anche utilizzando il link che segue

Cliccare su http://www.marna.it/le-viole-ditalia-raccontate-in-unabbazia/

 

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Ricordi sbocciavan le viole…

deandrè 350di Arianna Rossi - Era il 1966 quando Fabrizio De André cantava le parole di un amore perduto, di un amore costruito su una promessa di eternità e che invece è diventato invisibile con il tempo fino a scomparire definitivamente…

Era l’inizio di un decennio che avrebbe cambiato per sempre l’aspetto morale ed etico del paese, un decennio che avrebbe assistito ad eventi tragici, alla giustificazione della codardia, alla corruzione della politica ma sarebbero stati anche gli anni in cui il POPOLO italiano avrebbe raggiunto un’unità che non ha mai più ritrovato.

Il malcontento era generale, gli studenti manifestavano per le strade, la lotta politica impazzava sui giornali, basterebbe prendere un quotidiano di oggi e cambiarne la data e avremmo esattamente le stesse notizie e le stesse condizioni ma purtroppo c’è stato un cambiamento fondamentale, il tacere della voce del popolo.

La divisione classista è sempre stata lo spettro con cui l’Italia ha dovuto confrontarsi, i figli di avvocati, giudici, medici non sono mai stati considerati nello stesso modo dei figli degli operai, era così cinquant’anni fa ed è così anche adesso eppure c’era qualcosa di diverso. Cos’è che caratterizzava il popolo italiano che oggi non esiste più?

Il senso di unione, la voglia di far parte dello stesso gruppo, della stessa collettività, non aveva importanza il reddito dei genitori, lo stato sociale, la scuola che si frequentava, la facoltà che si sceglieva, era importante il popolo di cui si faceva parte.

Per le strade il suono costante delle sirene si mescolava con quello dei ragazzi che manifestavano urlando a squarciagola le loro idee, l’odore di fumo delle sigarette si univa a quello della polvere da sparo delle pistole dei poliziotti, il suono dei colpi si confondeva con quello delle ossa rotte degli studenti. Studenti che marciavano per i loro diritti, italiani che univano le loro voci in un unico grande grido, in un’unica grande richiesta, quella di essere ascoltati, la voglia di comunicare univa le diverse generazioni, il bisogno di sentirsi parte di un organo, di una comunità faceva sì che le differenze sociali, culturali e sessuali venissero meno.

Ricchi, poveri, laureati, ragazzi, operai scendevano in piazza e urlavano, urlavano perché la voglia di farsi ascoltare era tanta, urlavano perché la voglia di CAMBIARE era impossibile da tacere, urlavano perché in un paese che chiude occhi e orecchie davanti agli eventi è importante COMUNICARE.

Ma oggi, nell’era dei social dove è possibile scambiare pensieri con tutti gli abitanti del mondo il termine COMUNICAZIONE è soltanto una parola vuota, una pagina del dizionario bianca eppure prima bastavano una chitarra e un microfono, uno striscione e un megafono per farsi sentire, per trasmettere un punto di vista diverso.

Il popolo italiano contraddistintosi sempre per la voglia di cambiamento ha permesso che la sua scintilla si spegnesse, la sua anima si inaridisse e il suo corpo si atrofizzasse. Dove sono gli studenti che si iscrivevano all’università con la voglia di imparare, dove sono i lavoratori che difendevano fino alla morte i loro diritti, dove sono quelle piccole cose che bastavano a definire un popolo tale?

Salendo sulla metropolitana o aspettando il treno alla stazione ci si accorge che l’attenzione delle persone non è rivolta al mondo che li circonda ma è risucchiata dai Black Mirrors, i Social Network hanno messo in evidenza la parte più infima ed inutile dell’essere umano, il suo egocentrismo e in un paese ormai costruito sulla differenza tra classi sociali esso non può che crescere a dismisura.

Il prendersi per mano è diventato il digitare dei tasti, non ci si guarda più negli occhi ma attraverso gli schermi, la vernice delle bombolette spray ha lasciato spazio all’inchiostro digitale, i post hanno sostituito i volantini di cinquant’anni fa ma su di essi non si leggono parole che comunicano la drammatica situazione generale e reale del paese ma frammenti di momenti di una vita quotidiana vuota, priva di quella parte informe e splendente che la rende viva…l’anima.

Non si è preoccupati per una scuola formativa che non sta formando, non si è preoccupati per la mancanza di un primo ministro che non viene scelto ormai da anni, non si è preoccupati dell’immagine che il nostro paese sta dando al mondo perché si è concentrati solo sulla propria immagine, l’attenzione è rivolta esclusivamente agli aspetti superficiali smettendo di prendersi cura della parte interiore, quella parte per cui in passato si era disposti a morire pur di difenderla.

Nella nostra epoca elementi come la voce, la personalità, il pensiero sono scomparsi fino quasi ad estinguersi totalmente… “l’amore che strappa i capelli è perduto ormai, non resta che qualche svogliata carezza e un po’ di tenerezza…”

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici